Associazione ISAA
ForumAstronautico
AstronautiNEWS
AstronautiCAST
AstronautiCON
StratoSpera
ForumAstronautico.it

Vademecum dell'astronautico dilettante

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline quaoar

  • 0
Re:Vademecum dell'astronautico dilettante
« Risposta #20 il: Mar 07/01/2014, 22:23 »
Grazie, Quaoar. Il manuale voleva solo essere una sintesi. Contiene altre imprecisioni, ma ormai temo che non lo modificherò più. 
In sostanza quello che c'era da sapere c'è.
Comunque chiunque è libero di apportare modifiche, chiarimenti ed aggiunte. Senza fare polemiche o voli pindarici.

No quello che hai scritto va benissimo. Solo che sulla propulsione nucleare mi piacerebbe molto discutere, perché penso che se non l'avessero affossata per motivi politici (chissà perché gli ecologisti non hanno nulla da ridire sull'impatto ambientale del I stadio del Proton a N2O2 e monometilidrazina?), a quest'ora saremmo già tornati sulla Luna, andati su Marte e avremmo già tutte le infrastrutture orbitali della tua Vision.
« Ultima modifica: Mar 07/01/2014, 22:27 da quaoar »
 

Re:Vademecum dell'astronautico dilettante
« Risposta #21 il: Gio 15/03/2018, 00:17 »
Tutto molto ben spiegato e chiaro!

Soltanto una cosa:
La luce infatti è composta da particelle chiamate fotoni che oltre ad essere radiazioni, hanno anche una piccola massa.

I fotoni non hanno massa, producono una spinta perché sono dotati di quantità di moto.
Socio ISAA n°321
 

Offline Ares Cosmos

Re:Vademecum dell'astronautico dilettante
« Risposta #22 il: Gio 15/03/2018, 07:18 »
 :agree:



Visti e toccati di persona: A4, Apollo 10, Mir (mock up), Soyuz TM 34
Ares Cosmos, alias Starcruiser, alias PCC
 

Re:Vademecum dell'astronautico dilettante
« Risposta #23 il: Gio 15/03/2018, 09:37 »
topic interessante che mi era sfuggito, oggi ci do ' una letta volentieri... grazie a chi lo ha preparato.
« A parità di fattori la spiegazione più semplice è da preferire »
 

Offline Lucio

  • *
  • 243
Re:Vademecum dell'astronautico dilettante
« Risposta #24 il: Lun 14/05/2018, 15:32 »
Non riesco a scrivere nulla perché sparisce.
Stavo ideato una nuova propulsione semplice ma dovrebbe funzionare.
Praticamente la tecnica dei primitivi, a spinta. Sto ipotizzando che i dischi volanti utilizzano questa tecnica.

Ah, sei tu quello del fiascone nello sgabuzzino delle scope!?! Grande!!! Ma quanta bisogna berne di quella roba per cominciare a sentire i primi effetti di questa propulsione interna? :rage: :vomit: