ForumAstronautico.it

Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline astronautinews

  • *
  • 1.562
  • Il portale di notizie dell'associazione ISAA
    • http://www.facebook.it/astronautinews
    • https://plus.google.com/u/0/110521588293795504129
    • @astronautinews
    • AstronautiNEWS
Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA

Photo Credit: Mike Deep / SpaceFlight Insider
Il Dipartimento della Difesa statunitense (DOD) ha avviato un'indagine interna sulla legittimità dei propri contratti con la United Launch Alliance (ULA), dopo che un manager della stessa joint venture Lockheed Martin/Boeing avrebbe parlato di favoritismi governativi verso la propria compagnia.
Articolo completo: Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA

Re:Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA
« Risposta #1 il: Mar 29/03/2016, 00:13 »
Certo che questo è un mondo proprio pieno di complottisti.   :mrgreen:
SpaceX is a game changer !
Cold Fusion is real!

Re:Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA
« Risposta #2 il: Mar 29/03/2016, 13:02 »
quanti sarebbero i lanci per ilnuovi GPS ?
come risparmio si arriverà alla soglia del miliardo di dollari  ?
non proprio bruscolini

certo che ULA è una garanzia , per far volare a prezzi decenti è dovuta andare in russia a recuperare i motori
e anche ora di costruirseli da soli non se ne parla

cmq se ciò fosse vero altri licenziamenti arrivaranno in ULA oltre a quelli che forse saranno annunciati oggi
per ora il primo è stato quello del dirigente in questione Tobey

Offline marcozambi

  • *
  • 11.949
    • @marcozambi
Re:Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA
« Risposta #3 il: Mar 29/03/2016, 13:34 »
certo che ULA è una garanzia , per far volare a prezzi decenti è dovuta andare in russia a recuperare i motori
e anche ora di costruirseli da soli non se ne parla
In una economia di mercato non vedo perche' questo debba essere posto come una sorta di demerito.
Orbital sta facendo la stessa cosa per Antares 2/300 e mi pare naturale comprare le componenti del razzo dove costano meno, a parita' di risultato.
ESA/Arianespace si e' costruita un intero pad di lancio per lanciatori Soyuz a Kourou, da dove lancia regolarmente usando non solo motori ma un intero sistema di lancio di origine russa, usando personale russo.
Potrei passare anche al sistema di docking di ATV, derivato da quello delle Soyuz...
Insomma, in un contesto privato le aziende comprano e vendono secondo logiche (para)commerciali, se le leggi non lo impediscono.
La R&D di base e' invece piu' legata (certo non totalmente) alle agenzie spaziali, come trend...
Marco Zambianchi
ForumAstronautico Founder
Presidente Associazione ISAA

Offline albyz85

  • "Space isn't so far - it's only an hour's drive if your car could go straight up."
  • *
  • 15.985
    • https://www.facebook.com/alberto.zampieron
Re:Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA
« Risposta #4 il: Mar 29/03/2016, 14:01 »
quanti sarebbero i lanci per ilnuovi GPS ?
come risparmio si arriverà alla soglia del miliardo di dollari  ?
non proprio bruscolini

Attualmente sono 8 satelliti ordinati e 4 da assegnare, facendo il conto della serva, se se li aggiudicasse tutti SpaceX, 380 m$ risparmiati sui costi di lancio escludendo però i maggiori costi assicurativi... non sono bruscolini ma in un programma da 4.4 miliardi di dollari è ancora una cifra in cui pro e contro (come sta avvenendo) non fanno propendere nettamente verso una soluzione piuttosto che un'altra...

Citazione
certo che ULA è una garanzia , per far volare a prezzi decenti è dovuta andare in russia a recuperare i motori
e anche ora di costruirseli da soli non se ne parla

ULA utilizza i propulsori RD-180 dal 2000, ben prima che arrivasse SpaceX... quindi evitiamo di dire che qualsiasi cosa accada nel mondo è "merito" di SpaceX.
Il fatto che oggi quei propulsori siano stati bloccati è solo il frutto di un duro lavoro di lobby realizzato con successo da SpaceX...

Citazione
cmq se ciò fosse vero altri licenziamenti arrivaranno in ULA oltre a quelli che forse saranno annunciati oggi
per ora il primo è stato quello del dirigente in question Tobey

Questa è la miglior dimostrazione del tenore degli argomenti che continui a portare... La soddisfazione e la felicità che traspare dalle tue parole nel sapere che un'azienda licenzia francamente è molto triste e evidenza l'obiettività con cui affronti questi argomenti...
Socio ISAA - Tessera n. 002


www.astronautinews.it

Re:Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA
« Risposta #5 il: Mar 29/03/2016, 14:32 »
In una economia di mercato non vedo perche' questo debba essere posto come una sorta di demerito.
La R&D di base e' invece piu' legata (certo non totalmente) alle agenzie spaziali, come trend...

non è un demerito , credo anche io
è un dato di fatto
magari qualche tecnico USA avrà pure imparato qualcosa

Re:Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA
« Risposta #6 il: Mar 29/03/2016, 14:56 »

Attualmente sono 8 satelliti ordinati e 4 da assegnare, facendo il conto della serva, se se li aggiudicasse tutti SpaceX, 380 m$ risparmiati sui costi di lancio escludendo però i maggiori costi assicurativi... non sono bruscolini ma in un programma da 4.4 miliardi di dollari è ancora una cifra in cui pro e contro (come sta avvenendo) non fanno propendere nettamente verso una soluzione piuttosto che un'altra...

380m$ , non sono pochi neanche per i il  DOD

Citazione
Questa è la miglior dimostrazione del tenore degli argomenti che continui a portare... La soddisfazione e la felicità che traspare dalle tue parole nel sapere che un'azienda licenzia francamente è molto triste e evidenza l'obiettività con cui affronti questi argomenti...

caspita alby non eri tu che teorizzavi la normalità negli endemici  licenziamenti degli ingengneri ULA quasi che fossero dettati dal calendario e non da cause diverse
non c'è ne soddisfazione ne felicità in ciò che ho scritto , ne penso che alcuno possa gioire a notizie del genere

aggiungo che le registrazioni della conferenza in cui mr Tobey  parlava di questi argomenti erano liberamente disponibili , poi deve essere successo qualcosa e ops
cmq si trovano

Re:Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA
« Risposta #7 il: Mar 29/03/2016, 16:50 »
Credo che l'indagine sia un atto dovuto che non arriverà a nessun risultato significativo, vorrei sbagliarmi.
L'agenzia spaziale Rocosmos è un patrimonio di esperienze ed un asset mondiale che ha permesso alla ISS di funzionare fino ad oggi. Non credo che la scelta di ULA di utilizzare propulsori russi sia priva di elementi politici, e questo da un'idea dell'intreccio tra politica e corporations nell'ambito di decisioni strategiche che coinvolgono la politica internazionale, al di là della elementare esecuzione di una gara.
Aggiungiamo anche che le tecnologie emergenti dall'attività astronautica possono ricadere molto più velocemente nella progettazione militare se avvengono in una azienda che copre entrambi i settori. Difficile dunque non intravedere tanti incentivi a preferire una azienda come ULA ad altre meno strutturate e con un passato di rapporti istituzionali decisamente più corto. Certo che quando però il divario tra i prezzi si allarga troppo, diventa poi difficile giustificare scelte pragmatiche.

Nb: le mie continuano ad essere chiacchiere da bar, e nell'ipotesi di assenza di fenomeni di corruzione.
« Ultima modifica: Mar 29/03/2016, 16:53 da Peter Pan »
SpaceX is a game changer !
Cold Fusion is real!

Offline Acris

  • *
  • 2.655
Re:Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA
« Risposta #8 il: Mar 29/03/2016, 17:39 »
Nb: le mie continuano ad essere chiacchiere da bar, e nell'ipotesi di assenza di fenomeni di corruzione.

Ecco cosa mi sfuggiva di nuovo del forum! Ma dove è il bancone? Per me una Guinness media...
Solo due cose sono infinite, l'universo e la stupidità umana, e non sono sicuro della prima

A.Einstein

Offline Buzz

  • Beam me down, EDRS!
  • *
  • 7.491
    • EDRS Space Data Highway
Re:Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA
« Risposta #9 il: Mar 29/03/2016, 21:01 »
certo che ULA è una garanzia , per far volare a prezzi decenti è dovuta andare in russia a recuperare i motori
e anche ora di costruirseli da soli non se ne parla
In una economia di mercato non vedo perche' questo debba essere posto come una sorta di demerito.
Io però questo lo trovo assurdo, sia per ULA che per Orbital. IMHO è uno degli aspetti assurdi della deriva "commerciale" dello spazio.
Gli USA fanno tutto questo per l'indipendenza nell'accesso allo spazio, e poi ottengono questa fantomatica indipendenza comprando motori russi?
E lo stesso ovviamente vale per l'elettronica o la componentistica cinese.

Se lo spazio è considerato un settore strategico, dal punto di vista di uno stato è un po' poco coerente predicare l'indipendenza e poi comprare i componenti all'esterno. Anche se questo può avere senso dal punto di vista commerciale, perchè costano meno, secondo me non ha nessun senso dal punto di vista politico/strategico

PS: le stesse assurdità ci sono un po' ovunque, anche "noi" Europei sviluppiamo sistemi per essere indipendenti dagli USA che però funzionano solo grazie ai GPS che ci danno la sincronizzazione del tempo tra i vari sottosistemi ;)

Citazione
“Quelli del Governo non furono felici della nostra scelta perchè pensavano di essersi già sbilanciati troppo nel tentativo di favorirci.”
Tornando all'articolo, secondo me questo è abbastanza normale, è simile al nostro geo-return.
Gli USA hanno sempre favorito un'azienda o l'altra in alcuni concorsi, per evitare che una singola azienda si accaparri tutti i contratti statali e faccia fallire i concorrenti. E' il loro modo di tenere in piedi tutte le varie aziende del settore
« Ultima modifica: Mar 29/03/2016, 21:07 da Buzz »
Par l’espace, l’univers me comprend et m’engloutit comme un point; par la pensée, je le comprends. (Blaise Pascal).
An age is called Dark not because the light fails to shine, but because people refuse to see it. (James Michener)

Offline marcozambi

  • *
  • 11.949
    • @marcozambi
Re:Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA
« Risposta #10 il: Mar 29/03/2016, 22:38 »
Io però questo lo trovo assurdo, sia per ULA che per Orbital. IMHO è uno degli aspetti assurdi della deriva "commerciale" dello spazio.
Gli USA fanno tutto questo per l'indipendenza nell'accesso allo spazio, e poi ottengono questa fantomatica indipendenza comprando motori russi?
E lo stesso ovviamente vale per l'elettronica o la componentistica cinese.

Se lo spazio è considerato un settore strategico, dal punto di vista di uno stato è un po' poco coerente predicare l'indipendenza e poi comprare i componenti all'esterno. Anche se questo può avere senso dal punto di vista commerciale, perchè costano meno, secondo me non ha nessun senso dal punto di vista politico/strategico
Capisco cosa intendi, tuttavia ho la convinzione personale che in ambito prettamente commerciale il pragmatismo in nome del risparmio e del "business" travalichino da sempre, alla luce del sole o un po' meno, le barriere ideologiche portate avanti dalla politica. Questo pragmatismo commerciale si e' fatto ancora piu' forte con la globalizzazione e le vagonate di denaro che gli USA hanno riversato nelle tasche dei russi prima per prevenire il collasso del settore spaziale degli ex nemici negli anni 90 prima, e per sopperire alla cronica mancanza di visione politica spaziale grazie alla quale gli USA hanno perso per anni la capacita' autonoma di inviare esseri umani nello spazio.

La conservazione di asset e know-how strategico imhhho si divide tra NASA e US Air Force, che ormai opera addirittura un suo mini shuttle...

Gli USA hanno sempre favorito un'azienda o l'altra in alcuni concorsi, per evitare che una singola azienda si accaparri tutti i contratti statali e faccia fallire i concorrenti. E' il loro modo di tenere in piedi tutte le varie aziende del settore
Assistenza di stato mascherata, perche' si sa, certi concetti sono ufficialmente tabu oltreoceano ;)
Marco Zambianchi
ForumAstronautico Founder
Presidente Associazione ISAA

Re:Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA
« Risposta #11 il: Mer 30/03/2016, 11:36 »
se andare sul mercato (per di più concorrete )  vuol dire prodotto estero e risparmio per il contribuente  leggasi Atals vs Delta va tutto bene
se  il caso diventa l'opposto ovvero prodotto estero e aggravio per il contribuente con avendo alternativa di prodotto nazionale  a costi più bassi l'anomalia giganteggia
credo che varrebbe in qualsiasi settore
e cmq il primo caso , sorry per ULA , diventa poco giustificabile

ciò che è strano , almeno per me , è che spaceX con questa politiche dei prezzi e questi progetti di RTLS sono recenti ma non improvvisi
e invece per ora tutti fermi , o quasi a guardare , confidando forse nel fallimento della stessa SX

Offline albyz85

  • "Space isn't so far - it's only an hour's drive if your car could go straight up."
  • *
  • 15.985
    • https://www.facebook.com/alberto.zampieron
Re:Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA
« Risposta #12 il: Mer 30/03/2016, 12:21 »
ciò che è strano , almeno per me , è che spaceX con questa politiche dei prezzi e questi progetti di RTLS sono recenti ma non improvvisi
e invece per ora tutti fermi , o quasi a guardare , confidando forse nel fallimento della stessa SX

È strano se si basa tutto il ragionamento sul fatto che SpaceX stia sviluppando, come preconcetto, qualche cosa di rivoluzionario in termini commerciali o di prezzi al compratore.
Più pragmaticamente chi è coinvolto e ha il compito di valutare i concorrenti ha considerato che fino ad ora, analiticamente, i risultati che potrà raggiungere SpaceX non sono così "game changer" da correre ai ripari in tempo zero. Ovvero il prezzo che offrirà SpaceX non è di un ordine di grandezza differente, ma solamente qualche punto percentuale a regime e con i prezzi assestati (quelli di oggi sono ancora prezzi di "saldo" per permettere a SpaceX di rimanere sul mercato controbilanciando i costi assicurativi maggiori) e per rimanere sul mercato non è necessario stravolgere o inventarsi grandi programmi piuttosto che alzare bandiera bianca...
Come è stato più volte detto qui, SpaceX ha innegabilmente portato ad una maggiore concorrenza e ad un abbassamento dei prezzi di vendita, ma non parliamo di ordini di grandezza differenti. Quello che tutti stanno facendo è rimodulare l'offerta per rimanere sul mercato ma senza stravolgere nulla, perché alla fine la concorrenza c'era anche prima e i lanciatori li sapevano costruire anche prima che arrivasse Musk... e fino ad ora, analizzando i contratti assegnati negli ultimi anni, hanno avuto ragione i competitors di SpaceX puntando sulla non rivoluzione...
Socio ISAA - Tessera n. 002


www.astronautinews.it

Re:Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA
« Risposta #13 il: Mer 30/03/2016, 16:20 »
È strano se si basa tutto il ragionamento sul fatto che SpaceX stia sviluppando, come preconcetto, qualche cosa di rivoluzionario in termini commerciali o di prezzi al compratore.
Rinunciare ad una gara del cliente di cui era unico fornitore e il continuo licenziamento di personale tecnico mi pare molto game changer, tutto nelle dichiarazioni riportate in questo articolo sembra mostrarlo :surprise:

"In effetti i $ 62 milioni richiesti da SpaceX per il loro Falcon 9 sono molto competitivi rispetto ai nostri 125 con l’Atlas V, non sarebbero certo bastati i nostri 105 lanci riusciti su 105 effettuati dal 2006 a farci vincere l’asta, quindi decidemmo di non presentarci"

"Se ULA non troverà il sistema di rendersi competitiva, SpaceX avrà sicuramente vita facile ad aggiudicarsi tutti i prossimi 9 lanci militari da assegnare quest’anno. "

O i prezzi erano gonfiati a dismisura, ed allora ULA dispone ancora di molta liquidità, oppure se erano vicini ai costi hanno effettivamente un bel problema. Il fatto che abbiano commissionato ad Blue Origin i nuovi propulsori mi pare indicativo di scarso dinamismo ed elevati costi interni.

Nb: altre chiacchiere da bar  :mrgreen:
« Ultima modifica: Mer 30/03/2016, 16:33 da Peter Pan »
SpaceX is a game changer !
Cold Fusion is real!

Offline albyz85

  • "Space isn't so far - it's only an hour's drive if your car could go straight up."
  • *
  • 15.985
    • https://www.facebook.com/alberto.zampieron
Re:Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA
« Risposta #14 il: Mer 30/03/2016, 17:58 »
Il fatto che abbiano commissionato ad Blue Origin i nuovi propulsori mi pare indicativo di scarso dinamismo ed elevati costi interni.

E perché mai??

Tornando alla questione licenziamenti, puoi chiarire di quali "continui licenziamenti" stai parlando?
SpaceX poco più di un anno fa ha lasciato a casa 400 dipendenti, questo quindi sarebbe effetto di cosa?
Ribadisco, perché cercare di collegare una pratica (discutibile, se vogliamo) assodata negli USA di turnover continui con un ipotetico "effetto SpaceX" che non trova ad oggi riscontro?
Socio ISAA - Tessera n. 002


www.astronautinews.it

Re:Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA
« Risposta #15 il: Gio 31/03/2016, 18:57 »
Mi ricordavo vagamente di questa affermazione,
infatti Tory Bruno ceo di ULA  a un meeting che si terra il 29/3 sembra che annuncerà  tagli per centinaia di ingegneri e impiegati attualmente in ULA
che confesso di non aver verificato. Sono seguiti dei fatti?
D'altronde avevo dichiarato che stavo facendo chiacchiere da bar ;-)

Comunque, su tutto il resto siamo d'accordo?  :clown:
« Ultima modifica: Gio 31/03/2016, 20:28 da Peter Pan »
SpaceX is a game changer !
Cold Fusion is real!

Offline Saimoncis

  • *
  • 1.858
  • Accendi! ...Io controllo se funziona!
Re:Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA
« Risposta #16 il: Gio 28/04/2016, 19:21 »
Intanto comincia ad avverarsi la profezia...
Oggi l'USAF ha annunciato di aver scelto SpaceX per il prossimo lancio del GPS III previsto per il maggio '18 dalla Florida, al costo di 82.700.000 $.
Cènt cò, cènt cràp, cènt cùl, dusènt ciàp!

Re:Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA
« Risposta #17 il: Ven 29/04/2016, 20:14 »
Cioè 20M$ di margine rispetto il prezzo stimato del F9 (prima dell'atterraggio del primo stadio)? Non male
SpaceX is a game changer !
Cold Fusion is real!

Offline albyz85

  • "Space isn't so far - it's only an hour's drive if your car could go straight up."
  • *
  • 15.985
    • https://www.facebook.com/alberto.zampieron
Re:Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA
« Risposta #18 il: Ven 29/04/2016, 21:25 »
Cioè 20M$ di margine rispetto il prezzo stimato del F9 (prima dell'atterraggio del primo stadio)? Non male

No, significa che ci sono 20M$ di dollari in più rispetto al prezzo annunciato del Falcon 9... è una cosa decisamente diversa e i casi sono due, o SpaceX ha imparato in fretta che sui contratti governativi la cresta è facile, oppure che il prezzo delle conferenze stampa non è il prezzo reale di vendita... tutto è relativo nella vita ;-)
Socio ISAA - Tessera n. 002


www.astronautinews.it

Re:Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA
« Risposta #19 il: Sab 30/04/2016, 01:41 »
No, significa che ci sono 20M$ di dollari in più rispetto al prezzo annunciato del Falcon 9... è una cosa decisamente diversa e i casi sono due, o SpaceX ha imparato in fretta che sui contratti governativi la cresta è facile, oppure che il prezzo delle conferenze stampa non è il prezzo reale di vendita... tutto è relativo nella vita ;-)
La funzione dei reparti commerciali è vendere al meglio il prodotto. E' chiaro che vogliono guadagnarci, non penserai che lo facciano per beneficenza.
C'è una bella differenza tra il costo per l'azienda ed il prezzo al pubblico. E questo prima del riuso del I stadio; il costo di quest'ultimo può essere considerato come suddiviso tra i vari lanci che lo coinvolgeranno, dunque il margine di profitto sarà ancora maggiore.
SpaceX is a game changer !
Cold Fusion is real!

Offline albyz85

  • "Space isn't so far - it's only an hour's drive if your car could go straight up."
  • *
  • 15.985
    • https://www.facebook.com/alberto.zampieron
Re:Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA
« Risposta #20 il: Sab 30/04/2016, 09:23 »
Ma da che pulpito... è la cosa più normale del mondo, ma non era ULA che era brutta e cattiva perché "lucrava" sui contratti?? Fa piacere che alla fine si arrivi piano piano tutti a capire che le dinamiche di SpaceX siano assolutamente le stesse di tutti gli altri...
Socio ISAA - Tessera n. 002


www.astronautinews.it

Re:Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA
« Risposta #21 il: Sab 30/04/2016, 11:41 »
albyz vabbe che quando vedi spaceX ,fai come i tori quando vedono il rosso ma qua sembra che hai un minimo esagerato
quali dinamiche di spacex sono uguali alle altre ?
questi 10 anni fa quasi manco esistevano , hanno continuamente sviluppato i loro mezzi che qualsiasi confronto si voglia portare fa arrossire i concorrenti  ,dal grasshoppor a breve il fh , il vega è decenni che se ne parla ha fatto pochi voli e forse tra qualche anno arriverà la versione C 
fanno atterrare  i loro primi stadi , in pochi anni sono riusciti ad avere una backlog di lanci lunghissima
ci manca solo che regalino i razzi per far contenti quelli che vogliono distinuguerli ancora meglio
poi se non si scorgono differenze libero di pensare come vuoi

Offline albyz85

  • "Space isn't so far - it's only an hour's drive if your car could go straight up."
  • *
  • 15.985
    • https://www.facebook.com/alberto.zampieron
Re:Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA
« Risposta #22 il: Sab 30/04/2016, 11:51 »
questi 10 anni fa quasi manco esistevano , hanno continuamente sviluppato i loro mezzi che qualsiasi confronto si voglia portare fa arrossire i concorrenti  ,dal grasshoppor a breve il fh , il vega è decenni che se ne parla ha fatto pochi voli e forse tra qualche anno arriverà la versione C 
fanno atterrare  i loro primi stadi , in pochi anni sono riusciti ad avere una backlog di lanci lunghissima
ci manca solo che regalino i razzi per far contenti quelli che vogliono distinuguerli ancora meglio
poi se non si scorgono differenze libero di pensare come vuoi

Boh... e quindi? Se domani io progetto un lanciatore che prima di decollare fa tre piroette e poi parte sono un genio?
In ogni caso fa piacere come rigiri la frittata, ripeto, non era ULA che era cattiva perché si permetteva di lucrare sui lanci governativi e ora che lo fa SpaceX è la cosa più lecita del mondo? Ripeto ancora, basta leggere tre post più sopra, SpaceX non è andata in giro a sbandierare il prezzo di 62 milioni di dollari per lancio fino all'altro ieri e oggi, ops, ci siamo sbagliati, il contratto per l'USAF viene venduto a 82 milioni di dollari?
Prima di osannare qualsiasi respiro di Musk converrebbe essere più coerenti e oggettivi...
Socio ISAA - Tessera n. 002


www.astronautinews.it

Re:Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA
« Risposta #23 il: Lun 02/05/2016, 20:22 »
Ma da che pulpito... è la cosa più normale del mondo, ma non era ULA che era brutta e cattiva perché "lucrava" sui contratti?? Fa piacere che alla fine si arrivi piano piano tutti a capire che le dinamiche di SpaceX siano assolutamente le stesse di tutti gli altri...
Albyz, non che SpaceX mi piaccia perché è una onlus, mi piace perché vince i bandi in condizione di non monopolio e pur guadagnandoci permette accessi allo spazio appetibili ad una platea di possibili clienti molto più ampia.
Tu hai affermato che per questo motivo secondo te fallirà, pare invece che finanzierà a proprie spese il collaudo del suo sistema di atterraggio su Marte.
Tutto sembra ormai convergere verso le tue previsioni.  :mrgreen:
SpaceX is a game changer !
Cold Fusion is real!

Offline albyz85

  • "Space isn't so far - it's only an hour's drive if your car could go straight up."
  • *
  • 15.985
    • https://www.facebook.com/alberto.zampieron
Re:Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA
« Risposta #24 il: Lun 02/05/2016, 20:57 »
Certamente, per chi basa le proprie valutazioni tecniche sui rendering un tweet è decisamente la prova schiacciante che mancava a mesi e mesi di innegabili valutazioni oggettive... oh, quando uscirà addirittura un powerpoint secondo me, ma secondo me, potrai già prenotare il tuo posticino sulla prossima giga-mega nuova capsula di Musk...
Tutto sta convergendo... già... per un tweet...  :stica:
« Ultima modifica: Lun 02/05/2016, 21:10 da albyz85 »
Socio ISAA - Tessera n. 002


www.astronautinews.it

Re:Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA
« Risposta #25 il: Lun 02/05/2016, 21:16 »
Caso mai tu ne sentissi la mancanza http://www.spacex.com/falcon-heavy  :mrgreen:
SpaceX is a game changer !
Cold Fusion is real!

Offline albyz85

  • "Space isn't so far - it's only an hour's drive if your car could go straight up."
  • *
  • 15.985
    • https://www.facebook.com/alberto.zampieron
Re:Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA
« Risposta #26 il: Lun 02/05/2016, 21:26 »
Sei solo un provocatore, non mi interessa continuare al tuo livello, quando vorrai cominciare a portare qualche contributo di discussione al forum sarai sempre il benvenuto... altrimenti, beh questo è tutto quello che riesci a proporre...
« Ultima modifica: Lun 02/05/2016, 21:28 da albyz85 »
Socio ISAA - Tessera n. 002


www.astronautinews.it

Re:Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA
« Risposta #27 il: Mer 04/05/2016, 00:24 »
Sei solo un provocatore, non mi interessa continuare al tuo livello, quando vorrai cominciare a portare qualche contributo di discussione al forum sarai sempre il benvenuto... altrimenti, beh questo è tutto quello che riesci a proporre...
LOL. Ora non venirmi a dire che tu non provochi e che non sei il primo a farlo. Io mi sono adeguato allo scherzo.

Quanto al contributo al forum, mi pare di averlo portato nelle sezioni di mio interesse, quando ne sono stato in grado.
Ma tutto questo è sicuramente materiale per una conversazione privata, non per un topic del forum. Per cui anche io chiudo qui.
SpaceX is a game changer !
Cold Fusion is real!

« Ultima modifica: Ven 16/06/2017, 12:58 da Peter Pan »
SpaceX is a game changer !
Cold Fusion is real!

Online robmastri

  • Lunatico
  • *
  • 2.116
    • @@RobertoMastri
    • SpaceStuff
Re:Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA
« Risposta #29 il: Ven 16/06/2017, 17:55 »
Tory Bruno risponde. I lanci governativi sono costati in media 225 milioni l'uno.

  Socio I.S.A.A.

Re:Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA
« Risposta #30 il: Ven 16/06/2017, 18:43 »
In effetti AF stima una spesa di 422M$/lancio per il 2020. Considerato il grafico postato da Tory Bruno, viene da pensare che ipotizzino solo lanciatori pesanti per tale anno. Invece per i lanciatori medi Atlas 5 si parla di 164M$ compresi i servizi: dovrebbe essere questa la cifra da rapportare ai prezzi con cui SpaceX si è assicurata i lanci dei suoi F9, l'ultimo a 96.5M$.
I risparmi, progressivi nel tempo, derivanti dal riutilizzo dei primi stadi dovrebbero avvantaggiare solo i clienti dei lanciatori usati, probabilmente non istituzionali americani: non so se l'AF accetterà mai di lanciare un carico su un primo stadio usato.
SpaceX is a game changer !
Cold Fusion is real!

Offline Hal

  • *
  • 584
Re:Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA
« Risposta #31 il: Ven 16/06/2017, 20:15 »
I risparmi, progressivi nel tempo, derivanti dal riutilizzo dei primi stadi dovrebbero avvantaggiare solo i clienti dei lanciatori usati, probabilmente non istituzionali americani: non so se l'AF accetterà mai di lanciare un carico su un primo stadio usato.
Ma sai che non sono tanto convinto di questo. Guardandola da un'altro punto di vista, un lanciatore usato dimostra di essere robusto ed affidabile, quindi le assicurazioni tra qualche anno potrebbero addirittura far pagare meno per il rivolo. Già adesso, che siamo ancora agli inizi, mi pare che i prezzi assicurativi per un lancio con il primo stadio usato siano grossomodo vicini a quelli di uno nuovo. Di conseguenza potrebbero anche decidere di spalmare i risparmi anche sui lanci dei vettori nuovi(il fatto è che per ora non hanno affatto bisogno di farlo). Poi dipende anche da come andranno le cose in futuro.

Re:Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA
« Risposta #32 il: Sab 01/07/2017, 14:33 »
I materiali sono soggetti a fatica, anche se il vettore ha funzionato bene, e non credo che le sollecitazioni di un lancio siano da poco. La riusabilità comporta uno sforzo ingegneristico notevole. Confido che alla lunga porterà innovazioni sorprendenti.


Inviato dal mio ZTE A2017G utilizzando Tapatalk

SpaceX is a game changer !
Cold Fusion is real!

Offline Smiley1081

  • Chief Bosun mate, RMN
  • *
  • 2.796
  • Chi va al KSC si intuta...
Re:Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA
« Risposta #33 il: Dom 02/07/2017, 13:23 »
Poi Musk, facendo il proprio interesse ovviamente, e' entrato a gamba tesa...

https://twitter.com/elonmusk/status/875509067011153924

The Earth is just too small and fragile a basket for the human race to keep all its eggs in. -- Robert A. Heinlein

Una navetta costruita in serie: €1000000000. Un Cilindro di O'Neill: €300000000000000. La sopravvivenza della Razza Umana: non ha prezzo.

Offline Moon

  • "Houston, we've had a problem here"
  • *
  • 297
  • one, zero All engines running We have a lift-off
Re:Il Pentagono avvia un’indagine sui contratti con ULA
« Risposta #34 il: Lun 03/07/2017, 17:58 »
In effetti AF stima una spesa di 422M$/lancio per il 2020. Considerato il grafico postato da Tory Bruno, viene da pensare che ipotizzino solo lanciatori pesanti per tale anno. Invece per i lanciatori medi Atlas 5 si parla di 164M$ compresi i servizi: dovrebbe essere questa la cifra da rapportare ai prezzi con cui SpaceX si è assicurata i lanci dei suoi F9, l'ultimo a 96.5M$.
I risparmi, progressivi nel tempo, derivanti dal riutilizzo dei primi stadi dovrebbero avvantaggiare solo i clienti dei lanciatori usati, probabilmente non istituzionali americani: non so se l'AF accetterà mai di lanciare un carico su un primo stadio usato.
La space x per il suo lanciatore pesante ovvero il Falcon Heavy le cui capacita dovrebbero essere di 64 tonnellate di LEO(in versione sacrificabile ovviamente)si parla di 90 milioni di costo al lancio anche nella versione sacrificabile , nel caso dei lanci militari/governativi il prezzo dovrebbe salire per via dei maggiori requisiti che si chiedono (un lancio di un falcon 9 costa 62 milioni ma se parliamo di un satellite militare il costo sale a 100 milioni) quindi magari il lancio di un falcon heavy costerebbe 150 milioni considerando le sue capacità mi sembra un buon prezzo(premesso che parliamo per ipotesi adesso)
"Questo è un piccolo passo per un uomo, ma un grande balzo per l'umanità."Neil Armstrong 1969
"Da quassù la Terra è bellissima, senza frontiere né confini"
Jurij Gagarin 1961