ForumAstronautico.it

[2011-11] Novembre 2011 I.S.S. Mission Log

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Luca

  • TFNG Team - Testicula tacta, omnia pericula iacta!
  • *
  • 7.031
    • https://plus.google.com/u/0/
    • @Spazionauta
    • ISAA Council Member
[2011-11] Novembre 2011 I.S.S. Mission Log
« il: Ven 24/08/2012, 15:24 »
Scienza e manutenzione
L'equipaggio ha trascorso la prima settimana di Novembre configurando e caricando del nuovo software in un computer portatile del modulo Destiny, dove Fossum ha eseguito alcune manutenzioni di routine il 3 Novembre, sul Water Recovery System (WRS).
Volkov ha iniziato a disimballare gli articoli provenienti dalla Progress appena giunta sull'ISS, mentre Fossum e Furukawa hanno partecipato ad un esame ultrasonico reciproco dei propri occhi.

Il 4 Novembre, sotto lo sguardo vigile di Fossum all'interno del modulo Destiny, è stato svolto un altro test sui giunti di una mano e del collo del robot androide. Ma dopo circa tre ore, alle 11:34 GMT, si è dovuto interrompere il lavoro a causa di un problema ad un sensore relativo al software di gestione dei giunti del collo. Pertanto, la pianificata stretta di mano fra il Comandante della Stazione e R2 è stata rinviata ad altra data!

La settimana incominciata il 7 Novembre ha visto l'equipaggio iniziare i preparativi per il proprio ritorno a casa. I tre hanno trascorso due ore all'interno del modulo di discesa della Soyuz allacciati ai propri seggiolini Kazbek per testarne la taglia in vista del rientro previsto per il 22 Novembre. Fossum ha svolto ulteriori manutenzioni sul Water Recovery System, terminando il lavoro sul Waste Storage Tank Assembly che serve a purificare l'urina convertendola in acqua potabile per l'equipaggio.
Furukawa ha lavorato con un payload dell'ESA, il Selectable Optical Diagnostics Instrument-Aggregation of Colloidal Suspension (SODI-Colloid); un esperimento sulla lavorazione dei materiali posto nella Microgravity Science Glovebox all'interno del modulo Destiny.
Volkov ha affrontato la sua quinta sessione con l'esperimento russo SPRUT-2, che svolge indagini sulla distribuzione ed il comportamento dei fluidi corporei in microgravità.

L'8 Novembre, Fossum ha raccolto dei campioni di acqua dal Water Recovery System provenienti sia dal modulo Destiny che dal nodo Tranquility ed ha raccolto dei vecchi dosimetri per le radiazioni da riportare sulla Terra, disseminandone di nuovi nei punti prestabiliti della Stazione nell'ambito del Environment Health System. Nel frattempo, Furukawa ha montato un router per l'Orbital Communication Adaptor, che fa parte del network dei computer di bordo. Egli ha anche stampato delle procedure d'emergenza aggiornate, che poi ha inserito nell'apposito manuale. Volkov ha verificato la resistenza elettrica di un circuito di un sistema sperimentale di comunicazioni laser e poco dopo ha parlato con gli specialisti a terra, riguardo alla revisione delle proprie attività. Tutti e tre gli astronauti hanno hanno passato la giornata imballando altro materiale nella Soyuz e nell'ambito del programma di osservazioni della superficie terrestre CEO, sono stati fotografati i seguenti obiettivi: Chisinau, Moldavia, ed il cratere da impatto vecchio di 300 milioni di anni di Middlesboro, Kentucky, USA.
Per celebrare l'International Education Week, Fossum ha parlato con il Deputy Secretary of Education statunitense Tony Miller ed ha risposto alle domande provenienti da alcuni studenti di Washington DC.

Nel corso della giornata del 9 Novembre, l'equipaggio ha inviato al suolo tre filmati in alta definizione ed ha parlato con l'equipaggio della prossima Soyuz comandato dal russo Anton Shkaplerov, mentre si stava preparando al lancio da Baikonur. I filmati e la teleconferenza hanno aiutato l'equipaggio di Shkaplerov con i briefings di pre-arrivo, al fine di agevolare un periodo di passaggio di consegne più breve del normale definito in soli cinque giorni.

Il 10 Novembre, Fossum, Volkov e Furukawa hanno svolto dei checks sulle tenute di pressione delle proprie tute da rientro Sokol ed hanno continuato a caricare materiale sulla Soyuz.
Fossum si è unito a Furukawa per le operazioni con il dispositivo Ultrasound 2, nell'ambito del dell'esperimento Integrated Cardiovascular; uno studio che misura la diminuzione del volume cardiaco rilevata nelle lunghe permanenze in orbita. Volkov ha sostituito alcuni filtri nell'unità di scrubbing della CO2 nel Segmento Russo.

L'11 Novembre l'equipaggio ha commemorato il Veterans Day americano, con Fossum, che è un Colonello dell'US Air Force Reserve in congedo, che ha inviato un messaggio di tributo a tutti i membri dell'esercito statunitense “che hanno dato le proprie vite per la libertà”

Soyuz TMA-22/28S
La Soyuz TMA-22/28S è stata lanciata durante una tempesta di neve alle 04:14 GMT del 14 Novembre, trasportando il Tenente Colonnello Anton Shkaplerov, il Capitano Anatoly Ivanishin, entrambi al debutto spaziale e il Capitano in congedo della Coast Guard USA Dan Burbank, alla sua terza missione.
Si è trattato dell'ultimo lancio di una Soyuz della serie TMA, che verrà sostituita dalla nuova generazione migliorata di veicoli denominata TMA-M.
Prima di partire, gli astronauti avevano svolto i consueti rituali pre-lancio, firmando la porta del Cosmonaut Hotel di Baikonur, ricevendo la benedizione da parte di un prete ortodosso e partendo dai loro alloggi al suono della canzone russa degli anni'80 “Trava U Doma” (Erba di casa). Una volta indossate le tute Sokol, Shkaplerov, Ivanishin e Burbank hanno percorso il breve tratto che li ha portati ai piedi della loro rampa di lancio protetti da speciali coperture contro la neve.

L'arrivo sull'ISS
La Soyuz si è agganciata al modulo Pirs alle 05:24 GMT del 16 Novembre, con nove minuti di anticipo sul programma, circa 397 km al di sopra dell'Oceano Pacifico del sud. Dopo le consuete verifiche sulle tenute di pressione fra le interfacce di docking, sono stati aperti i portelli alle 07:39 GMT e nuovamente, anche se per poco, la Stazione è tornata ad avere un equipaggio di sei membri che ha subito iniziato il periodo di passaggio di consegne di quattro giorni e mezzo.
Essi hanno ricevuto il saluto e le congratulazioni da parte delle famiglie e degli amici raccolti presso il mission control russo di Korolev, del direttore di Roscosmos Vladimir Popovkin e di Bill Gerstenmaier, Associate Administrator for Space Operations della NASA.
Il docking è stato un momento critico per la Stazione Spaziale, visto che se non fosse avvenuto, si sarebbe dovuto lasciare l'ISS senza personale, visto che la Soyuz dell'equipaggio di Fossum aveva raggiunto il limite massimo di giorni di permanenza in orbita.

Dopo i convenevoli, Fossum ha tenuto il consueto briefing sulla sicurezza ai neoarrivati e il 17 Novembre si è tenuta un'altra riunione di 1 ora e 40 minuti sulle responsabilità di ciascun membro dell'equipaggio nel caso di emergenze, incluso un ripasso sulle vie di fuga.
Il 17 ed il 18 Novembre l'equipaggio ha svolto una serie di attività scientifiche e manutentive. Fossum ha sostituito e riconfigurato dell'equipaggiamento nel Combustion Integrated Rack (CIR) nel Destiny. Questo rack fa parte del Fluids and Combustion Facility, un esperimento che aiuta gli scienziati a studiare come i differenti materiali bruciano in microgavità, che è manovrato sia dagli astronauti che da remoto, dal personale ricercatore. Il Comandante dell'ISS e Burbank hanno lavorato sul Waste and Hygiene Compartment ed hanno disimballato gli articoli trasportati in orbita dalla Soyuz
Volkov e Furukawa hanno trascorso la giornata del 18 Novembre ripassando le procedure di rientro mentre Shkaplerov e Ivanishin hanno lavorato a vari esperimenti russi, incluso il BTKh-26 KASKAD, che svolge indagini sui processi di coltivazione di diversi microorganismi, animale e cellule umane. Essi hanno anche eseguito delle ricerche con il payload B10-8 Plazmida, misurando la microgravità sulla motilità dei batteri plasmidi.
Fossum e Burbank il 17 Novembre hanno risposto alle domande del canale televisivo KHOU-TV di Houston. In particolare, Fossum ha dichiarato che i suoi cinque mesi e mezzo trascorsi sull'ISS gli sono sembrati come cinque giorni e mezzo mentre a sua moglie sono sembrati cinque anni e mezzo! Mike ha aggiunto che nonostante abbia perso per un po' l'affetto della propria famiglia, vivere sulla Stazione Spaziale è stato il suo sogno fin da quand'era bambino ed ha avvisato Burbank di apprezzare ogni minuto della sua missione.

Reboost e passaggio di consegne
I propulsori dello Zvezda sono stati azionati per tre minuti e 37 secondi alle 04:07 GMT del 18 Novembre per portare l'apogeo orbitale a 390 km. Le normali attività legate al weekend sono state messe da parte viste le tempistiche ristrette legate al passaggio di consegne. I nuovi arrivati hanno spostato gli esperimenti russi di bioingegneria dalla Soyuz all'ISS e Volkov, il 20 Novembre, ha riempito l'Orbital Module della capsula con il materiale di rifiuto. Sempre il 20 Novembre Fossum ha ceduto il comando dell'ISS a Burbank.

I portelli sono stati chiusi alle 19:41 GMT del 21 Novembre ed il distacco della TMA-02M dal modulo Rassvet è avvenuto 3 ore e 20 minuti dopo. La separazione dei tre moduli della Soyuz è avvenuta alla 01:59 GMT del 22 Novembre lasciando l'equipaggio nel Descent Module. L'equipaggio dell'ISS ha potuto riprendere in diretta i moduli sganciati bruciare nell'atmosfera, con il Descent Module iniziare il rientro tre minuti dopo.
Atterrati con una temperatura esterna ben al di sotto degli 0 gradi centigradi, Volkov, Fossum e Furukawa sono stati aiutati ad uscire dalla loro capsula e sono apparsi sorridenti alle telecamere, dopo aver completato una missione di 167 giorni, 6 ore e 13 minuti.
Dopo le opportune visite mediche, Volkov è stato trasportato presso il Gagarin Centre, alle porte di Mosca, Fossum e Furukawa hanno volato fino a Houston con un jet della NASA.

Allarme detriti
Il 23 Novembre l'equipaggio è stato messo in allarme sul pericolo rappresentato da un detrito delle dimensioni di quattro pollici (circa 10 cm), proveniente da un satellite meteorologico cinese Fengyun 1C distrutto in un test antisatellite nel 2007. I tecnicni americani prevedevano che esso sarebbe potuto passare a circa 900 metri dalla Stazione. Il direttore del volo di Houston aveva deciso che non ci sarebbe stato sufficiente tempo per un'Avoidance Manouvre. Fortunatamente il detrito ha schivato l'ISS senza problemi alle 09:43 GMT del 24 Novembre.

Giorno del ringraziamento
Come da tradizione, Burbank ed i suoi colleghi russi hanno celebrato il Thanksgiving Day mangiando tacchino affumicato, patate, mais, pane e verdure. Facendo un passo in dietro, il 23 Novembre durante un'intervista alla CBS News Burbank ha spiegato che il breve periodo di passaggio di consegne, è stato così intenso che da non avere avuto il tempo di disfare i propri bagagli, ma con il rientro dell'equipaggio di Fossum, era divenuto possibile dare inizio al lavoro scientifico.
Il personale russo si è dedicato sulle attività manutentive all'interno del Segmento Russo, con Ivanishin che ha sostituito un circuito di un fluido all'interno del modulo Rassvet, mentre Shkaplerov ha lavorato sui sistemi di supporto vitale.

Lavoro scientifico
Dopo la sveglia del 25 Novembre, Burbank ha svolto il Reaction Self Test (RST) della durata di cinque minuti, atto ad identificare gli impatti alla performance quotidiana legati alla perdita di sonno, alla fatica e al disturbo dei ritmi circadiani. Più tardi, Burbank ha preparato l'hardware Ultrasound 2 per la verifica dell'atrofia del muscolo cardiaco.

Il 28 Novembre, Burbank ha svolto un esperimento che comparava lo svolgimento di esercizi fisici sulla Terra e in orbita, di seguito ha lavorato con il CIR (Combustion Integrated Rack) nel Destiny e, con l'assistenza di Shkaplerov, ha eseguito lo status check dei suoi colleghi effettuando le misurazioni della massa corporea. Ivanishin ha sostituito i filtri del collettore delle polveri del modulo Zarya ed entrambi i cosmonauti hanno trasferito il carico dalla Soyuz e dalla Progress 45.

Il giorno seguente l'equipaggio ha tenuto un'altra prova di emergenza. Burbank ha ripetuto il test RST svolto quattro giorni prima ed ha risposto all'intervista del media Bay News 9 di St Petersburg, Florida, mentre Shkaplerov ha lavorato con l'esperimento MBI-21 PNEVMOKARD per lo studio del sistema cardiovascolare e Ivanishin ha svolto alcune manutenzioni all'interno del modulo Zvezda.
Burbank ha passato diverse ore, il 30 Novembre, aggiornando il software per le comunicazioni UHF. Shkaplerov ed Ivanishin hanno eseguito diversi esperimenti biologici russi; nella fattispecie, Shkaplerov ha lavorato sull'esperimento Molniya-Gamma scaricando i dati relativi alle emissioni ottiche nell'atmosfera terrestre e nella ionosfera associati ai temporali e all'attività sismica.

La sistemazione nella nuova casa
Alle 23:11 GMT del 30 Novembre sono stati azionati i propulsori del modulo Zvezda per 62 secondi, predisponendo l'orbita dell'ISS per l'arrivo della prossima Soyuz a Dicembre.
Burbank ha lavorato al Preliminary Advanced Colloids Experiment (PACE) che studia il comportamento di particelle sospese in un fluido nell'ambiente microgravitazionale, mentre Ivanishin si è concentrato sull'esperimento Matryoska-R, per lo studio dell'impatto delle radiazioni sugli esseri umani.


Fonte: Spaceflight Magazine/British Interplanetary Society

Foto (C) di NASA/JSC/KSC

1) (2 Novembre 2011) Sergei Volkov (dx) e Satoshi Furukawa (sx) impegnati nel modulo di servizio Zvezda durante le fasi di rendezvous e docking della Progress 45.

2) (4 Novembre 2011) Robonaut 2 durante i test di funzionamento.

3) (18 Novembre 2011) Dan Burbank lavora sull'Hydrogen Sensor ORU Purge Adapter (HOPA) nel nodo Tranquility.
« Ultima modifica: Sab 25/08/2012, 15:07 da Luca »
Luca Frigerio
 - Socio e Consigliere ISAA
 - STRATOSPERA PROJECT Supporter