ForumAstronautico.it

Lunga Marcia 7 - Tianzhou-1

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline robmastri

  • Lunatico
  • *
  • 1.300
    • SpaceStuff
Lunga Marcia 7 - Tianzhou-1
« il: Lun 13/02/2017, 12:34 »
Credo che ora Tianzhou-1 si meriti un thread a sé (Edit: info e immagini precedenti sono qui).

Il cargo cinese da 13 tonnellate è appena arrivato allo spazioporto di Wenchang, nell'isola di Hainan. A metà marzo arriverà il vettore (un Lunga Marcia 7). Il lancio è previsto per la fine di aprile. Dopo due giorni di viaggio effettuerà il primo docking con Tiangong-2 e dimostrerà la capacità di rifornire di propellenti la stazione spaziale ora disabitata. Nei mesi successivi sono previste altre due manovre di docking.

(Tanta dovizia e "precisione" di informazioni per la Cina è un record  :tease:).



Queste immagini si riferiscono ai test precedenti, presso l'AIT facility a Tianjin (Cina del Nord), da dove il cargo è partito il 5 febbraio:









La fonte delle immagini (avete mai visto un'immagine astronautica cinese che non fosse il fotogramma di un video  a risoluzione medio-bassa?  :surprise:) è questo video:



Altre info qui
« Ultima modifica: Lun 13/02/2017, 12:38 da robmastri »
  Socio I.S.A.A.

Re:Lunga Marcia 7 - Tianzhou-1
« Risposta #1 il: Lun 13/02/2017, 13:00 »
Il programma spaziale dovrebbe essere un vanto per qualsiasi nazione, non vedo motivi per non pubblicizzarlo come dovuto. Ormai tutto il mondo sa che la Cina in ambito spaziale e tecnologico è al passo con USA e Russia non vedo cosa ci sia da nascondere ancora.

Online amoroso

  • *
  • 10.937
    • http://google.com/+PaoloAmoroso
    • @amoroso
    • Paolo Amoroso
Re:Lunga Marcia 7 - Tianzhou-1
« Risposta #2 il: Lun 13/02/2017, 13:29 »
Le ragioni della riservatezza o segretezza del programma spaziale cinese possono essere diverse. La prima è mostrare solo i successi e non le difficoltà o i ritardi, pensiamo per esempio alle ricadute negative di immagine dei problemi del programma spaziale russo ma anche delle società private americane. Un'altra ragione è evitare la diffusione di informazioni sul reale stato di avanzamento del programma o tenere nascoste alcune tecnologie strategiche.