ForumAstronautico.it

Nasa, data incerta per il primo uomo su Marte

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline lux

  • *
  • 174
Nasa, data incerta per il primo uomo su Marte
« il: Dom 16/07/2017, 19:41 »
http://www.ansa.it/canale_scienza_tecnica/notizie/spazio_astronomia/2017/07/14/nasa-data-incerta-per-il-primo-uomo-su-marte-_4bdb45c8-1da1-4da6-a996-6e291f80339f.html

chiamata alle armi per i privati.. 
cmq (imho) molto bene invece per i progetti DSG e la luna..  che si cominci da li prima.... 
L' universo è un mondo fantastico

Re:Nasa, data incerta per il primo uomo su Marte
« Risposta #1 il: Dom 16/07/2017, 20:06 »
http://www.ansa.it/canale_scienza_tecnica/notizie/spazio_astronomia/2017/07/14/nasa-data-incerta-per-il-primo-uomo-su-marte-_4bdb45c8-1da1-4da6-a996-6e291f80339f.html

chiamata alle armi per i privati.. 
cmq (imho) molto bene invece per i progetti DSG e la luna..  che si cominci da li prima....
Beh...forse è solo Musk a non pensarla così.

Inviato dal mio D2203 utilizzando Tapatalk


Offline marcozambi

  • *
  • 11.914
    • @marcozambi
Re:Nasa, data incerta per il primo uomo su Marte
« Risposta #2 il: Dom 16/07/2017, 21:00 »
Su questo argomento credo non valga la pena stare con il fiato sospeso. E' dai tempi del Mars Project di Von Braun che la data è incerta. :)
Marco Zambianchi
ForumAstronautico Founder
Presidente Associazione ISAA

Offline Moon

  • "Houston, we've had a problem here"
  • *
  • 182
  • one, zero All engines running We have a lift-off
Re:Nasa, data incerta per il primo uomo su Marte
« Risposta #3 il: Dom 16/07/2017, 21:54 »
Preferirei che la NASA e le altre agenzie spaziali si impegnassero nel orbita  cislunare con il deep space gateway e con la ISS (che "vivrà" quasi sicuramente fino al 2028) magari allunando di nuovo agli inizi degli anni 20 e una base sulla Luna verso la fine degli anni 20 , mentre per quando riguarda Marte  penso che un primo viaggio nel orbita marziana si debba fare a fine anni 30 o inizio anni 40 e una missione sulla superficie a fine anni 40 o inizio anni 50 magari mettendo una base sul pianeta rossa negli anni 60.
"Questo è un piccolo passo per un uomo, ma un grande balzo per l'umanità."Neil Armstrong 1969
"Da quassù la Terra è bellissima, senza frontiere né confini"
Jurij Gagarin 1961

Re:Nasa, data incerta per il primo uomo su Marte
« Risposta #4 il: Lun 17/07/2017, 00:05 »
Diciamo che ce ne siamo leggermente accorti, ma da mooooo...  :rtfm:  :mrgreen:

Per Marte i privati che mettono soldi la vedo difficile, continuo a pensare che solo un unione delle più grandi nazioni possa farci qualcosa oggi, ma la vedo difficile..

 :beer:

Offline DOOOOD

  • *
  • 173
Re:Nasa, data incerta per il primo uomo su Marte
« Risposta #5 il: Lun 17/07/2017, 10:38 »
pur essendo sotto i 40 resto fortemente scettico sulla possibilità di riuscire a vedere il primo uomo mettere piede su Marte...
« A parità di fattori la spiegazione più semplice è da preferire »

Offline lux

  • *
  • 174
Re:Nasa, data incerta per il primo uomo su Marte
« Risposta #6 il: Lun 17/07/2017, 20:24 »
Diciamo che ce ne siamo leggermente accorti, ma da mooooo...  :rtfm:  :mrgreen:

 :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
L' universo è un mondo fantastico

Re:Nasa, data incerta per il primo uomo su Marte
« Risposta #7 il: Mar 18/07/2017, 16:34 »
Ci vorrebbe una leadership seria ed autorevole in grado di dire: "lasciamo Marte alle prossime generazioni,perchè attualmente non ci sono nè i fondi,nè la tecnologia,nè le condizioni per poter ragionevolmente pensare ad uno sbarco umano entro i prossimi vent'anni; quindi stop Marte ( al netto,ovviamente dell'invio di sonde automatiche).
Contestualmente andrebbero individuati nuovi obiettivi REALISTICI.
Questi non potrebbero essere che due:
O si resta in LEO,con la ISS ed eventuali successori della stazione,cercando nel contempo di ridurre i costi di accesso all' orbita bassa,
O ci si concentra sul sistema terra-luna,con un avamposto in orbita cislunare e un piano per tornare sulla superficie,magari in collaborazione con altri Paesi.
Esiste questa leadership seria ed autorevole?
Temo di no.
E allora si continuerà a vivacchiare agitando il miraggio di questo infantile e demente sbarco sul pianeta rosso.

Offline Giuiba

  • *
  • 253
Re:Nasa, data incerta per il primo uomo su Marte
« Risposta #8 il: Mar 18/07/2017, 17:15 »
Concordo con tutto eccetto l'affermazione che non vi sia la tecnologia (macroscopicamente parlando). Ciò che manca, a mio modo di vedere le cose, è una vera motivazione, la volontà delle amministrazioni a spostare fondi da altri programmi a quello dell'uomo su Marte.
Andare sulla Luna non è stato un miracolo, è bastato decidere di andarci. Lo stesso vale per Marte. Il Mars Direct di Zubrin è la chiara critica all'attuale politica delle agenzie spaziali: non si progetta un sistema, un veicolo, una missione, con l'intento di fare felici tutti. Leggasi, ARM, oppure il programma Hermes (vedasi la lezione di marcozambi ad AstronautiCON), per fare due esempi. Servono direttive chiare, precise ed obiettivi ben definiti; una direzione di "pochi" che possa indicare la strada da seguire. Per questo penso che fare una joint venture di agenzie spaziali non porterebbe a molto.
Se volessimo *davvero* andare su Marte, bisognerebbe mettersi attorno ad un tavolo e rispondere alla domanda: "come andiamo su Marte con la tecnologia che abbiamo oggi?". Le soluzioni di sicuro esistono; una brillante l'ha già trovata Zubrin.
Ma la verità è che l'opinione pubblica non è ancora pronta per una missione su Marte.
Socio ISAA

Re:Nasa, data incerta per il primo uomo su Marte
« Risposta #9 il: Mar 18/07/2017, 18:26 »
Zubrin ha risolto il problema della schermatura dalle radiazioni e quello di far atterrare e decollare il modulo di discesa con Equipaggio e carico utile da Marte?

http://www.nationalgeographic.it/scienza/spazio/2015/10/04/news/andare_su_marte_il_problema_e_tornare_the_martian-2791104/

Vedo su Wikipedia che il progetto Mars Direct risale addirittura agli anni 90; mi sembra strano che Zubrin abbia potuto risolvere fin da allora le molteplici sfide tecnologiche connesse con una missione umana su Marte (altro è tracciare un profilo di missione,altro realizzare le tecnologie necessarie per perseguirlo).
Se si,allora forza,magari con una joint venture con Musk potrebbero realizzare loro un volo sul pianeta rosso,perchè no.
Sarebbe un impresa eccezionale e la prova che soggetti privati sono più efficenti di enti governativi nel campo dell'esplorazione spaziale.

Del resto non c'è dubbio che con uno sforzo paragonabile a quello messo in atto per il progetto Apollo si potrebbe portare un Astronauta su Marte...diciamo entro la prima metà degli anni 30 ?
Ma il fatto è che un simile sforzo è oggi inconcepibile.

Se non ci sono i fondi per andare su Marte,se a tutt'oggi non c'è neanche una precisa strategia in merito,perchè insistere con questa cosa?
Constellation non è stato chiuso perchè aveva degli obiettivi di budget e di timeline irrealistici?
E "Journey to Mars" allora?
In confronto a Constellation,Journey to Mars sembra la favola di Biancaneve.

Offline Moon

  • "Houston, we've had a problem here"
  • *
  • 182
  • one, zero All engines running We have a lift-off
Re:Nasa, data incerta per il primo uomo su Marte
« Risposta #10 il: Mar 18/07/2017, 20:29 »
Zubrin ha risolto il problema della schermatura dalle radiazioni e quello di far atterrare e decollare il modulo di discesa con Equipaggio e carico utile da Marte?

http://www.nationalgeographic.it/scienza/spazio/2015/10/04/news/andare_su_marte_il_problema_e_tornare_the_martian-2791104/

Vedo su Wikipedia che il progetto Mars Direct risale addirittura agli anni 90; mi sembra strano che Zubrin abbia potuto risolvere fin da allora le molteplici sfide tecnologiche connesse con una missione umana su Marte (altro è tracciare un profilo di missione,altro realizzare le tecnologie necessarie per perseguirlo).
Se si,allora forza,magari con una joint venture con Musk potrebbero realizzare loro un volo sul pianeta rosso,perchè no.
Sarebbe un impresa eccezionale e la prova che soggetti privati sono più efficenti di enti governativi nel campo dell'esplorazione spaziale.

Del resto non c'è dubbio che con uno sforzo paragonabile a quello messo in atto per il progetto Apollo si potrebbe portare un Astronauta su Marte...diciamo entro la prima metà degli anni 30 ?
Ma il fatto è che un simile sforzo è oggi inconcepibile.

Se non ci sono i fondi per andare su Marte,se a tutt'oggi non c'è neanche una precisa strategia in merito,perchè insistere con questa cosa?
Constellation non è stato chiuso perchè aveva degli obiettivi di budget e di timeline irrealistici?
E "Journey to Mars" allora?
In confronto a Constellation,Journey to Mars sembra la favola di Biancaneve.
Semplicemente l'amministrazione Trump come quella Obama non vogliono investire nel esplorazione umana del cosmo ritengono che l'orbita terrestre bassa vada più che bene fingono di voler andare su Marte e tengono a galla Orion/SLS solo per questioni lobbistiche al di la di Marte voglio vedere quando SLS farà il suo primo volo e quando Orion porterà astronauti intorno alla Luna.
"Questo è un piccolo passo per un uomo, ma un grande balzo per l'umanità."Neil Armstrong 1969
"Da quassù la Terra è bellissima, senza frontiere né confini"
Jurij Gagarin 1961

Offline Giuiba

  • *
  • 253
Re:Nasa, data incerta per il primo uomo su Marte
« Risposta #11 il: Mar 18/07/2017, 23:07 »
Zubrin ha risolto il problema [...]?
Carmelo, il messaggio che volevo trasmettere era che con la volontà e le idee chiare si fa tutto, non che Mars Direct sia la soluzione definitiva al problema "uomo su Marte", e che quest'ultima sia molto più a portata di mano di quanto non possa sembrare in apparenza.

Quello che dici poi riguardo ai fondi e alla strategia lo condivido totalmente. Concordo anche con il non insistere con obiettivi irrealistici. Ma non è che, forse, ci stiamo ponendo gli obiettivi sbagliati?
Forse esistono modi migliori per andare su Marte, rispetto a passare per una base lunare e un asteroide in orbita retrograda? (e cioè puntare direttamente a Marte!)

Al di la di ciò, sono fiducioso che Trump, nel suo discutibilissimo operato, dia un calcetto in questa direzione.
Socio ISAA

Offline Moon

  • "Houston, we've had a problem here"
  • *
  • 182
  • one, zero All engines running We have a lift-off
Re:Nasa, data incerta per il primo uomo su Marte
« Risposta #12 il: Mer 19/07/2017, 00:14 »
Zubrin ha risolto il problema [...]?
Carmelo, il messaggio che volevo trasmettere era che con la volontà e le idee chiare si fa tutto, non che Mars Direct sia la soluzione definitiva al problema "uomo su Marte", e che quest'ultima sia molto più a portata di mano di quanto non possa sembrare in apparenza.

Quello che dici poi riguardo ai fondi e alla strategia lo condivido totalmente. Concordo anche con il non insistere con obiettivi irrealistici. Ma non è che, forse, ci stiamo ponendo gli obiettivi sbagliati?
Forse esistono modi migliori per andare su Marte, rispetto a passare per una base lunare e un asteroide in orbita retrograda? (e cioè puntare direttamente a Marte!)

Al di la di ciò, sono fiducioso che Trump, nel suo discutibilissimo operato, dia un calcetto in questa direzione.
La missione ARM è stata cancellata definitivamente.
"Questo è un piccolo passo per un uomo, ma un grande balzo per l'umanità."Neil Armstrong 1969
"Da quassù la Terra è bellissima, senza frontiere né confini"
Jurij Gagarin 1961

Re:Nasa, data incerta per il primo uomo su Marte
« Risposta #13 il: Mer 19/07/2017, 04:25 »
ssaggio che volevo trasmettere era che con la volontà e le idee chiare si fa tutto, non che Mars Direct sia la soluzione definitiva al problema "uomo su Marte", e che quest'ultima sia molto più a portata di mano di quanto non possa sembrare in apparenza.

Io su questo non sono d'accordo,Marte attualmente non è affatto a portata di mano.
Ma tu hai ragione quando dici che con volontà,idee chiare (e molti,moltissimi soldi) potrebbe essere raggiunta

Citazione
Ma non è che, forse, ci stiamo ponendo gli obiettivi sbagliati?
Forse esistono modi migliori per andare su Marte, rispetto a passare per una base lunare e un asteroide in orbita retrograda? (e cioè puntare direttamente a Marte!)

Anche qui hai ragione; se si vuole andare su Marte è meglio farlo direttamente.
Il problema è che andare su Marte non è una passeggiata,nè dal punto di vista dei costi,nè da quello dei rischi nè tanto meno da quello della complessità della missione.
Ma ammesso e non concesso che venissero stanziati adeguati fondi,quante volte,realisticamente,potrebbe essere ripetuta l'impresa prima che il programma venga cancellato?
Una? forse due missioni? Vale la pena compiere un simile sforzo?
Non sarebbe più saggio lasciare Marte alle future generazioni, ed  investire su di una sostenibile architettura di esplorazione lunare,oppure se anche questo fosse al di là del budget disponibile, sulla continuazione della ricerca in orbita terrestre ( con nuove stazioni e nuovi e più economici mezzi per raggiungerle)?

Offline Moon

  • "Houston, we've had a problem here"
  • *
  • 182
  • one, zero All engines running We have a lift-off
Re:Nasa, data incerta per il primo uomo su Marte
« Risposta #14 il: Mer 19/07/2017, 11:00 »
Carmelo concordo completamente col tuo commento   :beer: :yes:
"Questo è un piccolo passo per un uomo, ma un grande balzo per l'umanità."Neil Armstrong 1969
"Da quassù la Terra è bellissima, senza frontiere né confini"
Jurij Gagarin 1961

Offline Giuiba

  • *
  • 253
Re:Nasa, data incerta per il primo uomo su Marte
« Risposta #15 il: Mer 19/07/2017, 23:32 »
La missione ARM è stata cancellata definitivamente.
Lo so, lo scrissi proprio io in un altro topic recentemente. Il concetto è, lo sottolineo, che per arrivare a Marte non è necessario andare sulla Luna con un veicolo a propulsione nucleare, IMO; al contrario, bisogna sviluppare una missione con obiettivi realistici e a breve termine scritti sul tavolo.
Socio ISAA

Offline lux

  • *
  • 174
Re:Nasa, data incerta per il primo uomo su Marte
« Risposta #16 il: Dom 23/07/2017, 18:35 »
In realta' ...  esponenti di ESA ..  dicono che le tecnologie ci sono gia' ADESSO.
Nel senso ..  che e' piu' un questione di volonta' ( piu' una seconda domanda ..  dopo la dico) che di saper come fare.
Non che sia "appreso" tutto sul come fare..  ma manca poco ...
Quello che manca di piu' e' la VOLONTA' ... di voler intraprendere il progetto che e' COSTOSO.
Costoso quindi non sono in senso stretto ma anche a livello di consenso elettorale, perche' devi dirottare molte
risorse pubbliche e ne devi spiegare il motivo.
E qui si innesta la seconda domanda che dicevo prima...  PERCHE'.
Il perche' devo andare su marte ( o la luna )..  cosa ci vado a fare.. che vantaggi mi da, (diversi da altre missioni pur sempre difficili ma forse meno problematiche).

lo si spiegava anche qui...



Secondo me bisogna trovare un "perche'", una motivazione che faccia da collante a tutte le agenzie.  Se manca il perche' comune e non un perche' debole..ma un perche' forte, allora il macigno delle risorse sara' sempre un ostacolo piuttosto acido anche se sai come fare le cose ...

Il perche' potrebbe essere collegato non piu' alla pura e semplice "curiosita' " che porta l'uomo a voler scoprire, ma alla necessita' di dover rispondere
a problematiche cogenti piuttosto che di prospettiva.

Ma la politica, di voler risolvere problemi cogenti o di prospettiva.............
Mi fiderei di piu' del mercato... ma in questo caso sarebbe troppo. 
     


   
L' universo è un mondo fantastico