ForumAstronautico.it

Didattica del radioscolto amatoriale

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline isapinza

  • *
  • 1.932
  • DO NOT trust me, I'm an engineer
    • https://www.facebook.com/isapinza
    • https://plus.google.com/+IsabellaPinzauti
    • @isapinza
Re:Didattica del radioscolto amatoriale
« Risposta #75 il: Lun 23/05/2016, 14:54 »
Ho trovato questo

Il DPR 5 ottobre 2001 n. 447   Decreto del Presidente della Repubblica 5 ottobre 2001, 
"Regolamento recante disposizioni in materia di licenze individuali e di autorizzazioni generali per i servizi di telecomunicazioni ad uso privato"  ART. 43  (ASCOLTO)http://www.infodomus.it/radio/disposizioni/dpr447_01completo.htm, sancisce e stabilisce, al di là di ogni ragionevole dubbio e possibile interpretazione, che per ascoltare le bande assegnate al Servizio di Amatore, non occorre più nessun permesso, nessuna autorizzazione, nessuna licenza, nessuna dichiarazione: mettersi all'ascolto delle bande utilizzate dai radioamatori è assolutamente libero, lecito, permesso. Di fatto tutte le "autorizzazioni per l'installazione di una stazione radio di solo ascolto delle bande dei radioamatori   decadono .

Quindi non serve niente?
Sono confusa....
---> Se quello che dico può essere interpretato in due modi ed uno dei due ti fa arrabbiare...intendevo il terzo *grin*

Offline IK1ODO

  • *
  • 5.721
  • S = -k log (W)
    • https://www.facebook.com/marco.bruno.927980
    • https://plus.google.com/113260597352108277456/posts
Re:Didattica del radioscolto amatoriale
« Risposta #76 il: Lun 23/05/2016, 15:20 »
Per ascoltare i radioamatori, no, dato che la licenza di SWL non esiste più. Però puoi dare una telefonata all'ufficio radioamatori delle Poste locali, e chiedere conferma.

edit: se sei in regola col canone RAI hai il sacrosanto diritto di installare antenne riceventi, anche enormi e per onde corte, salvo il regolamento condominiale lo escluda, e questo senza licenza. A questo punto se hai una licenza il condominio ti deve dare l'autorizzazione ad esercitare la licenza, ma ovviamente le faccende condominiali sono fatte di lana caprina, ed ho letto tutto ed il contrario di tutto.
« Ultima modifica: Lun 23/05/2016, 15:24 da IK1ODO »
"Lo studio e in generale l'aspirazione alla verità e alla bellezza rappresentano un ambito in cui è permesso rimanere bambini per tutta la vita" - A. Einstein

Offline Buzz

  • Beam me down, EDRS!
  • *
  • 7.491
    • EDRS Space Data Highway
Re:Didattica del radioscolto amatoriale
« Risposta #77 il: Lun 23/05/2016, 15:28 »
Vorrei capire se ci sono ragioni tecniche valide o rischi per le trasmissioni, oppure se si tratti di una decisione che viene da un passato del nostro paese in cui si cercava di controllare e limitare ogni forma di comunicazione o scambio di informazioni.
Non riesco a immaginarmi quale possa essere la ragione tecnica, non c'è nessun modo in cui ascoltando si possa disturbare l'ascolto da parte di qualcun altro.
Io credo sia davvero una questione di evitare, almeno formalmente, che dei malintenzionati possano ascoltare i canali delle forze dell'ordine. Per lo meno sarebbe un'aggravante in tribunale, una volta che hai utilizzato quelle informazioni per compiere atti illeciti (un po' come quando sull'aereo per gli USA ti chiedono se stai andando là per compiere atti terroristici).

D'altronde non vedo neanche come possano accorgersi che li stai ascoltando, se non facendoti un'ispezione in casa e trovando delle registrazioni... Ma di nuovo, non credo che vadano in giro a fare ispezioni ovunque vedono un'antenna sul tetto.

A questo punto se hai una licenza il condominio ti deve dare l'autorizzazione ad esercitare la licenza, ma ovviamente le faccende condominiali sono fatte di lana caprina, ed ho letto tutto ed il contrario di tutto.
Ho vissuto per anni a Torino con un vicino che aveva la licenza in trasmissione e che per qualche motivo si sintonizzava automaticamente con le casse del mio impianto. Mi svegliavo di notte con la voce di sto tizio a tutto volume che parlava con i camionisti della zona...
Ho scoperto chi fosse e gli ho parlato perché ho involontariamente ascoltato mentre dava il suo numero di cellulare a qualcuno, ma comunque non ho mai potuto farci niente perché aveva la licenza. In sostanza non potevo mai guardare un film o ascoltare musica, perché appena accendevo le casse sentivo lui che parlava... alla fine ho traslocato  :hurt:
« Ultima modifica: Lun 23/05/2016, 15:33 da Buzz »
Par l’espace, l’univers me comprend et m’engloutit comme un point; par la pensée, je le comprends. (Blaise Pascal).
An age is called Dark not because the light fails to shine, but because people refuse to see it. (James Michener)

Offline Buzz

  • Beam me down, EDRS!
  • *
  • 7.491
    • EDRS Space Data Highway
Re:Didattica del radioscolto amatoriale
« Risposta #78 il: Lun 23/05/2016, 15:32 »
Doppio post sorry
Par l’espace, l’univers me comprend et m’engloutit comme un point; par la pensée, je le comprends. (Blaise Pascal).
An age is called Dark not because the light fails to shine, but because people refuse to see it. (James Michener)

Offline Acris

  • *
  • 2.655
Re:Didattica del radioscolto amatoriale
« Risposta #79 il: Lun 23/05/2016, 15:38 »
Non ero a conoscenza del dpr citato, ben venga quindi.
Comunque credo proprio fosse una reminescenza del ventennio o giù di li...

D'altra parte con le leggi sulla privacy italiane ci starebbe anche bene il fatto che se non hai licenza non puoi ascoltare, visto che è un po come spiare...

A questo punto però mi chiedo: possono dei radioamatori con licenza trasmettere segnali criptati?
Solo due cose sono infinite, l'universo e la stupidità umana, e non sono sicuro della prima

A.Einstein

Offline IK1ODO

  • *
  • 5.721
  • S = -k log (W)
    • https://www.facebook.com/marco.bruno.927980
    • https://plus.google.com/113260597352108277456/posts
Re:Didattica del radioscolto amatoriale
« Risposta #80 il: Lun 23/05/2016, 15:45 »
Concordo con Buzz. Una volta quasi nessuna emissione era criptata, oggi quelle importanti lo sono. Se ricordate bene, anche i telefonini fino all'ETACS erano del tutto in chiaro. Ascoltare comunicazioni di altri è una violazione del segreto postale, e da lì partivano le considerazioni.

Acris, no. I segnali devono essere in chiaro o codificati con metodi di codifica pubblicamente disponibili. E' scritto nella licenza; d'altra parte una stazione di radioamatore non può fate traffico per conto terzi ("third party" all'americana) e le comunicazioni devono limitarsi a comunicazioni relative all'hobby, ovvero non puoi fare traffico telefonico.
"Lo studio e in generale l'aspirazione alla verità e alla bellezza rappresentano un ambito in cui è permesso rimanere bambini per tutta la vita" - A. Einstein

Offline Buzz

  • Beam me down, EDRS!
  • *
  • 7.491
    • EDRS Space Data Highway
Re:Didattica del radioscolto amatoriale
« Risposta #81 il: Lun 23/05/2016, 15:58 »
Acris, no. I segnali devono essere in chiaro o codificati con metodi di codifica pubblicamente disponibili. E' scritto nella licenza; d'altra parte una stazione di radioamatore non può fate traffico per conto terzi ("third party" all'americana) e le comunicazioni devono limitarsi a comunicazioni relative all'hobby, ovvero non puoi fare traffico telefonico.
In sostanza è proibito comunicare a distanza senza che le forze dell'ordine possano intercettarti e ascoltare i fatti tuoi?
Par l’espace, l’univers me comprend et m’engloutit comme un point; par la pensée, je le comprends. (Blaise Pascal).
An age is called Dark not because the light fails to shine, but because people refuse to see it. (James Michener)

Offline McHammer

  • *
  • 1.163
    • @iw2kwd
Re:Didattica del radioscolto amatoriale
« Risposta #82 il: Lun 23/05/2016, 16:03 »
Grazie Riky.
Ho letto qualcosa sul sito ARI Torino e oltre all'associazione ce l'obbligo di frequenza per i corsi che ormai sono finiti.
Chiederò maggiori info e vedrò cosa fare.


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk


Io sono radioamatore da qualche decennio.... quella che una volta era la licenza Speciale, ovvero sono radioamatore senza aver sostenuto l'esame di CW (telegrafia).
Ovviamente così è stato molto più facile e per questo motivo ero riuscito a fare tutto da solo, senza nessun corso in qualche sezione ARI.
Socio ISAA n° 094 - Utente ForumAstronautico n° 1000

Offline IK1ODO

  • *
  • 5.721
  • S = -k log (W)
    • https://www.facebook.com/marco.bruno.927980
    • https://plus.google.com/113260597352108277456/posts
Re:Didattica del radioscolto amatoriale
« Risposta #83 il: Lun 23/05/2016, 16:08 »
In sostanza è proibito comunicare a distanza senza che le forze dell'ordine possano intercettarti e ascoltare i fatti tuoi?

Assolutamente sì, e questo è valido in qualunque paese, credo. Per motivi di sicurezza, veri o presunti, e per evitare che qualcuno utilizzi le frequenze amatoriali per scopo di lucro. Se vuoi un canale radio riservato lo paghi, e profumatamente. Poi ci fai quel che vuoi, con il codice che vuoi - è come una tua linea telefonica terrestre.
"Lo studio e in generale l'aspirazione alla verità e alla bellezza rappresentano un ambito in cui è permesso rimanere bambini per tutta la vita" - A. Einstein

Offline RikyUnreal

  • SpaceHumor & IU4APB
  • *
  • 4.554
  • Deeply Fallen In Love
    • http://www.facebook.com/RikyUnreal
    • https://plus.google.com/113216210094336701508
    • @RikyUnreal
    • Il mio sito
Re:Didattica del radioscolto amatoriale
« Risposta #84 il: Lun 23/05/2016, 16:55 »
Praticamente senza neanche leggere bene le domande (un paio di risposte le ho scelte solo perchè sgrammaticate e mi facevano ridere) ho  preso  60% 
Ma non ho idea se sia un voto sufficiente o meno nè se il test in questione sia fedele ad uno reale  :mrgreen:

Io 90%, me la cavo ancora! :)
Comunque concordo con Acris, per una come te Isa l'esame è tranquillamente alla tua portata.
  

Offline Acris

  • *
  • 2.655
Re:Didattica del radioscolto amatoriale
« Risposta #85 il: Lun 23/05/2016, 17:16 »
anche io 90 (86%) :beer:
Solo due cose sono infinite, l'universo e la stupidità umana, e non sono sicuro della prima

A.Einstein

Offline Buzz

  • Beam me down, EDRS!
  • *
  • 7.491
    • EDRS Space Data Highway
Re:Didattica del radioscolto amatoriale
« Risposta #86 il: Lun 23/05/2016, 17:24 »
Io sono una capra in elettrotecnica, lo Zio lo sa  :mrgreen: :mrgreen:
Ma ho provato a fare questo
http://fc.retecivica.milano.it/~terenzio.giupponi/om/dom03/4/

Questa ve la devo postare perché è troppo bella
Citazione
Nell'alfabeto fonetico internazionale a che cosa corrisponde la lettera J ?
A    Quebec
B    Juliet
C    Papa
:mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

Cmq per il resto, la metà delle domande sono da perito elettrotecnico. Credo che potrei prendere la patente quasi ad occhi chiusi :surprise:
(ho fatto 70%, ho risposto giusto a tutte le domande di elettrotecnica/elettronica e ho toppato tutte ma proprio tutte le regolamentazioni da radioamatore)
« Ultima modifica: Lun 23/05/2016, 17:28 da Buzz »
Par l’espace, l’univers me comprend et m’engloutit comme un point; par la pensée, je le comprends. (Blaise Pascal).
An age is called Dark not because the light fails to shine, but because people refuse to see it. (James Michener)

Offline IK1ODO

  • *
  • 5.721
  • S = -k log (W)
    • https://www.facebook.com/marco.bruno.927980
    • https://plus.google.com/113260597352108277456/posts
Re:Didattica del radioscolto amatoriale
« Risposta #87 il: Lun 23/05/2016, 18:59 »
Secondo me la parte di regolamenti si studia in due sere al massimo... non c'è poi molto. Anni fa ho dato l'esame per la patente USA, così per sfizio. Adesso ho l'Extra Class, sono anche AI4YF :yes: e lì ho dovuto studiare un pochino, perchè tante domande di regolamenti non sono affatto ovvie.
"Lo studio e in generale l'aspirazione alla verità e alla bellezza rappresentano un ambito in cui è permesso rimanere bambini per tutta la vita" - A. Einstein

Offline Michael

  • *
  • 6.509
  • Amministratore olografico d'emergenza
    • @signaleleven
    • Signal Eleven
Re:Didattica del radioscolto amatoriale
« Risposta #88 il: Mar 24/05/2016, 07:34 »
In sostanza è proibito comunicare a distanza senza che le forze dell'ordine possano intercettarti e ascoltare i fatti tuoi?

In bande amatoriali, sì.
Il punto è che in banda radioamatoriale non dovresti farti i fatti tuoi.
Michael
ISAA - Stratospera - AstronautiCAST
http://www.astronauticast.com
http://www.signal-eleven.com

Offline Salvo70

  • Socio I.S.A.A.
  • *
  • 303
Re:Didattica del radioscolto amatoriale
« Risposta #89 il: Mar 24/05/2016, 09:45 »
Ok se per adesso ascolto, le bande amatoriali, senza licenza così mi farò le ossa, anche se io sono più interessato a ricevere satelliti ed elaborazioni successive.
Ho fatto il test segnalato da isa e rispondendo moooolto velocemente ho fatto il 50% e con mio stupore ho sbagliato più quelle di elettronica che da radioamatore, forse perché più "fresche" come info dopo tutte le letture fatte in questi giorni.
ma se le domande sono sulla falsariga di queste potrei farcela anche senza corso preparandomi da me. Di elettronica devo fare solo un veloce ripasso, per le regole radioamatoriali ci va solo un po' di impegno, quello che devo approfondire di più sarà la parte radiotelecomunicazione, tipo formule regole propagazione delle onde.




Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
Tessera n° 223

Offline Salvo70

  • Socio I.S.A.A.
  • *
  • 303
Re:Didattica del radioscolto amatoriale
« Risposta #90 il: Mar 24/05/2016, 09:50 »
Per quel che riguarda associazioni o contributi per corsi sono d'accordo con Riky anche se sarebbe più corretto dire " se ti associ hai i corsi gratis altrimenti paghi una quota".
Io mi sono associato a ISAA per dare il mio contributo e dire grazie a tutti quelli che dedicano parte del loro tempo per darmi la possibilità di usufruire di news tradotte e delucidazioni seguendo le discussioni.


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
Tessera n° 223

Offline Michael

  • *
  • 6.509
  • Amministratore olografico d'emergenza
    • @signaleleven
    • Signal Eleven
Re:Didattica del radioscolto amatoriale
« Risposta #91 il: Mar 24/05/2016, 21:39 »
Per quel che riguarda associazioni o contributi per corsi sono d'accordo con Riky anche se sarebbe più corretto dire " se ti associ hai i corsi gratis altrimenti paghi una quota".

Beh, ma dov'è la differenza? Se ti associ hai i corsi gratis, altrimenti paghi una quota pari...alla quota associativa. E ti associ gratis :)

È sempre difficile "vendere" qualcosa. Mentre è più semplice raccogliere tessere. Se l'effetto è lo stesso, preferisco pagare una tessera che pagare un corso.

Con ISAA è lo stesso, praticamente tutto quello che facciamo è disponibile gratuitamente, ma se volessimo, ad esempio, rendere fruibile il forum solo "a pagamento"....beh, sarebbe aperto ai soli membri, non venderemmo biglietti ai non membri :)
Michael
ISAA - Stratospera - AstronautiCAST
http://www.astronauticast.com
http://www.signal-eleven.com

Offline Salvo70

  • Socio I.S.A.A.
  • *
  • 303
Re:Didattica del radioscolto amatoriale
« Risposta #92 il: Mer 25/05/2016, 00:09 »
Per quel che riguarda associazioni o contributi per corsi sono d'accordo con Riky anche se sarebbe più corretto dire " se ti associ hai i corsi gratis altrimenti paghi una quota".

Beh, ma dov'è la differenza? Se ti associ hai i corsi gratis, altrimenti paghi una quota pari...alla quota associativa. E ti associ gratis :)

È sempre difficile "vendere" qualcosa. Mentre è più semplice raccogliere tessere. Se l'effetto è lo stesso, preferisco pagare una tessera che pagare un corso.

Con ISAA è lo stesso, praticamente tutto quello che facciamo è disponibile gratuitamente, ma se volessimo, ad esempio, rendere fruibile il forum solo "a pagamento"....beh, sarebbe aperto ai soli membri, non venderemmo biglietti ai non membri :)
Non voglio entrare in merito a costi o non costi, giusto o sbagliato anche perché non ho approfondito la cosa, però credo che nell'associarsi siano compresi servizi e/o attività uso della stazione radio ecc.. oppure lo fanno per scoraggiare chi, preso dall'euforia primaverile, vuole diventare radioamatore e invece alla fine accorgersi di aver speso solo dei soldi inutilmente.

Per quel che riguarda ISAA, sarà perché rispecchia la mia passione, ma almeno un piccolo contributo ci può stare.
Tessera n° 223

Offline IK1ODO

  • *
  • 5.721
  • S = -k log (W)
    • https://www.facebook.com/marco.bruno.927980
    • https://plus.google.com/113260597352108277456/posts
Re:Didattica del radioscolto amatoriale
« Risposta #93 il: Mer 25/05/2016, 09:00 »
Non voglio entrare in merito a costi o non costi, giusto o sbagliato anche perché non ho approfondito la cosa, però credo che nell'associarsi siano compresi servizi e/o attività uso della stazione radio ecc.. oppure lo fanno per scoraggiare chi, preso dall'euforia primaverile, vuole diventare radioamatore e invece alla fine accorgersi di aver speso solo dei soldi inutilmente.

Come detto sopra non amo l'ARI e non so nemmeno a quanto ammonti la quota associativa. Ma ricordo che la parte più grande va a stampa e distribuzione di RadioRivista; poi ci saranno gli affitti delle sezioni, e qualche altra spesa. Non tutte le sezioni hanno una sala radio, anzi.
Non mi è mai venuto in mente, nè ho mai sentito dire, che ci sia una qualsivoglia minima intenzione di scoraggiare chiunque. Se ti dedichi al radiantismo seriamente, in una qualunque delle mille attività che questo comporta, la spesa della quota associativa diventa piccola rispetto al costo delle attrezzature. Non ricordo che nessuno abbia mai sollevato obiezioni su questo. Puoi sempre associarti solo per l'anno dell'esame, e poi non rinnovare.
Per alcuni anni, attorno al 1973-1978, ho tenuto io i corsi di teoria a Torino. Al tempo sono sicuro che il corso fosse pagato a parte, in aggiunta alla quota associativa. E i soldi non andavano ai docenti :) che prestavano servizio gratis at amoris deo!
"Lo studio e in generale l'aspirazione alla verità e alla bellezza rappresentano un ambito in cui è permesso rimanere bambini per tutta la vita" - A. Einstein

Offline isapinza

  • *
  • 1.932
  • DO NOT trust me, I'm an engineer
    • https://www.facebook.com/isapinza
    • https://plus.google.com/+IsabellaPinzauti
    • @isapinza
Re:Didattica del radioscolto amatoriale
« Risposta #94 il: Mer 25/05/2016, 09:25 »
Torniamo alla didattica  :mrgreen: :mrgreen:
Antenna...  Zio ( Micheal e tutti quelli che ne sanno :P) che mi consigli?
Ho trovato un sacco di tutorial per antenne fai da te ma siccome non ci capisco un H (e mi sta fatica  capire, confesso) hai qualche suggerimento?
---> Se quello che dico può essere interpretato in due modi ed uno dei due ti fa arrabbiare...intendevo il terzo *grin*

Offline Salvo70

  • Socio I.S.A.A.
  • *
  • 303
Re:Didattica del radioscolto amatoriale
« Risposta #95 il: Mer 25/05/2016, 09:26 »
Per scoraggiare intendevo non tanto per la quota associativa quanto per l'acquisto di una radio decente e quant'altro che poi finisce in soffitta a "mangiare" polvere.
Che i docenti prestassero servizio gratis lo davo già per scontato.
In rete ho trovato info, consigli, trucchi del mestiere e tanto altro messo a disposizione dai vari radioamatori senza far pagare nulla.


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
Tessera n° 223

Offline Salvo70

  • Socio I.S.A.A.
  • *
  • 303
Re:Didattica del radioscolto amatoriale
« Risposta #96 il: Mer 25/05/2016, 10:00 »
Giusto! Torniamo alla didattica
Io per l'antenna avrei pronta una lista della spesa per realizzare una quadri filare a polarizzazione circolare, ma ho bisogno di un aiuto.
Questa antenna è praticamente un corto circuito, come faccio ad isolarla dal mio ricevitore ed evitare danni? Esiste qualche preampli già pronto o devo costruirmi anche quello? È come?


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
Tessera n° 223

Offline RikyUnreal

  • SpaceHumor & IU4APB
  • *
  • 4.554
  • Deeply Fallen In Love
    • http://www.facebook.com/RikyUnreal
    • https://plus.google.com/113216210094336701508
    • @RikyUnreal
    • Il mio sito
Re:Didattica del radioscolto amatoriale
« Risposta #97 il: Mer 25/05/2016, 10:06 »
Ultima cosa, poi torno in topic anche io: non vorrei essere frainteso, non vi sto spingendo ad associarvi!  :P

Io stesso ho frequentato la sezione per un po' di tempo prima di diventare socio proprio perché avevo i vostri stessi dubbi riguardo l'utilità o meno di pagare la quota (68€/anno) e tra l'altro nessuno mi ha mai fatto pressioni.

Ed è proprio questo che vi suggerisco di fare: date un'occhiata senza impegno a quello che vi offre la vostra sezione e conoscete persone.
Nel mio caso mi è stato utile per muovere i primi passi nel mondo del radiantismo.
  

Offline IK1ODO

  • *
  • 5.721
  • S = -k log (W)
    • https://www.facebook.com/marco.bruno.927980
    • https://plus.google.com/113260597352108277456/posts
Re:Didattica del radioscolto amatoriale
« Risposta #98 il: Mer 25/05/2016, 22:57 »
Tornando in topic, Isa, fatti un dipolo verticale.
La descrizione di massima è questa:



Ogni braccio è lungo l/4 alla frequenza centrale della banda di interesse. Per la banda aeronautica la fonia va da 118 a 136 MHz, quindi il centro banda è 127 MHz, a cui corrisponde una lunghezza d'onda di 300/127= 2,36 m. Il lambda/4 fa 59 cm; per vari motivi gli elementi vanno accorciati di qualche %, quindi li taglierei a 57 cm, misurati dal centro dell'isolatore (quindi ancora un pò più corti).
In quella che vedete nelle foto ho usato un pezzo di plastica avanzato e due stecche degli scaffali Ikea (Ivar, credo). Questo è l'Ikea dipole... :)
Va messo in verticale in quanto i segnali usati per comunicare con i mezzi mobili in genere sono polarizzati verticalmente.
Il diametro delle stecche, il tipo di materiale, la distanza al centro e la lunghezza esatta NON sono critici; per ascoltare funziona sempre. Non è critica nemmeno la verticalità, se fosse a 45° perderesti teoricamente 3 dB, e non cambia nulla.
Il cavo può essere, per iniziare, del cavo coassiale da CB (RG58C/U) o anche normale cavo da antenna televisiva, che si trova in qualunque fai-da-te. Però poi c'è il problema di entrare nel dongle, per cui forse conviene tagliare via l'antennina in dotazione (che tanto è solo uno stecchino d'acciaio, non vale nulla) e usare quel cavo lì che è già intestato MCX.
Ignora, per iniziare, la bobina che vedi nelle mie foto, fatta con tre o quattro spire dello stesso cavo. Serve a bilanciare le correnti nel cavo verso il ricevitore, ma per il tuo uso fa poca differenza. Questo dipolo doveva essere usato come reference per una misura, e quindi l'ho fatto in fretta (venti minuti) ma al meglio possibile. Mi sono fatto una scorta di stecche degli scaffali, tagliate a diverse lunghezze. Poco professionale, ma funziona, eccome.
Se non hai le stecche Ikea puoi usare ferro recuperato da stendini, filo di rame rigido, due pezzi di metro flessibile, tubetto di ottone da modellismo, tubetto di alluminio, e così via.
L'importante è che sia messo in una zona il più possibile libera, il più possibile lontano dal PC (riceverà una barca di rumore e segnali dal PC stesso, niente da fare su questo se non metterlo a 10 m di distanza e allungare il cavo), sostenuto da un supporto isolante (legno o un tubo di PVC da impianti elettrici), più o meno a metà fra pavimento e soffitto.
Se poi potessi metterlo fuori su un terrazzo, magari a due m da terra, con un cavo un pò lungo... meglio ancora.

Poi una volta o l'altra vi racconterò dei DX fatti con una cassetta dell'acqua minerale come antenna in 144 MHz...  :mrgreen:
"Lo studio e in generale l'aspirazione alla verità e alla bellezza rappresentano un ambito in cui è permesso rimanere bambini per tutta la vita" - A. Einstein

Offline Salvo70

  • Socio I.S.A.A.
  • *
  • 303
Re:Didattica del radioscolto amatoriale
« Risposta #99 il: Mer 25/05/2016, 23:42 »
Finalmente un po' di laboratorio
Questa è meno impegnativa e più facile da piazzare rispetto alla QHF.
Se ho del materiale domani provo a farla.


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
Tessera n° 223