Associazione ISAA
ForumAstronautico
AstronautiNEWS
AstronautiCAST
AstronautiCON
StratoSpera
ForumAstronautico.it

Post recenti

Pagine: [1] 2 3 4 5 ... 10
1
SpaceX / Re:Elon Musk avanti tutta: BFR su Marte, Luna e Terra
« Ultimo post da Maxi il Oggi alle 17:03 »
Mettere piede su un moderno A350 o un B777 significa che il rischio praticamente non esiste. Gli aerei di linea moderni hanno raggiunto standard assurdi. E anche in caso di emergenza, la maggior parte delle volte ci si salva. Un razzo per via della sua natura non potrà mai raggiungere la sicurezza di un moderno jet. E se qualcosa va storto al lancio, anche qualcosa di secondario, i problemi che ne sorgono sono seri. Il paragone tra aerei di linea e razzi di Musk non calza proprio a pennello. Anzi.

Sentire queste affermazioni così nette sul trasporto aereo civile quando vi sono comunque diversi incidenti, anche mortali, annui mi stupisce... e si badi bene che il numero è in calo (almeno per numero di decessi) solo nel corso di 100 (dico 100) anni e miliardi di persone trasportate contro le poche centinaia nello spazio.
https://en.wikipedia.org/wiki/List_of_accidents_and_incidents_involving_commercial_aircraft

Sicuramente un razzo ha attualmente, di per se, un rischio maggiore di un volo aereo di linea ma, a parte questo, quanto siamo sicuri che un LES possa salvare la vita degli astronauti? La NASA non ha mai avuto l'occasione di provarlo in condizioni reali. I sovietici si ma si trattò di un incidente sulla rampa e non in volo... e comunque il LES si attivò diversi secondi dopo che i problemi al razzo S7 divennero ben visibili anche a centinaia di metri di distanza.

https://en.wikipedia.org/wiki/Soyuz_7K-ST_No._16L


Poi non ho capito come si possa affermare che il BFS si possa sganciare dal BFR solo dopo 2 minuti dal lancio... quando mai Musk o la SpaceX lo hanno detto? Io invece immagino (ma ovviamente non ne sono sicuro perché questo argomento, dato che abbiamo ancora un sistema non definito perfettamente come dimostrato dall'ultimo design, non è stato affrontato) che potrebbe funzionare come per il Crew Dragon, ovvero che un distacco della nave con equipaggio potrebbe avvenire dal momento che si trova sulla rampa fino al termine della fase propulsa del BFR. Questo si che sarebbe un sistema di salvataggio che potrebbe essere comparabile, e perfino per certi versi migliore, del classico LES della NASA.

Per me pensare che il futuro del volo spaziale umano sia per SEMPRE legato a piccole capsule da 3/4 posti che atterrano appese a dei paracadute è voler negare che la tecnologia umana possa evolvere... Lo Space Shuttle (ed il Buran, X-37B e Dream Chaser tanto per citarne alcuni) dimostrano che la via per lo spazio diversa dalle capsule è possibile. SpaceX ci ha dimostrato un'ulteriore via ma, come tutte le cose innovative e maggiormente complesse richiedono tempo, costi, sforzi e si, purtroppo, anche sacrifici estremi. Forse non vedremo mai volare il BFR/BFS di SpaceX ma, prima o poi, la strada dovrà essere intrapresa da qualcuno se non vogliamo restare legati a questo piccolo, insignificante e, purtroppo, inquinato e sovrappopolato pianeta.
Lo so, sono un inguaribile ottimista ma se non pensassi queste cose immagino mi sarei già dato alla pesca sportiva o all'ippica... :-)
2
mi viene da pensare che tutti sappiamo che un velivolo da caccia dispone di sedili eiettabili mentre uno commerciale no. Se come passeggeri di un aereo di linea siamo disposti ad accettare il rischio di non poter abbandonare il velivolo in caso di pericolo, non vedo perché dovremmo fare eccezione per una nave spaziale.

Si però,mi viene da pensare che questa l'abbiamo già sentita nel novembre del 1982,e ne prendemmo  atto,perchè ci sembrò un affermazione logica,direi sensata e pacifica,.
Poi però il 28 gennaio 1986 ci riportò tuti alla realtà, ed  il paragone con i voli di linea mostrrò drammaticamente il suo limite.
Non vorrei che la storia dovesse ripetersi,ricordandoci ancora una volta gli ordini di grandezza diversi in termini di complessità e ambiente tra aeronautica ed astronautica.
Non vorrei che il BFR (se mai volerà) possa un giorno essere ricordato accanto ad altre meraviglie tecnologiche come il Titanic o il dirigibile Hindemburg.
E non dimentichiamoci che un ente spaziale nazionale come la NASA può sopravvivere a una tragedia (è sopravvissuto a ben tre), un azienda privata non so.
Forse tra una NASA che,scottata dalle lezioni del passato, è disposta ad aspettare anni ed anni per far volare un veicolo spaziale con equipaggio allo scopo di ridurre il più possibile i rischi e dei privati che invece sono disposti a mettere nel conto il rischiare le vite di equipaggi e passeggeri andrebbe trovata una via di mezzo.
Buon senso,forse,dovrebbe indurre a considerare il BFR un ambiziosissimo veicolo sperimentale ( come si disse dello Shuttle dopo le note docce fredde),e non una specie di nave spaziale da crociera.
3
Aeronautica / Re:Pilota di aliante!
« Ultimo post da dvd il Oggi alle 16:10 »
Grazie a tutti!! :)

Bella scelta, l'aliante è il mezzo più serio per imparare a volare, è anche molto più sicuro di ultraleggeri o piccoli aeromobili.

Quello nella foto cos’è, un Twin Astir, magari pure acro?
È l'amato ASK-21 su cui ho fatto tutto l'addestramento :) è acro ma ci ho fatto solo stalli e viti

Complimenti!
Per quanto mi riguarda la scelta migliore per chi vola per "diletto". :)
Stati uniti a parte dove l'aviazione generale, seppur di nicchia, è un opzione concreta (e indispensabile nei posti più remoti) volare con i paperozzi qui in Europa mi ha sempre entusiasmato poco se non inquadrato in un percorso professionale...
...che non mi sono mai potuto permettere  :death:
Concordo pienamente ma soprattutto non è affatto un ripiego: l'aereo è per spostarsi, l'aliante è uno sport!

Congratulazioni!
E' già un'esperienza guardarli volare, nel silenzio. Stare a bordo dev'essere molto emozionante.
Sì! Ed è tutto amplificato anche dalla grande visibilità che si ha dato il piccolo cruscotto e il grande cupolino trasparente.

Sono contento per te e sono anche invidioso perché io pur di volare ho preso a suo tempo l'attestato per il volo su ultraleggeri ma mi sarebbe piaciuto il volo a vela che purtroppo non era possibile nella mia zona. Credo che sia "il volo" in tutti i sensi.
Li avevo valutati anche io all'inizio, ma la legge italiana ne limita moltissimo l'utilizzo
4
In effetti non è che si contino proprio le ruote...
5
SpaceX / Re:Elon Musk avanti tutta: BFR su Marte, Luna e Terra
« Ultimo post da Peter Pan il Oggi alle 14:32 »
Ma come dicevo io incomincio a pensare che il buon Elon ci stia prendendo in giro con questo voletto lunare degli artisti, e forse anche che il vero obiettivo sia Marte subito.  Magari quello che vuol fare e' piu' simile a quanto ho descritto.  Cambierebbe il corso della storia lo stesso.
Io invece credo che Marte sia fumo negli occhi ed il vero business sarà nel trasporto passeggeri intercontinentale con intermezzo turistico in orbita. Anche questa ipotesi spiegherebbe la fretta per l'applicazione manned.
Taglierebbe anche subito le gambe alla nuova concorrenza che pare conti molto sul turismo.
Nel frattempo contratti governativi per il trasporto lunare saranno essenziali per far quadrare i conti.

Inviato dal mio ZTE A2017G utilizzando Tapatalk
6
SpaceX / Re:Elon Musk avanti tutta: BFR su Marte, Luna e Terra
« Ultimo post da archipeppe il Oggi alle 14:20 »
Mettere piede su un moderno A350 o un B777 significa che il rischio praticamente non esiste. Gli aerei di linea moderni hanno raggiunto standard assurdi. E anche in caso di emergenza, la maggior parte delle volte ci si salva. Un razzo per via della sua natura non potrà mai raggiungere la sicurezza di un moderno jet. E se qualcosa va storto al lancio, anche qualcosa di secondario, i problemi che ne sorgono sono seri. Il paragone tra aerei di linea e razzi di Musk non calza proprio a pennello. Anzi.
Che sciocchezza, tutti i mezzi di trasporto umano hanno un'intrinseca percentuale di rischio. Come fai ad essere così categorico nel dire che in un moderno velivolo di linea, per quanto molto sicuro il rischio è zero???
I primi velivoli erano molto meno sicuri dei primi veicoli spaziali ma questo non ha impedito all'umanità di volare. La sicurezza è un fattore incrementale e va di pari passo con le tecnologie. Il BFS nascerà in ogni caso più sicuro di uno shuttle in primis per la differenza di architetture e poi per le "lessons learned" a livello storico. Poi magari avrà i suoi propri fattori di rischio, certo non quelli dello shuttle, ma questo lo scopriremo solo se è quando volerà.
7
Approccio intelligente per la cattura di potenzialmente qualsiasi debris, bell'approccio.
Il problema di base che resta sempre è il costo di un ipotetico programma di pulitura: ipotizziamo un tug in grado di prendere al lazo e deorbitare una dozzina di oggetti ed esser rifornito di propellente, reti e arpioni: una piccola squadra già oggi avrebbe lavoro per i secoli a venire. Molti tug al lavoro costerebbero più che pulire gli oceani, e la gente non li vedrebbe al lavoro.

Ma senza pulizia e moderazione, rischiamo di sigillarci dietro uno scudo di schegge impazzite :fearful:
8
Hayabusa 2 / Re:Hayabusa 2: iniziano le operazioni in orbita
« Ultimo post da mcgyver il Oggi alle 14:09 »
Domattina all'alba (in Italia) conferenza stampa:

HAYABUSA 2 press conference
2018/09/27 15:30-16:30(JST)
2018/09/27 06:30-07:30(GMT)

9
Privati / Re:Electron - Still Testing
« Ultimo post da Baykanur il Oggi alle 14:00 »
http://www.spaceflightfans.cn/39545.html

Non so se è il punto migliore dove postare questo articolo (è in cinese ma google lo traduce) ... fa la storia delle pompe nei razzi dai tempi delle v2 ad oggi ... parla anche dei vantaggi e dei limiti delle pompe elettriche della Electron. Tale sistema risulta con la tecnologia attuale limitato dallo sviluppo delle batterie, ma per piccoli carichi risulta molto promettente per via della semplificazione del disegno del motore del razzo (nell'articolo sono riportati diversi schemi)
10
SpaceX / Re:Elon Musk avanti tutta: BFR su Marte, Luna e Terra
« Ultimo post da indaco il Oggi alle 13:57 »
Il Dragon e il CST-100  ce l'hanno, il LES.

Da profano io mi sentirei piu' sicuro se inizialmente usassero il BFR solo per cargo e tanker e per un bel po' continuassero ad usare il Falcon 9 + Dragon per l'equipaggio.

Poi, quando hai una lunga storia di lanci e atterraggi andati a buon fine passi ad una soluzione piu' industriale e piu' simile all'aviazione di linea e fai il BFS abitato (che sara' molto piu' complesso e costoso), che tra l'altro si giustifica per un numero di passeggeri simile ai voli di linea, avendo un volume pressurizzato superiore a quello dell'A380.

Ma come dicevo io incomincio a pensare che il buon Elon ci stia prendendo in giro con questo voletto lunare degli artisti, e forse anche che il vero obiettivo sia Marte subito.  Magari quello che vuol fare e' piu' simile a quanto ho descritto.  Cambierebbe il corso della storia lo stesso.

Pagine: [1] 2 3 4 5 ... 10