Associazione ISAA
ForumAstronautico
AstronautiNEWS
AstronautiCAST
AstronautiCON
StratoSpera
ForumAstronautico.it

Operativo il secondo USV del CIRA

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline albyz85

  • "Space isn't so far - it's only an hour's drive if your car could go straight up."
  • *
  • 16.027
    • https://www.facebook.com/alberto.zampieron
Operativo il secondo USV del CIRA
« il: Mer 20/02/2008, 10:03 »
Il " Polluce" secondo velivolo USV del CIRA, ha lasciato ieri Capua per raggiungere Civitavecchia e proseguire via mare per Arbatax e Tortolì, dove giungerà nella giornata di oggi.
Cosi, ad un anno dal primo volo, il presidente del Centro Italiano di Ricerche Aerospaziali Sergio Vetrella ha dato il "via" alla fase operativa che avrà il suo culmine con il lancio del laboratorio volante, sempre mediante pallone stratosferico, tra marzo ed aprile. La data esatta del secondo esperimento USV non è prevedibile in quanto vi sono stringenti limiti operativi dell’ENAC/ENAV, l’eventuale concomitanza di attività del contiguo Poligono Interforze di Salto di Quirra e le condizioni meteo.
Il rilascio del laboratorio deve avvenire in un preciso settore del Mar Tirreno ad una cinquantina di chilometri al largo delle coste sarde e sotto il monitoraggio radar, di un velivolo Atlantic e della Nave Tavolara, della M.M., che avrà il compito del recupero a mare.
Apparentemente simile al "Castore", il primo esemplare della serie USV del CIRA, il "Polluce" è molto più sofisticato e avanzato del predecessore, grazie specialmente all’analisi dei dati raccolti durante la prima missione, a dispetto del rovinoso impatto in mare. Questo esemplare volerà molto più veloce ed effettuerà una serie di manovre durante la missione che durerà 140 secondi, contro i 47 del primo volo.
La quota di lancio, portata a 25 km, consentirà di raggiungere circa 1500 Km/h ( Mach 1.2). Raggiunta questa velocità verranno effettuate delle manovre per variare l’angolo di attacco, mantenendo costante la velocità ed infine una virata con "scivolamento" d’ala.
Conclusa la fase sperimentale, "Polluce" effettuerà ancora una manovra di rallentamento per raggiungere circa 250 Km/h che permetteranno l’apertura di un paracadute del tutto convenzionale e del costo di alcune decine di migliaia di Euro a fronte del milione di Euro che è costato il paracadute del "Castore".
Ricordiamo che l’UAV del CIRA è un laboratorio volante unico nel suo genere al mondo, concepito per acquisire, nel modo più realistico, approfondimenti e nuove conoscenze nel campo dell’aerodinamica, delle strutture e delle leggi di controllo per la navigazione automatica.
Ultima novità di questa missione è la presenza a bordo di un "passeggero": una black box basata su sistemi elettromeccanici miniaturizzati (MEMS) per le misure le accelerazioni caratteristiche del volo, questo prelude a futuri "passeggeri paganti" ospitati piggy back dal velivolo.

Servizio di Carlo Tripodi

Fonte: Dedalonews.it
« Ultima modifica: Mer 20/02/2008, 10:08 da albyz85 »
Socio ISAA - Tessera n. 002


www.astronautinews.it

Re: Operativo il secondo USV del CIRA
« Risposta #1 il: Mer 20/02/2008, 17:40 »
Stamattina ho avuto modo di parlarne con l'Ing. Gennaro Russo (manager del progetto) presso la sede ASI a Roma, era molto tranquillo e confidente sul fatto che questo secondo volo possa fornire ulteriori elementi di riflessione senza riservare, almeno si spera, sgradevoli sorprese al rientro.

Vediamo che succede e teniamo le dita incrociate...

Offline albyz85

  • "Space isn't so far - it's only an hour's drive if your car could go straight up."
  • *
  • 16.027
    • https://www.facebook.com/alberto.zampieron
Re: Operativo il secondo USV del CIRA
« Risposta #2 il: Mer 20/02/2008, 18:18 »
Tra l'altro sarebbe interessante approfondire la questione del paracadute (magari anche con l'utente che aveva partecipato alla realizzazione se è ancora in giro), visto che mi pare ci siano aziende, soprattutto in USA, che vendano paracaduti commerciali per tutte le esigenze e se era veramente il caso di farlo produrre da progetto ex-novo, certo da una azienda italiana (si può fare il nome?) ma comunque investendoci quattrini... e forse evitando questo si sarebbero potuti risparmiare parecchi soldi da poter concentrare su altri aspetti... insomma 1 milione di Euro per un paracadute... mi pare eccessivo anche per difendere l'italianità del progetto... visto che non è certo questo l'obiettivo finale...

http://www.airborne-sys.com/productlisting.htm#aerialplatforms
http://www.strongparachutes.com/Pages/mil_cargo_delivery.htm
http://www.paratech-parachutes.com/ParachuteSystems/UnmannedAerialVehicles.html
http://www.rcblimp.com/military/parachutes.htm
Socio ISAA - Tessera n. 002


www.astronautinews.it

Offline amoroso

  • *
  • 11.344
    • http://google.com/+PaoloAmoroso
    • @amoroso
    • Paolo Amoroso
Re: Operativo il secondo USV del CIRA
« Risposta #3 il: Mer 20/02/2008, 18:22 »
Stamattina ho avuto modo di parlarne con l'Ing. Gennaro Russo (manager del progetto) presso la sede ASI a Roma, [...]
Ricordo ai nuovi utenti che l'Ing. Russo è stato intervistato da AstronautiCAST, il podcast di Forumastronautico.


Paolo Amoroso

Re: Operativo il secondo USV del CIRA
« Risposta #4 il: Mer 20/02/2008, 20:26 »
Hanno dato un bel servizio a riguardo su rainews 24 oggi !

  Salute e Latinum per tutti !
“La ragione ed il senso di giustizia mi dicono che vi è maggior amore per l’uomo nell’elettricità e nel vapore di quanto ve ne sia nella castità e nel rifiuto di mangiare carni”.
Anton Pavlovic Checov

Lampyridae

Re: Operativo il secondo USV del CIRA
« Risposta #5 il: Gio 21/02/2008, 07:24 »
I first heard about this a couple of years ago. Are there any plans for more flights? Maybe with a rocket motor to get up to Mach 3+? And what about the IXV?

Offline albyz85

  • "Space isn't so far - it's only an hour's drive if your car could go straight up."
  • *
  • 16.027
    • https://www.facebook.com/alberto.zampieron
Re: Operativo il secondo USV del CIRA
« Risposta #6 il: Gio 21/02/2008, 12:49 »
Ci saranno almeno altri due lanci, a quote sempre più alte, entrambi dovrebbero essere già coperti dal budget più un successivo lancio programmato orbitale con il VEGA di una versione successiva.
Socio ISAA - Tessera n. 002


www.astronautinews.it