ForumAstronautico.it

Domanda sulla Luna

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Re:Domanda sulla Luna
« Risposta #25 il: Mer 06/12/2017, 06:12 »
Ritengo anch'io dipenda dal fatto che il misuratore sia influenzato dalla luce incidente sull'oggetto. Potresti fare una prova comoda e al caldo: di giorno, in casa, misura la temperatura di un oggetto, dovrebbe coincidere bene o male con la temperatura dalla casa. Ora illumina la zona inquadrata dal laser con luci di vario tipo, per esempio con una torcia a Led e guarda se il valore cambia.

Offline Ares Cosmos

  • *
  • 2.807
  • A4, Apollo 10, Mir, Soyuz TM 34
Re:Domanda sulla Luna
« Risposta #26 il: Mer 06/12/2017, 07:28 »
Credo d'avere la soluzione.
La Luna ed il Sole percorrono grosso modo lo stesso tragitto nel cielo.
Sappiamo tutti che la luce solare scalda gli oggetti e che l'afa pomeridiana estiva è più intensa dopo mezzogiorno, perché al calore del Sole si somma quello dei materiali scaldati che restituiscono il calore accumulato.
Quindi anche di notte, per esempio i muri di una casa sono più caldi nel lato esposto al Sole, perché non hanno ancora smaltito il calore.
Lo stesso vale anche d'inverno. Se un muro è stato esposto alla luce solare, sarà più caldo di quello in ombra, anche quando il Sole è tramontato. Mattoni e cemento hanno un loro rateo di raffreddamento (qui credo ci voglia un geometra o un termotecnico per i calcoli).
Questa credo sia la risposta più ovvia al quesito. Forse bisognerebbe misurare la temperatura in orari differenti, poi verificare la tenuta termica del muro nei confronti del riscaldamento interno.
Restano validi i discorsi precedenti, ovvero che la Luna non ha un potere calorico tale da innalzare la temperatura sulla Terra.
I terrapiattisti... fanno pensieri così alti che poi fanno incidenti frontali con i vermi.
Guarda scusa non ti offendere ma stai confondendo la cosa,il tuo ragionamento varrebbe se la parte che di notte è esposta alla luce della luna fosse piu' CALDA che quella non esposta,invece è il contrario,di notte la parte esposta alla luce della luna è piu' FREDDA,quindi il tuo ragionamento è errato.
Hai ragione! Ci pensavo proprio ieri sera mentre tornavo a casa. Mea culpa!  :rtfm: :agree: :spank: :badmood:
Tuttavia salvo parte del mio ragionamento per quanto riguarda il vento. Se la parte esposta era ventilata allora ci può stare una differenza di temperatura.
Visti e toccati di persona: A4, Apollo 10, Mir (mock up), Soyuz TM 34
Ares Cosmos, alias Starcruiser, alias PCC

Re:Domanda sulla Luna
« Risposta #27 il: Mer 06/12/2017, 17:31 »
Credo d'avere la soluzione.
La Luna ed il Sole percorrono grosso modo lo stesso tragitto nel cielo.
Sappiamo tutti che la luce solare scalda gli oggetti e che l'afa pomeridiana estiva è più intensa dopo mezzogiorno, perché al calore del Sole si somma quello dei materiali scaldati che restituiscono il calore accumulato.
Quindi anche di notte, per esempio i muri di una casa sono più caldi nel lato esposto al Sole, perché non hanno ancora smaltito il calore.
Lo stesso vale anche d'inverno. Se un muro è stato esposto alla luce solare, sarà più caldo di quello in ombra, anche quando il Sole è tramontato. Mattoni e cemento hanno un loro rateo di raffreddamento (qui credo ci voglia un geometra o un termotecnico per i calcoli).
Questa credo sia la risposta più ovvia al quesito. Forse bisognerebbe misurare la temperatura in orari differenti, poi verificare la tenuta termica del muro nei confronti del riscaldamento interno.
Restano validi i discorsi precedenti, ovvero che la Luna non ha un potere calorico tale da innalzare la temperatura sulla Terra.
I terrapiattisti... fanno pensieri così alti che poi fanno incidenti frontali con i vermi.
Guarda scusa non ti offendere ma stai confondendo la cosa,il tuo ragionamento varrebbe se la parte che di notte è esposta alla luce della luna fosse piu' CALDA che quella non esposta,invece è il contrario,di notte la parte esposta alla luce della luna è piu' FREDDA,quindi il tuo ragionamento è errato.
Hai ragione! Ci pensavo proprio ieri sera mentre tornavo a casa. Mea culpa!  :rtfm: :agree: :spank: :badmood:
Tuttavia salvo parte del mio ragionamento per quanto riguarda il vento. Se la parte esposta era ventilata allora ci può stare una differenza di temperatura.
Si beh riguardo il vento è ovvio che ho fatto le prove senza vento forse non l'ho scritto,comunque le ho fatte in assenza di vento,comunque ora faro' altre prove come mi hanno consigliato qui.

Re:Domanda sulla Luna
« Risposta #28 il: Mer 06/12/2017, 17:34 »
Ciao Alexander! Tutto ciò mi ricorda l'esperimento di Frederick William Herschel con il quale scoprì la radiazione infrarossa. Anche lui ebbe dei problemi perché la luce infrarossa gli risultava più "calda" degli altri colori, cosa strana visto che i fotoni di quel colore sono meno energetici. Usò dei termometri esposti ai vari colori della luce rifratta da un prisma con l'accortezza di verniciare di nero il bulbo dei termometri. Infatti il termometro ad alcool di per se misura la temperatura di ciò in cui è immerso, raggiungendo la temperatura di equilibrio (il termometro di IK1ODO misurava praticamente solo la temperatura dell'aria). Annerendo il bulbo invece si rende il termometro più sensibile alla radiazione luminosa che venendo assorbita dalla vernice viene in qualche modo misurata dallo strumento. Ma c'erano dei problemi di cui Herschel era ignaro. Come assorbiva la luce la vernice fuori dal visibile? la rifrazione del prisma era lineare?.. insomma un bel po' di incognite come nel tuo caso!

Tornando a noi anche io penso che il tuo strumento sia "influenzato dalla luce". Credo sia possibile che la sua elettronica si adatti all'intensità di luce che riceve il sensore, un po' come i nostri occhi fanno contraendo l'iride. Alla luce della Luna (o di qualsiasi altra fonte) il segnale dal sensore potrebbe essere filtrato e magari viene persa anche parte della componente infrarossa, che invece al buio verrebbe mantenuta per intero. Guarda caso l'incertezza dei termometri ad infrarossi è di solito proprio di 2 gradi nella misurazione delle temperature ambientali e, forse, potrebbe dipendere proprio dalle condizioni di illuminazione.

A questo punto non posso che consigliarti di fare come Herschel e di.. dipingere la superficie che misuri di nero! Così forse non "acciecheresti" il sensore.

P.S.:
Se volessi farlo davvero leggiti il D:S ratio (il rapporto tra la la distanza della superficie che misuri e l'area di misurata) che dovrebbe essere riportato da qualche parte. Un termometro con un D:S di 12:1 misura la temperatura di un'area di 1 metro quadro a 12 metri di distanza. Così risparmi sulla vernice! Oppure potresti usare un pannello nero o affumicare la tua lastra di metallo, posta alla giusta distanza.

Ed è fondamentale che l'area di misurazione, che probabilmente è circolare, sia completamente contenuta nella superficie che vuoi misurare (per esempio la lastra di metallo) altrimenti misuri anche quello che c'è intorno (e in accordo con la legge di Stefan-Boltzmann il flusso radiante è la quarta potenza della temperatura per cui il valore che leggi non sarebbe nemmeno semplicemente la media aritmetica delle temperature, bensì la media quartica).
Ciao,la tua risposta mi ha proprio soddisfatto,provero' subito con superfici scure e faro' anche la prova citata da Roosa da fare anche dentro casa,grazie mille a tutti.

Offline sinucep

  • IZ3VJQ
  • *
  • 1.230
  • IZ3VJQ
Re:Domanda sulla Luna
« Risposta #29 il: Mer 06/12/2017, 19:37 »
ne sono molto lieto, facci sapere!
« Ultima modifica: Gio 07/12/2017, 13:18 da sinucep »
Empy space is scale-invariant.