ForumAstronautico.it

Viaggio lampo a Colonia presso EAC - DLR

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline AJ

  • *
  • 4.618
Re:Viaggio lampo a Colonia presso EAC - DLR
« Risposta #75 il: Mar 19/01/2010, 18:19 »
Dunque, io sono stato nel 2007 al KSC ed ho visto anche ESTEC: sebbene fossi a Noordwijk per un workshop ho avuto modo di visitare il centro dell'ESA.

Per quanto riguarda il viaggio al KSC, posso dire che è stata un'esperienza diversa, molto più grande ed emozionante per altri aspetti ma con persone che si iniziavano a conoscere, mentre settimana scorsa siamo andati da amici a trovare un'amica. EAC e Speyer hanno fatto da splendido contorno all'affiatamento che cominciamo a sentire quando ci incontriamo, leggasi AstronautiCon...

Per quanto riguarda ESTEC, è fuor di luogo che in esso ci sia la vera ricerca, i veri laboratori. E' certamente più emozionante dell'EAC perchè si può toccare con mano il mondo di oggetti che andrà nello spazio... ma siccome all'EAC abbiamo parlato con delle "persone",... beh è forse in questo che risiede la nostra grande emozione...
Notizie dallo spazio su www.astronautinews.it !
Iscriviti a ISAA !

Offline Luca

  • TFNG Team - Testicula tacta, omnia pericula iacta!
  • *
  • 7.029
    • https://plus.google.com/u/0/
    • @Spazionauta
    • ISAA Council Member
Re:Viaggio lampo a Colonia presso EAC - DLR
« Risposta #76 il: Mar 19/01/2010, 22:49 »
Dunque, nel 2007 al KSC abbiamo avuto più tempo per metabolizzare gli eventi man mano che succedevano. Ed abbiamo avuto anche più tempo per affiatarci fra di noi, anche se eravamo parecchio lontano da casa ed in terra straniera...

A Colonia è stato un mordi e fuggi intensissimo e per certi versi insperato, e soprattutto, grazie all'ospitalità di Samantha e all'organizzazione dei miei compagni di viaggio, io mi sono sentito sempre a casa mia, in mezzo ad amici. Del resto all'EAC è davvero facile sentire parlare italiano, a dimostrazione che le professionalità italiane sono spessisimo riconosciute all'estero.

In sostanza KSC e EAC sono state due emozioni intense e meravigliose, ma fondamentalmente diverse.
Luca Frigerio
 - Socio e Consigliere ISAA
 - STRATOSPERA PROJECT Supporter

Offline henry

  • *
  • 2.352
    • http://www.facebook.com/profile.php?id=100003280403374&sk=wall
    • henry festa site
Re:Viaggio lampo a Colonia presso EAC - DLR
« Risposta #77 il: Mar 19/01/2010, 22:51 »
senza dubbio dal 2001 ad oggi ci sono stati dei miglioramenti all' EAC
"I fear the day that technology will surpass our human interaction. The world will have a generation of idiots" - Albert Einstein -

Re:Viaggio lampo a Colonia presso EAC - DLR
« Risposta #78 il: Mar 19/01/2010, 23:42 »
senza dubbio dal 2001 ad oggi ci sono stati dei miglioramenti all' EAC

Senz'ombra di dubbio.

La mia ultima trasferta li risale ad agosto del 2007, quando abbiamo ufficialmente "deliverato" le lezioni per gli astronauti coinvolti con gli esperimenti "FASES" e "GeoFlow" che poi hanno volato a bordo dell'FSL.

Nel lasso di tempo tra il 2001 ed il 2007 il centro si era senz'altro arricchito in infrastrutture e competenze, sopratutto (e lo dico con una punta di orgoglio) italiane. Senza considerare gli splendidi mock-up dello Zvezda e dell'ATV (ricavato dall'engineering model) realizzati dalla straordinaria equipe di Thales Alenia Spazio guidati da Mario Cardano. Inoltre sono comparsi i simulatori dei payload destinati a volare sul Columbus ecc.

Nella foto il sottoscritto con il Training Model di FSL nel 2005.

Offline Michael

  • *
  • 6.509
  • Amministratore olografico d'emergenza
    • @signaleleven
    • Signal Eleven
Re:Viaggio lampo a Colonia presso EAC - DLR
« Risposta #79 il: Mer 20/01/2010, 00:25 »
Certo Mike hai ragione, io pero' mi riferivo alla trasferta organizzata nel 2008 da Marco, ed altri appartenenti al nostro Forum. In quel caso lo spirito di gruppo c'era, anche se non tutti i partecipanti sono gli stessi.

Avevo capito, io rispondevo per quanto riguarda me :)
E volevo sottolineare l'aspetto umano.

Del resto all'EAC è davvero facile sentire parlare italiano, a dimostrazione che le professionalità italiane sono spessisimo riconosciute all'estero.

Credo che non ci sia come un tavolo in cui si parlano 5 lingue contemporaneamente per far perdere rapidamente significato alla parola "estero".
Saro' un sognatore idealista, ma ho viaggiato un po' in Europa negli ultimi anni, e comincio a pensare che la mia bandiera, e quella di tutti noi, sia azzurra, non tricolore.
Prima ce ne rendiamo tutti conto e meglio è.
Michael
ISAA - Stratospera - AstronautiCAST
http://www.astronauticast.com
http://www.signal-eleven.com

Offline AstroTeo

  • *
  • 1.401
    • Siamo mai andati sulla Luna? Si, ecco le prove!
Re:Viaggio lampo a Colonia presso EAC - DLR
« Risposta #80 il: Mer 20/01/2010, 00:35 »
Nella foto il sottoscritto con il Training Model di FSL nel 2005.

Grandissimo Peppe!!!

Offline AstroTeo

  • *
  • 1.401
    • Siamo mai andati sulla Luna? Si, ecco le prove!
Re:Viaggio lampo a Colonia presso EAC - DLR
« Risposta #81 il: Mer 20/01/2010, 00:37 »
Cari ragazzi!
Mi congratulo con voi tutti per la bellissima esperienza e per aver reso disponibili le vostre foto, i vostri video, ma soprattutto le vostre testimonianze!
E' un po' come se ci fossi stato anch'io!
Grazie di cuore!  :clap:


Offline amoroso

  • *
  • 11.163
    • http://google.com/+PaoloAmoroso
    • @amoroso
    • Paolo Amoroso
Re:Viaggio lampo a Colonia presso EAC - DLR
« Risposta #82 il: Mer 20/01/2010, 11:38 »
Domanda: possibile che il viaggio a Colonia vi abbia emozionato più di quello al KSC???
[...]
In ogni caso il centro di Colonia rappresenta l'unica possibilità, per noi europei, di poter "respirare" la stessa aria degli astronauti, il che non è poco....
Hai detto niente... :)


Paolo Amoroso

Offline amoroso

  • *
  • 11.163
    • http://google.com/+PaoloAmoroso
    • @amoroso
    • Paolo Amoroso
Re: Viaggio lampo a Colonia presso EAC - DLR
« Risposta #83 il: Mer 20/01/2010, 11:41 »
La cabina di pilotaggio del Boeing 747 al museo della tecnica di Speyer:




Paolo Amoroso

Offline amoroso

  • *
  • 11.163
    • http://google.com/+PaoloAmoroso
    • @amoroso
    • Paolo Amoroso
Re:Viaggio lampo a Colonia presso EAC - DLR
« Risposta #84 il: Mer 20/01/2010, 13:45 »
Una cuccetta personale nel mockup del Node-2 Harmony di ISS all'ESA EAC:




Paolo Amoroso

Offline spidey

  • Insegnante di fisica :-)
  • *
  • 677
  • Physics teacher
    • @luke2375
    • Background Noise
Re:Viaggio lampo a Colonia presso EAC - DLR
« Risposta #85 il: Mer 20/01/2010, 17:20 »
Ragazzi, mi avete fatto emozionare. Mi ricordo la prima volta che sono andato a visitare il KSC dopo il diploma, sono rimasto senza parole. Fortunatamente la mia vita mi ha riportato li a lavorare, anche se andandoci per lavoro l'emozione è diversa. Non ho mai visitato centri ESA in Europa. Le cose più emozionanti che ho visto negli anni sono tutte in America presso qualche centro NASA. In ordine di emozioni:
1) Lancio dello Shuttle da Cape Canaveral.
2) Visita all'Orbiter Processing Facility Bay accompagnato da un amico del Kennedy senza dirlo al mio professore perchè sennò eravamo in troppi (ovviamente c'era uno Shuttle in preparazione per il volo :) )
3) Visita alla Training Pool Facility del Johnson accompagnati dal nostro amico Christer Fuglesang (Astronauta ESA). Ho assistito al training da bordo vasca... spettacolare.
4) Test di ALTEA al Kennedy, vicino alla Cupola e ad altri elementi futuri dell'ISS.
5) Training e misure sugli astronauti con ALTEA (dove conosciuto un po di astronauti)
Non vedo l'ora di visitare qualche centro ESA ora che ALTEA dovrebbe passare sotto il loro controllo con ALTEA-Shield.

Offline henry

  • *
  • 2.352
    • http://www.facebook.com/profile.php?id=100003280403374&sk=wall
    • henry festa site
Re:Viaggio lampo a Colonia presso EAC - DLR
« Risposta #86 il: Mer 20/01/2010, 20:48 »
senza dubbio dal 2001 ad oggi ci sono stati dei miglioramenti all' EAC

Senz'ombra di dubbio.

La mia ultima trasferta li risale ad agosto del 2007, quando abbiamo ufficialmente "deliverato" le lezioni per gli astronauti coinvolti con gli esperimenti "FASES" e "GeoFlow" che poi hanno volato a bordo dell'FSL.

Nel lasso di tempo tra il 2001 ed il 2007 il centro si era senz'altro arricchito in infrastrutture e competenze, sopratutto (e lo dico con una punta di orgoglio) italiane. Senza considerare gli splendidi mock-up dello Zvezda e dell'ATV (ricavato dall'engineering model) realizzati dalla straordinaria equipe di Thales Alenia Spazio guidati da Mario Cardano. Inoltre sono comparsi i simulatori dei payload destinati a volare sul Columbus ecc.

Nella foto il sottoscritto con il Training Model di FSL nel 2005.

quando si lavora con passione è umanamente logico essere orgogliosi dei propri risultati.
"I fear the day that technology will surpass our human interaction. The world will have a generation of idiots" - Albert Einstein -

Offline Luca

  • TFNG Team - Testicula tacta, omnia pericula iacta!
  • *
  • 7.029
    • https://plus.google.com/u/0/
    • @Spazionauta
    • ISAA Council Member
Re:Viaggio lampo a Colonia presso EAC - DLR
« Risposta #87 il: Mer 20/01/2010, 23:02 »
Ultimi scatti sparsi...

1) All'ingresso del museo fa bella mostra di sé un addestratore della PAN.

2) e 3) Il sommergibile U9.
Luca Frigerio
 - Socio e Consigliere ISAA
 - STRATOSPERA PROJECT Supporter

Offline Luca

  • TFNG Team - Testicula tacta, omnia pericula iacta!
  • *
  • 7.029
    • https://plus.google.com/u/0/
    • @Spazionauta
    • ISAA Council Member
Re:Viaggio lampo a Colonia presso EAC - DLR
« Risposta #88 il: Mer 20/01/2010, 23:07 »
1) La zona di prua, con i tubi di lancio dei siluri.

2) e 3) Un tubo di lancio visto da vicino.
Luca Frigerio
 - Socio e Consigliere ISAA
 - STRATOSPERA PROJECT Supporter

Offline Luca

  • TFNG Team - Testicula tacta, omnia pericula iacta!
  • *
  • 7.029
    • https://plus.google.com/u/0/
    • @Spazionauta
    • ISAA Council Member
Re:Viaggio lampo a Colonia presso EAC - DLR
« Risposta #89 il: Mer 20/01/2010, 23:10 »
L'Antonov 22.
Luca Frigerio
 - Socio e Consigliere ISAA
 - STRATOSPERA PROJECT Supporter

Offline Luca

  • TFNG Team - Testicula tacta, omnia pericula iacta!
  • *
  • 7.029
    • https://plus.google.com/u/0/
    • @Spazionauta
    • ISAA Council Member
Re:Viaggio lampo a Colonia presso EAC - DLR
« Risposta #90 il: Mer 20/01/2010, 23:15 »
Ancora.

1) La stiva verso poppa (con AJ e Michael).

2) La stiva verso prua.

3) Vista frontale.
Luca Frigerio
 - Socio e Consigliere ISAA
 - STRATOSPERA PROJECT Supporter

Offline AstroTeo

  • *
  • 1.401
    • Siamo mai andati sulla Luna? Si, ecco le prove!
Re:Viaggio lampo a Colonia presso EAC - DLR
« Risposta #91 il: Mer 20/01/2010, 23:27 »
Stupendo!  :clap:

Offline amoroso

  • *
  • 11.163
    • http://google.com/+PaoloAmoroso
    • @amoroso
    • Paolo Amoroso
Re:Viaggio lampo a Colonia presso EAC - DLR
« Risposta #92 il: Gio 21/01/2010, 15:11 »
1) La zona di prua, con i tubi di lancio dei siluri.

2) e 3) Un tubo di lancio visto da vicino.
La zona di prua era strettissima e mi chiedo: dove li tenevano i siluri? Al di fuori dei tubi di lancio non c'è spazio nemmeno per un solo siluro.


Paolo Amoroso

Offline Biduum

  • *
  • 6.290
  • MiniMe
Re:Viaggio lampo a Colonia presso EAC - DLR
« Risposta #93 il: Gio 21/01/2010, 15:13 »
Anch'io ho pensato a questa cosa!
Soprattutto ripensando a certi film in cui i sottomarini lanciano siluri uno dopo l'altro come confetti......dove cavolo li tengono?

Offline Vittorio

  • Apollo Program Addict
  • *
  • 2.754
  • Apollo Program's fanatic
    • @VittorioDA
Re:Viaggio lampo a Colonia presso EAC - DLR
« Risposta #94 il: Gio 21/01/2010, 20:40 »
....dove cavolo li tengono?
Dunque, dai miei ricordi di militare intanto i tubi lanciasiluri venivano già caricati in porto e quelli erano pronti per essere lanciati. Poi ci dovrebbero essere dei vani deposito sotto i paglioli, ed infine un certo numero erano direttamente appesi davanti alle imboccature dei tubi lanciasiluri. Infine c'era una scorta "esterna" (sul ponte) ma quella ovviamente era accessibile lontano dalla battaglia ed in emersione.
Riguardo alla velocità di lancio, i tempi di ricarica erano dell'ordine di 10-15 minuti (ovviamente molto dipendeva dal personale), e il risultato dell'attacco in realtà dipendeva molto dal risultato del primo lancio, che era fatto di norma a coppiola divergente o addirittura a quartetto opportunamente angolato. Se andava a segno allora non c'erano problemi, ma se si mancava il bersaglio....
Vittorio

Whoopee! Man, that may have been a small one for Neil, but that's a long one for me.

Offline oseo943

  • *
  • 1.088
Re:Viaggio lampo a Colonia presso EAC - DLR
« Risposta #95 il: Gio 21/01/2010, 21:04 »
Quando gli u-boat della II guerra mondiale erano in pattugliamento si caicavano talmente tanti siluri che li mettevano anche nei locali adibiti alle cuccette, al punto che ci dormivano letteralmente sopra (al che gli scherzi goliardici e le battutacce si sprecavano ) in più mettevano persino i viveri appesi ovunque, quindi si aveva un bel prosciuttone appeso nei posti più impensati :-)
Daniele

Offline Ares Cosmos

  • *
  • 2.752
  • A4, Apollo 10, Mir, Soyuz TM 34
Re:Viaggio lampo a Colonia presso EAC - DLR
« Risposta #96 il: Ven 22/01/2010, 07:24 »
C'è da dire che l'U9 mostrato è piuttosto piccolo. Normalmente i siluri erano stivati in appositi scaffali a prua e in appositi vani sotto al ponte di coperta. Per questi ovviamente il trasporto NEL sommergibile andava eseguito in emersione. Solo una volta lanciati i siluri l'equipaggio poteva usare gli scaffali dei siluri come cuccette, perché nei sommergibili gli alloggi equipaggio erano solo quelli per gli ufficiali. In altre marine invece si preferiva costruire sommergibili più grandi, dotati di locali per l'equipaggio. Si racconta che per i sommergibilisti tedeschi, quelli italiani vivevano nel lusso!
L'umidità regnava sovrana in un sommergibile e se era in emersione con mare mosso c'era un onda che si muoveva sui pavimenti da prua a poppa composta di acqua marina e vomito. I gabinetti erano due, ma di solito prima di partire erano usati come dispensa supplementare, quindi i bisogni si espletavano in mare fin quasi al termine della missione oppure, se c'era l'onda di vomito, non escludo che qualcuno ne approfittasse...
Gli uboat erano mezzi molto spartani perchè tutto era sacrificato all'efficienza ed i sommergibilisti tedeschi, e non, se ne facevano un vanto di passare tanto tempo in condizioni così deprecabili.
Visti e toccati di persona: A4, Apollo 10, Mir (mock up), Soyuz TM 34
Ares Cosmos, alias Starcruiser, alias PCC

Offline fil0

  • Operations Officer
  • *
  • 8.861
    • https://google.com/+FilippoMagni
    • @fil0
Re:Viaggio lampo a Colonia presso EAC - DLR
« Risposta #97 il: Ven 22/01/2010, 16:30 »
Ho vistato il museo questa estate; il sottomarino è davvero piccolo; i varchi, i pertugi e i corridoi sono molto stetti, al punto che a volte lo spazio è sufficiente per una sola persona.
Ad Agosto faceva molto caldo, il sottomarino è esposto all'aria aperta; l'esterno scottava, stare all'interno per lunghi periodi era impossibile perchè c'era un'afa incredibile e anche un forte e pungente odore di grasso; nella sala macchine si sentiva fortissimo il tipico odore che emanano gli ingranaggi e le componenti meccaniche, non so se avete presente.
Contando che vi era parecchia gente intenta a visitare il sottomarino era come fare una sauna... :mrgreen:
A volte è difficile capire come l'equipaggio riuscisse a vivere e lavorare lì dentro, doveva essere davvero dura.

Vi allego la fotografia della scaletta di entrata.
Filippo Magni
ISAA member: n. 50

Offline pilgrim1

  • *
  • 5.278
Re:Viaggio lampo a Colonia presso EAC - DLR
« Risposta #98 il: Ven 22/01/2010, 16:50 »
da cui si dimostra che il sottomarino è quanto di più vicino ad un'astronave possa esistere.
"Please, dear God, don't let me fuck up." A. Shepard

ISAA member
BIS member

Stratogene

Offline Michael

  • *
  • 6.509
  • Amministratore olografico d'emergenza
    • @signaleleven
    • Signal Eleven
Re:Viaggio lampo a Colonia presso EAC - DLR
« Risposta #99 il: Ven 22/01/2010, 16:54 »
Ad Agosto faceva molto caldo, il sottomarino è esposto all'aria aperta; l'esterno scottava, stare all'interno per lunghi periodi era impossibile perchè c'era un'afa incredibile e anche un forte e pungente odore di grasso; nella sala macchine si sentiva fortissimo il tipico odore che emanano gli ingranaggi e le componenti meccaniche, non so se avete presente.

Lo stesso odore si percepiva con il freddo, ma forse era piu' tollerabile.
Invidio il sole che si intuisce nella tua foto, ma non invidio il caldo e soprattutto il dover condividere la visita con mille altri turisti. Noi eravamo pacificamente soli a goderci la maggior parte delle cose esposte.
Michael
ISAA - Stratospera - AstronautiCAST
http://www.astronauticast.com
http://www.signal-eleven.com