Associazione ISAA
ForumAstronautico
AstronautiNEWS
AstronautiCAST
AstronautiCON
StratoSpera
ForumAstronautico.it

Dalla Mercury alla Gemini: la lunga strada delle capsule spaziali McDonnell

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Fresco fresco di post su secretprojects.co.uk, spero di farvi cosa gradita  :angel:
« Ultima modifica: Ven 09/03/2012, 14:55 da archipeppe »

Offline Vittorio

  • Apollo Program Addict
  • *
  • 2.794
  • Apollo Program's fanatic
    • @VittorioDA
Ah, ecco, mi pareva mancasse un pezzo (l'allegato) quando ho aperto per la prima volta il post.
COMPLIMENTI PER IL DISEGNO! :clap: Me lo sto studiando a tutt'occhi! :nerd:
Vittorio

Whoopee! Man, that may have been a small one for Neil, but that's a long one for me.

Ah, ecco, mi pareva mancasse un pezzo (l'allegato) quando ho aperto per la prima volta il post.
COMPLIMENTI PER IL DISEGNO! :clap: Me lo sto studiando a tutt'occhi! :nerd:

Grazie Vittorio, ho avuto non pochi problemi ad allegare il disegno (strano perché su secretprojects non mi ha causato grane).
Ce ne sono degli altri, vediamo se funziona....

Ci sarebbero altri due disegni ma il sistema non vuol saperne di uplodarli....

Offline Vittorio

  • Apollo Program Addict
  • *
  • 2.794
  • Apollo Program's fanatic
    • @VittorioDA
Mi pareva a suo tempo ci fossero problemi con gli allegati oltre certe dimensioni, potrebbe essere quello il problema.
Vittorio

Whoopee! Man, that may have been a small one for Neil, but that's a long one for me.

Mi pareva a suo tempo ci fossero problemi con gli allegati oltre certe dimensioni, potrebbe essere quello il problema.

Umhh... circa 300 Kb per entrambi (in JPEG) non dovrebbero essere un problema, eppure non riesco a caricarli in nessuna maniera.

Offline Vittorio

  • Apollo Program Addict
  • *
  • 2.794
  • Apollo Program's fanatic
    • @VittorioDA
No, non parlo del peso in kB ma parlo di dimensioni in pixel x pixel, potrebbe essere ad esempio che 2500 x 1800 sia il limite delle dimensioni accettate dal forum.
Vittorio

Whoopee! Man, that may have been a small one for Neil, but that's a long one for me.

No, non parlo del peso in kB ma parlo di dimensioni in pixel x pixel, potrebbe essere ad esempio che 2500 x 1800 sia il limite delle dimensioni accettate dal forum.

La cosa strana è che le immagini hanno la stessa dimensione di origine (A4 @ 220 dpi in JPEG) dell'immagine che ho postato prima (quella della Mercury Mk II).

Offline Michael

  • *
  • 6.535
  • Amministratore olografico d'emergenza
    • @signaleleven
    • Signal Eleven
Peppe che errore ricevi?
Michael
ISAA - Stratospera - AstronautiCAST
http://www.astronauticast.com
http://www.signal-eleven.com

Peppe che errore ricevi?

Nessuno, semplicemente la risposta non si carica affatto.

Riproviamo  :badmood:

Ok stavolta ha funzionato (e non so perché) adesso provo anche ad inserire l'ultima immagine...

Peppe,hai visto il concept su Secretproject che retrodata addirittura al 1959 (l'articolo è del Febbraio 1960,quindi la Norair deve aver sviluppato la proposta almeno nell'autunno del 59) il Mercury Mark-II ?
La cosa mi ha sorpreso non poco. Abbiamo sempre detto che Apollo era più vecchio di Gemini,adesso dobbiamo prendere atto che come minimo le due idee sono contemporanee,e con un importante differenza:
Nel 1959 Apollo era solo il nome di un veicolo la cui forma non era ancora stata scelta; Mercury Mark-II,ossia,Gemini è già tutta lì.

 

 

Peppe,hai visto il concept su Secretproject che retrodata addirittura al 1959 (l'articolo è del Febbraio 1960,quindi la Norair deve aver sviluppato la proposta almeno nell'autunno del 59) il Mercury Mark-II ?
La cosa mi ha sorpreso non poco. Abbiamo sempre detto che Apollo era più vecchio di Gemini,adesso dobbiamo prendere atto che come minimo le due idee sono contemporanee,e con un importante differenza:
Nel 1959 Apollo era solo il nome di un veicolo la cui forma non era ancora stata scelta; Mercury Mark-II,ossia,Gemini è già tutta lì.

L'ho visto Carmelo.

Onestamente ritengo che sia stata un'idea buttata là dalla North American per "vendere" la sua stazione spaziale più che un reale "draft" della Gemini. Se guardi bene il disegno si tratta di un Design C della Mercury debitamente pantografato per ospitare due astronauti e non ha alcuna relazione progettuale con la Gemini effettivamente realizzata.

E' vero che studi per delle varianti della Mercury in grado di cambiare orbita risalgono al 1959 ma, in accordo al NASA SP-4002 "A Gemini Chronology" il primissimo documento in cui si comincia a delinare un possibile derivato biposto della Mercury è il "Guidelines for a Program for Manned and Unmanned Orbital Operations," del 22 maggio 1961 (quindi all'indomani del volo di Shepard).

Bisognerà aspettare il luglio successivo per avere la prima menzione ufficiale della Mercury Mk II (ossia la versione biposto della Mercury, embrione della futura Gemini) per la precisione nel McDonnell Report, "Manned Spacecraft - Advanced Versions, part 4, "Two Man MK II Spacecraft," unpaged report, datato 27-28 luglio 1961.

Quindi, come vedi, la proposta North American (sia pure profetica) non ha nulla a che vedere con la Gemini (peraltro realizzata comunque da una ditta concorrente quale era la McDonnell).



Tra l'altro, ed è una piccola chicca, il modulo di servizio visibile in quest'immagine sembra anticipare abbastanza realisticamente quello dell'Apollo, realizzato poi proprio dalla North American.

Offline topopesto

  • *
  • 7.088
Ottimi disegni Archy!!!!

Offline IK1ODO

  • *
  • 6.238
  • S = -k log (W)
    • https://www.facebook.com/marco.bruno.927980
    • https://plus.google.com/113260597352108277456/posts
Disegni da favola. Vorrei avere un centesimo della tua abilità come illustratore - i miei omini sono ancora quelli dell'asilo ;)
Molto interessante il disegno della Gemini paraglider. Per quale motivo fu poi scartata?
"Lo studio e in generale l'aspirazione alla verità e alla bellezza rappresentano un ambito in cui è permesso rimanere bambini per tutta la vita" - A. Einstein

Offline NX-74210

  • *
  • 153
Ma non ho capito una cosa anche tra le missioni effettuate le capsule differivano leggermente tra loro? e in che cosa? nell' avionica? (ma nn credo che a quei tempi l informatica corresse come oggi)

Offline Lory62

  • *
  • 3.520
  • "mio Dio!... è pieno di stelle!" -Arthur C. Clarke
Disegni bellissimi e topic estremamente interessante!
Lorenzo Ferrando

Vorrei ringraziare tutti per i complimenti.

Quanto alle risposte provo ad essere telegrafico:

1) La Gemini-Rogallo, ossia la Gemini così come la conosciamo era stata progettata fin dall'inizio per effettuare un atterraggio orizzontale su pista (probabilmente Edwards) grazie ad un'ala di Rogallo dispiegabile in volo. In realtà l'utilizzo del paracadute fu una soluzione di ripiego dovuta all'eccessiva lungaggine dei test di qualifica del sistema Rogallo (che in cambio ha dato al mondo dell'aviazione sportiva il deltaplano come spin-off).

2) Le differenze tra le varie Gemini erano in parte nell'avionica  e parte (sopratutto) nell'hardware e nel sistema di controllo termico. Il discorso però è lungo e ci vorrebbe uno spazio ben più ampio per sviscerarlo completamente.

Offline Buzz

  • Beam me down, EDRS!
  • *
  • 7.561
    • EDRS Space Data Highway
Quella paraglider mi è sempre piaciuta un sacco. Ma è stata mai costruita e provata, oppure è sempre rimasta su carta?
Par l’espace, l’univers me comprend et m’engloutit comme un point; par la pensée, je le comprends. (Blaise Pascal).
An age is called Dark not because the light fails to shine, but because people refuse to see it. (James Michener)

Quella paraglider mi è sempre piaciuta un sacco. Ma è stata mai costruita e provata, oppure è sempre rimasta su carta?

Costruita, provata, collaudata (con modelli in scala 1:1 come il famoso "El Kabong" tuttora conservato in un museo) e certificata.
Semplicemente, come ho scritto prima, è arrivata "troppo tardi" rispetto ai tempi stretti del programma Gemini....

Non c'erano anche dei problemi di ripiegamento?

Mi associo e faccio anche io i complimenti (non di rito) ad Archipeppe per gli allegati...

Offline Vittorio

  • Apollo Program Addict
  • *
  • 2.794
  • Apollo Program's fanatic
    • @VittorioDA
Non c'erano anche dei problemi di ripiegamento?
E infatti, per questa motivazione è arrivata tardi. Quando si riuscì a far funzionare correttamente l'ala di Rogallo se non sbaglio erano già state lanciate le due Gemini "unmanned" (e mi sembra anche Gemini 3 di Grissom e Young). A quel punto si preferì continuare con il sistema dell'ammaraggio.
Vittorio

Whoopee! Man, that may have been a small one for Neil, but that's a long one for me.