Associazione ISAA
ForumAstronautico
AstronautiNEWS
AstronautiCAST
AstronautiCON
StratoSpera
ForumAstronautico.it

A Spinoff a Day – La tecnologia che ha accelerato i tempi di calcolo dei computer di oggi

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline astronautinews

A Spinoff  a Day – La tecnologia che ha accelerato i tempi di calcolo dei computer di oggi

L'uso di processori grafici ha velocizzato la potenza di calcolo dei moderni computer © NASA / Veronica Remondini
Con un centinaio di missioni all’attivo, a NASA non mancano certo dati da analizzare, e questa sovrabbondanza di informazioni porta alla ricerca di nuovi metodi per processare e gestire sempre meglio i risultati delle scoperte...
Articolo completo: A Spinoff  a Day – La tecnologia che ha accelerato i tempi di calcolo dei computer di oggi
 

Quindi è anche merito della ricerca spaziale se abbiamo processori multi-core sul mercato? Ma pensa te... se ne impara sempre una! :)
 

Senza l'Astronautica e l'era spaziale la tecnologia sarebbe indietro di qualche anno.
Tempo fa leggevo che vi furono degli eventi che accelerarono le scoperte tecnologiche,e questi furono in sostanza le due guerre mondiali e la guerra fredda,di cui la conquista dello spazio è,si voglia o no,un capitolo (per lo meno nei primi decenni).
In una linea temporale in cui le due guerre mondiali (e di conseguenza la guerra fredda) non si fossero mai verificate,si stima che il livello tecnologico del 2015 sarebbe più o meno (meno in alcuni campi) lo stesso degli anni 70 del XX secolo.
Anche nel caso in cui Hitler si fosse beccato una pallottola in testa nelle trincee della grande guerra,la Repubblica di Weimar fosse sopravvissuta e non vi fosse stata una II guerra mondiale,la tecnologia sarebbe un pò più indietro,diciamo di uno-due decenni.
Ovviamente i cambiamenti culturali sarebbero tali da rendere difficili le previsioni,ma pensate soltanto agli enormi balzi avanti compiuti dall'aviazione nei due conflitti e durante la guerra fredda.
Un piccolo esempio di come la guerra condizionò l'areonautica civile:
Alla fine degli anni trenta ed all'alba dei quaranta si riteneva che i grandi idrovolanti sarebbero stati il mezzo di trasporto per eccellenza tra i continenti.
In Italia,era prevista la costruzione di vari "idroscali" (gli aereoporti per idrovolanti),per esempio quello di Ostia,collegato a Roma da una ferrovia che avrebbe dovuto accogliere i visitatori da tutto il mondo per l'Esposizione universale del 1942 (E42) e le Olimpiadi di Roma del 1946.
Nel mondo si studiavano sistemi che avrebbero consentito agli Idrovolanti il decollo rapido anche da terra (una specie di catapulta acceleratrice su rotaia).
Erano allo studio vari di questi giganteschi aerei del mare.
Poi,la fine della II guerra mondiale lasciò il mondo disseminato di piste di atterraggio costruite per l'emergenza bellica,e si ritenne più conveniente puntare sugli aerei "terrestri" (un evoluzione che ci sarebbe comunque stata,ma che avrebbe probabilmente richiesto un paio di decenni facendo degli anni 40 e 50 l'età degli idrovolanti).
Gli esempi sono tantissimi,dai jet ai computer.
 

Ma dai! Ecco perché l'idroscalo di Milano si chiama così! Interessante quello che hai scritto, non sapevo.
 

Offline Mike65

  • *
  • 521
  • Seventyseven
Fu soprattutto il miglioramento dell'affidabilità dei motori a decretare il declino degli idrovolanti: non era più necessario volare preferibilmente in prossimità di specchi d'acqua per salvare la pelle in caso di "piantata". Naturalmente anche il progresso motoristico fu grandemente favorito dallo sviluppo bellico.