ForumAstronautico.it

Bigelow propone alla NASA i suoi moduli gonfiabili

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline astronautinews

  • *
  • 1.562
  • Il portale di notizie dell'associazione ISAA
    • http://www.facebook.it/astronautinews
    • https://plus.google.com/u/0/110521588293795504129
    • @astronautinews
    • AstronautiNEWS
Bigelow propone alla NASA i suoi moduli gonfiabili
« il: Mar 11/02/2014, 00:31 »
Bigelow propone alla NASA i suoi moduli gonfiabili

LunarBase-bigelow-2
L'azienda americana presenta uno studio sull'utilizzo di risorse commerciali per missioni BEO.
Articolo completo: Bigelow propone alla NASA i suoi moduli gonfiabili

Offline Buzz

  • Beam me down, EDRS!
  • *
  • 7.478
    • EDRS Space Data Highway
Re:Bigelow propone alla NASA i suoi moduli gonfiabili
« Risposta #1 il: Mar 11/02/2014, 00:50 »
Mi piacerebbe sapere come sono fatti all'interno questi moduli, come hanno fatto a risolvere il problema dello spostamento di tutti i sistemi fluidici e avionici quando il modulo viene gonfiato... i moduli della ISS hanno chilometri di cavi montati sulla struttura secondaria (assemblati a terra), più una moltitudine di tubi e condutture per l'ECLSS e il TCS. Come fa Bigelow a garantire tutto ciò in un modulo che si gonfia? Ha tutto in una parte centrale rigida?
Perché in questo caso il volume gonfiato non può essere molto di più di un grande spazio vuoto, sempre che con l'ECLSS tutto concentrato nel mezzo si riesca a garantire un'adeguata ventilazione in ogni zona del veicolo...
Par l’espace, l’univers me comprend et m’engloutit comme un point; par la pensée, je le comprends. (Blaise Pascal).
An age is called Dark not because the light fails to shine, but because people refuse to see it. (James Michener)

Re:Bigelow propone alla NASA i suoi moduli gonfiabili
« Risposta #2 il: Mar 11/02/2014, 03:17 »
Mi piacerebbe sapere come sono fatti all'interno questi moduli, come hanno fatto a risolvere il problema dello spostamento di tutti i sistemi fluidici e avionici quando il modulo viene gonfiato... i moduli della ISS hanno chilometri di cavi montati sulla struttura secondaria (assemblati a terra), più una moltitudine di tubi e condutture per l'ECLSS e il TCS. Come fa Bigelow a garantire tutto ciò in un modulo che si gonfia? Ha tutto in una parte centrale rigida?
Perché in questo caso il volume gonfiato non può essere molto di più di un grande spazio vuoto, sempre che con l'ECLSS tutto concentrato nel mezzo si riesca a garantire un'adeguata ventilazione in ogni zona del veicolo...

Le info non sono tante, ma da quello che vedo hanno una struttura centrale rigida,  approssimativamente 2 metri di diametro, penso che sia inserito tutto li dentro, poi magari se serve qualche derivazione si inserisce nella parte che si gonfia (dei cavi ci stanno), ma prendi con le pinze quello che dico Buzz.

Una comparazione che prendo dal loro sito, con un modulo Iss e Bigol BA330





http://www.bigelowaerospace.com/ba330.php

Un piccolo video:











Offline blitzed

  • *
  • 1.724
Re:Bigelow propone alla NASA i suoi moduli gonfiabili
« Risposta #3 il: Mar 11/02/2014, 07:29 »
Per il ricircolo dell'aria presumo si possa usare un tubo flessibile analogo a quelli già in uso, collocato nella partr espansa (diciamo anche due tubi...), mentre mi pare chiaro che tutti i sistemi principali sarebbero nel telaio centrale...viene effettivamente da chiedersi cosa possa essere fatto nell'enorme volume gonfiato: se non supporta i normali rack scientifici, rischia di diventare un piacevole spazio vuoto...bello per gli astronauti, ma farci un'intera stazione...

Tutto sta nel capire se le pareti, una volta gonfiate, possojo in qualche modo "reggere" degli adattatori ad hoc..

Inviato dal mio GT-I9100 utilizzando Tapatalk


Offline Biduum

  • *
  • 6.249
  • MiniMe
Re:Bigelow propone alla NASA i suoi moduli gonfiabili
« Risposta #4 il: Mar 11/02/2014, 08:48 »
Nell'articolo si fa riferimento al Falcon Heavy....ma giusto qualche giorno fa Albyz aveva postato questa "indiscrezione" su un non uso di questo vettore.

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=15268.msg227127#msg227127

Quindi aspetteranno le future versioni prima di lanciare il BA330?

Offline Buzz

  • Beam me down, EDRS!
  • *
  • 7.478
    • EDRS Space Data Highway
Re:Bigelow propone alla NASA i suoi moduli gonfiabili
« Risposta #5 il: Mar 11/02/2014, 09:37 »
Una comparazione che prendo dal loro sito, con un modulo Iss e Bigol BA330
Grazie per i link. Quelle sono le presenztazioni che avevo in mente, ma come si vede nella parte gonfiata non c'è niente... e allora dov'è tutto questo vantaggoi dei moduli gonfiabili? Tanto bello spazio vuoto?
Capisco che l'equipaggio ha bisogno di spazio, e un po' di vantaggio lo si ha in questo modo. Ma poi quello spazio va riempito in qualche modo (crew quarters, racks, sistemi per fare ginnastica, etc.)

Per il ricircolo dell'aria presumo si possa usare un tubo flessibile analogo a quelli già in uso, collocato nella parte espansa (diciamo anche due tubi...)
Beh ma i tubi flessibili in uso nella parte russa della ISS sono un sistema poco efficace e piuttosto antiquato. I moduli di progettazione più recente hanno tutto fisso e montato sulla struttura secondaria, dietro ai rack. E questo tra l'altro vale per l'aria, per l'acqua la cosa è più complessa visto che hai in gioco pressioni piuttosto alte...

mentre mi pare chiaro che tutti i sistemi principali sarebbero nel telaio centrale...viene effettivamente da chiedersi cosa possa essere fatto nell'enorme volume gonfiato: se non supporta i normali rack scientifici, rischia di diventare un piacevole spazio vuoto...bello per gli astronauti, ma farci un'intera stazione...
è appunto quello che mi chiedo. E non solo i rack scientifici hanno bisogno di raffreddamento, potenza e dati; lo stesso vale per i racks di sistema (dove ci sono i computers, le pompe, gli scambiatori di calore, etc.).
Certo, se prendiamo un modulo come il PMM, il suo sistema ECLSS/TCS è niente di più e niente di meno di un ventilatore, ma questo è possibile solo perchè si "appoggia" all'ECLSS/TCS di Nodo2. Se Bigelow vuole fare missioni con i suoi moduli "autonomi", ci vuole qualcosa di ben più complesso.


Tutto sta nel capire se le pareti, una volta gonfiate, possojo in qualche modo "reggere" degli adattatori ad hoc..
Non è quello il problema, dal punto di vista strutturale non dovrebbe essere troppo complicato. Il problema è chi monta questi adattatori: o si ha un sistema di dispiegamento atomatico o si prevede che l'equipaggio debba farlo a mano una volta che il sistema è gonfiato, e il secondo caso non necessariamente è più fattibile del primo.
Visto che mi sembra di capire che Bigelow propone già questi moduli come "quasi pronti", suppongo che abbiano analizzato il problema in dettaglio e lo abbiano risolto in qualche modo, ma non ho mai visto una presentazione che ne parli con un po' di dettaglio
« Ultima modifica: Mar 11/02/2014, 09:39 da Buzz »
Par l’espace, l’univers me comprend et m’engloutit comme un point; par la pensée, je le comprends. (Blaise Pascal).
An age is called Dark not because the light fails to shine, but because people refuse to see it. (James Michener)

Offline amoroso

  • *
  • 11.131
    • http://google.com/+PaoloAmoroso
    • @amoroso
    • Paolo Amoroso
Re:Bigelow propone alla NASA i suoi moduli gonfiabili
« Risposta #6 il: Mar 11/02/2014, 09:43 »
È possibile e conveniente trasportare e installare successivamente i rack e le attrezzature nei moduli gonfiati?

Offline Buzz

  • Beam me down, EDRS!
  • *
  • 7.478
    • EDRS Space Data Highway
Re:Bigelow propone alla NASA i suoi moduli gonfiabili
« Risposta #7 il: Mar 11/02/2014, 10:00 »
È possibile e conveniente trasportare e installare successivamente i rack e le attrezzature nei moduli gonfiati?
È sicuramente possibile trasportare i rack successivamente, che è quello che hanno fatto ad esempio per JEM visto che pesava un pelino troppo per lo Shuttle se non sbaglio.
Sulla convenienza non so, dipende sempre dal lanciatore che si ha a disposizione. Se avessero avuto un lanciatore più potente, presumibilmente era preferibile lanciare tutti i moduli già con tutti i racks installati.

Però il problema che sto ponendo non sono in rack stessi, ma tutto quello che serve per supportare un rack: struttura secondaria, circuiti fluidici (acqua per il raffreddamento, azoto, vuoto e altro "on the need") e circuiti elettrici (potenza e dati). Un ISPR sulla ISS si monta in "un attimo", roba di poche ore, perchè tutte le interfacce sono già al loro posto e si tratta solo di attaccare la struttura ed i QD, ma se bisogna anche far passare tutti i cavi e i tubi e fissarli in qualche modo, la cosa diventa molto più complessa.
Par l’espace, l’univers me comprend et m’engloutit comme un point; par la pensée, je le comprends. (Blaise Pascal).
An age is called Dark not because the light fails to shine, but because people refuse to see it. (James Michener)

Offline mcarpe

  • *
  • 1.413
Re:Bigelow propone alla NASA i suoi moduli gonfiabili
« Risposta #8 il: Mar 11/02/2014, 11:06 »
Buzz, se vai sull'articolo originale vedi un po' di immagini degli "arredamenti interni" di questi moduli:
http://www.nasaspaceflight.com/2014/02/affordable-habitats-more-buck-rogers-less-money-bigelow/

Cmq, per ora, non è dato sapere nei dettagli come pensano di risolvere il problema, se mandando tutto su nella struttura centrale e poi spostare i vari rack/divisori/altri "arredamenti" nella parte gonfiabile, o arredare il modulo successivamente.

Non ho potuto mettere le immagini per motivi di copyright. Sul forum L2 di NasaSpaceflight.com si trovano pagine scannerizzate dei report, con qualche dettaglio in più, ma non molto. Sull'articolo si parla di una "seconda parte" da fare uscire in settimana. Magari ci dicono qualcosa di più...
« Ultima modifica: Mar 11/02/2014, 13:33 da mcarpe »
Matteo Carpentieri

Offline Biduum

  • *
  • 6.249
  • MiniMe
Re:Bigelow propone alla NASA i suoi moduli gonfiabili
« Risposta #9 il: Mar 11/02/2014, 11:35 »
Devo dire che quella cosa dell'Olympus con possibilità di "officina" per le capsule è una cosa che mi intriga parecchio!!

Comunque una piccola parte delle curiosità forse verrà soffisfatta in pieno con il BEAM nel 2015....

Offline Michael

  • *
  • 6.497
  • Amministratore olografico d'emergenza
    • @signaleleven
    • Signal Eleven
Re:Bigelow propone alla NASA i suoi moduli gonfiabili
« Risposta #10 il: Mar 11/02/2014, 11:41 »
Le immagini non sembrano rispondere ai dubbi di Buzz, ma sembra che non ci sia proprio niente nella superficie gonfiabile. eventuali rack (ma ha ancora senso realizzare rack di dimensione fissa?) probabilmente avranno connessioni per "utilities" che viaggiano nella struttura portante centrale.
Michael
ISAA - Stratospera - AstronautiCAST
http://www.astronauticast.com
http://www.signal-eleven.com

Offline Buzz

  • Beam me down, EDRS!
  • *
  • 7.478
    • EDRS Space Data Highway
Re:Bigelow propone alla NASA i suoi moduli gonfiabili
« Risposta #11 il: Mar 11/02/2014, 11:56 »
A guardare le immagini mi sembra tanto che la risposta sia  davvero che la parte gonfiata serva solo come spazio "vuoto" per gli astronauti ed eventualmente come spazio per immagazzinamento.

Quello che mi suona un po' strano è il rapporto tra i volumi: sui moduli della ISS la parte abitabile è in genere meno della metà del volume pressurizzato, perché la maggior parte del volume è occupata dai sistemi e dai payloads. Nei moduli di Bigelow invece la parte abitabile diventa predominante, per la felicità degli astronauti e dei responsabili dello stivaggio.

Però a mio parere questo significa che paragonare le due tecnologie in base al volume pressurizzato totale forse non è molto corretto, bisognerebbe farlo in base al volume dedicato al sistema e agli esperimenti. Per fare un esempio: con un diametro al lancio di 4.5m e un volume pressurizzato di 75 m3, Columbus sarebbe in grado di ospitare 10 ISPR scientifici più altri 4-5 ISPR magazzino. Quanti ISPR scientifici riesce ad ospitare il modulo di Bigelow a parità di diametro al lancio e con 330 m3 di volume? Sicuramente di più, ma molto probabilmente non 4 volte tanto.

Poi certo, quello spazio vuoto può sempre essere usato come magazzino. Considerando che sulla ISS abbiamo vari moduli la cui sola funzione è fare da magazzino, sicuramente avere la capacità di far "magicamente" comparire un sacco di spazio libero gonfiando il modulo invece di dover fare un lancio in più fa sicuramente comodo!  :yes:
Par l’espace, l’univers me comprend et m’engloutit comme un point; par la pensée, je le comprends. (Blaise Pascal).
An age is called Dark not because the light fails to shine, but because people refuse to see it. (James Michener)

Offline Michael

  • *
  • 6.497
  • Amministratore olografico d'emergenza
    • @signaleleven
    • Signal Eleven
Re:Bigelow propone alla NASA i suoi moduli gonfiabili
« Risposta #12 il: Mar 11/02/2014, 13:00 »
Ma se un mega rack occupasse uno spicchio di quello spazio e si portasse dietro tutta la parte idraulica/elettrica, interfacciata al resto della struttura tramite il "bus" centrale?
Michael
ISAA - Stratospera - AstronautiCAST
http://www.astronauticast.com
http://www.signal-eleven.com

Offline Buzz

  • Beam me down, EDRS!
  • *
  • 7.478
    • EDRS Space Data Highway
Re:Bigelow propone alla NASA i suoi moduli gonfiabili
« Risposta #13 il: Mar 11/02/2014, 13:12 »
Ma se un mega rack occupasse uno spicchio di quello spazio e si portasse dietro tutta la parte idraulica/elettrica, interfacciata al resto della struttura tramite il "bus" centrale?
è quello a cui pensavo, ma bisognerebbe trovare una soluzione per portarsi dietro tutte le connessioni e per montarle sulla struttura in modo che siano ben fissate e non diano problemi... è appunto quello che mi chiedevo quanto ho posto la prima domanda, ma a vedere le presentazioni mi sembra che non vadano in quella direzione
Par l’espace, l’univers me comprend et m’engloutit comme un point; par la pensée, je le comprends. (Blaise Pascal).
An age is called Dark not because the light fails to shine, but because people refuse to see it. (James Michener)

Re:Bigelow propone alla NASA i suoi moduli gonfiabili
« Risposta #14 il: Mar 11/02/2014, 17:07 »
Finalmente la Bigelow a "rotto" gli indugi proponendo alla Nasa, quello che l'amministrazione Obama non ha saputo (o voluto) proporre, in alternativa al programma Constellation. La collaborazione con i privati per un ritorno sulla Luna, mi sembra la cosa migliore, sia in termini di fondi sia in quelli di fattibilità. Era da tempo che la Nasa non prendeva in considerazione un simile progetto e, visto che per ora la missione sull'asteroide è stata rinviata forse al 2025, si potrebbe prendere in considerazione le realizzazione di un modulo BA-330-DS da collocare in orbita lunare, in attesa che la Orion, con a bordo il suo primo equipaggio lo raggiunga. Il tutto per il 2019.

Sul sito http://www.stemfortheclassroom.com/2013/07/the-city-in-sky.html ho trovato una indicazione di quanto potrebbero costare i moduli della Bigelow. Non so se le cifre corrispondano a quelle proposte alla Nasa, ma ci potrebbero servire per avere un'idea…

1- Modulo BA-330                           $125,000,000
2- Modulo BA-2100                         $500,000,000
3- Docking Node Transporter Tug    $75,000,000

mentre il costo dei lanciatori…

Falcon Heavy   $150,000,000
SLS                 $750,000,000

Speriamo, che a questo punto, per il 2019 la Nasa potrà avere in orbita lunare questo:


« Ultima modifica: Mar 11/02/2014, 18:33 da fil0 »

Offline mcarpe

  • *
  • 1.413
Re:Bigelow propone alla NASA i suoi moduli gonfiabili
« Risposta #15 il: Mar 11/02/2014, 17:43 »
Condivido l'interesse per questi moduli.
Ma ricordiamioci sempre che finora stiamo parlando solo di bei disegni e qualche studio di fattibilità... Di concreto per ora c'è solo Genesis I&II e BEAM. Da qui a passare a quei "mostri" ce ne vorrà, se mai ci arriveremo.
Matteo Carpentieri

Offline Buzz

  • Beam me down, EDRS!
  • *
  • 7.478
    • EDRS Space Data Highway
Re:Bigelow propone alla NASA i suoi moduli gonfiabili
« Risposta #16 il: Mar 11/02/2014, 17:46 »
Speriamo, che a questo punto, per il 2019 la Nasa potrà avere in orbita lunare questo:
2019? Buona fortuna  :zzz: :zzz: :zzz:
Par l’espace, l’univers me comprend et m’engloutit comme un point; par la pensée, je le comprends. (Blaise Pascal).
An age is called Dark not because the light fails to shine, but because people refuse to see it. (James Michener)

Re:Bigelow propone alla NASA i suoi moduli gonfiabili
« Risposta #17 il: Mar 11/02/2014, 17:56 »
Condivido l'interesse per questi moduli.
Ma ricordiamioci sempre che finora stiamo parlando solo di bei disegni e qualche studio di fattibilità... Di concreto per ora c'è solo Genesis I&II e BEAM. Da qui a passare a quei "mostri" ce ne vorrà, se mai ci arriveremo.

Beh, non proprio. Ricordo che la Bigelow è già al lavoro su due moduli BA-330.

Re:Bigelow propone alla NASA i suoi moduli gonfiabili
« Risposta #18 il: Mar 11/02/2014, 19:17 »
Una comparazione che prendo dal loro sito, con un modulo Iss e Bigol BA330
Grazie per i link. Quelle sono le presenztazioni che avevo in mente, ma come si vede nella parte gonfiata non c'è niente... e allora dov'è tutto questo vantaggoi dei moduli gonfiabili? Tanto bello spazio vuoto?
Capisco che l'equipaggio ha bisogno di spazio, e un po' di vantaggio lo si ha in questo modo. Ma poi quello spazio va riempito in qualche modo (crew quarters, racks, sistemi per fare ginnastica, etc.)


Io credo che il vero vantaggio di questi moduli sia in un sistema ibrido.
Cioè,per fare un esempio,se fossero stati disponibili negli anni 70, avrebbero potuto mettere in orbita la stessa massa dello Skylab con un Saturno IB anzichè con un Saturno V,usando un modulo tradizionale collegato ad una parte gonfiabile.
Ovviamente gli equipaggiamenti sarebbero stati stoccati nel primo modulo,e poi sistemati dagli Astronauti nella parte gonfiabile.

Offline Buzz

  • Beam me down, EDRS!
  • *
  • 7.478
    • EDRS Space Data Highway
Re:Bigelow propone alla NASA i suoi moduli gonfiabili
« Risposta #19 il: Mar 11/02/2014, 19:32 »
Ovviamente gli equipaggiamenti sarebbero stati stoccati nel primo modulo,e poi sistemati dagli Astronauti nella parte gonfiabile.
È tutto qui il punto: nessuno di quegli equipaggiamenti è "standalone", hanno bisogno di potenza, di dati, di controllo termico, di ventilazione, di una fonte di vuoto, azoto, ossigeno o altro se sono esperimenti. È una cosa che si riesce a far dispiegare automaticamente durante il gonfiaggio? E altrimenti, lo possono fare gli astronauti? Di quale addestramento addizionale pre-missione hanno bisogno? E di quali strumenti specifici? E di quanto tempo una volta a bordo?
Perchè se ci vogliono mesi di crew time, allora fare un lancio in più e lanciare due moduli conviene in confronto a fare un lancio solo ma poi avere bisogno di uno/due lanci addizionali per mandare su degli astronauti a fare il lavoro
(giusto per dare un ordine di grandezza, spostare un ISPR da una posizione all'altra della ISS e montarlo richiede a occhio un giorno intero di un paio di astronauti, e sto parlando di montare il rack in una posizione che ha già tutte le interfacce sistemate e pronte per l'uso. Prova a immaginare se in più gli astronauti dovessero montare tutte le interfacce e fissarle in qualche modo alla struttura)

E guardando le immagini di Bigelow, mi sembra tanto che propendano per una parte rigida con tutto l'hardware già posizionato e pronto per l'uso, più una parte gonfiabile per il volume abitabile dell'equipaggio, i crew quarters e il magazzino...

***Edit per non sembrare troppo disfattista***
Non voglio dire che il vantaggio non ci sia, anzi! Sicuramente tutto quel volume fa comodo agli astronauti e alla logistica. Quello che cerco di dire (più che altro di scrivere mentre ci penso su e me ne autoconvinco) è che il vantaggio non è così grande come sembra se si fa il paragone solo in base ai volumi pressurizzati rispetto a quelli dei moduli tradizionali
« Ultima modifica: Mar 11/02/2014, 19:39 da Buzz »
Par l’espace, l’univers me comprend et m’engloutit comme un point; par la pensée, je le comprends. (Blaise Pascal).
An age is called Dark not because the light fails to shine, but because people refuse to see it. (James Michener)

Offline blitzed

  • *
  • 1.724
Re:Bigelow propone alla NASA i suoi moduli gonfiabili
« Risposta #20 il: Mar 11/02/2014, 21:40 »
Alla luce delle interessanti considerazioni emerse sembrerebbe che i moduli Bigelow siano destinati ad integrare le attuali strutture rigide: si potrebbe ipotizzare una stazione "ibrida", laddove uno o due moduli gonfiabili possono fornire tanto volume utile sia per lo stowage sia per il piacere dell'equipaggio.

Mi chiedevo, tra l'altro, se il problema della collocazione dei rack e dei relativi sistemi di servizio non potesse essere capovolto: siamo abituati a pensare ad un corridoio centrale con le strumentazioni sui 4 lati, ma se invece la struttura centrale fosse piena, ed ospitasse racks sulle 4 facce rivolte verso il volume inflated? Non so se mi sono spiegato..

Inviato dal mio GT-I9100 utilizzando Tapatalk


Re:Bigelow propone alla NASA i suoi moduli gonfiabili
« Risposta #21 il: Mar 11/02/2014, 21:59 »
Questo è roba grossa,questo cambia tutto!

Citazione
Olympus Carrier:

Also included in the Gate 1 report, Bigelow presents NASA with an interesting modified version of the Olympus, which would be a craft carrier.

Z3The Olympus carrier module can dock a spacecraft, lander or satellite inside the module.

The craft would enter through a large forward airlock and then proceed to the interior of the module. A system of docking adapters would be available inside the carrier module.

The craft would then be inside of the pressurized Olympus carrier where astronauts could work on it.

The carrier module would maintain multiple deck levels and would have the same support facilities that also exist on the non-carrier version of the Olympus.

. .

Vi ricordate i tanti scenari che prevedevano moduli riutilizzabili per la superfice lunare?
Una delle più grosse obiezioni era che avrebbero richiesto manutenzioni e lo stoccaggio di nuovo materiale tra uno sbarco e l'altro,e questo non era possibile nel vuoto dello spazio.
Ora questo è un vero e propio hangar dove il modulo lunare può essere controllato,revisionato e rifornito di nuovi strumenti ed apparecchiature per la missione successiva.
Questo questo modulo rende concreta la possibilità di un lander riutilizzabile. (e ovviamente può essere usato anche in LEO per eventuali spacetugs).
« Ultima modifica: Mar 11/02/2014, 22:04 da carmelo pugliatti »

Offline albyz85

  • "Space isn't so far - it's only an hour's drive if your car could go straight up."
  • *
  • 15.977
    • https://www.facebook.com/alberto.zampieron
Re:Bigelow propone alla NASA i suoi moduli gonfiabili
« Risposta #22 il: Mar 11/02/2014, 22:20 »
Ora questo è un vero e propio hangar dove il modulo lunare può essere controllato,revisionato e rifornito di nuovi strumenti ed apparecchiature per la missione successiva.
Questo questo modulo rende concreta la possibilità di un lander riutilizzabile. (e ovviamente può essere usato anche in LEO per eventuali spacetugs).

Si molto scenografico... ma non ci si dovrebbe dimenticare che quei pezzi, quei rifornimenti, quei materiali per la manutenzione dovranno essere trasportati fino a lì... e con cosa verrebbero trasportati fino a li? Probabilmente con un'altra capsula... la quale dovrà rifornire quest'altra capsula e trasportare a terra il materiale proveniente da questa capsula... insomma... non sarebbe sicuramente la panacea di tutti i mali... il rateo di lanci non è così scontato venga ridotto e da questo ne derivino risparmi automatici...
Socio ISAA - Tessera n. 002


www.astronautinews.it

Offline Buzz

  • Beam me down, EDRS!
  • *
  • 7.478
    • EDRS Space Data Highway
Re:Bigelow propone alla NASA i suoi moduli gonfiabili
« Risposta #23 il: Mar 11/02/2014, 23:12 »
Mi chiedevo, tra l'altro, se il problema della collocazione dei rack e dei relativi sistemi di servizio non potesse essere capovolto: siamo abituati a pensare ad un corridoio centrale con le strumentazioni sui 4 lati, ma se invece la struttura centrale fosse piena, ed ospitasse racks sulle 4 facce rivolte verso il volume inflated? Non so se mi sono spiegato..
Assolutamente sì, tutto quello che ho scritto finora si basa su quest'ipotesi, che ho dato quasi per scontato dopo aver visto le immagini :)

La differenza è che nella configurazione a cui siamo abituati con i moduli rigidi (corridoio centrale, strumentazione intorno) il rapporto tra la somma del volume abitabile (il corridoio) più quello "magazzinabile" (magari qualche ISPR di stivaggio più i coni) e il volume occupato dalle strumentazioni è di circa 1 a 1 (stima fatta ora a spanne pensando al Lab e a Columbus)
Nel modulo gonfiabile invece il rapporto tra volume abitabile e volume delle strumentazioni è probabilmente 2 a 1: il volume abitabile (la parte gonfiabile) sembra molto maggiore di quello dedicato alla strumentazione (la parte centrale).

Se però al modulo classico considerato aggiungiamo un PMM, ovvero un modulo senza strumentazioni ma solo dedicato allo stivaggio, ecco che il rapporto tra volume abitabile/magazzinabile e il volume occupato dalle strumentazioni si avvicina a quel 2 a 1. Il che significa che in sostanza un singolo modulo gonfiabile può sostituire due moduli classici (uno di sistema e uno magazzino). E questa è di per sè già una gran cosa.

Però se consideriamo l'USOS, abbiamo un modulo e mezzo dedicato a magazzino, e 6 moduli dedicati al sistema e agli esperimenti. Se avessimo 6 moduli magazzino, probabilmente sarebbero quasi vuoti... E quindi ritorniamo all'idea di qualcosa di ibrido: alcuni moduli gonfiabili senza dubbio fanno comodo, una stazione fatta di soli moduli gonfiabili probabilmente è eccessiva

Si molto scenografico...
E aggiungerei "tutto da dimostrare". Non ho capito molto bene come pensano di portare le capsule all'interno. Ci sono due volumi pressurizzati separati? E le capsule/navicelle si spostano all'interno del volume pressurizzato usando i propulsori? E in tal caso come ci si libera dei gas di scarico che buttano nell'atmosfera pressurizzata?
« Ultima modifica: Mar 11/02/2014, 23:16 da Buzz »
Par l’espace, l’univers me comprend et m’engloutit comme un point; par la pensée, je le comprends. (Blaise Pascal).
An age is called Dark not because the light fails to shine, but because people refuse to see it. (James Michener)

Re:Bigelow propone alla NASA i suoi moduli gonfiabili
« Risposta #24 il: Mer 12/02/2014, 01:32 »
Ora questo è un vero e propio hangar dove il modulo lunare può essere controllato,revisionato e rifornito di nuovi strumenti ed apparecchiature per la missione successiva.
Questo questo modulo rende concreta la possibilità di un lander riutilizzabile. (e ovviamente può essere usato anche in LEO per eventuali spacetugs).

Si molto scenografico... ma non ci si dovrebbe dimenticare che quei pezzi, quei rifornimenti, quei materiali per la manutenzione dovranno essere trasportati fino a lì... e con cosa verrebbero trasportati fino a li? Probabilmente con un'altra capsula... la quale dovrà rifornire quest'altra capsula e trasportare a terra il materiale proveniente da questa capsula... insomma... non sarebbe sicuramente la panacea di tutti i mali... il rateo di lanci non è così scontato venga ridotto e da questo ne derivino risparmi automatici...

Questo è un altro discorso,e certamente il finanziamento per un programma del genere non sarà votato nè domani nè dopodomani dal Congresso.
Però,dal punto di vista tecnico un simile concept da una risposta al problema dei lander riutilizzabili,Se un giorno si vorrà percorrere questa strada.
.
.