16 onorevoli positivi sui 50

E un indecenza :

GARANTE DELLA PRIVACY BLOCCA LA TRASMISSIONE DELLE IENE

ROMA - Il garante per la Privacy ha deciso di bloccare il servizio delle Iene sul test antidroga a 50 deputati.

TEST ANTIDROGA A ONOREVOLI

Quella del test ‘drug wipe’ è solo l’ultima delle diavolerie utilizzate dalle Iene per smascherare malefatte e assurdità della politica e non solo.

Con un infallibile tampone che rivela se si sono assunte sostanze stupefacenti nelle ultime 36 ore, una Iena ‘in borghese’ ha avvicinato 50 deputati con il pretesto di una intervista sulla Finanziaria per una tv satellitare, facendo ‘tamponare’ la loro fronte durante le riprese da una finta truccatrice. Risultato del test: 16 onorevoli positivi sui 50 del campione analizzato.

Di questi, 12 avevano assunto cannabis e quattro cocaina. Con lo scoop della iena Matteo Viviani si sarebbe dovuta aprire la decima edizione del programma cult ‘le Iene Show’, che torna in prima serata su Italia 1 con Cristina Chiabotto, Luca e Paolo.

DA DIECI ANNI RISPETTIAMO LA PRIVACY DI TUTTI

‘Andiamo in onda da dieci anni rispettando la privacy di tutti, perfino dei guaritori filippini e dei ladri di motorini, figuriamoci quella dei deputati’: protesta con amarezza Davide Parenti, papa’ e autore delle Iene, alla notizia che il Garante della Privacy ha deciso di bloccare il servizio. 'Abbiamo fatto decine di servizi in questi anni - spiega Parenti - cancellando sempre i volti delle persone coinvolte. Una delle nostre prime inchieste era sul mercato dei motorini rubati: ebbene, abbiamo trovato un ladro che vendeva un motorino quasi nuovo, ovviamente rubato, e perfino quello aveva il volto schermato.

Per non parlare dei guaritori filippini, dal mio unto di vista veri gangster che speculano sul cancro, la paura della morte e la buonafede: neanche loro erano riconoscibili. Potrei continuare con le patenti false e gli infermieri che vendevano i morti alle agenzie di pompe funebri. E per finire con gli esempi, Amedeo Goria che fa le sue avances era stato schermato e la sua voce contraffatta. Poi si e’ scoperto, ma non a causa nostra. Ovviamente - conclude Parenti - anche questo servizio era stato costruito senza violare la privacy di nessuno. Pazienza’.

GRILLINI, LE IENE MANDINO IN ONDA LA MIA INTERVISTA

“Io oggi lancio una sfida a le Iene e ad Italia Uno, chiedendo di trasmettere la mia intervista senza camuffare la mia voce o il mio volto. Io non ho niente da nascondere. Ho detto che ne ho fatto uso in passato, ho detto che le mie droghe preferite sono altre, il vino di buona qualità e il sesso, e che ognuno ha le droghe che preferisce”. Lo ha detto Franco Grillini, intervistato da Radio Radicale sul servizio del programma Le Iene. “Ho sempre sostenuto - prosegue - che in un’ottica liberale e libertaria ogni essere umano deve avere la piena signoria del proprio corpo. Io sono un antiproibizionista, e dico a le Iene: se avete fatto questo servizio, abbiate ora il coraggio di mandarlo in onda senza trucchi e senza veli”.

CAPEZZONE, RISPETTO GARANTE MA NO A CENSURA

‘Rispetto molto il garante, ma chiedo di ‘liberare’ e ‘dissequestrare’ le Iene’. Lo ha dichiarato Daniele Capezzone, segretario di Radicali italiani, che aggiunge: ‘La privacy vale, ma la liberta’ di informazione vale anche di piu’. Dico no alla censura’.

MUSSOLINI, STOP DEL GARANTE? SIAMO AL REGIME

‘Siamo al regime. La censura su una inchiesta giornalistica e’ un fatto grave che denuncero’ al Parlamento europeo. Questa e’ l’Italia di oggi. E’ una vergogna assoluta: da oggi tutti coloro i quali saranno oggetto di attenzioni da parte di media senza autorizzazione potranno denunciare alla magistratura e al garante i paparazzi e i giornalisti’. Cosi’ Alessandra Mussolini, europarlamentare di Alternativa Sociale, commenta il divieto imposto alle ‘Iene’.

BOCCHINO (AN), FIRMO LIBERATORIA A MEDIASET…

‘La decisione del Garante e’ in linea con la normativa vigente, ma gli effetti della sospensione della trasmissione rischiano di essere anche peggiori dell’incauta trovata delle Iene’. Lo dichiara Italo Bocchino, deputato di Alleanza Nazionale. ‘A questo punto aggiunge l’esponente di An - e’ opportuno che i 50 interessati diano la loro liberatoria per mandare in onda le interviste e i risultati tossicologici del campione, facendo cosi’ chiarezza. Personalmente sono pronto a firmare una liberatoria alle reti Mediaset’. ‘Inoltre, c’e’ da chiedersi se al fine di garantire trasparenza all’opinione pubblica, non sia opportuno sottoporre presso l’infermeria della Camera tutti i deputati agli esami tossicologici, in modo tale - conclude Bocchino - che gli elettori possano sapere se tra i rappresentanti della nazione ci sono persone che violano la normativa sulla tossicodipendenza’.

Bene,sono contento che per una volta i nostri politici abbiano mantenuto le promesse.Come dicevano prima delle elezioni? “IN PARLAMENTO FATTI,NON PAROLE”.

"IN PARLAMENTO FATTI,NON PAROLE".

AHAHAHAHA!!! :stuck_out_tongue_winking_eye: :grinning:

Stasera sarebbe dovuto andare in onda il servizio delle Iene … ora stiamo a vedere chi la spunta … :roll_eyes:

Mi stupisco vi stupiate…
Che fine ha fatto l’inchiesta su quel deputato della CDL di cui arrestarono il pusher pochi anni fà, beccato mentre gli stava portando 1KG e mezzo di coca in parlamento ?
Come mai il figlio di un altro importante esponente di FI (è un caso parli della CDL, sono i primi esempi che mi tornano in mente), beccato strafatto dopo aver investito ed ucciso una signora anziana con la sua auto, non ha fatto neppure un giorno di galera ? La notizia fu pubblicata, direi casualmente, solo da un paio di quotidiani minori… per poi sparire nel nulla.
In compenso quando beccano un ragazzetto scemotto con lo 0,0001 di cannabis lo buttano in galera fra i delinquenti veri… e perdono la chiave.

Lasciate perdere, datemi retta…

Come diceva il Giolitti, da me già citato: Le leggi in Italia per i nemici si applicano, per gli amici si interpretano…

Mah… se penso a quella deputata tedesca licenziata perché aveva pagato una messa in piega dal parrucchiere con i soldi del parlamento…

Salute e Latinum per tutti !

Più il tempo passa e più mi convinco che dovrei andare all’estero, dove ci sono certamente problemi e contraddizioni, ma non al livello dell’Italia…
Credo che il peggio del peggio si veda nel mondo della politica e dell’alta finanza (e del potere in genere), è sicuramente uno degli ambienti peggiori che possano esistere… :cry:

Sarebbe un ottimo inizio per una nuova campagna vera contro le droghe… Ma non succederà mai!

Le droghe in TV vengono pubblicizzate più dei telefonini!

Adesso scoppieranno i “casi” in TV e nei Talk show tutti spareranno le solite frasi fatte sulle Droghe leggere ecc ecc ecc.

Che approfittino per fare un bell “antidoping” a tutto il parlamento, e chi beccano: Squalifica a vita!

Iceman, dimentichi che i servizi segreti farebbero sparire tutte le provette… le iene li hanno presi in contropiede, ma la prossima volta no. E poi non ricordi quella mitica frase di Bobo che diceva : chi non si è mai fatto una canna?

IO NO!

Comunque ci sono differenze sostanziali. Io conosco l’argomento, l’ho studiato quando, molti anni fa, mi preparavo a lavorare per il sert (poi preferi continuare in reparto). L’hascish non è neppure lontanamente dannoso quanto l’alcool… E’ pericoloso poiché, essendo vietato, può far conoscere un sottobosco proibito ai giovani ragazzini scemotti, che poi facilmente si mettono nei guai con cose molto più serie. In Olanda, dove non è vietato nei posti appositi, solo il 3-4 % dei giovani fuma, mentre da noi sono molti di più… ricordiamoci che per l’hascish in se non si muore (oddio, si muore come per le sigarette) mentre per patologie correlate all’alcool muoiono almeno 80.000 persone l’anno in italia (per non parlare degli incidenti stradali e cose del genere). Sarà che ho visto morire centinaia di alcolisti… e muoiono male. Preoccupiamoci delle pasticchine e della coca, che mietono vittime come una falciatrice in un prato. Non facciamoci ingoiare dai luoghi comuni, basta studiare un pò le statistiche vere, non quelle di comodo di quella o di quell’altra corrente politica. Analizziamo casomai perché, a livello sociale, esiste una necessità astrusa di dipendenza da qualcosa. Poi se l’imbecillino fuma la canna, e questo è vietato, facilmente frequenterà ambienti che lo porteranno a ben altro… Ricordate che c’é chi ci gioca… c’é da sempre un gioco perverso che mette in relazione droga-armi e potere… E’ un caso che in Afghanistan la produzione di oppio (oppio, badate bene, una sostanza mostruosa) è tornata a livelli che non si vedevano da decenni ? La domanda è: cui prodest ? pensate davvero che ci guadagnino i terroristi ? O perlomeno solo loro… ? Eppure basterebbe studiarsi l’affare Iran-Contras per avere qualche lume a riguardo… Se gli stati volessero davvero combattere la droga, non esisterebbe più da tempo una sola pianta di coca o di papavero da oppio sulla faccia della terra…
Comunque, a livello di allarme sociale, l’alcolismo è la piaga più pericolosa e diffusa… il vino farà anche sangue, ma fa pure esplodere gli epatociti quando se ne abusa… Eppure per la ns cultura è un peccato veniale… sarà perché siamo storicamente grandi produttori di alcool ?

Bah, argomento comunque poco adatto a questo forum.

Bobo Craxi ovviamente esagerava, ma non del tutto.
Potrei citare altri seri studi americani… no, vediamo di capirci, non difendo la cannabis o cose del genere, semplicemente dico: esistono classi di stupefacenti più o meno pericolosi, è un dato di fatto, e l’alcool viene soltanto dopo l’eroina, la cocaina e gli eccitanti chimici. Stop.

E ricordatevi che il drogato tipo oggi è accanto a voi, veste magari in giacca e cravatta, oppure in splendidi abiti da sera (parlo delle donne): sapete come ? va dal suo medico e si fa tranquillamente segnare ogni tipo di benzodiazepina, tranquillante, antidepressivo, etc etc… Poi mi arrivano, dopo lunghi abusi, alle 4 di notte in ps, collassati, o che non ricordano il proprio nome… Se vogliamo parlare di queste cose, almeno conosciamole…

Preferisco parlare di astronautica qui, comunque :wink:

Salute e Latinum per tutti !

Io naturalmente non mi riferivo alla Droga come a pericolo per la salute.
Ma per la società!

A mio avviso e per esperienza(non vissuta ma osservata ogni giorno) che sia giusto o sbagliato la Droga leggera, la cannabis o la marjuana, sono le droghe “Socialmente” più pericolose in assoluto.

Conosco, come tutti ormai, un gran numero di consumatori di Droghe leggere ed ho notato praticamente in tutti degli allarmanti effetti collaterali(chiaramente “collaterali” dipende per chi…) come la mancanza di motivazione e sopratutto un inquietante conformismo delle idee e della personalità.

In pratica i consumatori abituali di droghe leggere(che,pur non frequentando tossici, tra le mie conoscienze sono una stragrande maggioranza!) hanno la tendenza e unifromarsi, diventare uguali, dire le stesse cose, avere le stesse opinioni e sopratutto la mancanza di volontà nel perseguire degli obbiettivi.

Questi sono “effetti” che la scienza non ci può diagnosticare, semplicemente perchè probabilmente sono frutto principalmente della Droga come fattore sociale(sostanza proibita!).
Ciò a mio avviso non cambia la realtà dei fatti.

Ora come ora le droghe leggere non sono “vietate” a conti fatti, visto che pur rimanendo nell illegalità, vengono costantemente pubblicizzate nel modo peggiore dai media e dalla TV(osservate per esempio come vengono trattate le sigarette a confronto con le droghe leggere) e l uso viene punito quasi solamente in linea teorica.

In pratica la situazione migliore in cui far sguazzare la mafia e la malavita che ci guadagna.

Che “droga”, in termini “medici”, possano essere tantissime altre sostanze sono d accordo… ma ciò che cambia e che rende la droga più pericolosa è dipendente(a mio avviso) dal fattore sociale.

Fare paragoni con l alcol poi è a mio avviso errato per diversi motivi:

  1. Dell alcol, per questioni principalmente culturali, si può fare USO o ABUSO… Con le droghe no…
  2. Fare riferimento a cifre di malati per abuso di alcol in un paese dove quasi ogni abitante da secoli assume alcol ad ogni pasto non può essere cosiderato un paragone efficace per una questione puramente percentuale.

Come si fa a diagnosticare ad un utilizzatore abituale di cannabis quanto il suo cervello sia “in pappa”??

Secondo me il problema riguardo le droghe leggere è molto più grave anche di quello che riguarda le droghe pesanti… perlomeno a livello “Sociale”(che a mio avviso è quello più importante!)

A tal proposito guardate qua che assurdità è stato capace di scrivere (tanto per cambiare) Mazzucco di Luogo comune.
Non cè da stupirsi di nulla chiaramente…

http://www.luogocomune.net/site/modules/sections/index.php?op=viewarticle&artid=14

Mi associo, in toto, al pensiero espresso da Kruaxi.

Che qualcuno non si azzardi a pensare che io sia conformista!!! :wink:

Semplicemente, Kruaxi è riuscito a trovare le parole per ciò che penso a tal proposito.

In ogni caso le droghe e l’alcool (quest’ultimo solo se in grandi quantità) lasciamoli perdere, ricordiamoci che noi tutti (ossia come Homo Sapiens Sapiens) siamo quel che siamo grazie alle capacità ed alle qualità del nostro cervello.

Questa roba serve solo ad impedirci di usarlo al meglio (contrariamente a quanto pensano in molti al riguardo) rendendoci solo peggiori.

Ringrazio Archie, e devo dire che, espresse così, anche le motivazioni di Iceman hanno un suo perché logico. E’ verissimo che i consumatori abituali di hashish tendono ad uniformarsi un pò tutti… anche se ritengo che pure in questo campo possa, al limite, esservi un… chiamiamolo ‘uso’, comunque… sono cavoli loro… Piuttosto… per la cena della convention vediamo di non mettere in pratica un abuso di alcool… se trovo della buona birra posso diventare alla stregua di un tedesco ! :grinning:

Ehi, novità dall’Admin ?

Salute e Latinum per tutti !