Associazione ISAA
ForumAstronautico
AstronautiNEWS
AstronautiCAST
AstronautiCON
StratoSpera
ForumAstronautico.it

"Relatività" Festival delle Scienze 2016

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

"Relatività" Festival delle Scienze 2016
« il: Sab 21/05/2016, 15:55 »
Segnalo in terribile ritardo questo evento a Roma:
http://www.auditorium.com/eventi/ricerca?input=EV_6022867
Stasera in particolare volevo provare ad andare a questo evento, nonostante una influenza che mi attanaglia, c'é proprio uno dei miei fisici preferiti:

21/05/2016 Sala Petrassi ore 19:00
Lectio Magistralis di Giovanni Bignami
"Oro dagli asteroidi e asparagi da Marte"

Giovanni Bignami Accademia dei Lincei

introduce
Amedeo Balbi

Miliardi di asteroidi girano per il Sistema Solare e alcuni passano vicino alla Terra. Tra questi ci sono i “metallici”, con anche elementi preziosi, come le terre rare, alla base della tecnologia del futuro. La NASA studia missioni miste esplorazione-profitto per catturare un asteroide e studiarlo con astronauti-minatori. Intanto, gli USA hanno appena fatto una legge che protegge lo sfruttamento minerario (USA) dello spazio. Ma la NASA, e tutto il mondo, devono anche pensare più in grande: dopo l’allenamento con missioni umane agli asteroidi, saremo pronti per una missione su Marte, magari studiando una propulsione ad hoc, come un nucleare innovativo. Sulla superficie di Marte i problemi di sopravvivenza sono molti, primo fra tutti la necessità di vivere al riparo delle radiazioni solari e cosmiche. In un rifugio sotterraneo, pressurizzato e riscaldato, sarà possibile usare serre per la coltivazione di cibi freschi. Tra questi, gli asparagi potrebbero apprezzare le sabbie marziane, rosse perché ricche di ferro.

Biglietti:
Posto unico 3.00€
Biglietteria 892.101
<ISAA n°119> | È vero, ho scalato montagne e ho camminato in luoghi remoti. Ma come avrei potuto vedervi se non da una grande altitudine o da una grande distanza? In verità, come si può essere vicini se non si conosce la lontananza? (Khalil Gibran)