ForumAstronautico.it

Tesi specialistica in Ing. Energetica su produzione di energia su Luna e Marte

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Salve a tutti.
Sperando che sia questa la sezione giusta..........partiamo con la richiesta di consigli
Mi scuso da subito per la lunghezza del messaggio ma vorrei che il quadro generale sia chiaro.  :death:

La mia tesi specialistica verterà su uno studio di producibilità sulla luna e su marte. Cercherò di analizzare tutto quello che si potrebbe usare nell'immediato come il solare, il nucleare, l'eolico e quant'altro.

A monte di tutto questo giro, ho voluto contestualizzare la tesi e nell'ambito di ua caratterizzazione ambientale dei siti (Utopia planitia per marte, sito di viking 2; Mons Malapert per la luna) mi posso avvalere del Mars Climate database e del mio buon senso per la luna, dato che quanto meno non ci sono interferenze con atmosfera e altre balle varie. Sulla luna mi aspetto una illuminazione pulita e continua, fintanto che un pannello fotovoltaico con solar tracker può seguire il sole.

Ho voluto immaginare di avere un carico da alimentare. Questo carico l'ho voluto identificare in un Habitat di Mars Direct. Un bell'habitat cilindrico di cui fare una analisi energetica per capirne le perdite per dispersione e per il quale dimensionare un semplice sistema ECLS (devo ancora capire come). Conoscendo questo fabbisogno e la caratterizzazione ambientale dei miei siti, partirei con lo studio di producibilità.

Usando il programma HOMER energy, potrei anche dimensionare una semplice microrete.


PREMESSO TUTTO QUESTO, i consigli/aiuti che mi piacerebbe avere riguardano:

1) Di quali materiali può effettivamente essere composto un habitat sul modello di MArs direct? Che spessori e conducibilità avrebbero questi materiali?

2) Come potrei dimensionare un sistema ECLS di massima per 4 astronauti e che faccia fronte alle caratteristiche ambientali (interne ed esterne) che io impongo? Ho considerato Biosim e Ecosim (di cui posso avere solo una demo....)

3) Pensate che il software ILIADS della nasa sia utile ad ottenere dati quali irraggiamento solare ed ore di insolazione di un sito o serve solo a creare un modello 3D di un determinato sito? Se non dovesse essere adatto, esiste un corrispettivo per la luna del MArs Climate Database?

Vi ringrazio tutti.
Here's another goddam turd

 - Cernan, Apollo 10

Offline Buzz

  • Beam me down, EDRS!
  • *
  • 7.487
    • EDRS Space Data Highway
1) Di quali materiali può effettivamente essere composto un habitat sul modello di MArs direct? Che spessori e conducibilità avrebbero questi materiali?
Lo stato dell'arte attuale per le strutture primarie è l'alluminio, però la vedo dura far atterrare moduli così pesanti. Quindi io punterei su materiali compositi per moduli gonfiabili...

2) Come potrei dimensionare un sistema ECLS di massima per 4 astronauti e che faccia fronte alle caratteristiche ambientali (interne ed esterne) che io impongo? Ho considerato Biosim e Ecosim (di cui posso avere solo una demo....)
Ti consiglierei di partire dallo SMAD per Human Spaceflight: Human Spaceflight: Mission Analysis and Design
Contiene moltissime tabelle proprio per il dimensionamento dei sistemi spaziali in studi di fattibilità, che è quello che serve a te per la tesi...

Se vuoi andare più in dettaglio sull'ECLSS, allora puoi anche guardare l'Eckart: Spaceflight Life Support and Biospherics.

I due libri sono entrambi un po' vecchiotti, quindi il TRL riportato potrebbe non essere aggiornato. Ma i principi di base e i bilanci di massa e di energia sono sempre quelli ;)

3) Pensate che il software ILIADS della nasa sia utile ad ottenere dati quali irraggiamento solare ed ore di insolazione di un sito o serve solo a creare un modello 3D di un determinato sito? Se non dovesse essere adatto, esiste un corrispettivo per la luna del MArs Climate Database?

Vi ringrazio tutti.

[/quote]
Par l’espace, l’univers me comprend et m’engloutit comme un point; par la pensée, je le comprends. (Blaise Pascal).
An age is called Dark not because the light fails to shine, but because people refuse to see it. (James Michener)