ForumAstronautico.it

The Voyage of the Spabe Beagle - A.E. van Vogt

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline sinucep

  • IZ3VJQ
  • *
  • 1.158
  • IZ3VJQ
The Voyage of the Spabe Beagle - A.E. van Vogt
« il: Lun 29/08/2016, 10:49 »
Ho letto la prima parte di questo romanzo (una delle pietre miliari della fantascienza) che in italiano è stato intitolato "Crociera nell'infinito". Molto bello da leggere!
Ci sono molti elementi che lo rendono interessantissimo come la figura del nexialist (connettivista nella traduzione italiana).


Bellissime le considerazioni che vengono fatte a riguardo della città aliena la cui civiltà l'aveva da tempo abbandonata (la riporto più o meno come me la ricordo):

Citazione
Un pianeta solitario senza lune e distante milioni di anni luce dalla stella più vicina non avrebbe permesso ai sui abitanti di poter diventare una civiltà spaziale a piccoli passi come è stato per i terrestri. Noi prima abbiamo colonizzato la Luna, poi Marte, poi visitato il sistema di Alpha Centauri. Mentre qui non c'è niente di niente, hanno dovuto iniziare subito coi viaggi interstellari...

Molto intrigante se si pensa che, quando il primo racconto fu scritto, il primo viaggio sulla Luna era ancora lontano dall'essere pensato.
Poi è molto strano leggere di questa gabbia con serratura elettromeccanica di massima sicurezza che non era sorvegliata da nessuna telecamera ma solo da un "audioscopio" che veniva utilizzato direttamente dal personale di bordo un paio di volte per notte. Poi c'erano un paio delle guardie che facevano il loro giro dell'astronave ad una certa ora della notte per controllare che tutto fosse a posto. Niente videosorveglianza, niente log, niente registrazioni.. che futuro diverso!

E poi la sala del centralino dalla quale avvenivano tranquillamente telefonate in tempo reale all'atro capo della galassia  :nerd:

Per chi volesse iniziare a leggerlo, ho trovato facilmente l'e-book online.



« Ultima modifica: Mar 30/08/2016, 16:11 da sinucep »

Offline Nansuchao

  • *
  • 169
Re:The Voyage of the Spabe Beagle - A.E. van Vogt
« Risposta #1 il: Mar 30/08/2016, 14:16 »
Libro fantastico ed inaspettatamente profondo. Lo lessi da bambino, fu uno dei primi che acquistai della fantastica collana "100 pagine 1000 Lire".
L'ho riletto un paio di anni fa, ritrovando tutto il suo fascino e la sua magia, dal mitico Grosvenor, il Connettivista, a tutte le varie razze aliene incontrate nel viaggio della Space Beagle.

Oggi purtroppo quella categoria di scrittori si è estinta. :cry:
Una Mercury chiude i portelli a Terra Argon, un Kestrel scompare a Seizewell

Re:The Voyage of the Spabe Beagle - A.E. van Vogt
« Risposta #2 il: Dom 04/09/2016, 20:14 »
Anche una categoria di lettori si é estinta, o si sta estinguendo.

Oggi i ragazi guardano solo film con spara-spara ed effetti speciali.

Non é nella mia biblioteca dei 500... lo leggerò! Grazie sinuceup
<ISAA n°119> | È vero, ho scalato montagne e ho camminato in luoghi remoti. Ma come avrei potuto vedervi se non da una grande altitudine o da una grande distanza? In verità, come si può essere vicini se non si conosce la lontananza? (Khalil Gibran)