Associazione ISAA
ForumAstronautico
AstronautiNEWS
AstronautiCAST
AstronautiCON
StratoSpera
ForumAstronautico.it

[2004-07] Luglio 2004 - ISS Mission Log

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Luca

  • TFNG Team - Testicula tacta, omnia pericula iacta!
  • *
  • 7.118
    • https://plus.google.com/u/0/
    • @Spazionauta
    • ISAA Council Member
[2004-07] Luglio 2004 - ISS Mission Log
« il: Gio 02/02/2006, 14:14 »
Libera traduzione e adattamento dell'articolo "Orbital operations" di Neville Kidger, pubblicato sul numero del mese di Ottobre 2004 Vol. 46 della rivista "Spaceflight" della BIS.

Luglio 2004
La nona Expedition sull'International Space Station, composta dal Comandante russo Gennadi Padalka e dall'Ingegnere del Volo americano, nonchè Ufficiale Scientifico della NASA Mike Fincke, ha trascorso la maggior parte del primo periodo del mese pulendo e riordinando la Stazione, dopo la riuscita dell'EVA avvenuta fra il 30 Giugno e l'1 Luglio, e che ha visto i due astronauti sostituire un circuit braker guasto, che controllava uno dei giroscopi della Stazione.
Le attività scientifiche, di manutenzione e di carico del cargo non abitato, con il materiale non più utile, hanno invece occupato la parte centrale del mese; prima dell'inizio dell'inizio dei preparativi per la loro altra attività extraveicolare, fissata per il 3 Agosto.
L'1 Luglio i controllori di Houston hanno attivato il giroscopio, uno dei tre giroscopi funzionanti, che controllano l'attitudine del Complesso evitando l'utilizzo dei propulsori.
A tale riguardo la NASA ha comunicato: "Dopo un normale aumento progressivo della velocità, avvenuto nel corso di diverse ore, il Control Moment Gyroscope 2 appena riparato ha raggiunto la sua velocità nominale di 6600 rivoluzioni al minuto (alle 19:30 GMT)."
Il 2 Luglio il giroscopio è stato unito all'azione degli altri due funzionanti, per partecipare attivamente al controllo della Stazione, alle 12:20 GMT, visto che i tests svolti la notte, avevano qualificato le sue prestazioni per il controllo attitudinale del Complesso.
Nel frattempo la NASA aveva confermato che i controllori russi del TsUP di Korolev avevano pompato dell'aria dalla Progress, all'ISS, per ripristinare la normale pressione atmosferica, dopo le operazioni che hanno coinvolto la camera di decompressione russa Pirs, durante lo svolgimento dell'EVA.
I lavori urgenti, per l'equipaggio, hanno riguardato le tute Orlan-M appena usate, che sono state appese per asciugare e le attrezzature da EVA, che sono state riposte. Inoltre, gli spazionauti hanno tenuto una videoconferenza con gli esperti di attività extraveicolari del centro spaziale americano. Le batterie delle tute sono state ricaricate, le sacche dell'acqua di raffreddamento sono state riempite, e sono stati rimossi i serbatoi dell'ossigeno.
Agli astronauti è stato concesso un weekend esteso nell'ambito delle festività relative all'Indipendence Day americano. Houston ha fatto una sorpresa a Fincke, facendolo parlare con sua madre che era in visita alla sala di controllo, l'1 Luglio.
Fincke ha interrotto il suo riposo, per eseguire un'altra dimostrazione scientifica, sempre nell'ambito della registrazione di filmati educativi per conto della NASA. Il soggetto del progetto "Saturday Science" era la fotografia dell'esperimento Binary Colloid Alloy Test, posto su un tavolo da lavoro nel Laboratorio Destiny. Inoltre Fincke ha lavorato su di un hard drive guasto di un computer del Destiny, ed ha svolto una sessione ham radio con una scuola turca.
Nel corso del proprio tempo libero, Padalka ha completato una sessione con l'esperimento dell'ESA Cardiocog per lo studio del proprio sistema cardiovascolare, e il 6 Luglio ha svolto un'altra sessione con l'esperimento Neurocog sempre dell'Agenzia Spaziale Europea.
La settimana di lavoro accorciata, ha visto inoltre Fincke indagare sui problemi delle tute da EVA americane con il loro sistema di raffreddamento. Tali problemi si pensava risiedessero nelle pompe delle tute medesime. Queste pompe fanno circolare l'acqua nella tuta, al fine di refrigerare gli spazionauti o di riscaldarli.
A metà settimana, Padalka e Fincke hanno usato un sistema avanzato agli ultrasuoni per eseguire la scansione della densità del proprio tessuto osseo. La NASA ha dichiarato a proposito di tale esperimento, che esso "ha dimostrato che la trasmissione ad un medico di volo, poteva essere compiuta molto velocemente." Tale tecnologia sarà utile sulla Terra, in quei casi in cui è necessaria la prima diagnosi su una vittima di un incidente. Anche delle persone con una minima esperienza di pronto soccorso saranno in grado di trasmettere informazioni da luoghi remoti, a dottori che potranno valutare la situazione, prima di far trasportare la vittima all'ospedale. Le diagnosi precoci, unite ad un opportuno trattamento usando questo tipo di telescienza, potrebbero salvare diverse vite.
Il 7 Luglio è stata fatta la prova di ingresso e seduta nella Soyuz, da parte degli astronauti, con addosso le tute da lancio/rientro Sokol.
Sul finire della settimana lavorativa, i due, con la supervisione di Houston e Mosca, hanno tenuto una prova completa di emergenza antincendio. Simili prove vengono periodicamente tenute a bordo del Complesso, per mantenere l'efficienza dell'equipaggio, con le procedure d'emergenza.
Sono stati anche presi dei campioni di acqua, che sono stati subito analizzati. Le regolari attività di pulizia e manutenzione hanno riguardato i fans e le griglie del sistema di ventilazione russo. A seguito di due falsi allarmi, i due hanno anche pulito tutti i detectors del fumo.
Nel corso del periodo di relax del weekend, Padalka ha terminato una sessione con l'esperimento medico russo Pulse, ed ha completato un'altra sessione con l'esperimento dell'ESA ETD (Eye Tracking Device). Fincke ha eseguito una dimostrazione con l'esperimento In-Space Soldering Investigation, nel Destiny, come parte delle sue dimostrazioni educazionali.
La nuova settimana lavorativa del 12 luiglio, è iniziata con un'altra sessione dell'esperimento russo che prevede la misurazione della massa corporea e del volume dei polpacci degli astronauti.
Di seguito, Padalka e Fincke hanno fatto altri esperimenti biomedici, incluso un esperimento russo, chiamato Profilaktika, volto a misurare la condizione cardiovascolare di Padalka mentre sta pedalando sul veloergometro dello Zvezda. Sul finire della settimana, sono state fatte le analisi del sangue, e si sono tenuti dei tests cardiovascolari.
L'ente spaziale americano ha comunicato che Fincke aveva operato con un esperimento sulle dinamiche dei fluidi, nel Lab Destiny (l'esperimento Fluid Merging Viscosity Measurement), per valutare le modalità con le quali delle sfere di liquido emesse da alcune siringhe, migrano in condizioni di microgravità per formare una singola sfera.
Fincke ha anche svolto l'esperimento Viscous Liquid-Foam-Bulk Metallic Glass, per testare le proprietà della schiuma in un ambiente in microgravità, usando un elettrodo da saldatura per scaldare le unità di schiuma.
Di seguito, Fincke ha preparato la fotocamera EarthKam, su un finestrino del nodo Unity, in modo tale da permettere a degli studenti di eseguire delle ricognizioni fotografiche da terra, delle zone di loro interesse. Questa volta, gli studenti hanno effettuato ben 1856 scatti, nel corso di alcuni giorni. Dal canto suo, l'astronauta americano ha scattato oltre 10000 fotografie della superficie terrestre, la maggior parte delle quali può essere consultata sui siti della NASA.
L'ente americano ha informato che l'equipaggio ha passato dell'altro tempo nel caricare il cargo Progress M-49 con il materiale non più utile. Il sistema automatico di rendezvous Kurs della capsula cargo, è stato come al solito rimosso dalla capsula, e predisposto per il suo ritorno sulla Terra, dove verrà riutilizzato per un altro volo.
Il 15 Luglio, gli ingegneri russi hanno tentato senza successo di caricare degli aggiornamenti di software, nei computers del modulo Zvezda, in previsione dell'arrivo, alla fine del 2005, del primo di una seri, di veicoli automatici europei: l'Automated Transfer Vehicle (ATV).
Gli ingegneri della NASA avevano lavorato, in precedenza, sullo scenario relativo alla massimizzazione delle comunicazioni, nell'eventualità in cui l'operazione di aggiornamento poteva causare una perdita di potenza sul Complesso, con un conseguente perdita del controllo attitudinale. Padalka aveva preparato i laptop computers russi in vista dell'attività di aggiornamento. Infine gli specialisti russi si sono messi al lavoro per capire le cause dell'insuccesso, pianificando un nuovo tentativo per l settimana successiva.
Padalka ha sostituito una unità di multifiltrazione scaduta nel condensate water processor del modulo Zvezda, il 12 Luglio, e durante il 16 Luglio egli ha sostituito una pompa sempre dello Zvezda, che si era guastata il 14 Luglio "causando la temporanea perdita di uno dei due circuiti ridondanti che forniscono la refrigerazione dei sistemi del segmento russo". Il circuito di raffreddamento di backup ha comunque mantenuto tutti i sistemi russi alle temperature appropriate, fino al completamento delle operazioni di manutenzione. Ora, entrambi i circuiti di refrigerazione stanno funzionando nominalmente. Infine, il comandante russo ha sostituito il pannello di una pompa a fluido refrigerante, nello Zarya.
I due hanno anche partecipato alle attività televisive della NASA TV, per delle interviste e degli eventi particolari.
nel corso della settimana, Fincke ha potuto comunicare, anche televisivamente con un team di ricerca della NASA, situato nel sottomarino "Aquarius", come parte delle attività del NASA Extreme Enviroment Mission Operations (NEEMO), che vengono svolte al largo delle coste di Key Largo, Florida.
Questa settimana ha anche visto l'esecuzione di un paio di simulazioni di emergenze di bordo, al fine di mantenere attento e concentrato l'equipaggio, riguardo alle emergenze mediche e alle depressurizzazioni accidentali.
La NASA ha osservato che, per via dell'alta angolazione del Sole, e dell'attitudine del Complesso, nessuno degli obiettivi previsti per le osservazioni della superficie terrestre, era in favore delle macchine da ripresa dell'ISS, per la maggior parte della settimana.
L'appuntamento con il Saturday Science Educational di Fincke ha riguardato l'osservazione della superficie terrestre, con particolare attenzione all'inquinamento.
Il 19 Luglio, all'inizio di un'altra settimana lavorativa, i due astronauti hanno oltrepassato la metà del loro periodo di volo, ed hanno celebrato il 35esimo anniversario del primo allunaggio umano, di Neil Armstrong e Edwin Aldrin. Di seguito Fincke ha rimosso la pompa dell'acqua, in sospetta avaria, della tuta americana EMU numero 3013, ed ha svolto una ricognizione fotografica e video della medesima, per permettere agli ingegneri di Houston di eseguire le opportune indagini. Purtroppo tali indagini non hanno avuto esito positivo, nella risoluzione del problema. Altre due pompe di ricambio saranno a bordo della prossima Progress (M-50), il cui lancio è previsto per l'11 Agosto.
Il report settimanale della NASA ha riferito di un guasto, il 19 Luglio, di un computer del radiatore termico inattivo del lato stelle della Stazione, anche se tale inconveniente non ha inficiato le attività di bordo. Questo radiatore non è in uso nella corrente configurazione della Stazione, benché fino a quel momento tale sistema avesse fornito ai controllori il monitoraggio delle temperature e delle pressioni su tutto l'hardware. Tale sistema non verrà impiegato se non dopo l'effettuazione di diverse missioni dello Shuttle, dal Return to Flight.
Di seguito sono proseguite le operazioni di carico della Progress M-49, con materiale destinato alla distruzione. prevista alla fine di Luglio. Il propellente residuo nella Progress, è stato trasferito il 20 di Luglio nei serbatoi dell'ISS.
La NASA ha riferito di un'altra interruzione nel funzionamento dell'unità Elektron, il 20 Luglio, per il solito problema di formazione di bollicine di aria. Il giorno seguente, l'unità è stata riportata in funzione.
Sempre durante la giornata del 21 Luglio, è stato portato a termine con successo il secondo tentativo di carico del nuovo software russo (versione 7.2). Padalka e Fincke hanno dovuto disattivare, per brevi periodi, il generatore di ossigeno Elektron, lo scrubber della CO2 Vozdukh, il condizionatore dell'aria SKV-1, l'unità di filtrazione delle impurità BMP e diverse unità di controllo termico dello Zvezda e del Pirs. Il giorno seguente, Padalka ha riconfigurato i laptop computers.
Il cosmonauta ha quindi svolto le manutenzioni di routine sui sistemi di ventilazione russi, e Fincke ha rilevato le pressioni nei pressi del finestrino di nadir del Destiny, non rilevando perdite misurabili. L'americano ha anche effettuato dei rilievi fonometrici, sui livelli di rumore del Complesso.
Nel corso del 22 Luglio, l'equipaggio ha iniziato a cercare l'equipaggiamento che avrebbe dovuto installare nelle proprie tute da EVA Orlan-M, nell'ambito del primo round di preparativi per la successiva escursione spaziale, pianificata per il 3 Agosto. I preparativi hanno incluso anche lo svolgimento di appropriati esercizi fisici, con le mani e le braccia, con la cyclette statica dello Zvezda.
Più tardi, Padalka e Fincke hanno manovrato il Canadarm2 in una posizione tale da permettere alle videocamere del braccio di poterli riprendere durante l'EVA. Il 23 Luglio, i due spazionauti hanno ripassato attentamente le timeline della spacewalk, assieme agli specialisti di Mosca.
L'ultima settimana di Luglio è stata importante, perché è avvenuto il distacco del cargo Progress M-49, che dopo aver compiuto la sua missione di rifornimento della Stazione, ha fatto spazio per l'EVA del 3 Agosto.
Prima di colazione, come al solito, l'inizio della settimana lavorativa è stato segnato dai rilevamenti della massa corporea dell'equipaggio, e del volume dei loro polpacci. Gli altri tests medici svolti nel corso della settimana, in vista dell'EVA, hanno riguardato lo studio dell'attività cardiovascolare sotto sforzo.
I due si sono imbarcati pienamente nei preparativi per l'EVA. Le attività hanno riguardato i controlli e le sostituzioni di alcune parti delle tute Orlan, e la raccolta delle attrezzature e degli esperimenti che verranno sistemati al di fuori del modulo Zvezda, ed attaccati al Russian Equipment Carrier (KPU).
Il 27 ed il 28 Luglio, si sono svolte le ultime operazioni di pompaggio di aria dalla Progress M-49 al Complesso. A metà settimana si sono tenuti ulteriori tests del sistema TORU e della matching unit US-21, e dell'ultimo materiale è stato scaricato dalla capsula. Il 29 Luglio è stata rimonatata la sonda di docking, e sono stati sigillati i portelli.
Alle 06:04:48 GMT del 30 Luglio, la Progress M-49, carica di oltre una tonnellata di rifiuti e di materiale non più utile, è stata fatta staccare dal Complesso. L'evento è stato ripreso da Fincke e dalla videocamera della capsula stessa.
I suoi motori sono stati accesi per 157 secondi alle 10:39:30 GMT, per dare inizio al rientro distruttivo, che in parte, è stato ripreso dalle videocamere del traliccio dell'SS, e ritrasmesso sui canali di NASA TV. Le parti della Progress che non si sono disintegrate durante il rientro, sono precipitate nell'Oceano Pacifico, a circa 3000 Km dalle coste della Nuva Zelanda.
Padalka e Fincke hanno continuato a preparare le tute Orlan, e a compiere le attività di routine, mentre la data dello svolgimento dell'EVA si stava approssimando.
L'ente americano ha riferito che Fincke ha trascorso parte del proprio weekend lavorando con l'esperimento Space Soldering Investigation . Egli ha usato delle apposite attrezzature per fondere 18 campioni da testare, documentando le differenze nelle modalità in cui le varie leghe per saldatura fondono e si risolidificano in assenza di peso. Gli scienziati sperano di capire come tali materiali si comportano in orbita. Tali tests dovrebbero aiutare a verificare le procedure per le riparazioni elettroniche durante il volo, sulla Stazione Spaziale e nei futuri veicoli da esplorazione spaziale, e sugli avamposti spaziali.
Infine, Fincke ha usato del miele per un esperimento riguardante le dimostrazioni del Saturday Science, mentre Padalka ha usato l'esperimento dell'ESA Eye Tracking Device, ed ha preparato dei files da trasmettere a terra, contenenti le letture ed i dati sulle radiazioni provenienti dall'interno e dell'esterno del Complesso.
Luca Frigerio
 - Socio e Consigliere ISAA
 - STRATOSPERA PROJECT Supporter