ForumAstronautico.it

A Spinoff a Day – Il contributo del JPL alle fotocamere degli smartphone

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline astronautinews

  • *
  • 1.562
  • Il portale di notizie dell'associazione ISAA
    • http://www.facebook.it/astronautinews
    • https://plus.google.com/u/0/110521588293795504129
    • @astronautinews
    • AstronautiNEWS
A Spinoff a Day – Il contributo del JPL alle fotocamere degli smartphone

Ogni volta che utilizziamo la fotocamera dei nostri smartphone usufruiamo di una tecnologia sviluppata presso la NASA: i semiconduttori CMOS.
Articolo completo: A Spinoff a Day – Il contributo del JPL alle fotocamere degli smartphone

Offline Mike65

  • *
  • 327
  • Seventyseven
Molto interessante, però mi sorge un dubbio: quando mai i macellai pesano la tara?😂

Inviato dal mio GT-I9515 utilizzando Tapatalk


Offline IK1ODO

  • *
  • 5.376
  • Don't Panic
    • https://www.facebook.com/marco.bruno.927980
    • https://plus.google.com/113260597352108277456/posts
Molto interessante, non sapevo che le camere CMOS fossero nate al JPL. Due dati di complemento: la tecnologia CMOS è nata negli anni '70 per i circuiti integrati, ed è stata poi adottata per lo sviluppo dei pixel attivi delle camere CMOS. Il successo della tecnologia delle camere CMOS è tale che la maggior parte dei costruttori sta chiudendo le linee di produzione dei CCD. Questi mantengono ancora un certo "appeal" per l'imaging scientifico, per motivi complicati da spiegare. Il sottoscritto ha comperato una camera CCD per l'imaging planetario pochi giorni fa, perchè le CMOS hanno qualche limitazione per certi usi (assolutamente di nicchia :) )
Reality is frequently inaccurate

Wow interessante!
E' un appeal paragonabile alla diatriba qualità del rullino Vs. digitale e qualità del vinile Vs. CD?
Leonard from Quirm:"I need 60 apprentices from the Guild of Cunning Artificers"
Lord Vetinari:"What? Apprentices? I can see to it that the finest craftmen..."
Leonard:"No craftmen, sir, I have no use for people who have learned the limits of the possible"

A me le storie di Zio interessano, anche se per qualcuno le scambia (a sensazione tipo venticello  :tease:) per paleontologia

Proprio 2 settimane fa valutavo l'acquisto di una digitale di qualità, e su alcuni siti consigliavano il CCD al posto del CMOS.. é una diatriba attuale

http://www.fotografareindigitale.com/2012/03/ccd-vs-cmos-sensori-a-confronto/
<ISAA n°119> | È vero, ho scalato montagne e ho camminato in luoghi remoti. Ma come avrei potuto vedervi se non da una grande altitudine o da una grande distanza? In verità, come si può essere vicini se non si conosce la lontananza? (Khalil Gibran)

Offline IK1ODO

  • *
  • 5.376
  • Don't Panic
    • https://www.facebook.com/marco.bruno.927980
    • https://plus.google.com/113260597352108277456/posts
No, non c'è storia, andate sul CMOS, possibilmente Sony, possibilmente EXMOR-R.
Il mio problema è che ho provato tre diverse camere CMOS di tipo monocromatica (B/N), 960x1240 pixel. Tutte quante, usate in luce monocromatica, producono anelli di Newton (figure o pattern di interferenza ottica dovuti alle riflessioni interne). Invece un vecchio sensore Sony ICX205AL, CCD, non me le fa. Ma credo che il problema sia di realizzazione ottica del package del sensore, non di tecnologia. Comunque ho ri-comprerato una camera Imaging Source DMK41, con quel sensore, per l'imaging solare in banda stretta. Invece il CMOS va benone per tutto il resto, ad esempio queste sono due immagini della Luna di ieri sera, riprese con un sensore CMOS MT9M034.

Su Coelum.com nel numero corrente ed i due precedenti c'è un bel articolo che spiega tecnica e differenze fra sensori CCD e CMOS nell'uso di fotografia del profondo cielo.
Reality is frequently inaccurate