ForumAstronautico.it

L'ETERNITA' E' PER I VISIONARI.

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

L'ETERNITA' E' PER I VISIONARI.
« il: Gio 08/02/2018, 22:22 »

Santi, eroi, visionari. Queste sono le persone che si conquistano l'eternità.
Ed Elon Musk è una di queste.
Un uomo che ha inseguito non uno, ma ben due sogni.
Due visioni di quelle da far sorridere e scuotere la testa anche agli uomini più impavidi.
Di quelle da far tremare i polsi.
Lui le ha rincorse, tutte e due.
Le ha raggiunte, le ha afferrate, le ha unite e ne ha fatto un'opera d'arte, la più immane che sia mai stata immaginata e realizzata.
Si, un'opera d'arte. Perché questo è, quella vettura rossa lanciata verso gli spazi.
Un'opera d'arte è frutto dell'ingegno di un artista.
Tante cose, grandi cose, sono frutto dell'ingegno umano.
Opere di ingegneri, mirate a migliorarci la vita, e allora abbiamo immense dighe, arditi ponti, futuristici mezzi di trasporto....
Opere di scienziati, mirate ad ampliare le nostre conoscenze, e allora scopriamo l'esistenza di nuovi pianeti e nuove particelle subatomiche, financo nuovi tipi di materia ed energia....
Opere di dottori, mirate a combattere le malattie, che si concretizzano in nuove cure impensabili solo fino a pochi anni fa....
Ma quando l'opera di un grande uomo, di un visionario, non ha nessun altro scopo riconoscibile se non quello di trasmetterci una emozione, allora siamo di fronte a un'opera d'arte, e quell'uomo è un artista.
Elon Musk lo è, e non sa neanche di esserlo.
Pensate, si crede un ingegnere.

Un ingegnere che si è solo eretto di fronte alle multinazionali del mercato automobilistico, realizzando ciò che nessuna di loro aveva avuto il coraggio di realizzare.
Perché non si poteva.
Perché non conveniva.
Perché non poteva funzionare.
Eppure lui ha potuto fare la Tesla.
E ha fatto milioni, vendendo la Tesla.
E la Tesla funziona.

Un ingegnere che si è eretto di fronte alla NASA, che aveva gettato la spugna dell'esplorazione spaziale, e a tutte le altre agenzie, governative o meno, che si occupano di spazio, dimostrando che un semplice privato può fare, in pochi anni, tutto ciò che fanno, con grande affanno, i governi di molte nazioni collaboranti tra loro.

E dopo aver realizzato queste due imprese, ciascuna delle quali meriterebbe da sola un posto nella storia, ha compiuto il suo capolavoro.
Ha realizzato un vettore come mai se ne erano più visti dai tempi dell'Apollo, e l'ha lanciato.
Un lancio di prova, che aveva bisogno di un carico.
Avrebbe potuto metterci del piombo.
Avrebbe potuto metterci un array di strumentazione, per sfruttare il lancio in maniera scientifica, anche se rischiava di perderla.
Ma non l'ha fatto.
Ha caricato il razzo con... i sogni.
L'altro suo sogno, la Tesla.
Un manichino con la tuta, a rappresentare il sogno dell'uomo che va verso marte.
Nel bagagliaio, una intera collezione di libri di fantascienza.: La Fondazione, Star Wars, Guida Galattica...
Con la scritta "Don't Panic" sul display dell'autoradio, dalla quale esconio le note di Space Oddity

E ora noi possiamo emozionarci guardando, in diretta, quel simulacro di uomo che viaggia verso Marte, guidando una Tesla, col gomito sinistro appoggiato allo sportello, come un qualsiasi ragazzo che se ne vada a spasso in auto, in un caldo sabato sera d'estate, ascoltando David Bowie, cercando una bella ragazza da rimorchiare. Magari marziana.

Se non è un'opera d'arte questa, allora ditemi cosa lo è.
Lunga vita e prosperità
\\//_

Re:L'ETERNITA' E' PER I VISIONARI.
« Risposta #1 il: Ven 09/02/2018, 09:06 »
Se non è un'opera d'arte questa, allora ditemi cosa lo è.

(anche) Pubblicità?  :grin:

Sono contento che tu abbia voluto condividere questo tuo sentimento, e lo hai scritto ed espresso con una passione che non posso che approvare. Però purtroppo io sono avverso ad una cosa, non volermene: alla retorica. Forse perché ho udito usare la retorica troppo e male, ed in questo tu non centri, anzi, la tua é retorica spontanea e non finalizzata, frutto di entusiasmo allo stato puro. Però la retorica per definizione stessa tende ad esaltare il lato in luce, aggiungendo "pomposità" artificiale, omettendo o sminuendo il lato in ombra. E invece io voglio tenere conto di tutto, senza "maquillage". Perché a me danno emozione anche i difetti, delle cose e delle persone, in quanto mi trasmettono una percezione irrinunciabile: quella della realtà. Ed é questa l'emozione che voglio provare, per me la più intensa, senza essere indotto o stimolato a provarla. Ed é una considerazione generica.

 :agree: :happy:






<ISAA n°119> | È vero, ho scalato montagne e ho camminato in luoghi remoti. Ma come avrei potuto vedervi se non da una grande altitudine o da una grande distanza? In verità, come si può essere vicini se non si conosce la lontananza? (Khalil Gibran)

Offline Moon

  • "Houston, we've had a problem here"
  • *
  • 454
  • one, zero All engines running We have a lift-off
Re:L'ETERNITA' E' PER I VISIONARI.
« Risposta #2 il: Mer 14/02/2018, 15:26 »
Pur quanto abbia molta stima di Elon Musk  per andare sulla Luna o su Marte serve la volontà (e i fondi sopratutto)del governo U.S.A. senno avremo solo molta CGI. :death:
"Questo è un piccolo passo per un uomo, ma un grande balzo per l'umanità."Neil Armstrong 1969
"Da quassù la Terra è bellissima, senza frontiere né confini"
Jurij Gagarin 1961