ForumAstronautico.it

Complimenti per l'atterraggio

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Jacopo

  • *
  • 1
Complimenti per l'atterraggio
« il: Lun 10/07/2017, 15:15 »
Salve a tutti,
premetto che non sono un complottista ma un semplice pilota di linea con tante domande.
Sono sempre stato attratto dal modo di atterrare e decollare di vari mezzi e mi incuriosisce di come siano potuti atterrare sulla luna. Qualcuno mi sa dire  come hanno potuto sperimentare e collaudare un "lunaggio", nel vuoto, con una gravità non simulabile sulla terra? E, presumo, senza averlo fatto mandare sulla luna degli esseri umani con un rischio cosi elevato, ottenendo un successo pari al 100% ?
Poi:
Ho visto a Londra il Lander, ma non ho notato la camera iperbarica dove fare le varie decompressioni prima delle passeggiate. Nell'ultima puntata si descrive con chiarezza che senza tali adattamenti le tute spaziali non permettono certi movimenti.
Sarebbe bello ne parlaste nella prossima puntata, che dite, accettate la sfida?
Siete grandi,
Jacopo

Offline amoroso

  • *
  • 11.167
    • http://google.com/+PaoloAmoroso
    • @amoroso
    • Paolo Amoroso
Re:Complimenti per l'atterraggio
« Risposta #1 il: Lun 10/07/2017, 15:34 »
Ciao Jacopo e benvenuto nel forum.

Gli astronauti avevano diversi modi per addestrarsi sulla Terra all'atterraggio sulla Luna anche senza provarlo nell'ambiente lunare: simulatori, elicotteri tradizionali e veicoli sperimentali come LLRV/LLTV.

Offline Giuiba

  • *
  • 253
Re:Complimenti per l'atterraggio
« Risposta #2 il: Lun 10/07/2017, 15:48 »
Per rispondere alla seconda domanda,
Ho visto a Londra il Lander, ma non ho notato la camera iperbarica dove fare le varie decompressioni prima delle passeggiate.
se non sbaglio, l'intero abitacolo del LEM veniva direttamente de-pressurizzato una volta che gli astronauti indossavano le tute.
Socio ISAA

Offline amoroso

  • *
  • 11.167
    • http://google.com/+PaoloAmoroso
    • @amoroso
    • Paolo Amoroso
Re:Complimenti per l'atterraggio
« Risposta #3 il: Lun 10/07/2017, 16:26 »
L'abitacolo del LM veniva depressurizzato solo per le EVA.

Offline Moon

  • "Houston, we've had a problem here"
  • *
  • 297
  • one, zero All engines running We have a lift-off
"Questo è un piccolo passo per un uomo, ma un grande balzo per l'umanità."Neil Armstrong 1969
"Da quassù la Terra è bellissima, senza frontiere né confini"
Jurij Gagarin 1961

Offline DDD

  • *
  • 582
  • orbiter addicted
    • https://www.facebook.com/davide.perani.1
    • contattami su FOI
Re:Complimenti per l'atterraggio
« Risposta #5 il: Mar 11/07/2017, 00:17 »
Tecnicamente Apollo 11 è stato un test di allunaggio. Il programma apollo funzionava per gradi: la logica era di testare varie fasi del piano di volo missione per missione, spingendosi sempre più lontano. Così Apollo 10 testò la discesa ma non l'allunaggio, Apollo 11 l'allunaggio stesso, Apollo 12 l'allunaggio di precisione, e le missioni successive furono quelle di massimo ritorno scientifico. Ovviamente per arrivare a ciò gli astronauti si erano preparati a terra grazie al citato LLTV/LRTV e un simulatore completo (tipo quello che i piloti usano per addestrarsi) per provare i possibili malfunzionamenti.

Offline Ares Cosmos

  • *
  • 2.758
  • A4, Apollo 10, Mir, Soyuz TM 34
Re:Complimenti per l'atterraggio
« Risposta #6 il: Mer 12/07/2017, 15:48 »
Nonostante tutto, la NASA si prese un sacco di rischi (vedere anche il ridicolo van per quarantena delle prime missioni lunari).
Anche se gli sbarchi automatici sulla Luna avevano dimostrato che un lander non sprofondava sulla soffice superficie lunare ricoperta da milioni di anni di depositi microscopici, ancora c'era chi temeva che l'LM, molto più pesante di qualsiasi altro lander precedente, sarebbe sprofondato.
L'LM era una sorta di camera iperbarica, come anche tutte le capsule usate per esposizioni al vuoto, dalle Voskhod/Gemini in poi. Ovviamente prima gli astronauti indossavano le tute spaziali (Apollo/Soyuz) oppure le avevano già addosso (Gemini/Voskhod 2).


Se non fosse che ho visto di persona aerei molto grossi atterrare, mi stupirei di come i carrelli reggono tutto quel peso in atterraggio e direi che si tratta di finzioni: gli aerei non potrebbero mai atterrare con tutto quel carico scaricato su elementi così piccoli e fragili, secondo me.  :embarrass:
Visti e toccati di persona: A4, Apollo 10, Mir (mock up), Soyuz TM 34
Ares Cosmos, alias Starcruiser, alias PCC

Offline Acris

  • *
  • 2.655
Re:Complimenti per l'atterraggio
« Risposta #7 il: Dom 16/07/2017, 00:06 »
Beh a dire il vero i carrelli reggono il decollo ma non reggono un atterraggio a pieno carico... infatti in caso di emergenza devono scaricare quasi tutto il carburante per pesare meno, sennò si rompono...
Solo due cose sono infinite, l'universo e la stupidità umana, e non sono sicuro della prima

A.Einstein

Offline Moon

  • "Houston, we've had a problem here"
  • *
  • 297
  • one, zero All engines running We have a lift-off
Re:Complimenti per l'atterraggio
« Risposta #8 il: Dom 16/07/2017, 11:51 »
Oggi ricorre l'anniversario del lancio del Apollo 11  :happy:
"Questo è un piccolo passo per un uomo, ma un grande balzo per l'umanità."Neil Armstrong 1969
"Da quassù la Terra è bellissima, senza frontiere né confini"
Jurij Gagarin 1961

Re:Complimenti per l'atterraggio
« Risposta #9 il: Dom 16/07/2017, 12:46 »
Domandina: la pressione dentro al LEM era 1ATM o meno (tipo 0,5ATM)?
<ISAA n°119> | È vero, ho scalato montagne e ho camminato in luoghi remoti. Ma come avrei potuto vedervi se non da una grande altitudine o da una grande distanza? In verità, come si può essere vicini se non si conosce la lontananza? (Khalil Gibran)

Offline Vittorio

  • Apollo Program Addict
  • *
  • 2.754
  • Apollo Program's fanatic
    • @VittorioDA
Re:Complimenti per l'atterraggio
« Risposta #10 il: Dom 16/07/2017, 17:06 »
In seguito al brutale incidente di Apollo 1 la pressione all'interna della capsula Apollo non fu modificata al momento del lancio (era sempre 1 ATM) ma invece fu modificata la composizione dell'aria respirabile (60% O2, 4% N2). Successivamente al liftoff la pressione veniva progressivamente ridotta fino a 5 psi (34 kPa o 1/3 di ATM) modificando poi nell'arco di un giorno circa la composizione dell'aria respirabile passando al 100% di O2 (veniva completamente eliminato l'azoto). Tale pressione e composizione veniva quindi mantenuta anche nel LM. La pressione e la composizione dell'aria veniva riportata al livello terrestre all'atto dell'apertura delle valvole di sfiato a circa 3000 metri dallo splashdown (quando si aprivano i paracadute).
Vittorio

Whoopee! Man, that may have been a small one for Neil, but that's a long one for me.

Re:Complimenti per l'atterraggio
« Risposta #11 il: Dom 16/07/2017, 18:25 »
Grazie Vittorio, molto esauriente!
Ricordavo qualcosa vagamente su 1/3 atm, ma mi pareva troppo poco  :death:
<ISAA n°119> | È vero, ho scalato montagne e ho camminato in luoghi remoti. Ma come avrei potuto vedervi se non da una grande altitudine o da una grande distanza? In verità, come si può essere vicini se non si conosce la lontananza? (Khalil Gibran)

Offline pilgrim1

  • *
  • 5.278
Re:Complimenti per l'atterraggio
« Risposta #12 il: Dom 16/07/2017, 18:45 »
"Please, dear God, don't let me fuck up." A. Shepard

ISAA member
BIS member

Stratogene