Associazione ISAA
ForumAstronautico
AstronautiNEWS
AstronautiCAST
AstronautiCON
StratoSpera
ForumAstronautico.it

Pleaidi

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Re:Pleaidi
« Risposta #25 il: Mar 20/02/2018, 11:34 »
A me si stringe lo stomaco quando vedo queste foto.
So che le stelle hanno la classica forma a diffrazione a croce, mentre le galassie no, per quello si distinguono.
Qui vedo un gruppo di stelle, forse in lontananza dietro galassie con spostamento verso il rosso (?). Il pensare che ogni stella ha un sistema planetario con mondi di bellezza inaudita e probabilmente forme di vita, mi fa ardere dalla rabbia dell'impotenza: il fascino del non poterle raggiungere, del non poter sapere.
E se un giorno JWST dovesse rilevare un pianeta simil terra ricco d'acqua e delle caratteristiche spettrali di composizione tipiche della vita, penso che morirei per il desiderio di conoscenza insoddisfatto.
<ISAA n°119> | È vero, ho scalato montagne e ho camminato in luoghi remoti. Ma come avrei potuto vedervi se non da una grande altitudine o da una grande distanza? In verità, come si può essere vicini se non si conosce la lontananza? (Khalil Gibran)

Offline robmastri

  • Lunatico
  • *
  • 2.603
    • @@RobertoMastri
    • SpaceStuff
Re:Pleaidi
« Risposta #26 il: Mar 20/02/2018, 11:59 »
Per secoli, fino a pochi decenni fa, gli uomini provavano un simile struggimento di fronte al desiderio di volare e contemplare il nostro globo dai cieli.

Manteniamo vivo il fuoco.  :happy:
  Socio I.S.A.A.

Offline Ares Cosmos

  • *
  • 2.882
  • A4, Apollo 10, Mir, Soyuz TM 34
Re:Pleaidi
« Risposta #27 il: Mar 20/02/2018, 12:47 »
C'è già Kepler che ne ha trovati un sacco in sole due costellazioni. Se potesse esplorare tutto il firmamento...
Anche solo poterli ammirare e questa accidenti di velocità della luce... quanto la odio.
Visti e toccati di persona: A4, Apollo 10, Mir (mock up), Soyuz TM 34
Ares Cosmos, alias Starcruiser, alias PCC

Re:Pleaidi
« Risposta #28 il: Mar 20/02/2018, 14:22 »
Per secoli, fino a pochi decenni fa, gli uomini provavano un simile struggimento di fronte al desiderio di volare e contemplare il nostro globo dai cieli.

Manteniamo vivo il fuoco.  :happy:

Ed essi chiamavano i pianeti "stelle erranti" perché attraversavano la volta celeste immobile, non capacitandosene. E schiapparelli e Cassini avrebbero probabilmente donato una fortuna per capire, o poter vedere anche solo per un attimo, Marte con le sue pianure e le sue valli. Straordinaria fortuna che noi abbiamo, e che non valorizziamo abbastanza.

Anche solo poterli ammirare e questa accidenti di velocità della luce... quanto la odio.

Proxima Centauri, la stella più vicina, solo 4 anni luce... e comunque inarrivabile. Quanti anni ancora di evoluzione umana saranno necessari per tentare di raggiungere ciò che a noi é più prossimo? E se non dovessimo comunque mai riuscire?

<ISAA n°119> | È vero, ho scalato montagne e ho camminato in luoghi remoti. Ma come avrei potuto vedervi se non da una grande altitudine o da una grande distanza? In verità, come si può essere vicini se non si conosce la lontananza? (Khalil Gibran)

Online IK1ODO

  • *
  • 6.256
  • S = -k log (W)
    • https://www.facebook.com/marco.bruno.927980
    • https://plus.google.com/113260597352108277456/posts
Re:Pleaidi
« Risposta #29 il: Mar 20/02/2018, 14:31 »
Come sapete, il nostro circolo a Pinerolo tiene un corso di astronomia.
La prima lezione pretende di raccontare qualcosa di com'è fatto il Cosmo; distanze, spazi, vuoto inimmaginabili nella nostra esperienza umana.
Quando spiego che se il Sole fosse un pallone di 25 cm la Terra sarebbe un granello di pepe a 27 m, e la stella più vicina sarebbe un altro pallone in California (9000 km), la gente ascolta cercando di assimilare il concetto.
Poi spiego che la Galassia ha qualche centinaio di miliardi di stelle, e che ci sono centinaia di miliardi di galassie... e prevengo la domanda sul "siamo soli?"
Uso la battuta di A.C. Clarke: "Esistono due possibilità: o che siamo soli nell'Universo o che non lo siamo. Sono entrambe ugualmente terrificanti."
Più ci si pensa su, più la cosa è spaventosa, in tutti i sensi. L'astronomia è una scienza che insegna l'umiltà forse più di ogni altra.
Forse ho anch'io paura del buio, e cerco di esorcizzarla scrutando la luce di stelle lontane. Chissà.
"Lo studio e in generale l'aspirazione alla verità e alla bellezza rappresentano un ambito in cui è permesso rimanere bambini per tutta la vita" - A. Einstein

Offline Ares Cosmos

  • *
  • 2.882
  • A4, Apollo 10, Mir, Soyuz TM 34
Re:Pleaidi
« Risposta #30 il: Mar 20/02/2018, 14:59 »
Come sapete, il nostro circolo a Pinerolo tiene un corso di astronomia.
La prima lezione pretende di raccontare qualcosa di com'è fatto il Cosmo; distanze, spazi, vuoto inimmaginabili nella nostra esperienza umana.
Quando spiego che se il Sole fosse un pallone di 25 cm la Terra sarebbe un granello di pepe a 27 m, e la stella più vicina sarebbe un altro pallone in California (9000 km), la gente ascolta cercando di assimilare il concetto.
Poi spiego che la Galassia ha qualche centinaio di miliardi di stelle, e che ci sono centinaia di miliardi di galassie... e prevengo la domanda sul "siamo soli?"
Uso la battuta di A.C. Clarke: "Esistono due possibilità: o che siamo soli nell'Universo o che non lo siamo. Sono entrambe ugualmente terrificanti."
Più ci si pensa su, più la cosa è spaventosa, in tutti i sensi. L'astronomia è una scienza che insegna l'umiltà forse più di ogni altra.
Forse ho anch'io paura del buio, e cerco di esorcizzarla scrutando la luce di stelle lontane. Chissà.


O è il "richiamo dello spazio?"


Per secoli, fino a pochi decenni fa, gli uomini provavano un simile struggimento di fronte al desiderio di volare e contemplare il nostro globo dai cieli.

Manteniamo vivo il fuoco.  :)

Ed essi chiamavano i pianeti "stelle erranti" perché attraversavano la volta celeste immobile, non capacitandosene. E schiapparelli e Cassini avrebbero probabilmente donato una fortuna per capire, o poter vedere anche solo per un attimo, Marte con le sue pianure e le sue valli. Straordinaria fortuna che noi abbiamo, e che non valorizziamo abbastanza.

Anche solo poterli ammirare e questa accidenti di velocità della luce... quanto la odio.

Proxima Centauri, la stella più vicina, solo 4 anni luce... e comunque inarrivabile. Quanti anni ancora di evoluzione umana saranno necessari per tentare di raggiungere ciò che a noi é più prossimo? E se non dovessimo comunque mai riuscire?




Che beffa se la velocità della luce fosse una barriera invalicabile, anche con l'iperspazio.
Resterebbero le orribili astronavi generazionali...

Visti e toccati di persona: A4, Apollo 10, Mir (mock up), Soyuz TM 34
Ares Cosmos, alias Starcruiser, alias PCC

Online IK1ODO

  • *
  • 6.256
  • S = -k log (W)
    • https://www.facebook.com/marco.bruno.927980
    • https://plus.google.com/113260597352108277456/posts
Re:Pleaidi
« Risposta #31 il: Mar 20/02/2018, 15:16 »
O è il "richiamo dello spazio?"

Funziona come il mal d'Africa? :beer: allora ti aspetto al Ristorante alla fine dell'Universo :)
"Lo studio e in generale l'aspirazione alla verità e alla bellezza rappresentano un ambito in cui è permesso rimanere bambini per tutta la vita" - A. Einstein

Offline joepack

  • *
  • 88
Re:Pleaidi
« Risposta #32 il: Mar 20/02/2018, 17:02 »
Quando spiego che se il Sole fosse un pallone di 25 cm la Terra sarebbe un granello di pepe a 27 m,

Hai perso una virgola, 2,7m ( medio 2,9 m )

:)

Joe

Offline Aleph

  • *
  • 128
Re:Pleaidi
« Risposta #33 il: Mar 20/02/2018, 17:20 »
Quando spiego che se il Sole fosse un pallone di 25 cm la Terra sarebbe un granello di pepe a 27 m,

Hai perso una virgola, 2,7m ( medio 2,9 m )

:)

Joe

Beh no, ha ragione india kilo...

La Terra dista mediamente dal Sole circa 100 diametri solari....

Offline Aleph

  • *
  • 128
Re:Pleaidi
« Risposta #34 il: Mar 20/02/2018, 17:29 »
Una cosa distante 60 volte le sue dimensioni ci appare ampia un grado, infatti il Sole che si trova a una distanza da noi appena maggiore di 100 volte il suo diametro, ha una estensione angolare di poco più di mezzo grado.

Anche la Luna, distante da noi circa 120 volte il suo diametro, ci appare infatti ampia uguale....

Online IK1ODO

  • *
  • 6.256
  • S = -k log (W)
    • https://www.facebook.com/marco.bruno.927980
    • https://plus.google.com/113260597352108277456/posts
Re:Pleaidi
« Risposta #35 il: Mar 20/02/2018, 18:19 »
Infatti, il rapporto distanza/diametro è circa 107 volte per il Sole, circa 109 per la Luna (dipende da dove si trova fra apogeo e perigeo), quindi abbiamo le eclissi totali di Sole :) e il conto mi pareva corretto.
La Terra viene di 2,3 millimetri di diametro, nemmeno un grano di pepe. Plutone è un granellino di sabbia (0,4 mm) a circa 1 km.
"Lo studio e in generale l'aspirazione alla verità e alla bellezza rappresentano un ambito in cui è permesso rimanere bambini per tutta la vita" - A. Einstein

Re:Pleaidi
« Risposta #36 il: Mar 20/02/2018, 21:06 »
Una ipotetica astronave grande come una molecola, nella scala di IK1ODO, dovrebbe sviluppare l'energia per percorrere 9000 km nello spazio, schivando asteroidi, polvere interstellare e quant'altro. Si esiste il principio di conservazione dell'energia che ci lascia qualche speranza, ma non per cambiare destinazione ed andare a zonzo come in Star Trek
<ISAA n°119> | È vero, ho scalato montagne e ho camminato in luoghi remoti. Ma come avrei potuto vedervi se non da una grande altitudine o da una grande distanza? In verità, come si può essere vicini se non si conosce la lontananza? (Khalil Gibran)

Online IK1ODO

  • *
  • 6.256
  • S = -k log (W)
    • https://www.facebook.com/marco.bruno.927980
    • https://plus.google.com/113260597352108277456/posts
Re:Pleaidi
« Risposta #37 il: Mar 20/02/2018, 21:27 »
Eh, sì. Un'incrociatore stellare lungo un miglio in scala sarebbe di 2 micron, proprio una molecola un pò grossa.
"Lo studio e in generale l'aspirazione alla verità e alla bellezza rappresentano un ambito in cui è permesso rimanere bambini per tutta la vita" - A. Einstein

Offline Ares Cosmos

  • *
  • 2.882
  • A4, Apollo 10, Mir, Soyuz TM 34
Re:Pleaidi
« Risposta #38 il: Mer 21/02/2018, 16:27 »
O è il "richiamo dello spazio?"

Funziona come il mal d'Africa? :beer: allora ti aspetto al Ristorante alla fine dell'Universo :)


 :beer:
Visti e toccati di persona: A4, Apollo 10, Mir (mock up), Soyuz TM 34
Ares Cosmos, alias Starcruiser, alias PCC

Online IK1ODO

  • *
  • 6.256
  • S = -k log (W)
    • https://www.facebook.com/marco.bruno.927980
    • https://plus.google.com/113260597352108277456/posts
Re:Pleaidi
« Risposta #39 il: Dom 08/04/2018, 11:48 »
L'amico Giuseppe Jossie Donatiello ha rielaborato la mia immagine, sommando i contributi di altri astrofili. La tecnica si chiama "joint imaging" e può dare risultati interessanti. Ecco il risultato  https://www.flickr.com/photos/133259498@N05/40583781494
E' scaricabile, sono 25 Mpx.

"Lo studio e in generale l'aspirazione alla verità e alla bellezza rappresentano un ambito in cui è permesso rimanere bambini per tutta la vita" - A. Einstein

Offline Lupin

  • *
  • 9.049
Re:Pleaidi
« Risposta #40 il: Lun 09/04/2018, 23:19 »
Fantastica!

Offline Michael

  • *
  • 6.535
  • Amministratore olografico d'emergenza
    • @signaleleven
    • Signal Eleven
Re:Pleaidi
« Risposta #41 il: Mar 10/04/2018, 14:44 »
Uffa, mi sono rotto dei link dinamici di Google. Adesso è su un mio server, e non scappa più.

Puoi allegare i file al post, anche se sono grossi (credo ci sia un limite che possiamo cambiare, nel caso).
Ho sempre paura che un giorno tutti questi link esterni spariscano (ma per carità non allegate roba che non ci / vi appartiene :) sto parlando in questo caso specificamente delle foto dello Zio )
Michael
ISAA - Stratospera - AstronautiCAST
http://www.astronauticast.com
http://www.signal-eleven.com

Online IK1ODO

  • *
  • 6.256
  • S = -k log (W)
    • https://www.facebook.com/marco.bruno.927980
    • https://plus.google.com/113260597352108277456/posts
Re:Pleaidi
« Risposta #42 il: Mar 10/04/2018, 15:01 »
Ok, buona idea.
"Lo studio e in generale l'aspirazione alla verità e alla bellezza rappresentano un ambito in cui è permesso rimanere bambini per tutta la vita" - A. Einstein

Offline b4ckirc

  • *
  • 34
Re:Pleaidi
« Risposta #43 il: Gio 12/04/2018, 16:49 »
L'amico Giuseppe Jossie Donatiello ha rielaborato la mia immagine, sommando i contributi di altri astrofili. La tecnica si chiama "joint imaging" e può dare risultati interessanti. Ecco il risultato  https://www.flickr.com/photos/133259498@N05/40583781494
E' scaricabile, sono 25 Mpx.



Spettacolare!!  :surprise: :clap:

Online IK1ODO

  • *
  • 6.256
  • S = -k log (W)
    • https://www.facebook.com/marco.bruno.927980
    • https://plus.google.com/113260597352108277456/posts
Re:Pleaidi
« Risposta #44 il: Gio 12/04/2018, 17:00 »
Le Pleiadi, osservate con un telescopio luminoso a corta focale ed un oculare wide field a basso ingrandimento, offrono una visione altrettanto spettacolare anche a occhio nudo ;) anzi, meno si ingrandisce, meglio è. L'ideale è 20-25 ingrandimenti. E viva i Newton.
"Lo studio e in generale l'aspirazione alla verità e alla bellezza rappresentano un ambito in cui è permesso rimanere bambini per tutta la vita" - A. Einstein