ForumAstronautico.it

Il JWST apre le “ali”

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Paky

Re:Il JWST apre le “ali”
« Risposta #200 il: Sab 28/01/2017, 15:34 »
Però confido che se mai Kepler, Gaia e JWST trovassero concrete evidenze di pianeti davvero "Eath-like"

Trovare un pianeta Earth-like per Gaia e' praticamente impossibile. Gaia trovera' molti pianeti di tipo gioviano attraverso l'astrometria, e forse qualcuno con il metodo di occultazione. Ma Eart-like, no, non ha la precisione necessaria...

Offline Lupin

  • *
  • 6.740
Re:Il JWST apre le “ali”
« Risposta #201 il: Mar 07/02/2017, 20:06 »
Il 2 febbraio scorso il telescopio ha completato la seconda sessione di vibrazioni, che ha interessato l'asse orizzontale. Ora JWST effettuerà la terza e ultima sessione, quella sull'asse verticale.

Re:Il JWST apre le “ali”
« Risposta #202 il: Mar 07/02/2017, 21:15 »
Paolo che tu sappia... usano varie frequenze di oscillazione o una fissa? Nel senso: le vibrazioni specifiche del tipo di lanciatore o una gamma delle possibili? Magari come domanda é irrispondibile...
<ISAA n°119> | È vero, ho scalato montagne e ho camminato in luoghi remoti. Ma come avrei potuto vedervi se non da una grande altitudine o da una grande distanza? In verità, come si può essere vicini se non si conosce la lontananza? (Khalil Gibran)

Offline amoroso

  • *
  • 11.001
    • http://google.com/+PaoloAmoroso
    • @amoroso
    • Paolo Amoroso
Re:Il JWST apre le “ali”
« Risposta #203 il: Mar 07/02/2017, 21:40 »
Eseguiranno anche test di vibrazione simultanea su più assi? O non sono necessari?

Offline IK1ODO

  • *
  • 5.375
  • Don't Panic
    • https://www.facebook.com/marco.bruno.927980
    • https://plus.google.com/113260597352108277456/posts
Re:Il JWST apre le “ali”
« Risposta #204 il: Mar 07/02/2017, 23:06 »
Livio, penso faranno uno spettro di frequenze, prima con eccitazione sinusoidale e poi rumore random, per simulare le condizioni reali del lancio.
Paolo, non credo proprio che possano fare più assi insieme. Il vibratore è unico, data la massa del satellite, e dubito si possa immaginare di vincolarlo con più gradi di libertà.
Reality is frequently inaccurate

Offline Lupin

  • *
  • 6.740
Re:Il JWST apre le “ali”
« Risposta #205 il: Lun 13/02/2017, 20:31 »
Per chi vuole approfondire un po' (in inglese) la pedana vibrante.

https://www.nasa.gov/feature/goddard/2017/nasa-gives-the-webb-telescope-a-shakedown

Offline fil0

  • Operations Officer
  • *
  • 8.856
    • https://google.com/+FilippoMagni
    • @fil0
Re:Il JWST apre le “ali”
« Risposta #206 il: Mar 28/03/2017, 20:11 »
Ed ecco un breve  video del test di vibrazione a cui è stato sottoposto il JWST:
 
Filippo Magni
ISAA member: n. 50

Re:Il JWST apre le “ali”
« Risposta #207 il: Mer 29/03/2017, 03:50 »
Livio, penso faranno uno spettro di frequenze, prima con eccitazione sinusoidale e poi rumore random, per simulare le condizioni reali del lancio.
Infatti nel video di Filippo parlano delle stesse vibrazioni a cui é sottoposto un payload posto sull'Ariane (!)
Quindi per ogni lanciatore si ha sicuramente una registrazione del tipo di vibrazioni. Sarebbe interessante dare un'occhiata alla "compilation".

Mi era sfuggito che il JWST verrà lanciato da un Ariane. Forte!! Chissà se per motivi di affidabilità del lanciatore
<ISAA n°119> | È vero, ho scalato montagne e ho camminato in luoghi remoti. Ma come avrei potuto vedervi se non da una grande altitudine o da una grande distanza? In verità, come si può essere vicini se non si conosce la lontananza? (Khalil Gibran)

Offline Acris

  • *
  • 2.576
Re:Il JWST apre le “ali”
« Risposta #208 il: Mer 29/03/2017, 06:31 »
Ogni lanciatore ha il suo pattern di vibrazioni.
Per il discorso di Arianne credo sia più per il fatto di condivisione costi nasa ESA
Solo due cose sono infinite, l'universo e la stupidità umana, e non sono sicuro della prima

A.Einstein

Offline IK1ODO

  • *
  • 5.375
  • Don't Panic
    • https://www.facebook.com/marco.bruno.927980
    • https://plus.google.com/113260597352108277456/posts
Re:Il JWST apre le “ali”
« Risposta #209 il: Mer 29/03/2017, 10:53 »
Sì, Ariane è perchè questa è una missione congiunta, l'Europa mette il lanciatore.
Se guardate il manuale di un lanciatore, i carichi vibrazionali ed acustici sono sempre specificati. Ad esempio, nel manuale di Vega http://www.arianespace.com/wp-content/uploads/2015/09/Vega-Users-Manual_Issue-04_April-2014.pdf sono a pagina 47, capitolo 3, "Environmental conditions".
Per un carico grande e massiccio come JWST, con strutture "deployable" i problemi prevalenti sono di risonanza a certe frequenze, sia indotte dalle vibrazioni che arrivano dall'interfaccia con il lanciatore, sia prodotte dall'ambiente acustico. Quest'ultimo è particolarmente severo, bisogna ricordare che fino alla stratosfera dentro il fairing c'è aria e all'esterno c'è un flusso che diventa supersonico (max-Q eccetera). Le strutture che si vedono dentro i fairings (costoloni, specie di "bolle") credo servano proprio a smorzare l'ambiente acustico.
Reality is frequently inaccurate