Associazione ISAA
ForumAstronautico
AstronautiNEWS
AstronautiCAST
AstronautiCON
StratoSpera
ForumAstronautico.it

A Venezia Leone d'Argento su un film ambientato a Baikonur

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Giulione

  • *
  • 1.336
  • Benedetto S. Leibowitz, continua a farli sognare..
La giuria del Festival di Venezia ha premiato col premio speciale (Leone d'argento) il film "Paper Soldier", ambientato nel kazakistan del 1961 alla vigilia del volo di Gagarin.
Non so molto del film, ho trovato questa scheda sul sito della Repubblica:

http://trovacinema.repubblica.it/film/scheda/Venezia/349985?speciale=venezia2008

Speriamo che venga adeguatamente distribuito, non vorrei perdermelo!
Fuggi lontano da questi miasmi ammorbanti...
 

Offline Gwilbor

  • *
  • 1.702
  • "Neptune, Titan / Stars can frighten" (Pink Floyd)
Re: A Venezia Leone d'Argento su un film ambientato a Baikonur
« Risposta #1 il: Dom 07/09/2008, 10:47 »
Riporto una recensione postata si it.arti.cinema:

http://groups.google.it/group/it.arti.cinema/msg/3eeca8961d667504

THE PAPER SOLDIER - Film russo-georgiano, che di questi tempi sarebbe
gia' di per sè un motivo di interesse, racconta le sei settimane
precedenti all'impresa che ha reso celebre Yuri Gagarin, ma non lascia
mai la terra per lo spazio. Resta, invece, tenacemente coi piedi per
terra, fra il fango e l'umido delle aree di lancio dei razzi e i locali
in cui si svolgono le esercitazioni e la vita quotidiana di scienziati,
tecnici e candidati all'orbita. Le immagini di questa versione russa di
"The Right Stuff" sono spesso molto belle, con un sacco di nebbia, di
inquadrature suggestive (penso soprattutto a quelle che a inizio e fine
film ci mostrano i reattori), di piani sequenza brevi ma anche
entusiasmanti (ce n'e' almeno uno che si conclude con la partenza, in
campo lunghissimo, di un razzo) - però la costante sovrapposizione di
diversi dialoghi rende davvero difficile seguire il tutto attraverso i
sottotitoli e probabilmente contribuisce a far sì che il film sembri
interminabile. Alla fine scopri che stai guardando l'orologio ogni
cinque minuti - e che i vicini di posto sbirciano anche loro il tuo
polso, impazienti di uscire dalla sala.



Giacomo "Gwilbor" Boschi
 

Re: A Venezia Leone d'Argento su un film ambientato a Baikonur
« Risposta #2 il: Dom 07/09/2008, 11:14 »
Bene, bisognerà vederlo allora   :stuck_out_tongue_winking_eye:
Notizie dallo spazio su www.astronautinews.it !
Iscriviti a ISAA !
 

Re: A Venezia Leone d'Argento su un film ambientato a Baikonur
« Risposta #3 il: Mar 09/09/2008, 08:36 »
Ho visto la scena dove recuperano un 'maket'. Mi è sembrato molto interessante...
Non ho alcuna intenzione di perdermelo !!!
Attenti, non è detto che trovi un distributore in Italia, anzi...


Salute e Latinum per tutti !
“La ragione ed il senso di giustizia mi dicono che vi è maggior amore per l’uomo nell’elettricità e nel vapore di quanto ve ne sia nella castità e nel rifiuto di mangiare carni”.
Anton Pavlovic Checov
 

Offline Gwilbor

  • *
  • 1.702
  • "Neptune, Titan / Stars can frighten" (Pink Floyd)
Re: A Venezia Leone d'Argento su un film ambientato a Baikonur
« Risposta #4 il: Mar 09/09/2008, 22:05 »
Altra rece:

http://groups.google.it/group/it.arti.cinema/msg/18d3fa432bfa954b?hl=it

PAPER SOLDIER (Alexej German Jr. - Russia)
Kazakistan, 1961. La gestazione del lancio di Yuri Gagarin nello spazio
vista dagli occhi e dai sogni di un ufficiale medico (molto bravo l'attore
Merab Ninidze). Il film è una riflessione sulla vita umana e sul fatto se
sia giusto o meno metterla a repentaglio in nome del progresso. German è
uno dei maggiori talenti mondiali: grande regista, esteta dell'immagine e
un campione mondiale di rigore formale. Poi nella scrittura del film
dovrebbe essergli affiancato uno sceneggiatore hollywoodiano per dare un
po' di verve al tutto. 7.
Giacomo "Gwilbor" Boschi
 

Offline Lory62

  • *
  • 3.520
  • "mio Dio!... è pieno di stelle!" -Arthur C. Clarke
Re: A Venezia Leone d'Argento su un film ambientato a Baikonur
« Risposta #5 il: Mar 09/09/2008, 22:25 »
Speriamo che il film venga adeguatamente distribuito e doppiato (che è meglio).
Lorenzo Ferrando
 

Offline madam90

  • *
  • 481
  • *Valentina*
Re: A Venezia Leone d'Argento su un film ambientato a Baikonur
« Risposta #6 il: Mar 09/09/2008, 23:22 »
Speriamo che il film venga adeguatamente distribuito e doppiato (che è meglio).
Quoto, non ho alcuna intenzione di perdermelo!!!
Il cielo è una sfera infinita il cui centro è ovunque e la circonferenza in nessun posto...



www.astropek.com
 

Re:A Venezia Leone d'Argento su un film ambientato a Baikonur
« Risposta #7 il: Mer 07/10/2015, 01:26 »
Riprendo questo topic dopo 7 anni, per segnalare che l'altra sera (o meglio, all'una e venti di notte!) RaiTre ha trasmesso il film col titolo italiano di "Soldato di carta". E' passato un sacco di tempo dall'uscita, ma da una rapida ricerca online mi pare di capire che si tratta di un film di non facile reperibilità, per cui se c'è qualcuno che ha intenzione di vederlo, lo può trovare per 7 giorni su RaiReplay a questo indirizzo:
http://www.rai.tv/dl/replaytv/replaytv.html?refresh_ce#day=2015-10-06&ch=3&v=574016&vd=2015-10-06&vc=3
Buona visione!

Avvertenza: il film è in russo con sottotitoli in italiano. ;)
Wir müssen wissen, wir werden wissen (D. Hilbert)
 

Offline isapinza

Re:A Venezia Leone d'Argento su un film ambientato a Baikonur
« Risposta #8 il: Mer 07/10/2015, 14:55 »
Se uno non può vederlo nei prossimi 7 gg vi consiglio di fare una breve ricerca su google   :ok_hand:  :ok_hand:
---> Se quello che dico può essere interpretato in due modi ed uno dei due ti fa arrabbiare...intendevo il terzo *grin*
 

Re:A Venezia Leone d'Argento su un film ambientato a Baikonur
« Risposta #9 il: Mer 07/10/2015, 15:43 »
Bello! ma lento, pieno di simbologie... tipico dei film russi.
Interessante quando il medico-protagonista Daniil Pokrovski dice che é solo l'inizio del programma spaziale umano, e snocciola una scaletta che prevede colonie sulla luna e su marte entro il 2000. E addirittura un pilota é convinto che esisteranno aerei guidati dal pensiero entro 6 anni.
<ISAA n°119> | È vero, ho scalato montagne e ho camminato in luoghi remoti. Ma come avrei potuto vedervi se non da una grande altitudine o da una grande distanza? In verità, come si può essere vicini se non si conosce la lontananza? (Khalil Gibran)