ForumAstronautico.it

A Spinoff a Day – I laser come mezzo di trasmissione dell’energia

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline astronautinews

  • *
  • 1.562
  • Il portale di notizie dell'associazione ISAA
    • http://www.facebook.it/astronautinews
    • https://plus.google.com/u/0/110521588293795504129
    • @astronautinews
    • AstronautiNEWS
A Spinoff a Day – I laser come mezzo di trasmissione dell’energia

Titolo
Dall’ascensore spaziale dei romanzi di Arthur Clarke arriva una soluzione per dare energia costante a droni in volo con l’utilizzo dei laser.
Articolo completo: A Spinoff a Day – I laser come mezzo di trasmissione dell’energia

Chissà fino a che distanza può essere coerente un laser. Volendo colpire Marte con il fascio più stretto possibile? Qualcuno dei teccnici lo sa dire a peu prés?
<ISAA n°119> | È vero, ho scalato montagne e ho camminato in luoghi remoti. Ma come avrei potuto vedervi se non da una grande altitudine o da una grande distanza? In verità, come si può essere vicini se non si conosce la lontananza? (Khalil Gibran)

Offline amoroso

  • *
  • 11.166
    • http://google.com/+PaoloAmoroso
    • @amoroso
    • Paolo Amoroso
Chissà fino a che distanza può essere coerente un laser. Volendo colpire Marte con il fascio più stretto possibile? Qualcuno dei teccnici lo sa dire a peu prés?
Ne abbiamo discusso qui.

Online IK1ODO

  • *
  • 5.719
  • S = -k log (W)
    • https://www.facebook.com/marco.bruno.927980
    • https://plus.google.com/113260597352108277456/posts
la divergenza del fascio è limitata dall'apertura del telescopio, e poi dalla turbolenza atmosferica.
A spanne, con un telescopio da 1 m in condizioni ideali, la risoluzione è di 0,2", e il fascio a 70 milioni di km è largo 70 km.
Ammesso di "sparare" 1 kW avresti 300 mW per km2, e 0,3 microW per m2.
Invece sulla Luna avresti uno spot di circa 380 metri, e credo che chi fa misure di distanza sui retroflettori usi aperture del genere.
Quindi ci va MOLTA più potenza, e MOLTA più apertura per avere un fascio stretto, per trasferire energia a qualcosa così distante. Ovviamente quella descritta nell'articolo è un'altra cosa, e funziona bene su distanze ridotte.
"Lo studio e in generale l'aspirazione alla verità e alla bellezza rappresentano un ambito in cui è permesso rimanere bambini per tutta la vita" - A. Einstein

Offline amoroso

  • *
  • 11.166
    • http://google.com/+PaoloAmoroso
    • @amoroso
    • Paolo Amoroso
Mi pare di avere letto che alla distanza della Luna il fascio puntato verso i retroriflettori è dell'ordine di una decina di km.

Online IK1ODO

  • *
  • 5.719
  • S = -k log (W)
    • https://www.facebook.com/marco.bruno.927980
    • https://plus.google.com/113260597352108277456/posts
Mi pare di avere letto che alla distanza della Luna il fascio puntato verso i retroriflettori è dell'ordine di una decina di km.

Sono stato molto ottimista. Penso usino un fascio più largo per avere meno problemi di puntamento - centrare un punto a 0,2" è follia.
"Lo studio e in generale l'aspirazione alla verità e alla bellezza rappresentano un ambito in cui è permesso rimanere bambini per tutta la vita" - A. Einstein

Grazie! Beh, intanto vediamo cosa riescono a "quagliare" con la ISS, é il primo passo verso qualcosa mai fatto prima.
« Ultima modifica: Mar 01/11/2016, 12:51 da Astro_Livio »
<ISAA n°119> | È vero, ho scalato montagne e ho camminato in luoghi remoti. Ma come avrei potuto vedervi se non da una grande altitudine o da una grande distanza? In verità, come si può essere vicini se non si conosce la lontananza? (Khalil Gibran)

Offline Buzz

  • Beam me down, EDRS!
  • *
  • 7.491
    • EDRS Space Data Highway
Sono stato molto ottimista. Penso usino un fascio più largo per avere meno problemi di puntamento - centrare un punto a 0,2" è follia.
C'è chi regolarmente punta un laser verso un bersaglio che si muove a 7 km/s con una precisione di pochi microradianti. Non arriviamo a 0.2" ma ci picchiamo vicino ;)

Per la dimensione del fascio, per fare un'idea, un laser che parte in GEO da un telescopio di una decina di cm, in LEO a circa 40 mila km di distanza è largo circa 6-700 m.
Tutto questo ovviamente senza la diffrazione dell'atmosfera...
Par l’espace, l’univers me comprend et m’engloutit comme un point; par la pensée, je le comprends. (Blaise Pascal).
An age is called Dark not because the light fails to shine, but because people refuse to see it. (James Michener)

Offline Acris

  • *
  • 2.655
Sergio, basta spoilerare la tua conferenza però!  :tease:
Sennò non vengo a sentirti!  :evil:
Solo due cose sono infinite, l'universo e la stupidità umana, e non sono sicuro della prima

A.Einstein

Offline Buzz

  • Beam me down, EDRS!
  • *
  • 7.491
    • EDRS Space Data Highway
Sergio, basta spoilerare la tua conferenza però!  :tease:
Sennò non vengo a sentirti!  :evil:
Il calcolo dovrebbe essere abbastanza facile: 600 metri di larghezza (diametro) del fascio, vuol dire che con un errore di puntamento di 300 m manchi il bersaglio.
300 m a una distanza di 40mila km vuol dire l'arcotangente di 0.3/40000, ovvero circa 7 microradianti, o 1.5" se vogliamo parlare in gradi sessagesimali.

Insomma, un ordine di grandezza di troppo rispetto a quello che vorrebbe avere zio IK1ODO :(
« Ultima modifica: Mer 02/11/2016, 22:14 da Buzz »
Par l’espace, l’univers me comprend et m’engloutit comme un point; par la pensée, je le comprends. (Blaise Pascal).
An age is called Dark not because the light fails to shine, but because people refuse to see it. (James Michener)

Online IK1ODO

  • *
  • 5.719
  • S = -k log (W)
    • https://www.facebook.com/marco.bruno.927980
    • https://plus.google.com/113260597352108277456/posts
Tutto corretto, io avevo considerato il fascio piú stretto ottenibile da un telescopio di 1 m, limitato dalla diffrazione. Nella realtà si usano fasci ben piú grandi.
"Lo studio e in generale l'aspirazione alla verità e alla bellezza rappresentano un ambito in cui è permesso rimanere bambini per tutta la vita" - A. Einstein