ForumAstronautico.it

BOOM Supersonic airlines

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Aleph

  • *
  • 108
Re:BOOM Supersonic airlines
« Risposta #25 il: Lun 28/03/2016, 15:05 »
Il concorde volava così in alto che non disturbava affatto il resto del traffico aereo durante la crociera, tanto che aveva le sue rotte prestabilite indipendenti dal resto del traffico aereo.
https://it.wikipedia.org/wiki/Concorde#Caratteristiche_del_volo
Avevo cercato alcuni dati in rete per farmi un'idea un po' più precisa sulla faccenda ma non ho trovato nulla di utile, ma siccome ti vedo sicuro di quello che dici evidentemente tu li conosci, allora approfitto per chiederti qual è il valore di pressione dell'onda d'urto del Concorde in volo a Mach 2 alla distanza di circa 6 chilometri, e perché hai escluso che il controllo del traffico aereo tenesse conto del passaggio del Concorde in modo da assicurare adeguata separazione al resto del traffico.

Grazie.

Offline albyz85

  • "Space isn't so far - it's only an hour's drive if your car could go straight up."
  • *
  • 15.975
    • https://www.facebook.com/alberto.zampieron
Re:BOOM Supersonic airlines
« Risposta #26 il: Lun 28/03/2016, 15:32 »
Avevo cercato alcuni dati in rete per farmi un'idea un po' più precisa sulla faccenda ma non ho trovato nulla di utile, ma siccome ti vedo sicuro di quello che dici evidentemente tu li conosci, allora approfitto per chiederti qual è il valore di pressione dell'onda d'urto del Concorde in volo a Mach 2 alla distanza di circa 6 chilometri, e perché hai escluso che il controllo del traffico aereo tenesse conto del passaggio del Concorde in modo da assicurare adeguata separazione al resto del traffico.

Scusa Aleph, perchè se DDD ti dicesse esattamente il valore di pressione che hai chiesto, tu sapresti capire se la struttura di un velivolo sia in grado di sopportare o meno un'onda di pressione di tale valore? Dai su, cerchiamo di evitare le provocazione, è una discussione molto interessante e manteniamola come tale ;)

Comunque, anche da questi documenti sembra che non ci fossero particolari accorgimenti nella gestione della navigazione NAT fra i Concorde e il resto del traffico proprio per le rotte dedicate seguite:
http://nats.aero/blog/2013/11/controlling-concorde/
http://occ.ivao.aero/index.php?site=concordeatc
http://occ.ivao.aero/index.php?site=concordepilot
https://en.wikipedia.org/wiki/North_Atlantic_Tracks
« Ultima modifica: Lun 28/03/2016, 15:40 da albyz85 »
Socio ISAA - Tessera n. 002


www.astronautinews.it

Offline DDD

  • *
  • 568
  • orbiter addicted
    • https://www.facebook.com/davide.perani.1
    • contattami su FOI
Re:BOOM Supersonic airlines
« Risposta #27 il: Lun 28/03/2016, 15:38 »
Per indipendenti intendo che durante la fase di crociera le rotte non intersecavano mai quelle dei veivoli subsonici, poi non so se le onde d'urto erano un problema per il traffico convenzionale. Imho non tanto: a quelle quote l'atmosfera è molto rarefatta (siamo nell'ordine di 0.5/0.1 atm).

Offline Aleph

  • *
  • 108
Re:BOOM Supersonic airlines
« Risposta #28 il: Lun 28/03/2016, 15:53 »
Grazie per i link Albyz, effettivamente sembra proprio che non ci fosse una particolare separazione con il normale traffico, forse la spiegazione sta anche nel fatto che giustamente come dice DDD alle quote di volo del Concorde la densità dell'aria è talmente bassa che le onde d'urto evidentemente non saranno pericolose per gli altri aerei.