Associazione ISAA
ForumAstronautico
AstronautiNEWS
AstronautiCAST
AstronautiCON
StratoSpera
ForumAstronautico.it

[2002-03] Marzo 2002 - ISS Mission Log

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Luca

  • TFNG Team - Testicula tacta, omnia pericula iacta!
  • *
  • 7.118
    • https://plus.google.com/u/0/
    • @Spazionauta
    • ISAA Council Member
[2002-03] Marzo 2002 - ISS Mission Log
« il: Gio 02/02/2006, 14:28 »
Libera traduzione e adattamento degli articoli "Orbital operations" di Neville Kidger, pubblicati sui numeri dei mesi di Giugno e Luglio 2002, Vol. 44 della rivista Spaceflight.

01/03/02
L'equipaggio ha avuto la possibilità di osservare in diretta e di documentare il lancio dal KSC in Florida della missione di manutenzione dell'Hubble Space Telescope STS-109. La fotografia del lancio, mostrante la traccia del veicolo in ascesa sopra le nuvole, è stata inviata al sito web della NASA nel giro di poche ore dal lancio.
Le attività scientifiche hanno visto Walz settare un sistema per la registrazione delle dinamiche strutturali del Complesso e reimballare il contenuto del Biotechnology refrigerator per sistemare dei nuovi campioni dell'esperimento ADVASC. La terna ha anche completato i propri questionari settimanali.
Il POC ha informato che sono stati acquisiti i dati trasmessi dagli esperimenti PuFF ed EVARM posti nella Human Research Facility del Destiny.
Sono continuate le operazioni di ricarica delle batterie, la pulizia delle griglie dei fan del sistema di controllo termico dello Zvezda, e il controllo delle condizioni dei sigilli ermetici, degli estintori, e degli apparati respiratori portatili del segmento Americano. Inoltre è stata eseguita la manutenzione mensile del TVIS.
La NASA ha riferito che ci sono stati delle brevi e ripetute avarie del sistema di rimozione della CO2 Vozdukh dello Zvezda, che sono state corrette dalla sala di controllo russa del TsUP. Il sistema stava continuando a lavorare in una modalità controllata manualmente.
I due astronauti americani hanno completato la parte finale di un documentario video.

02-03/03/02
In questi due giorni di riposo si è cercato di risolvere il problema informatico sorto durante l'invio da Terra, il 24 febbraio scorso, di alcuni comandi all'Experiment on the Physics of Colloids in Space. Tutti gli sforzi attuati il giorno 2 marzo, di cambiare le unità degli hard drive dell'esperimento, sono stati vani.
Gli uomini quindi, hanno svolto i propri esercizi fisici, hanno fatto un po' di pulizie e hanno fatto gli auguri per il suo novantesimo compleanno al pioniere spaziale russo Prof. Boris Chertok.

04/03/02
Gli astronauti americani hanno lavorato con la rack ARIS-ICE, nel laboratorio Destiny, per riparare e recuperare l'esperimento dopo i problemi sorti giorni fa con uno spintore rotto.
Onufrienko ha lavorato con gli stabilizzatori di corrente e di voltaggio del sistema di alimentazione elettrica dello Zvezda, per collaudare ed isolare dei vecchi guasti. Inoltre, con Bursch ha spostato e fissato del materiale nello Zarya FGB per creare dei passaggi per il controllo termico e della ventilazione.
Più tardi, il comandante russo si è unito a Walz per condurre un test operativo con l'esperimento sponsorizzato dall'ESA Global Timing System (GTS).
I due americani si sono sottoposti reciprocamente a delle valutazioni periodiche sulla propria forma fisica, durante lo svolgimento degli esercizi quotidiani.

05/03/02
Onufrienko ha sistemato ancora delle borse e del materiale dello Zarya, e ha lavorato con il sistema di rimozione della CO2 Vozdukh dello Zvezda.
L'equipaggio ha ripassato la propria documentazione e le procedure per la missione STS-110, o missione ISS-8A, che verrà lanciata agli inizi di aprile e che porterà con sé il traliccio S0, ovvero la spina dorsale dell'ISS, che collegherà i massicci pannelli solari fra loro. Le procedure hanno riguardato ovviamente soprattutto l'operatività del braccio robotico della Stazione SSRMS, che giocherà un ruolo vitale per il posizionamento del traliccio.
Bursch ha eseguito la calibrazione del nuovo spintore dell'esperimento ARIS-ICE.
E' stato misurato l'ambiente acustico, ed è stata montata su un altro finestrino del Destiny, la telecamera EARTHKAM.
Durante il primo tentativo di spostare il Canadarm 2 dal campo di osservazione dell'EARTHKAM camera, la NASA ha riferito che il braccio "ha emesso un segnale di guasto, durante lo Stage 6A. Le analisi preliminari indicano che il circuito di frenatura del Wrist Roll Joint (Giunto rotante del Polso) potrebbe essere andato in cortocircuito. Tale circuito evita che i freni dell'SSRMS possano venire danneggiati. Il sistema di backup è ancora efficiente."
Più tardi il braccio è stato spostato dal finestrino usando appunto, il sistema di backup.
L'ente americano ha riferito che il prossimo test dell'SSRMS impiegherà solamente il sistema ridondante di backup, e che i movimenti che verranno fatti eseguire al braccio saranno tali da non permettere che esso possa rimanere fermo in una posizione dove possa interferire con le operazioni di docking dello shuttle, nell'eventualità di avarie che lo potesse bloccare.
L'ente ha anche riferito che c'era un "problema addizionale, osservato sulla RWS (la workstation robotica), durante il test, che potrebbe essere messo in relazione al nuovo software ricevuto con l'aggiornamento dell'R2."
I tecnici della base hanno eseguito dei tests del software di navigazione installato recentemente, ed essi "hanno avuto successo.
Essi hanno tracciato i vettori russi (dati sulla posizione e sulla velocità), e il software sarà attivo dopo che i ricevitori del GPS verranno installati sull'ISS durante l'imminente missione 8A."

06/03/02
Mentre l'equipaggio stava dormendo, il centro di controllo di Korolev TsUP ha comandato due accensioni dei motori della Progress M1-7. La prima è iniziata alle 03:37 e la seconda, che è durata 6,5 minuti, è iniziata alle 04:29.
Le due accensioni hanno innalzato la quota di volo del Complesso di circa 6 Km, portando la sua orbita a 390,6 x 384,7 Km.
Durante la giornata sono stati eseguiti altri rilievi acustici, e Onufrienko ha preparato il sistema video LIV, per la registrazione dell'esperimento GTS. Sono stati svolti dei lavori di manutenzione sul condensatore dell'acqua dello Zvezda (SRVK-2M) sostituendone un filtro e la colonna di filtrazione.
Gli americani hanno lavorato con il dispositivo Common Cabin Air, il Volatile Organic Analyser, il software del braccio robotico Canadarm 2 e con il monitor per le radiazioni TEPC.
Nei colloqui con la Terra si è discusso della ham radio e dello status dell'Inventory Management System.
Walz ha continuato il lavoro con la rack dell'ARIS-ICE per riportarla ad una normale operatività, dopodichè sono stati presi i campioni di gas e condensa dall'Advanced Astroculture (ADVASC), che è stato anche rifornito di sostanze nutrienti.
Infine gli astronauti hanno compilato un altro Interactions Questionnaire.

07/03/02
Quest'oggi è in programma la prova generale o "dry run" delle operazioni di rimozione, tramite lo SSRMS, del traliccio S0(S-Zero) dalla payload bay dell'orbiter Atlantis, e il suo successivo spostamento nei pressi del laboratorio Destiny. La prova è avvenuta con successo, e ha permesso agli ingegneri di raccogliere altri dati sul problema avuto con il sistema di frenatura, qualche giorno prima.
Le prove di rilascio dei freni, eseguite durante la dry run, hanno confermato il guasto nella stringa primaria di controllo del giunto del Wrist Roll (rotazione del polso), che impediva il rilascio dei freni del giunto. I tecnici, durante la prova hanno rilevato anche un altro problema definendolo come un "conflitto con identico IDs".
Il conflitto ha causato la perdita del controllo della videocamera posta al termine braccio. Il problema è stato risolto spegnendo e riavviando il braccio. Dopodiché si è bloccata la Destiny Robotic Work station secondaria, e gli ingegneri hanno cominciato a valutare i possibili errori del software.
Il braccio è stato alzato in una posizione tale da non interferire con le operazioni di docking dell'Atlantis.
Durante la giornata lavorativa Onufrienko ha pulito le griglie di ventilazione nelle zone dello Zarya liberate dallo spostamento del materiale lì stivato. Egli ha conversato anche con la Terra riguardo un audit relativo gli articoli di consumo del segmento russo del Complesso.
E' stato tenuto un altro contatto ham radio, questa volta con l'Harrogate Ladies College della città di North Yorkshire. (Questo istituto aveva in precedenza avuto altri contatti con la Stazione Mir, con l'astronauta inglese Helen Sharman, e con lo Space Shuttle.)
Sono stati presi dei campioni dell'aria e dell'ambiente acustico dei vari moduli e sono stati completati i food questionnaires.

08/03/02
Riguardo al lavoro scientifico, è stata sostituita una lente della videocamera EARTHKAM, e sono stati raccolti ulteriori dati con i detectors delle radiazioni EVARM. Bursch ha scattato delle foto dei semi di senape dell'esperimento ADVASC, per documentare le condizioni delle piante, che secondo gli scienziati stavano crescendo più lentamente del previsto.
"Le analisi iniziali, basate su delle foto, indicano che erano vive un totale di 14 piante e che altre 16 avevano germinato ma non erano sopravvissute, probabilmente a causa della combinazione delle alghe con la qualità dei semi." Ha detto il Dr Weijia Zhou, principale investigator dell'esperimento e direttore del Wisconsin Centre for Space Automation and Robotics dell'Università di Wisconsin Madison. "Al momento, non siamo in grado di determinare la percentuale di semi che non hanno germinato e la percentuale di quelli che potrebbero germinare durante il resto della missione."
Onufrienko ha continuato le manutenzioni delle griglie di ventilazione dello Zvezda, mentre Walz ha lavorato su quelle dello Zarya. Il comandante russo ha anche fatto l'inventario delle videocassette presenti nel segmento russo trovandone 54, come doveva essere.
Gli altri lavori di manutenzione svolti dai due astronauti americani hanno visto la sostituzione di un modulo per la ricarica delle batterie, nell'airlock Quest, ed il controllo di un analizzatore specifico per compound.
Il rapporto quotidiano della NASA ha informato che sono stati presi dei campioni di muffa, ed altri sono stati fotografati, in alcune zone dello Zvezda. I campioni e le foto verranno inviati a Terra. Onufrienko e Bursch, nell'eseguire i campionamenti, hanno indossato dei respiratori anti-aerosol e degli occhialoni.
"La sostanza sembrava essersi formata in zone che avevano bloccato il flusso di aria dalle racks ripostiglio...non c'erano contaminazioni nelle zone dove il flusso di aria non era bloccato dai ripostigli. In seguito gli astronauti hanno pulito le zone che sono riusciti a raggiungere. Sono state create delle apposite procedure per la temporanea rimozione del tappeto rotante TVIS (nella sua corrente configurazione) per permettere la pulizia di altre zone." Ha comunicato la NASA.

9-10/03/02
Il 9 marzo è stata disattivata e riposta l'EARTHKAM. Il POC ha osservato che durante la corrente missione erano state scattate 1269 fotografie della superficie terrestre, ed erano state scaricate sul web site degli esperimenti, portando il totale delle immagini di tutte le missioni a 2271.
La coppia di americani ha lavorato con una quick disconnect valve, nel Destiny, e poi è stato fotografato il sensore del detector delle vibrazioni SAMS, per evidenziarne la sia collocazione nel laboratorio.
E' stato osservato l'exerciser CEVIS del Destiny, e l'eqipaggio ha anche potuto parlare con gli uomini dell'STS-109, impegnati nella loro missione di servizio allo Hubble Space Telescope.

11/03/02
"L'equipaggio ha iniziato questa nuova settimana completando il protocollo medico russo periodico, che ha incluso le misurazioni del volume dei polpacci e della massa corporea." Ha informato la NASA.
Il trio ha anche portato a termine "l'Epedition Four medical operations contingency drill; un'esercitazione statunitense di un'ora di durata, sull'applicazione dell'assistenza cardiaca avanzata d'emergenza." Le operazioni si sono svelte utilizzando il torace di un manichino posto nel Laboratorio Destiny. La procedura è stata svolta per fare pratica con le comunicazioni e il coordinamento per l'esecuzione dell'assistenza medica nelle situazioni d'emergenza.
"Le località bersaglio delle riprese fotografiche per questa settimana nell'ambito del programma Crew Earth Observations research sono state: l'inquinamento atmosferico dell'Europa, le polveri e lo smog dell'Europa dell'Ovest, il ciclone tropicale Harry vicino al Madagascar, gli incendi nel Congo Zimbawe, il ghiaccio nel Golfo di St. Lawrence, e i laghi tracimati nella Sierra dell'Est."
Bursch ha cambiato dei cavi nel Resistive Exercise Device (RED) nel nodo Unity, riportando il dispositivo alla piena funzionalità.

12/03/02
Quest'oggi sono stati sostituiti i rilevatori del fumo nei moduli FGB e Pirs, si è lavorato con i laptop computers russi, sono state scattate delle fotografie dell'equipaggiamento medico di bordo, sono stati preparati i kits per le emergenze e sono stati riposti nell'Unity, inoltre sono proseguite le operazioni di carico della navetta cargo Progress M1-7.
Lo status report del POC ha riportato che "Il recupero dell' Active Rack Isolation System (ARIS) e l'associato esperimento di checkout stavano proseguendo come da programma. Venerdì 8 marzo è stato eseguito un'esperimento durato 16 ore pilotato da terra. Dei tests addizionali verranno eseguiti quest'oggi. L'esperimento, progettato per isolare i delicati esperimenti in microgravità dalle vibrazioni, ebbe un guasto lo scorso gennaio. Recentemente l'equipaggio ha provveduto alla sostituzione di uno degli 8 spintori usati per far galloggiare la rack nel suo loculo all'interno del lab Destiny."

13/03/02
I due americani hanno compiuto un altro test del SSRMS tramite le videocamere del braccio stesso, per riprendere la "culla del laboratorio", un dispositivo sulla sommità del Laboratorio, dove era allacciata la struttura S0 durante la missione 8A.
Sono proseguite le operazioni di carico della Progress e Onufrienko è stato impegnato nelle operazioni d'ispezione dell' unità di docking dello Zvezda tramite una lente d'ingrandimeno. Il cosmonauta ha pulito lo sporco dal cono di docking e dall'anello esterno, conservando il materiale raccolto per le analisi che verranno effettuate per determinare le cause dei problemi avuti durante la fase di undocking della Progress, quando si è avuto il distacco parziale di un "o-ring". Tale anomalia costrinse il 3 dicembre 2001, Vladimir Dehurov e Mikhail Tyurin ad eseguire un'EVA per rimuovere l'ostruzione e permettere alla Progress M1-7 di agganciarsi.
La parte finale dell'esperimento Hoffman Reflex, per questa missione, è stata completata nella giornata. Questo esperimento "misura l'eccitabilità del midollo spinale, con l'obiettivo di comprendere se gli esercizi fisici fatti durante le missioni a lungo termine possono essere resi più efficienti. L'equipaggio si sottopone all'esperimento applicando un piccolo shock elettrico dietro la gamba." Ha spiegato il POC.
"L'esperimento H-Reflex per ora è stato fatto da un totale di 8 soggetti, durante le Expeditions Two, Three e Four," Ha detto il Dr Douglas Watt, ricercatore principale dell'esperimento, assieme ai colleghi della McGill University di Montreal, Canada.

14/03/02
I due americani sono stati ancora occupati con i controlli sul braccio robotico e delle sue workstations.
Il braccio è stato utilizzato per controllare i pannelli dei radiatori e le piastre alla loro base, alla ricerca di segni di scolorimento e di deformazione. Dopodiché il braccio è stato collocato in una posizione adatta alle riprese dell'undocking della Progress..
Onufrienko ha lavorato con l'esperimento tecnico Skorpion 1, spostandolo in un'altra collocazione. L'esperimento serve a controllare i parametri ambientali all'interno dei vari moduli del complesso, per determinare la locazione ottimale degli esperimenti scientifici. Egli, con l'aiuto degli specialisti di Terra, ha verificato la performance dell'esperimento GTS.

15/03/02
In questa giornata piena, Onufrienko ha lavorato all'interno del cargo Progress M1-7 per rimuovere l'unità di controllo della temperatura locale dal sistema telemetrico della navicella, al fine di rispedirlo a Terra. Più tardi, con l'assistenza di Walz, il comandante russo ha rimosso un computer (US-21) che era stato installato nella Progress per controllarne le manovre mentre il cargo era agganciato alla Stazione. Come nei casi di tutte le altre capsule Progress, il computer è stato installato dopo il loro arrivo sul Complesso orbitale, e disinstallato prima del distacco.
L'equipaggio ha poi rimosso i mattoni in polietilene ad alta densità, usati come schermo per le radiazioni nella zona notte russa ed in altre zone, dove i responsabili russi non avevano approvato il loro utilizzo, per timore di radiazioni secondarie.
I sistemi video russi e del SSRMS sono stati impiegati per riprendere gli spurghi dell'azoto delle linee del carburante e dell'ossidante del modulo Zvezda.

16-17/03/02
Durante il weekend si sono ispezionati i sistemi di supporto vitale e si sono preparati dei files per i computers.
Il 17 marzo Onufrienko ha installato un contenitore con al suo interno il satellite Kolibri, costruito dagli studenti, e posizionando il tutto sull'anello di docking della Progress M1-7. Si prevede di eiettare il satellite dalla Progress dopo la manovra di undocking e di separazione dall'ISS. Il contenitore era stivato nel FGB.

18/03/02
Sono stati chiusi i portelli fra lo Zvezda e la Progress M1-7, i preparazione dell'undocking del giorno seguente.
Il lavoro scientifico ha visto Bursch prendere 3 campioni di condensato, nutrienti e gas, dalla camera di crescita dell'esperimento ADVASC, e attivare un'altro cilindro dell'esperimento PCG-STES007.
Onufrienko ha lavorato con l'esperimento Spika-S, volto a studiare l'impatto delle radiazioni dell'ambiente spaziale sui dispositivi elettronici.

19/03/02
E' giunto il momento di dire addio alla Progress M1-7. Il cargo è stato fatto staccare dal punto di attracco inferiore dello Zvezda alle 17:43, e delle molle lo hanno spinto via dal Complesso. Le immagini televisive dell'evento sono state riprese dalle videocamere dello SSRMS, e hanno mostrato la capsula disabitata muoversi nel lato diurno dell'orbita.
I motori della Progress hanno effettuato la prima delle due accensioni pochi minuti dopo il distacco.
Alle 22:28 è stato eiettato dalla Progress il minisatellite Kolibri-2000 del peso di 20,5 Kg. Subito il satellite a forma di prisma esagonale ha eseso i suoi pannelli solari ed un contrappeso montato su un'asta, ed ha iniziato il suo lavoro di studio e ricerca, della durata di almeno 4 mesi, sui campi e le particelle nell'orbita terrestre. Il satellite è controllato congiuntamente da studenti russi ed australiani.
Alle 01:30:33 del 20 marzo si sono accesi i motori della Progress portandola fuori dall'orbita e avviandola verso un rientro distruttivo nell'atmosfera sopra l'Oceano Pacifico, dove gli eventuali detriti sopravvissuti all'attrito aerodinamico compiranno il loro splash-down alle 02:21 circa, secondo le previsioni del TsUP di Korolev.
Nel frattempo, all'interno dello Zvezda, Onufrienko e Bursch hanno rimosso il nastro rotante TVIS dal pavimento del modulo, per verificare la presenza di funghi e muffe. Con indosso guanti ed occhialoni, i due colleghi hanno raccolto 4 campioni che verranno inviati a Terra. Più tardi è stato riposizionato il TVIS.

20/03/02
Il POC ha riferito la buona continuazione dell'esperimento ARIS-ICE:
"L'equipaggio ha testato il sistema dando dei colpetti all'EXPRESS Rack 2, che contiene il dispositivo sperimentale. Questo dispositivo, ideato per isolare dalle vibrazioni i delicati esperimenti i micro gravità, subì un guasto nel mese di gennaio e recentemente gli astronauti hanno sostituito uno dgli 8 spintori che tutti assieme fanno "galleggiare" la rack all'interno del suo loculo nel lab Destiny."
Gli sforzi per tentare il recupero di un altro esperimento, il EXPCS, sono stati senza successo.
"La scorsa settimana sono state completate le procedure, presso il Johnson Space Center, per permettere a Walz di capire i problemi dell'Experiment on Physics of Colloids in Space nel tentativo del suo recupero nella giornata odierna. Purtroppo gli sforzi dell'astronauta e dei controllori di Terra per recuperare il controllo del computer dell'esperimento guastatosi il 24 febbraio, sono stati senza successo."

21/03/02
I due Ingegneri del volo americani si sono sottoposti a degli esperimenti medici, completando le sessioni con l'equipaggiamento del Pulmonary Function (PuFF), nella rack del Destiny, Human Research Facility. Durante le varie Expeditions, questi tests, volti a studiare la la funzionalità polmonare in microgravità, sono stati programmati con cadenza mensile.
Bursch ha disattivato un altro cilindro dell'esperimento PCG-STES007, portandolo a termine, e lavorando con i computers nel Destiny e trasferendo dei file.
Onufrienko ha effettuato delle riprese video di pannelli, condotti e rivestimenti dello Zvezda, per permettere agli ingegneri di valutare le loro proprietà fluidodinamiche per determinare la presenza di restrizioni di flusso nelle quali potrebbe crescere la muffa.
Alle 29:13:39, il cargo Progress M1-8 è stato lanciato dal Cosmodromo di Baikonur nell'Asia Centrale.
Il veicolo spaziale non abitato trasportava 2407 Kg di materiali per l'equipaggio dell'ISS, incluso carburante, aria, cibo pezzi di ricambio per il segmento russo ed equipaggiamento scientifico per l'imminente volo "taxi 3", previsto alla fine di aprile, e che porterà all'ISS una nuova Soyuz da utilizzare come scialuppa di salvataggio nel caso in cui l'equipaggio fosse costretto ad abbandonare la Stazione nelle emergenze.
La missione taxi sarà comandata da Yuri Gidzenko, un veterano del primo equipaggio dell'ISS Al suo fianco ci sarà l'astronauta italiano dell'ESA Roberto Vittori, e a completare l'equipaggio ci sarà l'uomo d'affari sudafricano Mark Shuttleworth, che volerà come turista.

22/03/02
L'equipaggio ha avuto una giornata leggera, in vista della seguente domenica lavorativa che vedrà l'attracco della Progress.

23/03/02
Durante il loro sabato "normale", gli uomini hanno continuato a rilassarsi.
Sono state scaricate a Terra le immagini di alcune attività di bordo.
La Progress M1-8 ha eseguito un'altra accensione dei motori per continuare l'approccio che terminerà alla sua trentatreesima orbita.

24/03/02
L'equipaggio ha appreso di dover passare un mese extra nello spazio, per permettere agli astronauti della missione STS-111 (UF-2) che sostituirà il Wrist Roll Joint del SSRMS, di completare le esercitazioni. Appunto per questo motivo il lancio della missione è stato posticipato dal 6 maggio a non prima del 31 maggio.
Questa estensione della durata della missione, significa che i due astronauti americani potranno battere di un solo giorno, il record di permanenza nello spazio di 188 giorni, ottenuto da Shannon Lucid sulla Mir.
Il sistema Kurs della Progress è stato attivato alle 19:08. Dopo un approccio senza problemi, il cargo ha iniziato una manovra di "fly around" dell'ISS alle 20:19 fino a quando non si è allineato con il punto di attracco inferiore dello Zvezda.
Alle 20:57:56 è avvenuto il contatto fra la Progress e lo Zvezda. L'RKK Energia ha confermato che la massa totale del complesso era divenuta di 137,4 tons, mentre le coordinate orbitali erano di 407,3 x 389,8 Km con un periodo di 92,3 minuti.
Il portello della Progress è stato aperto intorno alla mezzanotte, e l'Energia ha detto che l'equipaggio si è subito impegnato nello smantellamento del sistema Kurs della navicella che verrà rispedito a Terra per il suo riutilizzo.

25/03/02
La maggior parte della giornata è stata passata dagli spazionauti nelle operazioni di scarico del cargo appena arrivato. Fra il materiale scaricato vi era anche un esperimento commerciale di crescita di cristalli di proteine, che verrà posto all'interno del modulo Zvezda.
Il TsUP di Korolev ha comandato lo spurgo delle linee del propellente fra la Progress e lo Zvezda, preparandole per il prossimo trasferimento di propellente ed ossidante. Inoltre la NASA ha riferito che è stato caricato del nuovo software per aggiornare il sistema informatico centrale russo.

26/03/02
Lavorando all'interno del cargo Progress Onufrienko ha installato il blocco di controllo US-21 connettendone il sistema della telemetria a quello dello Zvezda.
Bursch ha continuato il campionamento microbico con dei campionatori per superfici, acqua e aria. L'equipaggio ha filmato i propri movimenti nell'ambito dell'esperimento ARIS-ICE, in modo tale da permettere ai ricercatori di coordinare i movimenti con le misurazioni fornite dal dispositivo.
Mentre gli astronauti erano al lavoro, il controllo di Houston ha iniziato a caricare del nuovo software nei computers del segmento americano. I files inviati alla Stazione riguardavano l'aggiornamento relativo allo stadio 8A di costruzione, con l'installazione del traliccio S0. Il trasferimento dei files è durato circa 8 ore, ha confermato la NASA.

27/03/02
Mentre il TsUP prendeva il controllo del Complesso per testare i propulsori della Progress e verificare il corretto funzionamento del blocco di controllo installato il giorno precedente, sono proseguite le operazioni di scarico del cargo.
Sono state ripassate le operatività del SSRMS relative alla fase 8A, tramite il programma a realtà virtuale. Si è lavorato con dei circuiti del Pirs, è stata fatta la manutenzione degli attrezzi ginnici ed è stato preparato del materiale da rispedire a Terra con lo Shuttle. Walz ha inviato a Terra dei files di dati dell'HRF.

28/03/02
La giornata è stata quasi interamente dedicata dai due americani alle sessioni di prova con lo Space Station Remote Manipulator System, facendo pratica con le fasi dell'installazione della truss S0, e valutando le risposte del braccio e dei sistemi ridondanti. La sessione di prove è andata talmente bene che gli astronauti hanno completato anche la sessione di prove pianificate per il giorno seguente (il successivo "robotics day" era previsto appunto per il 29 marzo).
Bursch e Walz hanno anche controllato i jet packs SAFER, degli indumenti extraveicolari, che verranno usati nel caso in cui gli spacewalkers dovessero staccarsi dai cavi di sicurezza durante il lavoro all'esterno dell'ISS. I due hanno anche preparato l'airlock Quest in vista della serie di EVAs pianificate con la prossima missione dello shuttle.

29/03/02
E' stata completata la sessione di prove con il SSRMS prevista per il primo di aprile. Questa sessione è stata importante perché ha compreso l'utilizzo, per la prima volta, del nuovo software del computer scritto dagli ingegneri canadesi e dagli specialisti informatici che assieme hanno disegnato e costruito il Canadarm 2. Tale software è stato inviato in orbita prima del previsto.
Il nuovo software ha permesso al braccio di lavorare con i soli 6 giunti disponibili su 7 (6DOF o 6 degrees of freedom), mascherando appunto l'avaria del settimo, il Wrist Roll (rollio del polso), che durante la prima serie di controlli ha evidenziato delle anomalie con i freni.
I due astronauti hanno anche lavorato con gli equipaggiamenti relativi alle seguenti EVAs, configuarando le tute EMU per gli astronauti dell'STS-110 (che effettueranno le loro escursioni dall'airlock Quest) e programmando le 4 pistole da serraggio che serviranno a stringere i bulloni della truss S0.

30-31/03/02
Gli uomini si sono riposati un po' durante questo weekend, e i controllori del volo hanno inviato loro delle note dettagliate riguardanti gli esperiementi e le procedure dell'STS-110.

[allegato eliminato da un amministratore]
Luca Frigerio
 - Socio e Consigliere ISAA
 - STRATOSPERA PROJECT Supporter