[2018-12-05] Falcon 9 Block 5 | SpX CRS-16

crs
falcon-9

#210

Ricapitolando lo status conosciuto di B1050:

  • è stato trasportato via dal porto verso CCAFS dopo avergli smontato zampe e gridfin
  • la parte di interstage danneggiato è stata letteralmente tagliata via
  • uno dei merlin ha la campana malamente danneggiata
  • gli altri motori non sembrano avere danni particolari se non un primo segno di corrosione della camicia interna in rame (che è, ovviamente, diventata verdastra)
  • La struttura sembra essere rimasta cilindrica, a vedere le foto senza deformazioni “a banana” e a vedere gli anelli di trasporto usati anche senza deformazioni della sezione circolare.

In realtà non sembra messo così male male, almeno da quel che si può vedere da questi video o foto un po’ sgranati.
Io vedo 2 possibili destini (ma in qualche modo, incredibilmente, tendo più per il secondo):

  • viene depredato di tutto quanto quello che si può recuperare e poi distrutto a colpi di benna (come già fatto)
  • viene “restaurato” in qualche modo per il maxq abort test che dovrà essere effettuato prima della missione DM-2, a quanto ne sappiamo verrà usato un “dummy upper stage” e non era previsto il recupero del booster.

#211

Io invece punto sulla prima che hai detto.


#212

Anche se non ho trovato nessun riscontro ufficiale, si parla da tempo che per l’abort test dovrebbero avere questo, un ultimo block 4 rimasto in Hawthorne, visibile anche durante la presentazione di DearMoon.


#213

La terza cosa, che non esclude le altre due, e’ ovviamente l’acquisizione di know how.

Quei Merlin potranno essere oltre che esaminati, testati e riaccesi per vedere come si comportano. Magari ne ricavano informazioni per il recupero di motori con splashdown “a caldo” in acqua salmastra, in vista di miglioramenti della metallurgia o altre architetture di missione o modi di abort non distruttivi. Non so se li riutilizzerei per una missione critica. Anche qualcuno ipotizza che siano piu’ sicuri i motori che hanno gia’ volato di quelli nuovi di pacca.


#214

O magari cannibalizzano il possibile e testano/esaminano/riaccendono il resto


#215

Ma il primo stadio guida contromano?


#216

Se non ricordo male l’informazione è uscita da L2, comunque i piani possono cambiare.
È più facile trovare un cliente pagante per un vecchio block 4 refurbished magari da usare senza recupero che ad un block 5 finito nel drink :stuck_out_tongue:


#217

L’acqua salmastra é un problema grosso per l’elettronica / sensoristica a bordo, che é tanta. Anche se questa é sigillata, non so se conviene fidarsi. E poi mi viene da pensare che gli ugelli dei reattori, immersi a caldo di colpo in acqua gelida, si siano crepettati. Io quel primo stadio lo darei per spacciato.


#218

Dopo le prime analisi e un tempo per il recupero piuttosto lungo credo lo diano per spacciato anche in SpaceX


#219

Stavo cercando delle foto dei Merlin di uno stadio recuperato senza “mutande” ma non le ho trovate.
Volevo vedere se la “ossidazione verde” dei motori fosse presente anche su motori recuperati.


#220

Trovata!!!
Foto del flickr di Space x del 29/12/2015 Primo falcon atterrato sulla LZ1
E’ sicuramente meno verde


#221

Ho un attacco di pigrizia e non ho voglia di cercare… di cosa sono fatti gli ugelli dei Merlin? Grafite pirolitica?
Di sicuro sono molto meno complessi di quelli con il raffreddamento attivo, dove il propellente viene fatto passare in tubicini attorno all’ugello per raffreddarlo.


#222

Su Quora ho trovato una risposta che dice che gli ugelli sono fatti di niobium alloy c103 (89-90 Nb, 9-10 Hf, 1Ti) e Inconel 718. Inoltre linkano un video sulla lavorazione dell’ugello.


#223

Ok, grazie. Ammetto di non avere la più pallida idea delle reazioni di ossidazione delle leghe niobio-afnio-titanio :rofl:


#224

Io invece ne suso numerose barre per sorreggere le piante di pomodori nell’orto e so bene come resistano all’ossidazione :grinning::grinning::grinning::grinning:


#225

Il niobio viene usato nella versione vacuum che sfrutta il raffreddamento radiativo, la versione “Sea level” ha camera e ugello con raffreddamento rigenerativo: la camicia interna è in rame e l’esterno è in inconel.


#226

Strano che nella foto sembri che l’esterno sia anche di rame o comunque ramato, e che nelle foto dei Merlin recuperati interno ed esterno abbiano praticamente lo stesso colore. L’ossido di rame bivalente (CuO) è nero. Quindi la tinta verdastra può essere carbonato di rame, ed è indizio di corrosione.


#227

Penso che all’esterno sia solo un deposito superficiale


#228

nel senso di deposito galvanico, cioè inconel ramato? Possibile, ovviamente. Mi sfugge il motivo, ma dubito che abbiano fatto una cosa inutile :slight_smile:


#229

No no, non so se sia effetto galvanico o altro ma deve essere successo stando 2 giorni in acqua salata.