Associazione ISAA
ForumAstronautico
AstronautiNEWS
AstronautiCAST
AstronautiCON
StratoSpera
ForumAstronautico.it

Propulsione a microonde?

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Re:Propulsione a microonde?
« Risposta #200 il: Sab 31/03/2018, 14:10 »
E continua ad muoversi! Anche sul sito della nasa è apparsa una pagina molto interessante. Vi lascio alla lettura

https://www.nasa.gov/directorates/spacetech/niac/2018_Phase_I_Phase_II/Mach_Effect_for_In_Space_Propulsion_Interstellar_Mission

Offline IK1ODO

  • *
  • 6.236
  • S = -k log (W)
    • https://www.facebook.com/marco.bruno.927980
    • https://plus.google.com/113260597352108277456/posts
Re:Propulsione a microonde?
« Risposta #201 il: Sab 31/03/2018, 14:15 »
E' una proposta, e non ho capito una sillaba, se non che è una proposta di studio, che usa dei trasduttori ultrasonici ed ha un bel acronimo altisonante (MEGA)
"Lo studio e in generale l'aspirazione alla verità e alla bellezza rappresentano un ambito in cui è permesso rimanere bambini per tutta la vita" - A. Einstein

Re:Propulsione a microonde?
« Risposta #202 il: Sab 31/03/2018, 14:27 »
Se leggi sotto c'è scritto: "Mach effects have the revolutionary capability to produce thrust without the ejection of propellant".

Offline IK1ODO

  • *
  • 6.236
  • S = -k log (W)
    • https://www.facebook.com/marco.bruno.927980
    • https://plus.google.com/113260597352108277456/posts
Re:Propulsione a microonde?
« Risposta #203 il: Sab 31/03/2018, 15:00 »
Si, ma pur conoscendo il principio di Mach e le discussioni (decisamente filosofiche) attorno allo stesso, e la sua accettazione iniziale e poi refutazione da parte di Einstein, mi piacerebbe sapere cosa sono gli "effetti" di Mach, e se violano o meno la relatività.
"Lo studio e in generale l'aspirazione alla verità e alla bellezza rappresentano un ambito in cui è permesso rimanere bambini per tutta la vita" - A. Einstein

Offline DOOOOD

  • *
  • 291
Re:Propulsione a microonde?
« Risposta #204 il: Gio 05/04/2018, 10:59 »
Si, ma pur conoscendo il principio di Mach e le discussioni (decisamente filosofiche) attorno allo stesso, e la sua accettazione iniziale e poi refutazione da parte di Einstein, mi piacerebbe sapere cosa sono gli "effetti" di Mach, e se violano o meno la relatività.

sono fluttuazioni di massa da cui deriva un'accelerazione ..  :mrgreen: scusa se ghigno ci ho provato varie volte a leggere il paper di Woodward, ma la parte teorica è ben al di là della mia capacità comprensiva e comunque la parte teorica è molto controversa e sicuramente incompleta.

Al di là di tutto, a mio personalissimo giudizio, ci sono troppi 'falsi positivi'  perchè siano tutti realmente 'falsi', lo stesso EmDrive di Shawner è stato supposto funzionare (tra le altre ipotesi) proprio grazie all'effetto Mach di cui tratta Woodward.

E' un po' il limite della ricerca fisica dei nostri giorni, non bastano evidenze sperimentali non facilmente ripetibili senza un solido background teorico (che possa perlomeno guidare ed affinare gli esperimenti) per attivare la ricerca su larga scala...eppure la Teoria del Caos dovrebbe farci riflettere.

Così settori potenzialmente innovativi e promettenti vengono indagati meno del dovuto (vedi cosa è successo con le LENR, i cui moderni ricercatori ormai faticano a farsi pubblicare la qualsiasi nelle riviste scientifiche, a causa del discredito che ha contaminato il settore)

vabbe' sto divagando..

per i motori senza propellente aspettiamo un test nello spazio, dovremmo riuscire a vederlo in pochi anni...spero
« A parità di fattori la spiegazione più semplice è da preferire »

Offline marcozambi

  • *
  • 12.152
    • @marcozambi
Re:Propulsione a microonde?
« Risposta #205 il: Gio 05/04/2018, 19:22 »
E' un po' il limite della ricerca fisica dei nostri giorni, non bastano evidenze sperimentali non facilmente ripetibili senza un solido background teorico (che possa perlomeno guidare ed affinare gli esperimenti) per attivare la ricerca su larga scala...eppure la Teoria del Caos dovrebbe farci riflettere.

Così settori potenzialmente innovativi e promettenti vengono indagati meno del dovuto (vedi cosa è successo con le LENR, i cui moderni ricercatori ormai faticano a farsi pubblicare la qualsiasi nelle riviste scientifiche, a causa del discredito che ha contaminato il settore)

Repetita juvant ;)
Torno a ribadire noiosamente che la peer review da' un ottimo grado di certezza riguardo al rigore posto nella stesura formale dell'articolo, o alle condizioni nelle quali si e' effettuato l'esperimento, o che la matematica impiegata nell'articolo sia corretta eecc, ma non e' ancora un timbro definitivo sul certificato di autenticita' di un certo fenomeno o di una certa scoperta.
Solo quando il fenomeno sara' replicato, quando gli esperimenti di altri team realizzati come spiegato nel paper confermeranno che emdrive e' un fenomeno reale e non un artefatto (viste le grandezze in gioco) dello stesso set-up sperimentale, potremo dire che si e' fatta una scoperta straordinaria.
Marco Zambianchi
ForumAstronautico Founder
Presidente Associazione ISAA

Re:Propulsione a microonde?
« Risposta #206 il: Gio 05/04/2018, 20:36 »
Ma "che ci vuole" per montare un emdrive su un satellite, mandarlo in orbita e vedere se si riesce a dargli una spinta? Sarebbe la prova del 9
<ISAA n°119> | È vero, ho scalato montagne e ho camminato in luoghi remoti. Ma come avrei potuto vedervi se non da una grande altitudine o da una grande distanza? In verità, come si può essere vicini se non si conosce la lontananza? (Khalil Gibran)

Offline DOOOOD

  • *
  • 291
Re:Propulsione a microonde?
« Risposta #207 il: Gio 05/04/2018, 20:36 »
so abbastanza bene come funziona la peer review e non colgo completamente il nesso tra le due citazioni, francamente.
Per quel che riguarda quanto ho scritto io, stavo riferendomi ad una delle principali conquiste della fisica degli ultimi decenni.

Ovvero la comprensione che i sistemi complessi reali, anche se deterministici, possono avere una sensibilità esponenziale alle condizioni iniziali... e questo implica automaticamente una grossa difficoltà alla ripetibilità di certi esperimenti, soprattutto se la fisica teorica che prova a descriverne il comportamento è ancora parzialmente incompleta o del tutto ipotetica. (Effetto Woodward, Lenr, ecc...ecc..)

E non è una critica al metodo peer review, o più generalmente al concetto di ripetibilità degli esperimenti, ma un argomento di discussione attuale e reale del mondo scientifico  (quantomeno nel mio dipartimento universitario)

Non aggiungo altro per non andare troppo off topic.

edit: mi riferivo, ovviamente, alla citazione di @marcozambi
« Ultima modifica: Gio 05/04/2018, 20:38 da DOOOOD »
« A parità di fattori la spiegazione più semplice è da preferire »