Associazione ISAA
ForumAstronautico
AstronautiNEWS
AstronautiCAST
AstronautiCON
StratoSpera
ForumAstronautico.it

L’atterraggio di Philae [LIVE]

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline pilgrim1

  • *
  • 5.335
Re:L’atterraggio di Philae [LIVE]
« Risposta #800 il: Ven 21/11/2014, 22:21 »
Sempre interessanti ibtuoi articoli Elisabetta.
"Please, dear God, don't let me fuck up." A. Shepard

ISAA member
BIS member

Stratogene

Offline Lem

  • *
  • 3.975
  • Stereomaker.... pare!
    • https://www.facebook.com/roberto.beltramini
    • https://plus.google.com/u/0/+RobertoBeltramini/posts
    • @Lem3D
    • Gruppo Astronomico Viareggio
Re:L’atterraggio di Philae [LIVE]
« Risposta #801 il: Sab 22/11/2014, 14:41 »
Ciao a tutti,
oggi abbiamo giocato con il file audio :)
Qui c'è qualche nostra speculazione (tutta da verificare ovviamente!)

http://aliveuniverseimages.com/speciale-missioni/missioni-nel-sistema-solare/rosetta/1044-cometlanding-cosi-suona-atterrare-su-una-cometa
Avevo notato la quarta impronta.. ma ritenendola impossibile avevo pensato ad un impatto secondario causato dallo spostamento di materiale della superficie.  Una pietra o la polvere sollevata.
Lo spazio in 3D: http://space-3d-images.blogspot.com
Gruppo Astronomico Viareggio: http://www.astrogav.eu/
Socio SSI - Societa Stereoscopica Italiana

Re:L’atterraggio di Philae [LIVE]
« Risposta #802 il: Sab 22/11/2014, 15:39 »
Avevo notato la quarta impronta.. ma ritenendola impossibile avevo pensato ad un impatto secondario causato dallo spostamento di materiale della superficie.  Una pietra o la polvere sollevata.

E' possibile che sia un evento diverso. Vedremo :)

Ecco una nostra rielaborazione 3D dell'immagine di ROLIS, con il corpo della cometa intero (lo spicchio mancante a destra è stato virtualizzato):


Full https://www.flickr.com/photos/lunexit/15230210563/sizes/o/

Offline mcgyver

  • *
  • 58
Re:L’atterraggio di Philae [LIVE]
« Risposta #803 il: Sab 22/11/2014, 17:41 »
Ecco come si fa a martellare in assenza di gravità senza volare via  :mrgreen:
http://www.researchgate.net/profile/Wojciech_Marczewski/publication/224987616_MUPUS__A_Thermal_and_Mechanical_Properties_Probe_for_the_Rosetta_Lander_Philae/links/00b7d52723b59d6994000000
http://yadda.icm.edu.pl/yadda/element/bwmeta1.element.baztech-article-BAT8-0005-0011/c/httpwww_itl_waw_plczasopismajtit2007150.pdf

Un condensatore, un'elettrocalamita, un pistoncino, e una massa anti-rinculo 13 volte più pesante del pistoncino.
La sonda avanza pochi mm per volta.

« Ultima modifica: Sab 22/11/2014, 17:42 da mcgyver »

Offline Lem

  • *
  • 3.975
  • Stereomaker.... pare!
    • https://www.facebook.com/roberto.beltramini
    • https://plus.google.com/u/0/+RobertoBeltramini/posts
    • @Lem3D
    • Gruppo Astronomico Viareggio
Re:L’atterraggio di Philae [LIVE]
« Risposta #804 il: Dom 23/11/2014, 12:25 »


Ecco una nostra rielaborazione 3D dell'immagine di ROLIS, con il corpo della cometa intero (lo spicchio mancante a destra è stato virtualizzato):




Bella immagine!
Peccato che ESA sia avara nel pubblicare tutte le immagini.....
Si potrebbero creare tanti anaglifi...  :undecided:
Lo spazio in 3D: http://space-3d-images.blogspot.com
Gruppo Astronomico Viareggio: http://www.astrogav.eu/
Socio SSI - Societa Stereoscopica Italiana

Offline fil0

  • Operations Officer
  • *
  • 8.865
    • https://google.com/+FilippoMagni
    • @fil0
Re:L’atterraggio di Philae [LIVE]
« Risposta #805 il: Mar 25/11/2014, 20:32 »
Oggi il team che si occupa di SD2 e dei pannelli solari di Philae ha tenuto una breve presentazione al PoliMi (BVS).
Ecco alcune considerazioni che ho trovato interessanti, spero di non commettere troppe imprecisioni nel riportarle qui:

  • Ieri Rosetta ha eseguito un'attività di mappatura della zona in cui si pensa si possa trovare Philae.
  • Le possibilità di indagare meglio l'assetto del lander per il momento sono davvero scarse.
  • Il risveglio di Philae avviene tramite uno switch hardware basato sulla carica della batteria.
  • Negli anni di progettazione della missione non si disponeva della tecnologia per poter dotare il lander di due batterie ricaricabili.
  • Ci sono due immagini di ROLIS scattate rispettivamente prima dell'uso di SD2 e dopo una rotazione del lander e l'uso di SD2. Al  momento queste immagini, che sono riservate e non possono essere divulgate, sono in fase analisi per tentare di misurare la distanza del suolo (rispetto al fondo del lander) e per cercare possibili segni della perforazione del trapano, ma non è neppure certo che la seconda immagine inquadri il campo di azione della trivella.
  • Una immagine pubblicata era stata rilasciata senza gli adeguati permessi e ha creato un po' di imbarazzo/difficoltà fra i team.
  • SD2 ha funzionato in modo regolare, ma non si sa ancora se abbia effettivamente raggiunto il suolo e prelevato campioni.
  • Il gruppo che lavora a COSAC riferisce che loro non hanno rilevato presenza di gas nel fornetto ad alta temperatura utilizzato, tuttavia non sono in grado di discriminare tra l'assenza dei campioni nel fornetto o un campione che non ha generato sufficiente materiale volatile.
  • Fino all'ultimo SD2 ha rischiato di non essere utilizzato, il team era quasi al punto di lasciare il LCC in anticipo. Pare sia stato dato il via libera a procedere anche a causa della pressione mediatica sull'importanza di acquisire dei campioni di cometa.
  • Il team di SD2 non ha potuto in alcun modo modificare le sequenze dei comandi inviate al lander, ma ha dovuto utilizzare le sequenze prestabilite in caso di regolare svolgimento della missione. Si sarebbero potute adottare delle contromisure per migliorare le operazioni nel caso di un atterraggio non regolare, ma è stato valutato troppo rischioso inviare nuove sequenze non regolarmente validate e simulate.
  • Con l'uso del fornetto a media temperatura si sarebbe potuta acquisire una fotografia dei campioni nel fornetto (COSAC avrebbe dovuto svolgere anche un'analisi ottica in quel caso), tuttavia non si sarebbe avuta la certezza di sviluppare gas in quel caso a e si sarebbe dovuto intervenire sulla procedura dei comandi.
  • Non si sa perché il razzetto a gas non abbia funzionato. È stato rilavato un valore nullo di pressione: potrebbe essere stato effettivamente un problema alla valvola o potrebbe essersi depressurizzato il serbatoio durante i 10 anni di viaggio.
  • Già un anno fa il team che si era occupato degli arpioni aveva riportato problemi nell'azionamento di una copia degli stessi tenuta per 9 anni nelle condizioni attese di funzionamento. Quindi sembra che se lo aspettassero il malfunzionamento.
  • L''uso del razzetto senza gli arpioni avrebbe potuto far compiere un rimbalzo ancora più grande o addirittura avrebbe potuto far allontanare definitivamente Philae dalla cometa.
  • Non è stato possibile utilizzare le viti di ancoraggio presenti sulle zampe del lander.
Filippo Magni
ISAA member: n. 50

Offline amoroso

  • *
  • 11.348
    • http://google.com/+PaoloAmoroso
    • @amoroso
    • Paolo Amoroso
Re:L’atterraggio di Philae [LIVE]
« Risposta #806 il: Mar 25/11/2014, 20:50 »
Fino all'ultimo SD2 ha rischiato di non essere utilizzato, il team era quasi al punto di lasciare il LCC in anticipo. Pare sia stato dato il via libera a procedere anche a causa della pressione mediatica sull'importanza di acquisire dei campioni di cometa.
Cosa sarebbe cambiato nell'operatività del lander se RD2 non fosse stato attivato?

Grazie dell'interessante resoconto Filippo.

Offline Zvezda

  • *
  • 600
Re:L’atterraggio di Philae [LIVE]
« Risposta #807 il: Mar 25/11/2014, 21:12 »
Grazie per aver riportato anche a noi queste informazioni! :-)

Offline IK1ODO

  • *
  • 6.256
  • S = -k log (W)
    • https://www.facebook.com/marco.bruno.927980
    • https://plus.google.com/113260597352108277456/posts
Re:L’atterraggio di Philae [LIVE]
« Risposta #808 il: Mar 25/11/2014, 21:59 »
Grazie, Filippo. tutto interessante. Certo che le pressioni ( e tensioni...) sul team devono essere state grandi, considerato l'enorme numero di incognite da affrontare in qurantott'ore.
"Lo studio e in generale l'aspirazione alla verità e alla bellezza rappresentano un ambito in cui è permesso rimanere bambini per tutta la vita" - A. Einstein

Offline fil0

  • Operations Officer
  • *
  • 8.865
    • https://google.com/+FilippoMagni
    • @fil0
Re:L’atterraggio di Philae [LIVE]
« Risposta #809 il: Mar 25/11/2014, 22:35 »
Cosa sarebbe cambiato nell'operatività del lander se RD2 non fosse stato attivato?
Dicevano che inizialmente è stato eseguito un blocco di comandi che non prevedeva alcun movimento di parti meccaniche, successivamente è stata ripetuta per quattro volte una sequenza di acquisizione dati ritenuta sicura solo con alcuni strumenti. SD2 richiede parecchia energia rispetto agli altri strumenti e senza avere la conferma dell'ancoraggio avrebbe potuto far muovere il lander. A differenza di SD2, MUPUS  è dinamicamente isolato dal lander. Comunque, niente SD2 → niente analisi dei campioni di nucleo.
« Ultima modifica: Mar 25/11/2014, 22:59 da fil0 »
Filippo Magni
ISAA member: n. 50

Re:L’atterraggio di Philae [LIVE]
« Risposta #810 il: Mar 25/11/2014, 23:36 »
  • L''uso del razzetto senza gli arpioni avrebbe potuto far compiere un rimbalzo ancora più grande o addirittura avrebbe potuto far allontanare definitivamente Philae dalla cometa.

Beh IMHO é da vedere, sbagliando le tempistiche di accensione sicuramente si, ma adoperandolo nella maniera prevista / oppure lo avessero per diminuire il tempo del primo rimbalzo, secondo me no - poi certamente il ritardo radio da terra non avrebbe consentito ai piloti operazioni sincronizzate di precisione. Forse hanno detto "avrebbe potuto" nel senso di "magari avrebbe pure potuto far danni" ecco il senso di questa osservazione. Pure il "desperate mode" avrebbe potuto fare danni.
« Ultima modifica: Mar 25/11/2014, 23:40 da Astro_Livio »
<ISAA n°119> | È vero, ho scalato montagne e ho camminato in luoghi remoti. Ma come avrei potuto vedervi se non da una grande altitudine o da una grande distanza? In verità, come si può essere vicini se non si conosce la lontananza? (Khalil Gibran)

Offline blitzed

  • *
  • 1.730
Re:L’atterraggio di Philae [LIVE]
« Risposta #811 il: Mer 26/11/2014, 09:06 »
Beh IMHO é da vedere, sbagliando le tempistiche di accensione sicuramente si, ma adoperandolo nella maniera prevista / oppure lo avessero per diminuire il tempo del primo rimbalzo, secondo me no - poi certamente il ritardo radio da terra non avrebbe consentito ai piloti operazioni sincronizzate di precisione. Forse hanno detto "avrebbe potuto" nel senso di "magari avrebbe pure potuto far danni" ecco il senso di questa osservazione. Pure il "desperate mode" avrebbe potuto fare danni.
Cambiare il timing del l'accensione del razzetto non era possibile viato il delay nelle comunicazioni il "buco nero" di informazioni circa lo status di Philae nei pressi dell'atterraggio. L'uso nominale del razzetto avrebbe spinto Philae verso il suolo al momento del contatto con il terreno: senza arpioni e senza tasselli a trattenere il lander al suolo mi riesce facile pensare che questo avrebbe aggiunto ulteriore energia elastica al rimbalzo.

Offline AJ

  • *
  • 4.619
Re:L’atterraggio di Philae [LIVE]
« Risposta #812 il: Mer 26/11/2014, 09:23 »
Grazie Fil0 per l'update... effettivamente le varie voci sono ora ufficiali. Direi comunque che il lavoro del team di SD2 sia stato ottimo e abbiano avuto anche una buona fortuna a riuscire a tentare una perforazione, considerando tutte le contingencies del landing.
Notizie dallo spazio su www.astronautinews.it !
Iscriviti a ISAA !

Offline Micene84

  • *
  • 633
Re:L’atterraggio di Philae [LIVE]
« Risposta #813 il: Mer 26/11/2014, 09:24 »
Cambiare il timing del l'accensione del razzetto non era possibile viato il delay nelle comunicazioni il "buco nero" di informazioni circa lo status di Philae nei pressi dell'atterraggio. L'uso nominale del razzetto avrebbe spinto Philae verso il suolo al momento del contatto con il terreno: senza arpioni e senza tasselli a trattenere il lander al suolo mi riesce facile pensare che questo avrebbe aggiunto ulteriore energia elastica al rimbalzo.

L'ipotesi peggiore che riesco ad immaginare e': il lander urta il terreno, gli arpioni non si attivano, si attiva il razzetto di gas freddo, il lander rimbalza e l'assetto del lander non ha piu' la direzione del vettore di spinta orientata verso il basso, si crea una componente di velocita' tangenziale e Philae saluta la cometa senza piu' poterla toccare. Pero' forse e' troppo pessimistica.

P.S. Grazie delle informazioni!

Offline corgius

  • comfortably numb
  • *
  • 1.908
  • per aspera ad astra
    • @corgius
Re:L’atterraggio di Philae [LIVE]
« Risposta #814 il: Mer 26/11/2014, 10:07 »
Citazione da: fil0
Oggi il team che si occupa di SD2 e dei pannelli solari di Philae ha tenuto una breve presentazione al PoliMi (BVS).
Ecco alcune considerazioni che ho trovato interessanti, spero di non commettere troppe imprecisioni nel riportarle qui:
...

grazie Filippo per avere postato questo resoconto, molto interessante!

l'atterraggio di Philae sulla cometa è stato veramente una sfida molto difficile e le componenti meccaniche pensate e realizzate più di dieci anni fa per effettuare l'ancoraggio semplicemente non hanno funzionato, tranne forse il sistema di smorzamento dell'impatto presente nelle zampe del lander.

certamente è una bella lezione per chi vorrà in futuro tentare di atterrare su un corpo a gravita ridottissima.
giuseppe corleo

...The Gods Themselves...

Offline mcgyver

  • *
  • 58
Re:L’atterraggio di Philae [LIVE]
« Risposta #815 il: Mer 26/11/2014, 10:22 »
Oggi 26 novembre alle 17.00 italiane "intervista online" (AMA) su Reddit con  il DLR (Agenzia Spaziale Tedesca):
https://www.google.com/calendar/render?eid=bmNmN2JwcHRqNmNzZnJyMHRzcXBpaTdvYW8gYW1hdmVyaWZ5QG0&ctz=America/New_York&pli=1&sf=true&output=xml

Il DLR gestisce il "centro controllo missione" del lander Philae  ( Lander Control Center (LCC) )



Offline mcgyver

  • *
  • 58
Re:L’atterraggio di Philae [LIVE]
« Risposta #816 il: Mer 26/11/2014, 10:31 »
Cambiare il timing del l'accensione del razzetto non era possibile viato il delay nelle comunicazioni il "buco nero" di informazioni circa lo status di Philae nei pressi dell'atterraggio. L'uso nominale del razzetto avrebbe spinto Philae verso il suolo al momento del contatto con il terreno: senza arpioni e senza tasselli a trattenere il lander al suolo mi riesce facile pensare che questo avrebbe aggiunto ulteriore energia elastica al rimbalzo.
In realtà, da quel che ho letto, il razzetto era sincronizzato proprio per ASSORBIRE l'energia di rimbalzo, contrastando il rinculo degli arpioni e dell'ammortizzatore.

Quello che invece mi chiedo è se avessero pensato a cosa sarebbe successo a Philae se gli arpioni, lanciati a 324 km/h da un massimo di 2 metri di distanza (i cavi sono lunghi 2,5 metri)  da un lander largo un metro, invece del ghiaccio avessero colpito una parete rocciosa...

Molto interessante il resoconto... mi ha cancellato dalla lista un po' delle domande che vorrei fare oggi al team del DLR! :-)

Re:L’atterraggio di Philae [LIVE]
« Risposta #817 il: Ven 28/11/2014, 22:42 »
Dalle ultime notizie apparse sul blog della sonda Rosetta parrebbe che i dati raccolti dallo strumento ROMAP (magnetometro e analisi del plasma) a bordo di Philae indichino che, durante il primo rimbalzo subito dal lander, questo possa aver urtato osfiorato il bordo di un cratere o di una guglia rocciosa. Le evidenze di ciò risiederebbero in un brusco mutamento dell'asse di rotazione della sonda. Durante la discesa iniziale e successivamente al primo rimbalzo il lander, seppur con diverso periodo, ruotava lungo l'asse Z (asse verticale, perpendicolare al piano di appoggio delle 3 zampe, prima del contatto la rotazione era stata impartita dal dispiegamento delle zampe, successivamente al trasferimento del momento angolare della ruota di reazione da quest'ultima al lander in seguito al frenamento impartito alla ruota), tuttavia durante il "volo" improvvisamente l'asse di rotazione é mutato. La spiegazione più plausibile è attualmente quella dell'urto con qualche "sporgenza" di 67P. Il secondo rimbalzo sarebbe quindi avvenuto in due tempi, seppur molto ravvicinati, quasi un rotolamento, salvo poi riprendere il "volo".
Per maggiori e più precisi dettagli rimando al blog di Rosetta:
http://blogs.esa.int/rosetta/2014/11/28/did-philae-graze-a-crater-rim-during-its-first-bounce/
Ps I tre diagrammi mostrati in sequenza indicano i dati raccolti per i tre assi
PPS tra i commenti al post del blog ne compare uno che rimanda a una possibile posizione di Philae. La ricostruzione si basa sull'analogia del profilo della scarpata rispesa da Philae tramite Çiva e la, presunta, stessa scarpata ripresa da Rosetta link: https://m.imgur.com/a/jbQuD
« Ultima modifica: Ven 28/11/2014, 22:57 da Starline »

Re:L’atterraggio di Philae [LIVE]
« Risposta #818 il: Dom 30/11/2014, 15:51 »
Ciao ragazzi, fil0 ha dato il via con il suo post e io sono partita con un articolo! :)
Ecco il risultato (occhio che è lungo!):
http://aliveuniverseimages.com/speciale-missioni/missioni-nel-sistema-solare/rosetta/1057-speciale-rosetta-i-lati-oscuri-del-cometlanding

Re:L’atterraggio di Philae [LIVE]
« Risposta #819 il: Dom 30/11/2014, 16:03 »
Ciao ragazzi, fil0 ha dato il via con il suo post e io sono partita con un articolo! :)
Ecco il risultato (occhio che è lungo!):
http://aliveuniverseimages.com/speciale-missioni/missioni-nel-sistema-solare/rosetta/1057-speciale-rosetta-i-lati-oscuri-del-cometlanding

Bello!
Ma non ho capito: il fornetto si é scaldato, o é mancata l'energia e non sappiamo ancora nulla?
<ISAA n°119> | È vero, ho scalato montagne e ho camminato in luoghi remoti. Ma come avrei potuto vedervi se non da una grande altitudine o da una grande distanza? In verità, come si può essere vicini se non si conosce la lontananza? (Khalil Gibran)

Offline IK1ODO

  • *
  • 6.256
  • S = -k log (W)
    • https://www.facebook.com/marco.bruno.927980
    • https://plus.google.com/113260597352108277456/posts
Re:L’atterraggio di Philae [LIVE]
« Risposta #820 il: Dom 30/11/2014, 16:06 »
Grazie Elisabetta, sempre molto interessante!
Peccato che ESA abbia ripreso a rilasciare informazioni e immagini con il contagocce... o almeno così mi pare.
"Lo studio e in generale l'aspirazione alla verità e alla bellezza rappresentano un ambito in cui è permesso rimanere bambini per tutta la vita" - A. Einstein

Offline fil0

  • Operations Officer
  • *
  • 8.865
    • https://google.com/+FilippoMagni
    • @fil0
Re:L’atterraggio di Philae [LIVE]
« Risposta #821 il: Dom 30/11/2014, 17:49 »
Grazie per l'articolo Elisabetta. Ottimo riassunto della situazione, sono contento che tu sia riuscita ad avere le informazioni di prima mano. ;)

Ma non ho capito: il fornetto si è scaldato, o è mancata l'energia e non sappiamo ancora nulla?
Si sa che tutti i movimenti sono stati eseguiti correttamente, al momento però non si è in grado di capire se effettivamente i campioni sono stati consegnati agli strumenti ma erano poveri di gas oppure se non sono stati prelevati dal suolo (per diversi possibili motivi).

Filippo Magni
ISAA member: n. 50

Offline Astra

  • The cosmic mind
  • *
  • 1.283
    • @astrastefania
Re:L’atterraggio di Philae [LIVE]
« Risposta #822 il: Dom 30/11/2014, 20:56 »
Bellissimo articolo, grazie Elisabetta!
Molto interessante anche l'articolo che hai linkato sulle osservazioni del campo magnetico tramite ROMAP.
The important thing is not to stop questioning; curiosity has its own reason for existing. One cannot help but be in awe when contemplating the mysteries of eternity, of life, of the marvelous structure of reality. — Albert Einstein

Offline Astra

  • The cosmic mind
  • *
  • 1.283
    • @astrastefania
Re:L’atterraggio di Philae [LIVE]
« Risposta #823 il: Dom 30/11/2014, 22:59 »
Per chi vuole rivivere la storia di Rosetta e l'atterraggio di Philae ecco uno speciale di 'The Sky at Night' BBC
The important thing is not to stop questioning; curiosity has its own reason for existing. One cannot help but be in awe when contemplating the mysteries of eternity, of life, of the marvelous structure of reality. — Albert Einstein

Offline Buzz

  • Beam me down, EDRS!
  • *
  • 7.561
    • EDRS Space Data Highway
Re:L’atterraggio di Philae [LIVE]
« Risposta #824 il: Lun 01/12/2014, 03:06 »
Grazie per l'articolo Elisabetta, e anche per lo sbattimento di contattare le persone nel programma per riuscire a tirar fuori qualche informazione.
Quello che mi ha un po' stupito è che dopo l'esplosione mediatica del landing, ESA è si è messa in silenzio e non lascia trapelare granché a proposito dei dati scientifici ottenuti. Ma cmq lo posso anche capire, lasciamogli fare il loro lavoro, meglio prendere tempo per poter poi dare una risposta certa piuttosto che rispondere in fretta con informazioni che magari devono essere smentite in un secondo momento...

Si sa che tutti i movimenti sono stati eseguiti correttamente, al momento però non si è in grado di capire se effettivamente i campioni sono stati consegnati agli strumenti ma erano poveri di gas oppure se non sono stati prelevati dal suolo (per diversi possibili motivi).
Non capisco bene questa cosa: i forni avrebbero solo potuto fare analisi su gas potenzialmente congelati all'interno di un materiale poroso? Quindi nessuna analisi sul materiale stesso?
Par l’espace, l’univers me comprend et m’engloutit comme un point; par la pensée, je le comprends. (Blaise Pascal).
An age is called Dark not because the light fails to shine, but because people refuse to see it. (James Michener)