ForumAstronautico.it

L'uomo di Marte - Andy Weir

0 Utenti e 2 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Re:L'uomo di Marte - Andy Weir
« Risposta #225 il: Gio 21/01/2016, 11:24 »
perchè in nglese?
Mio Dio! E' pieno di stelle!!

Offline felottina

  • *
  • 2.069
Re:L'uomo di Marte - Andy Weir
« Risposta #226 il: Gio 21/01/2016, 11:30 »
perchè in nglese?

Non so le motivazioni di Smiley, ma è un valore aggiunto leggere i libri in lingua originale.

Offline isapinza

  • *
  • 1.922
  • DO NOT trust me, I'm an engineer
    • https://www.facebook.com/isapinza
    • https://plus.google.com/+IsabellaPinzauti
    • @isapinza
Re:L'uomo di Marte - Andy Weir
« Risposta #227 il: Gio 21/01/2016, 11:50 »
Anche io l'ho letto in inglese e mi è piaciuto un sacco.
Ora vedo se trovo la versione italiana, sono curiosa di vedere le differenze  :mrgreen:
Gli unici libri che ho faticato a leggere in inglese per adesso sono quelli sul ciclo della Cultura ma quando hai a che fare con navi che si chiamano "Unfortunate Conflict Of Evidence" il fraintendimento è dietro l'angolo  :mrgreen:

***edit***aggiunto elenco nomi navi
https://en.wikipedia.org/wiki/List_of_spacecraft_in_the_Culture_series
« Ultima modifica: Gio 21/01/2016, 11:53 da isapinza »
---> Se quello che dico può essere interpretato in due modi ed uno dei due ti fa arrabbiare...intendevo il terzo *grin*

Re:L'uomo di Marte - Andy Weir
« Risposta #228 il: Gio 21/01/2016, 14:46 »
Appena  comprato il dvd :-)

Offline Smiley1081

  • Chief Bosun mate, RMN
  • *
  • 2.795
  • Chi va al KSC si intuta...
Re:L'uomo di Marte - Andy Weir
« Risposta #229 il: Gio 21/01/2016, 16:27 »
Perche' a quindici anni scoprri che tutto quello che volevo leggere non sarebbe mai stato tradotto in inglese.

Poi lessi la Guida in Italiano dopo averla letta in Inglese, e scoprii che la tortura era troppo poco per la maggior parte dei traduttori in Italiano.
The Earth is just too small and fragile a basket for the human race to keep all its eggs in. -- Robert A. Heinlein

Una navetta costruita in serie: €1000000000. Un Cilindro di O'Neill: €300000000000000. La sopravvivenza della Razza Umana: non ha prezzo.

Re:L'uomo di Marte - Andy Weir
« Risposta #230 il: Dom 14/02/2016, 18:01 »
Correttezza scientifica del film:

Offline Saimoncis

  • *
  • 1.836
  • Accendi! ...Io controllo se funziona!
Re:L'uomo di Marte - Andy Weir
« Risposta #231 il: Mer 18/05/2016, 22:05 »
Oggi il nostro supergeek Andy Weir ha parlato alla camera statunitense, Subcommittee on Space...
Topic: "Next Steps to Mars: Deep Space Habitats."
ecco il suo "statement":

Mr. Chairman, members of the committee, thank you for inviting me to this hearing.
Unlike the other people you’ve heard today, I am not a space expert. I’m just an enthusiast, and I know
that. But I do spend a lot of time thinking about the future of manned spaceflight and the challenges
that come with it. And, to me, one issue stands out as the largest problem facing long-term space
habitation.

The human body is simply not suited to living for long periods in zero-g. Until this issue is solved, we
have no hope of landing humans on the surface of Mars, nor can we create permanent residences in
space.

Astronauts who spend months in zero-g suffer bone loss and muscle degradation. Once they return to
earth, they have to be carried out of their capsule by ground crew. It takes days, sometimes weeks for
them to re-adapt to gravity because their muscles are simply too weak to stand.
Imagine, then, a crew of astronauts setting foot on the surface of Mars after eight months in space to get there.
They would be unable to move, let alone execute their mission. This is not an option.

And that’s not even the worst part. Weightlessness also causes degradation of the eyes. And, unlike the
bone and muscle loss which the body will repair once it returns to gravity, the eye damage is permanent
and irreversible.

Astronauts aboard the International Space Station have to spend two hours per day exercising just to
stay remotely healthy. This means that we dedicate one eighth of all waking-person-hours in space to
counteracting the effects of zero-g habitation. That time could be better spent on experiments, station
upkeep, or simply rest for the crew.

Instead of concentrating on ameliorating the effects of zero-g, we should concentrate on inventing
artificial gravity. And this is not some magical technology straight out of science fiction. We already
know how to do it. You just need to spin the space station to provide centripetal force. This conjures up
images of huge wheel-in-space constructions that we simply can’t afford to build. But centripetal gravity
can be accomplished much more cheaply and easily than the flashy futuristic visions you’ve see in films.

For our next space station, we should have the crew compartment connected to a counterweight by a
long cable and set the entire system rotating. This creates the centrifuge, which will generate constant
outward force for the crew. Inside the crew compartment, it would be virtually identical to the gravity
we experience on Earth. All physiological problems of zero-g would be solved.

Some would argue that one of the main purposes of a space station is to do experiments in zero-g. This
is easily accommodated. We could have a node in the center. That would provide an area of zero-g for
whatever experiments require it. The astronauts would work in there as needed, but spend most of
their time in the crew node where their bodies get the gravity they need to remain healthy.

While the concept is simple, the engineering is very complex. If you were standing in that crew
compartment, the downward force on your head would be less than the downward force on your feet.
Because your head is closer to the center of the centrifuge than your feet are.
NASA conducted experiments on the ground with centrifuges in the 1960s.
They found that humans get significant vertigo and dizziness from this effect if the rotation rate is faster than 2 revolutions per minute.
I will spare you the math, but this means the cable connecting the two nodes would have to be 450 meters long, which is over a quarter mile.

I have no delusions that such a station would be easy to accomplish. Not only would it be the most
massive space station ever built, but it would also have to stand up to the forces that its own artificial
gravity creates. Plus, a rotating station would need very advanced control systems to keep its solar
panels and thermal radiators properly aligned.

It would be a huge engineering challenge to design and implement this station. But huge engineering
challenges are what NASA is all about. I have no doubt they could rise to the occasion.

Once this station were built, it’s rotation rate could be adjusted to provide whatever gravity we wanted.
We could test the long-term health effects of lunar gravity. Or Martian gravity. Or we could leave it at
Earth gravity to ensure crew health.

And when the time comes for a human mission to Mars, the artificial gravity technology proven by this
station will be employed in the vehicle that transports the astronauts there, ensuring that they are fully
healthy and capable when they first set foot on the red planet.
Thank you.
« Ultima modifica: Mer 18/05/2016, 22:09 da Saimoncis »
Cènt cò, cènt cràp, cènt cùl, dusènt ciàp!

Offline Ale7

  • *
  • 166
Re:L'uomo di Marte - Andy Weir
« Risposta #232 il: Mer 18/05/2016, 22:07 »
Lo ho visto ieri in blu ray e in lingua originale è tutta un'altra cosa! Matt damon sa veramente il fatto suo, comprese tutte le smorfie che fa ahha

Re:L'uomo di Marte - Andy Weir
« Risposta #233 il: Gio 19/05/2016, 17:35 »
È veramente un grande.

Inviato dal mio D2203 utilizzando Tapatalk


Offline Vittorio

  • Apollo Program Addict
  • *
  • 2.749
  • Apollo Program's fanatic
    • @VittorioDA
Re:L'uomo di Marte - Andy Weir
« Risposta #234 il: Mar 26/07/2016, 10:38 »
Riapro il topic dopo che avevo evitato come la peste questo thread in quanto ho (in contemporanea) visto il film ieri sera e preso il libro (in epub, devo ancora iniziare a leggerlo). Il film mi è piaciuto tanto, abbastanza ben fatto a parte il finale che considero irrealistico. Vedremo il libro cosa mi riserverà.
Vittorio

Whoopee! Man, that may have been a small one for Neil, but that's a long one for me.

Offline isapinza

  • *
  • 1.922
  • DO NOT trust me, I'm an engineer
    • https://www.facebook.com/isapinza
    • https://plus.google.com/+IsabellaPinzauti
    • @isapinza
Re:L'uomo di Marte - Andy Weir
« Risposta #235 il: Mar 26/07/2016, 12:12 »
Riapro il topic dopo che avevo evitato come la peste questo thread in quanto ho (in contemporanea) visto il film ieri sera e preso il libro (in epub, devo ancora iniziare a leggerlo). Il film mi è piaciuto tanto, abbastanza ben fatto a parte il finale che considero irrealistico. Vedremo il libro cosa mi riserverà.
Anche io l'ho (ri)visto ieri sera su sky, ed il libro l'ho letto due volte ( ed è molto meglio del film)  :mrgreen:
---> Se quello che dico può essere interpretato in due modi ed uno dei due ti fa arrabbiare...intendevo il terzo *grin*

Offline Vittorio

  • Apollo Program Addict
  • *
  • 2.749
  • Apollo Program's fanatic
    • @VittorioDA
Re:L'uomo di Marte - Andy Weir
« Risposta #236 il: Mar 26/07/2016, 16:42 »
... ed il libro l'ho letto due volte ( ed è molto meglio del film)  :mrgreen:
Se mi dici così mi metto a leggerlo subito.
Vittorio

Whoopee! Man, that may have been a small one for Neil, but that's a long one for me.

Re:L'uomo di Marte - Andy Weir
« Risposta #237 il: Gio 28/07/2016, 09:06 »
a parte il finale che considero irrealistico.
Bhe, d'altronde è un film di fantascienza, mica è "Apollo 13". C'è una bella differenza e bisogna saper discernere ;)
Mio Dio! E' pieno di stelle!!

Offline DDD

  • *
  • 568
  • orbiter addicted
    • https://www.facebook.com/davide.perani.1
    • contattami su FOI
Re:L'uomo di Marte - Andy Weir
« Risposta #238 il: Gio 28/07/2016, 09:21 »
a parte il finale che considero irrealistico.
Bhe, d'altronde è un film di fantascienza, mica è "Apollo 13". C'è una bella differenza e bisogna saper discernere ;)
La differenza è che il finale del libro è realistico, quello del film no :yes:

Offline isapinza

  • *
  • 1.922
  • DO NOT trust me, I'm an engineer
    • https://www.facebook.com/isapinza
    • https://plus.google.com/+IsabellaPinzauti
    • @isapinza
Re:L'uomo di Marte - Andy Weir
« Risposta #239 il: Gio 28/07/2016, 09:26 »
a parte il finale che considero irrealistico.
Bhe, d'altronde è un film di fantascienza, mica è "Apollo 13". C'è una bella differenza e bisogna saper discernere ;)
La differenza è che il finale del libro è realistico, quello del film no :yes:

Esatto...
Inoltre nel film sono state tralasciate ( per ovvi motivi sennò veniva un film di 13 ore  :scared:) un sacco di cose che...fanno la differenza  :mrgreen:
---> Se quello che dico può essere interpretato in due modi ed uno dei due ti fa arrabbiare...intendevo il terzo *grin*

Re:L'uomo di Marte - Andy Weir
« Risposta #240 il: Gio 28/07/2016, 12:28 »
Nel film quando i vari membri dell'equipaggio parlano con i propri cari della loro decisione di allungare la missione per tornare a recuperare Watney si nota un certo sconforto nella moglie del pilota Martinez, la cosa bella è che alla fine del film nonostante sia stato via ventordicimila mesi è di nuovo a bordo di Hermes per la nuova missione Ares.
Decisamente non vincerà il premio di marito dell'anno!
Secondo me il finale del libro é molto azzeccato, io l'ho visto più come un "diario anti solitudine di M.W." che come un romanzo narrativo (le parti in prima persona sono quelle che ho preferito nel libro), quindi credo che un finale migliore non potesse esserci, una volta ricongiunto ai suoi compagni non ha più bisogno del diario perché non è più solo.
Socio ISAA n°232

Offline Vittorio

  • Apollo Program Addict
  • *
  • 2.749
  • Apollo Program's fanatic
    • @VittorioDA
Re:L'uomo di Marte - Andy Weir
« Risposta #241 il: Gio 28/07/2016, 15:44 »
... la cosa bella è che alla fine del film nonostante sia stato via ventordicimila mesi è di nuovo a bordo di Hermes per la nuova missione Ares.
Decisamente non vincerà il premio di marito dell'anno!
...
Nel film (nel libro non so, devo ancora iniziare a leggerlo) tra la missione Ares di Mark Watney e la successiva passano almeno 3-4 anni. Capisco che ci vuole la preparazione tecnica, ma sicuramente i familiari lo avranno visto un bel po'.
Vittorio

Whoopee! Man, that may have been a small one for Neil, but that's a long one for me.

Offline isapinza

  • *
  • 1.922
  • DO NOT trust me, I'm an engineer
    • https://www.facebook.com/isapinza
    • https://plus.google.com/+IsabellaPinzauti
    • @isapinza
Re:L'uomo di Marte - Andy Weir
« Risposta #242 il: Gio 28/07/2016, 15:50 »
Tutta la fuffa finale nel libro ( per fortuna  :mrgreen:) non c'è
---> Se quello che dico può essere interpretato in due modi ed uno dei due ti fa arrabbiare...intendevo il terzo *grin*

Offline Smiley1081

  • Chief Bosun mate, RMN
  • *
  • 2.795
  • Chi va al KSC si intuta...
Re:L'uomo di Marte - Andy Weir
« Risposta #243 il: Lun 29/08/2016, 08:56 »
Adesso sono passato alla trilogia di Marte di Kim Stanley Robison, partendo da Red Mars.
The Earth is just too small and fragile a basket for the human race to keep all its eggs in. -- Robert A. Heinlein

Una navetta costruita in serie: €1000000000. Un Cilindro di O'Neill: €300000000000000. La sopravvivenza della Razza Umana: non ha prezzo.