ForumAstronautico.it

Orologio Mercury e Tute pressurizzate misteriose...

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Orologio Mercury e Tute pressurizzate misteriose...
« Risposta #25 il: Gio 21/12/2006, 09:26 »
Mi associo a Spacewalker la tuta bianca del manichino pare fatta in Nomex, ed è sicuramente di derivazione aeronautica (anche se le due cerniere diagonali ai lati del collo non le ho mai viste in una tuta da pilota).

Per quanto riguarda il casco potrebbe (e dico potrebbe) appartenere ad una combinazione di volo Mark IV della US Navy (da cui dervò a suo tempo la tuta pressurizzata usata nei voli Mercury).

Offline LOrlandi

  • *
  • 1.191
  • "Non credo agli UFO, ma ci spero"
Orologio Mercury e Tute pressurizzate misteriose...
« Risposta #26 il: Gio 21/12/2006, 14:44 »
Citazione da: "archipeppe"
In ogni caso il mock-up è molto fedele e di ottima fattura, tanto che è possibile distinguere il cruscotto della Mercury.


 :wink: Nel repertorio fotografico del vostro "indagatore" sono presenti anche queste immagini che mostrano (o meglio, che cercano di mostrare...) il dettaglio dei quadri strumenti nell'abitacolo del simulacro della Mercury presente nell'esposizione AAA di Pescara:
L'indagatore dei "casi aerospaziali" rimasti insoluti.

"Se fossi senza stelle mi piaceresti, o notte !! Ma il linguaggio che parla il loro lume è noto, mentre quello ch'io cerco è il nero, il nudo, il vuoto."

Charles Baudelaire

Offline LOrlandi

  • *
  • 1.191
  • "Non credo agli UFO, ma ci spero"
Orologio Mercury e Tute pressurizzate misteriose...
« Risposta #27 il: Gio 21/12/2006, 14:47 »
Altra immagine:
L'indagatore dei "casi aerospaziali" rimasti insoluti.

"Se fossi senza stelle mi piaceresti, o notte !! Ma il linguaggio che parla il loro lume è noto, mentre quello ch'io cerco è il nero, il nudo, il vuoto."

Charles Baudelaire

Orologio Mercury e Tute pressurizzate misteriose...
« Risposta #28 il: Gio 21/12/2006, 14:49 »
Ottima foto, Luigi.

Come avevo scritto il dettaglio della capsula è impressionante, considerando anche la replica fedele del cruscotto.  :shock:

L'unico appunto è che la capsula pare sia stata ridipinta (in sede di restauro) con un "indigo blue" o un "blu mezzanotte US NAVY", piuttosto che in nero.....

Offline LOrlandi

  • *
  • 1.191
  • "Non credo agli UFO, ma ci spero"
Orologio Mercury e Tute pressurizzate misteriose...
« Risposta #29 il: Gio 21/12/2006, 14:58 »
:lol: ...La capsula è stata riverniciata da una carrozzeria di Pescara... :lol:  :lol:  :lol:  :lol:  :lol:  :lol:
L'indagatore dei "casi aerospaziali" rimasti insoluti.

"Se fossi senza stelle mi piaceresti, o notte !! Ma il linguaggio che parla il loro lume è noto, mentre quello ch'io cerco è il nero, il nudo, il vuoto."

Charles Baudelaire

Orologio Mercury e Tute pressurizzate misteriose...
« Risposta #30 il: Gio 21/12/2006, 16:09 »
Infatti la capsula è un pò troppo blu.P.S. Il casco non è Americano.Sinceramente non mi pare neanche francese (quelli francesi erano molto più simili a quelli delle tute a pressione USA anni 50 tipo U2).Produzione made in Italy? P.P.S. La tuta bianca non è una pressure suit,ma nemmeno una tenuta nomex modello Apollo.Secondo me deve essere l'overgarnment di una tuta pressurizzata (questo spiega le cerniere laterali fatte per accomodare il collo dell'overgarnment sotto l'anello del collare di aggancio della IVA suit).Anche quì non mi pare roba nè Americana nè Francese.

Offline Spacewalker

  • "Se sale, prima o poi scende"
  • *
  • 5.807
    • spacewalker.it
Orologio Mercury e Tute pressurizzate misteriose...
« Risposta #31 il: Gio 21/12/2006, 16:46 »
Ragazzi, dobbiamo approfondire questo arcano mistero.
Dalle foto postate da Luigi si definisce meglio la sagoma del casco. Non credo sia di fabbricazione USA ma neanche inglese ne francese. Idem dicasi per la tuta, probabilmente se di IVA non si tratta (la disposizione delle cerniere infatti sembrano appositamente studiate per "fittare" in maniera ottimale), potrebbe essere effettivamente un rivestimesto esterno di qualche apparato pressurizzato.
A questo punto la domanda nasce spontanea ... produzione Made in Italy? Attrezzature realmente utilizzate oppure solo ricostruzione scenica???  :roll:
Dario Frigerio
HAM Radio: IZ2ZSD
Astrofili Deep Space Lecco - Member
ISAA Member
"It's called life support gear remember, you are NOT supposed to die in it"

Orologio Mercury e Tute pressurizzate misteriose...
« Risposta #32 il: Gio 21/12/2006, 17:39 »
Io propendo per la tesi dell'overgarnment.Tra l'altro ,a parte le cerniere che sembrano  fatte propio per aggiustare il capo sopra una tuta a pressione "nuda",guardate la stoffa verde che esce dal polsino.Sembra una tuta di volo messa sotto per "riempire".Anche le generose larghezze della schiena fanno pensare che l'indumento fosse stato creato per essere messo sopra a qualcosa di voluminiso.Non credo che questa stranissima tuta sia un mock-up di fantasia fabbricato per l'esposizione.Che senso avrebbe? tra l'altro non somiglia neanche lontanamente ad una combinazione Mercury.No io credo che sia qualcosa trovata in magazzino ed adattata.Già,ma cosa? Spacewalker,ammettendo sia un prototipo Italiano,quale ditta avrebbe potuto fabbricare una tuta a pressione per l'AMI negli anni 60?

Orologio Mercury e Tute pressurizzate misteriose...
« Risposta #33 il: Gio 21/12/2006, 17:51 »
Citazione da: "carmelo pugliatti"
ammettendo sia un prototipo Italiano,quale ditta avrebbe potuto fabbricare una tuta a pressione per l'AMI negli anni 60?


Una sola, la Pirelli.

Orologio Mercury e Tute pressurizzate misteriose...
« Risposta #34 il: Gio 21/12/2006, 18:47 »
Ragazzi,non ci crederete ma forse ho risolto il mistero.Cominciamo dall'inizio:allora la nostra tuta non è nè Americana,nè Inglese,nè Francese,anche se l'overgarnment somiglia a quello della tuta Francese.

Orologio Mercury e Tute pressurizzate misteriose...
« Risposta #35 il: Gio 21/12/2006, 18:55 »
Non ci crederete ma la nostra tuta è...Svizzera! o per lo meno,ho trovato delle foto di piloti Svizzeri (primi anni 70) con indosso la combinazione "pressurizzata in questione.Resta l'interrogativo:la tuta è di produzione svizzera (e nostri piloti l'hanno adottata per compiere dei test)o è stata ideata e costruita in Italia negli anni 60 e venduta su licenza alla Svizzera?

Orologio Mercury e Tute pressurizzate misteriose...
« Risposta #36 il: Gio 21/12/2006, 18:59 »
Del resto guardate un pò la foto originale:a sinistra un altro overgarnment,a destra la tuta "nuda" con il casco.Una "pirelli" anni 60? Forse una versione Italiana "ibrida" di quella Francese?P.S. le altre due combinazioni bianche sullo sfondo sembrano dei "cooling garnment".Sono relative alla nostra tuta,o si tratta di materiale diverso?

Offline Spacewalker

  • "Se sale, prima o poi scende"
  • *
  • 5.807
    • spacewalker.it
Orologio Mercury e Tute pressurizzate misteriose...
« Risposta #37 il: Gio 21/12/2006, 20:27 »
Carmelo ... SANTO SUBITO!  :D
Allora, con tutta probabilità c'hai azzeccato ...  :lol:
Dunque, andiamo con ordine. Le immagini che hai trovato sono più che esplicative, e se rapportate all'immagine orignale ci aiutano a capire meglio.
Nella foto con i 4 aviatori svizzeri la tuta è ben visibile, il casco lo è altrettanto e se raffrontato con l'immagine originale, la somiglianza è pressochè assoluta. Io credo che, facendo rierimento all'immagine originale con la capsula, il primo manichino a destra indossi una sorta di "superpippo" o indumento intimo lungo o "Long John" dato che non vedo dispositivi di raffreddamento, quello subito alla sua destra sembra indossi un'altro tipo di indumento intimo, oppure potrebbe essere un indumento da indossare sopra il "Long John", il manichino in centro indossa una tuta a pressurizzazione parziale per i voli d'alta quota molto simile alle tute capstan americane tipo (MC-3) o alle VKK sovietiche. Difatti ai piedi del manichino troviamo un contenitore per casco mentre l'altro manichino a sinistra che è rivestito anche dell'overgarment tiene in mano una borsa militare che dovrebbe contenere l'apparato a pressurizzazione parziale. E' molto simile alla sacca in cui viene conservata la mia VKK-6M. In una foto che hai postato si vede bene fuoriuscire dall'overgarment il tubo di pressurizzazione delle sacche Anti-G e dei tubi laterali.
Resta ora da fare il passo successivo, ovvero scoprire se è "roba" italiana venduta poi agli svizzeri (in Italia solo la Pirelli aveva tecnologia e potenzialità per realizzare apparati simili su larga scala), oppure se sono apparati svizzeri costruiti su licenza in Italia... Oppure è una sorta di ibrido derivato da un apparato francese???
Dario Frigerio
HAM Radio: IZ2ZSD
Astrofili Deep Space Lecco - Member
ISAA Member
"It's called life support gear remember, you are NOT supposed to die in it"

Offline marcozambi

  • *
  • 12.039
    • @marcozambi
Orologio Mercury e Tute pressurizzate misteriose...
« Risposta #38 il: Gio 21/12/2006, 21:10 »
Dite che una mail alle PR dell'aviazione militare Svizzere otterrebbe un qualche riscontro?
E alla nostra AM?
Certo che se LOrlandi riuscisse a reperire i riferimenti di chi organizzò la manifestazione a Pescara saremmo quasi a cavallo!
LOrlandi, ci sei? :D
Marco Zambianchi
ForumAstronautico Founder
Presidente Associazione ISAA

Offline LOrlandi

  • *
  • 1.191
  • "Non credo agli UFO, ma ci spero"
Orologio Mercury e Tute pressurizzate misteriose...
« Risposta #39 il: Ven 22/12/2006, 09:24 »
Da un vecchio articolo in mio possesso "Under Pressure" di Mick Prodger estrapolato dalla rivista Aviation Illustrated (ottobre 1996), ho trovato che il casco indossato dal manichino esposto alla mostra di Pescara somiglia tantissimo all'USAF HGK-13 full pressure helmet prodotto dalla David Clark Co...
L'indagatore dei "casi aerospaziali" rimasti insoluti.

"Se fossi senza stelle mi piaceresti, o notte !! Ma il linguaggio che parla il loro lume è noto, mentre quello ch'io cerco è il nero, il nudo, il vuoto."

Charles Baudelaire

Offline LOrlandi

  • *
  • 1.191
  • "Non credo agli UFO, ma ci spero"
Orologio Mercury e Tute pressurizzate misteriose...
« Risposta #40 il: Ven 22/12/2006, 12:33 »
Citazione da: "marcozambi"
Certo che se LOrlandi riuscisse a reperire i riferimenti di chi organizzò la manifestazione a Pescara saremmo quasi a cavallo!
LOrlandi, ci sei? :D


 :lol:  :lol: ...Già al lavoro, admin...
L'indagatore dei "casi aerospaziali" rimasti insoluti.

"Se fossi senza stelle mi piaceresti, o notte !! Ma il linguaggio che parla il loro lume è noto, mentre quello ch'io cerco è il nero, il nudo, il vuoto."

Charles Baudelaire

Offline Spacewalker

  • "Se sale, prima o poi scende"
  • *
  • 5.807
    • spacewalker.it
Orologio Mercury e Tute pressurizzate misteriose...
« Risposta #41 il: Ven 22/12/2006, 12:39 »
Facendo una rapida ricerca ho trovato questa bomba  :shock: :
http://cgi.liveauctions.ebay.com/1980B-X-15-Pressure-Suit-A-22S-2-Helmet-HGK-13_W0QQcmdZViewItemQQcategoryZ28267QQihZ016QQitemZ260042349233#la-image-8
Il casco non si vede di fianco ma potrebbe anche somigliare bene a quello del nostro manichino... ma bisogna continuare a cercare.
Resta il fatto che questa è un mitica A/P 22S-2 ...
Dario Frigerio
HAM Radio: IZ2ZSD
Astrofili Deep Space Lecco - Member
ISAA Member
"It's called life support gear remember, you are NOT supposed to die in it"

Orologio Mercury e Tute pressurizzate misteriose...
« Risposta #42 il: Ven 22/12/2006, 12:46 »
Urca!!!  :shock:  :shock:

Si tratta di un'autentica A/P 22S della David Clark!!

E 5.500 per questo gioello non sono nemmeno tanti....

Per inciso si tratta di una tuta uguale a quella usata da Chuck Yeager nel suo tentativo fallito di conquista del record mondiale di altitudine con l'NF-104A (quella raffigurata nel film "The Right Stuff" è sbagliata).

Però continuo a non vederci molta attitudine con la misteriosa "tuta di Pescara", secondo me Carmelo ci ha ingarrato, si tratta della tuta utilizzata dagli svizzeri, ma prodotta da chi?? A che ne sappia gli svizzeri non avevano la capacità (ma potrei sbagliarmi) di produrre un oggetto del genere....

Ragazzi una cosa: qua siamo oramai decisamente OT, sarebbe il caso di spostare il tutto in un thread apposito (quello dedicato alla Mercury) dato che questo era cominciato come presentazione dell'ottimo Carlo Tripodi. Admin, rimedi tu???

Offline ctripodi

  • *
  • 190
  • 4 ottobre1957
Orologio Mercury e Tute pressurizzate misteriose...
« Risposta #43 il: Ven 22/12/2006, 15:08 »
Più che una "capsula", questa Mercury diventa una ...supposta!
Carlo A.G. Tripodi
Via Bernini,58
80129 Napoli

Offline ctripodi

  • *
  • 190
  • 4 ottobre1957
Orologio Mercury e Tute pressurizzate misteriose...
« Risposta #44 il: Ven 22/12/2006, 15:12 »
Partendo da una foto di uno strumento della Mercury non credevo di suscitare un casino così grande! Figuriamoci che succederà con le prossime foto!
Carlo A.G. Tripodi
Via Bernini,58
80129 Napoli

Orologio Mercury e Tute pressurizzate misteriose...
« Risposta #45 il: Ven 22/12/2006, 15:16 »
Citazione da: "ctripodi"
Partendo da una foto di uno strumento della Mercury non credevo di suscitare un casino così grande! Figuriamoci che succederà con le prossime foto!


Guarda che qui è sempre così..... :wink:

Orologio Mercury e Tute pressurizzate misteriose...
« Risposta #46 il: Ven 22/12/2006, 15:57 »
Citazione da: "archipeppe"
Urca!!!  :shock:  :shock:

Si tratta di un'autentica A/P 22S della David Clark!!

E 5.500 per questo gioello non sono nemmeno tanti....

Per inciso si tratta di una tuta uguale a quella usata da Chuck Yeager nel suo tentativo fallito di conquista del record mondiale di altitudine con l'NF-104A (quella raffigurata nel film "The Right Stuff" è sbagliata).

Però continuo a non vederci molta attitudine con la misteriosa "tuta di Pescara", secondo me Carmelo ci ha ingarrato, si tratta della tuta utilizzata dagli svizzeri, ma prodotta da chi?? A che ne sappia gli svizzeri non avevano la capacità (ma potrei sbagliarmi) di produrre un oggetto del genere....

Ragazzi una cosa: qua siamo oramai decisamente OT, sarebbe il caso di spostare il tutto in un thread apposito (quello dedicato alla Mercury) dato che questo era cominciato come presentazione dell'ottimo Carlo Tripodi. Admin, rimedi tu???
No,è propio quella indossata nel film,o meglio quella indossata nel film è una buona riproduzione di come appariva questa tuta in condizioni di volo,perchè sopra veniva indossato un overgarnment alluminizzato (nella foto in basso,Neil Armstrong con l'overgarnment aperto e la tuta arancione sotto).Il casco però non c'entra nulla con quello della tuta di Pescara.Io avanzo due ipotesi:Si tratta di un modello avanzato di tuta Francese adottato da altre Aereonautiche Europee negli anni 60-70 (il problema è che la tuta Francese da me inserita più sopra è della metà-fine degli anni 60,quando quindi avrebbero potuto costruirne una seconda versione)? oppure si tratta di una tuta made in italy venduta alla svizzera.

Orologio Mercury e Tute pressurizzate misteriose...
« Risposta #47 il: Ven 22/12/2006, 16:04 »
Già, ma a quanto pare il giorno dell'incidente, così come nei precedenti voli, Yeager non indossava la sovratuta protettiva alluminizzata, così come testimonia quest'immagine scattata poco prima del suo ultimo volo sull'NF 104A, accanto a lui il responsabile del Physiology Lab, Maj. Richardson ed il Crew Chief (che dovrebbe essere l'onnipresente Jack Riley).

Orologio Mercury e Tute pressurizzate misteriose...
« Risposta #48 il: Ven 22/12/2006, 16:17 »
La cosa strana è che a Edwards il consulente per le riprese di "The right stuff" era propio Yaeger,che in un intervista dichiarò che aveva preteso che la troupe fosse fedelissima fino al dettaglio.Ma forse la cosa ha una spiegazione.Ricordo di aver visto la foto di un pilota (credo propio Armstrong,o Joe Engle)che vestiva l'overgarnment sulla tuta direttamente ai piedi dell'X-15.Probabilmente Yaeger avrà fatto la stessa cosa prima di salire sul suo F-104.Si trattava di un rivestimento con una zip centrale facilissimo da indossare.

Orologio Mercury e Tute pressurizzate misteriose...
« Risposta #49 il: Ven 22/12/2006, 16:24 »
Citazione da: "carmelo pugliatti"
La cosa strana è che a Edwards il consulente per le riprese di "The right stuff" era propio Yaeger,che in un intervista dichiarò che aveva preteso che la troupe fosse fedelissima fino al dettaglio.Ma forse la cosa ha una spiegazione.Ricordo di aver visto la foto di un pilota (credo propio Armstrong,o Joe Engle)che vestiva l'overgarnment sulla tuta direttamente ai piedi dell'X-15.Probabilmente Yaeger avrà fatto la stessa cosa prima di salire sul suo F-104.Si trattava di un rivestimento con una zip centrale facilissimo da indossare.


E ci hai ragione, Yeager fu consulente per il film, anche se ci scapparono comunque delle "bufale", una fra tutte: quando Yeager ruppe il muro del suono (14 ottobre 1947) era al suo 13 volo sull'X 1, e non il primo come riportato nel film.

D'altra parte la procedura che hai descritto sembra plausibile, e si accorda con la foto dello stesso Armstrong, che hai postato, in cui si vede che ha la sovratuta semiaperta, subito dopo l'atterraggio, segno che stava per toglierla....

Però ho reperito questa foto della NASA che rappresenta un pilota di F 104N che sale a bordo del suo velivolo con la combinazione pressurizzata senza sovratuta. Mah..... :-k