ForumAstronautico.it

Failure is not an option, Gene Kranz

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline dvd

  • *
  • 305
Failure is not an option, Gene Kranz
« il: Sab 22/03/2008, 14:27 »
Salve,
qualcuno ha letto questo libro? Mi potete dire se ne vale la pena? Su internet non sono riuscito a trovare una versione in italiano, se mi confermate che non esiste non penso che lo prenderò. Il mio inglese è ancora troppo scarso per rendermi piacevole un libro interamente in inglese.. :(

ps.: nel film Apollo13 l'attore che fa Kranz ad un certo punto esclama: il fallimento non è contemplato! Una citazione certamente :D

Offline marcozambi

  • *
  • 11.913
    • @marcozambi
Re: Failure is not an option, Gene Kranz
« Risposta #1 il: Sab 22/03/2008, 14:59 »
E' stato il primo libro in assoluto che ho letto in lingua inglese, e devo dire che non me ne sono affatto pentito.
Una storia epica vissuta dal didentro, e raccontata con l'orgoglio di Gene Krantz.
E no, non esiste una versione in italiano. :(
Marco Zambianchi
ForumAstronautico Founder
Presidente Associazione ISAA

Offline AstroTeo

  • *
  • 1.401
    • Siamo mai andati sulla Luna? Si, ecco le prove!
Re: Failure is not an option, Gene Kranz
« Risposta #2 il: Sab 22/03/2008, 15:22 »
Salve,
qualcuno ha letto questo libro? Mi potete dire se ne vale la pena? Su internet non sono riuscito a trovare una versione in italiano, se mi confermate che non esiste non penso che lo prenderò. Il mio inglese è ancora troppo scarso per rendermi piacevole un libro interamente in inglese.. :(

Ne vale veramente la pena! Io l'ho letto ed è semplicemente fantastico! La versione italiana non esiste!

ps.: nel film Apollo13 l'attore che fa Kranz ad un certo punto esclama: il fallimento non è contemplato! Una citazione certamente :D

Non è una semplice citazione! Quella è una frase storica, da cui deriva il libro in questione! Il suo autore infatti fu proprio Gene Kranz, il mitico direttore di volo (che controllava la squadra "bianca" o "white team") del centro di controllo di Houston all'epoca dell'Apollo!
Quella storica frase, fu pronunciata proprio da Kranz, in occasione dello sfortunato volo di Apollo 13, quando, a causa dell'esplosione del serbatoio criogenico n°2 dell'ossigeno liquido nel modulo di servizio, si reputava possibile la perdita dell'equipaggio:

Non abbiamo mai perso un americano nello spazio e non cominceremo ora che sono qua io! Il fallimento non è contemplato!

A differenza di quanto in tanti credono, Gene Kranz non fu il solo direttore di volo del programma Apollo! Egli fu solo uno dei più importanti! Il controllo missione di un volo Apollo, era alternato da 4 squadre con turni di 8 ore ciascuna. C'era la squadra bianca di Gene Kranz (di cui facevano parte: Sy Liebergot, George Bliss e tanti altri), la squadra nera di Glynn Lunney, la squadra oro di Gerald Griffin e quella marrone di Milt Winder (di cui faceva parte il leggendario EECOM John Aaron).

Nel film Apollo 13, viene mostrato erroneamente che la situazione di tutto il volo era controllata dal team di Gene Kranz. Nella realtà, la sua squadra si alternò poco ai quadri di controllo durante quella missione. Infatti, essi furono i progettisti del piano di contingenza, che salvò poi l'equipaggio! Poco dopo il disastro (avvenuto proprio durante il turno di Kranz), essi si ritirarono in un'apposita sala per eleaborare le manovre di salvataggio, il risparmio energetico necessario e le procedure alternative per la riattivazione di Odissea (il modulo di comando di Apollo 13).

 
« Ultima modifica: Sab 22/03/2008, 15:28 da AstroTeo »

Offline amoroso

  • *
  • 11.130
    • http://google.com/+PaoloAmoroso
    • @amoroso
    • Paolo Amoroso
Re: Failure is not an option, Gene Kranz
« Risposta #3 il: Sab 22/03/2008, 16:38 »
qualcuno ha letto questo libro? Mi potete dire se ne vale la pena?
Vale certamente la pena. Il libro descrive i voli spaziali dell'epoca d'oro dell'astronautica americana (Mercury, Gemini, Apollo) dal punto di vista dei controllori di volo. E` complementare ad altri in cui i protagonisti sono invece gli astronauti o gli scienziati.

Confermo che non esiste un'edizione italiana.


Paolo Amoroso

Offline amoroso

  • *
  • 11.130
    • http://google.com/+PaoloAmoroso
    • @amoroso
    • Paolo Amoroso
Re: Failure is not an option, Gene Kranz
« Risposta #4 il: Sab 22/03/2008, 16:51 »
Non è una semplice citazione! Quella è una frase storica, da cui deriva il libro in questione!
Varrebbe la pena di controllare. Dal libro ho avuto l'impressione che la frase "failure is not an option", inserita per la prima volta nella sceneggiatura del film Apollo 13, non sia mai stata pronunciata da Kranz, che l'ha però adottata a posteriori come motto personale.

Nel film Apollo 13, viene mostrato erroneamente che la situazione di tutto il volo era controllata dal team di Gene Kranz.Apollo 13).
La scelta delle vicende narrate dal film Apollo 13 a proposito dei team di controllori di volo è più complessa e viene raccontata dal direttore di volo Gerry Griffin, consulente del film, nel libro Apollo Moon Missions - The Unsung Heroes.

Gli sceneggiatori erano consapevoli dell'alternanza di diversi team durante la missione. Spiegarono però a Griffin che non avrebbero avuto la possibilità di sviluppare adeguatamente i numerosi personaggi nella durata limitata del film, decidendo dunque di "comprimerli" nell'unico team di Kranz. Chiesero anche a Griffin se questa decisione lo contrariasse, ricevendo la sua piena comprensione e approvazione per questa scelta narrativa.


Paolo Amoroso

Offline AstroTeo

  • *
  • 1.401
    • Siamo mai andati sulla Luna? Si, ecco le prove!
Re: Failure is not an option, Gene Kranz
« Risposta #5 il: Sab 22/03/2008, 19:26 »
Varrebbe la pena di controllare.

Tutte le fonti disponibili sono un po' vaghe sull'argomento, perchè si tratta di una di quelle frasi pronunciate lontano dalla sala conferenza della NASA e riportata come avvenuta dalle voci di corridoio! Io credo che sia stata pronunciata veramente! Kranz non mi pare il tipo che si avvale di frasi pronunciate da altri!

La scelta delle vicende narrate dal film Apollo 13 a proposito dei team di controllori di volo è più complessa e viene raccontata dal direttore di volo Gerry Griffin, consulente del film, nel libro Apollo Moon Missions - The Unsung Heroes.

La mia è una critica sulla distorsione teorica della realtà, non alla sceneggiatura di per se stessa! La scelta degli autori è secondo il mio punto di vista comprensibilissima! D'altronde se si vuole rendere fluida una storia già lunga e complessa nel suo insieme, l'aggiunta di 1000 comparse non è consigliata, o meglio contemplata! :mrgreen:
admin: alcuni allegati sono stati eliminati in quanto corrotti
« Ultima modifica: Sab 22/03/2008, 19:30 da AstroTeo »

Offline dvd

  • *
  • 305
Re: Failure is not an option, Gene Kranz
« Risposta #6 il: Mar 01/04/2008, 18:12 »
Grazie delle risposte, ci penserò su  ;-)

Offline Buzz

  • Beam me down, EDRS!
  • *
  • 7.478
    • EDRS Space Data Highway
Re:Failure is not an option, Gene Kranz
« Risposta #7 il: Mar 27/12/2011, 18:17 »
Ho fatto una ricerca sul forum, e questo è l'unico post che ho trovato su questo libro. Sinceramente, per me il libro andrebbe spostato tra gli indispensabili.

Ho approfittato delle vacanze natalizie per finirlo, e devo dire che l'ho trovato il miglior libro che ho letto finora sul periodo Mercury-Apollo.

Probabilmente il mio giudizio è influenzato dal mio lavoro, in quanto Kranz in questo libro descrive esattamente come è nato il mio lavoro, e come hanno inventato quasi dal nulla quello che oggi chiamiamo "ops engineering", ovvero la preparazione di tutti i prodotti e la documentazione che poi vengono usati dai flight controllers durante il loro turno in console.

Io credo che il valore di questo libro sia unico perchè mostra davvero come sono andate queste missioni storiche. Quasi tutti gli altri libri sono scritti da ex-astronauti, i quali non avevano visione di tutto quello che succedeva a terra e al loro veicolo. In questo libro invece si vede davvero come si svolgono le missioni spaziali. In ogni missione, seppur completata con successo, avvenivano molte anomalie, alcune anche piuttosto gravi. E le missioni stesse si potevano concludere con successo grazie alla straordinaria risposta dei controllori di volo e degli ingegneri che li supportavano dalle back room.

E questo è esattamente quello che succede al giorno d'oggi con la ISS anche se, non avendo fasi di missione così rapide (come un lancio o un allunaggio), noi possiamo permetterci tempi di risposta un poco più rilassati :)

In definitiva, lo metterei tra i primi libri che non possono mancare nella libreria di un appassionato.

E lo aggiungerei anche come lettura obbligatoria nei corsi di certificazione di chi deve lavorare in missioni spaziali. Purtroppo infatti molti dei problemi che ho letto in questo libro si ripetono pari pari al gionro d'oggi, nonostante 50 e più anni di esperienza. Forse se tutti quelli che lavorano nel campo lo avessero letto, si potrebbero aggiungere queste cose tra le "lessons learned" e correggere i problemi...
Par l’espace, l’univers me comprend et m’engloutit comme un point; par la pensée, je le comprends. (Blaise Pascal).
An age is called Dark not because the light fails to shine, but because people refuse to see it. (James Michener)

Offline amoroso

  • *
  • 11.130
    • http://google.com/+PaoloAmoroso
    • @amoroso
    • Paolo Amoroso
Re:Failure is not an option, Gene Kranz
« Risposta #8 il: Mar 27/12/2011, 18:33 »
E lo aggiungerei anche come lettura obbligatoria nei corsi di certificazione di chi deve lavorare in missioni spaziali.
Prova ad appendere alle pareti del tuo ufficio un grande poster con le copertine di questo e altri libri che ritieni indispensabili per questo lavoro, con la scritta "Puoi parlare con me solo dopo avere letto questi".

Offline corgius

  • comfortably numb
  • *
  • 1.801
  • per aspera ad astra
    • @corgius
Re:Failure is not an option, Gene Kranz
« Risposta #9 il: Mar 27/12/2011, 19:01 »
non sapevo dell'esistenza di questo libro, ma sono appena andato su amazon.it e mi sono fatto il regalo completo per Natale aggiungendoci "Apollo 13" di Jim Lovell.

mo' aspettiamo... :happy:
giuseppe corleo

...The Gods Themselves...

Re:Failure is not an option, Gene Kranz
« Risposta #10 il: Mar 27/12/2011, 19:57 »
Nel programma "mythbusters" in onda sui canali Discovery, ogni tanto inquadrano i due protagonisti principali nella loro officina e sullo sfondo si vede un cartello che cita la famosa frase, che da loro e' pero' stata modificata con l'aggiunta della parola "always".
In questo modo risulta "failure is -always- an option"  :mrgreen: simpatici  :yes:


Offline amoroso

  • *
  • 11.130
    • http://google.com/+PaoloAmoroso
    • @amoroso
    • Paolo Amoroso
Re:Failure is not an option, Gene Kranz
« Risposta #11 il: Mar 27/12/2011, 20:13 »
E lo aggiungerei anche come lettura obbligatoria nei corsi di certificazione di chi deve lavorare in missioni spaziali.
Dimenticavo: quali sono gli altri libri fondamentali da leggere per chi si occupa di operations engineering?

Offline Buzz

  • Beam me down, EDRS!
  • *
  • 7.478
    • EDRS Space Data Highway
Re:Failure is not an option, Gene Kranz
« Risposta #12 il: Mar 27/12/2011, 20:52 »
Prova ad appendere alle pareti del tuo ufficio un grande poster con le copertine di questo e altri libri che ritieni indispensabili per questo lavoro, con la scritta "Puoi parlare con me solo dopo avere letto questi".
La cosa simpatica è che uno dei trainers di COL-CC durante il corso che ho seguito io ha detto nella sua prima lezione che questo libro era un must... e io l'ho subito ordnato su Amazon, ma è finito in coda nella lista ed è passato qualche anno prima che toccasse a lui. :)
Par l’espace, l’univers me comprend et m’engloutit comme un point; par la pensée, je le comprends. (Blaise Pascal).
An age is called Dark not because the light fails to shine, but because people refuse to see it. (James Michener)

Offline amoroso

  • *
  • 11.130
    • http://google.com/+PaoloAmoroso
    • @amoroso
    • Paolo Amoroso
Re:Failure is not an option, Gene Kranz
« Risposta #13 il: Mar 27/12/2011, 21:13 »
La cosa simpatica è che uno dei trainers di COL-CC durante il corso che ho seguito io ha detto nella sua prima lezione che questo libro era un must... e io l'ho subito ordnato su Amazon, ma è finito in coda nella lista ed è passato qualche anno prima che toccasse a lui. :)
Lasciami indovinare quale libro hai letto prima di quello consigliato dal tuo istruttore...

Offline Buzz

  • Beam me down, EDRS!
  • *
  • 7.478
    • EDRS Space Data Highway
Re:Failure is not an option, Gene Kranz
« Risposta #14 il: Mar 27/12/2011, 21:30 »
Lasciami indovinare quale libro hai letto prima di quello consigliato dal tuo istruttore...
Non c'erano solo libri "spaziali" in lista ;)
Par l’espace, l’univers me comprend et m’engloutit comme un point; par la pensée, je le comprends. (Blaise Pascal).
An age is called Dark not because the light fails to shine, but because people refuse to see it. (James Michener)

Online Luca

  • TFNG Team - Testicula tacta, omnia pericula iacta!
  • *
  • 7.021
    • https://plus.google.com/u/0/
    • @Spazionauta
    • ISAA Council Member
Re:Failure is not an option, Gene Kranz
« Risposta #15 il: Mar 27/12/2011, 21:40 »
Ad ogni modo, giusto per la statistica, per quel che mi riguarda in cima a tutto c'è RR, poi viene "Failure is not an option".  :cool:
Luca Frigerio
 - Socio e Consigliere ISAA
 - STRATOSPERA PROJECT Supporter

Offline Michael

  • *
  • 6.497
  • Amministratore olografico d'emergenza
    • @signaleleven
    • Signal Eleven
Re:Failure is not an option, Gene Kranz
« Risposta #16 il: Mar 27/12/2011, 23:28 »
Finalmente, da quando Amazon Kindle è presente in Italia, la versione ebook costa meno della versione cartacea.
Non so se è più o meno del corrispettivo in dollari, non ho voglia di controllare.

Semplicemente mi ero rifiutato di acquistarlo fino a che la versione elettronica fosse stata prezzata PIU' di quella cartacea, un'aberrazione che nessun algoritmo di prezzo può giustificare (tant'è vero che Amazon scaricava la colpa sull'editore).


Ora è finalmente in lista :)
Michael
ISAA - Stratospera - AstronautiCAST
http://www.astronauticast.com
http://www.signal-eleven.com

Offline Buzz

  • Beam me down, EDRS!
  • *
  • 7.478
    • EDRS Space Data Highway
Re:Failure is not an option, Gene Kranz
« Risposta #17 il: Mar 27/12/2011, 23:45 »
Dimenticavo: quali sono gli altri libri fondamentali da leggere per chi si occupa di operations engineering?
(Anticipo che sto parlando di operations engineering di missioni manned, di cui mi occupo io)

In assoluto direi che questo è il top. Kranz racconta di come hanno inventato le procedure, le mission rules (che su ISS si chiamano Flight Rules). Poi parla dei rapporti problematici tra gli operatori e gli ingegneri (intesi come i progettatori), dei problemi con i sub-contractors che non volevano passare tutte le informazioni alle mission operations, e molto altro: tutte cose che putroppo non sono state assimilate come lessons learned (per lo meno non da ESA) e quindi si ripetono pari pari al giorno d'oggi...

Al secondo posto io metterei Dragonfly, visto che parla delle prime esperienze in missioni di lunga durata e del rapporto tra russi e americani. Potremmo dire che dalle ceneri di quello che viene descritto in Dragonfly è nata la ISS.

Poi vengono tutti gli altri, che io leggo (al di là che "per passione") anche per capire il modo di pensare degli astronauti. Direi di più: i un certo modo ho scelto di posticipare la lettura di "Failure is not an Option" perchè volevo prima apprendere la storia dei primi anni spaziali attraverso gli occhi degli astronauti, per poi leggere come andò "davvero" attraverso il racconto di chi non era al centro dei riflettori ma probabilmente aveva più influenza sugli eventi.

PS: non ho messo nella lista RR di proposito, che considero un bellissimo libro (anzi, sicuramente tra i migliori) ma che ha meno interesse per me dal punto di vista "lavorativo".
Par l’espace, l’univers me comprend et m’engloutit comme un point; par la pensée, je le comprends. (Blaise Pascal).
An age is called Dark not because the light fails to shine, but because people refuse to see it. (James Michener)

Offline Bubba

  • *
  • 133
Re:Failure is not an option, Gene Kranz
« Risposta #18 il: Mer 28/12/2011, 02:59 »
Certamente "Lost moon" di Jim Lovell, disponibile anche in edizione italiana è una citazione banale - l'avrete già tutti quanti - ma è sempre una bella lettura. A memoria so di un libro di Guenther Wendt, il famoso "pad fuhrer", dove mi sembra parli addirittura di tentate interferenze di navi picchetto radar russe con il lancio di Apollo 11, ma non so di più.
Always & everything in my little, modest, humble and honest opinion...

Offline Vittorio

  • Apollo Program Addict
  • *
  • 2.749
  • Apollo Program's fanatic
    • @VittorioDA
Re:Failure is not an option, Gene Kranz
« Risposta #19 il: Mer 28/12/2011, 08:21 »
Certamente "Lost moon" di Jim Lovell, disponibile anche in edizione italiana è una citazione banale - l'avrete già tutti quanti - ...
:embarrassed: ... e qua ti sbagli, non ho nemmeno la versione inglese, figuriamoci quella italiana che è introvabile ...
Vittorio

Whoopee! Man, that may have been a small one for Neil, but that's a long one for me.

Online Luca

  • TFNG Team - Testicula tacta, omnia pericula iacta!
  • *
  • 7.021
    • https://plus.google.com/u/0/
    • @Spazionauta
    • ISAA Council Member
Re:Failure is not an option, Gene Kranz
« Risposta #20 il: Mer 28/12/2011, 10:33 »
A memoria so di un libro di Guenther Wendt, il famoso "pad fuhrer", dove mi sembra parli addirittura di tentate interferenze di navi picchetto radar russe con il lancio di Apollo 11, ma non so di più.
Si tratta di "The unbroken chain" del mitico padleader Guenter Wendt. Una biografia veramente affascinante.
Luca Frigerio
 - Socio e Consigliere ISAA
 - STRATOSPERA PROJECT Supporter

Offline amoroso

  • *
  • 11.130
    • http://google.com/+PaoloAmoroso
    • @amoroso
    • Paolo Amoroso
Re:Failure is not an option, Gene Kranz
« Risposta #21 il: Mer 28/12/2011, 17:18 »
Dimenticavo: quali sono gli altri libri fondamentali da leggere per chi si occupa di operations engineering?
(Anticipo che sto parlando di operations engineering di missioni manned, di cui mi occupo io)
Conosci Apollo EECOM di Sy Liebergot?

Offline Buzz

  • Beam me down, EDRS!
  • *
  • 7.478
    • EDRS Space Data Highway
Re:Failure is not an option, Gene Kranz
« Risposta #22 il: Gio 29/12/2011, 11:19 »
Conosci Apollo EECOM di Sy Liebergot?
No, e potrebbe interessarmi, grazie :)
Par l’espace, l’univers me comprend et m’engloutit comme un point; par la pensée, je le comprends. (Blaise Pascal).
An age is called Dark not because the light fails to shine, but because people refuse to see it. (James Michener)

Offline Buzz

  • Beam me down, EDRS!
  • *
  • 7.478
    • EDRS Space Data Highway
Re:Failure is not an option, Gene Kranz
« Risposta #23 il: Ven 30/12/2011, 12:01 »
Conosci Apollo EECOM di Sy Liebergot?
Ordinato da Amazon, grazie per la dritta :)
Par l’espace, l’univers me comprend et m’engloutit comme un point; par la pensée, je le comprends. (Blaise Pascal).
An age is called Dark not because the light fails to shine, but because people refuse to see it. (James Michener)

Offline Bubba

  • *
  • 133
Re:Failure is not an option, Gene Kranz
« Risposta #24 il: Mer 18/01/2012, 15:15 »
Mi dispiace essermi sbagliato Vittorio ma sai... l'avevo trovata al supermercato...
Always & everything in my little, modest, humble and honest opinion...

Offline Vittorio

  • Apollo Program Addict
  • *
  • 2.749
  • Apollo Program's fanatic
    • @VittorioDA
Re:Failure is not an option, Gene Kranz
« Risposta #25 il: Mer 18/01/2012, 15:57 »
Mi dispiace essermi sbagliato Vittorio ma sai... l'avevo trovata al supermercato...
:mad: Che c.... olpo di fortuna! :badmood: Mai a me che capitino cose simili!
Vittorio

Whoopee! Man, that may have been a small one for Neil, but that's a long one for me.