[2019-03-14] Soyuz-FG | Soyuz MS-12

soyuz-fg
soyuz-ms

#71

Roscosmos continua a trasmettere le immagini del pad solitario…


#72

Abbiamo un primato o è già capitato?


#73

Forse è successo prima che gli equipaggi fossero portati a 6 membri.

Mentre attendiamo che @Lupin consulti il suo database, video del lancio:


#74

Un paio di foto credit: NASA/Bill Ingalls:

Il comunicato di Roscosmos conferma l’arrivo al modulo Rassvet della ISS per le 2.07 CET di stanotte. Ovviamente viene applicato lo schema di avvicinamento in quattro orbite.

https://www.roscosmos.ru/26208/


#75

Spacefacts.de indica già il rientro della Koch con la Soyuz MS-13, anzichè MS-12 con i suo compagni di lancio.
P.S. Russianspaceweb scrive “free its seat aboard Soyuz MS-10” ma si tratta evidentemente di un refuso, penso intenda MS-12.

Edit: altra conferma qui: https://www.americaspace.com/2019/03/08/on-international-womens-day-nasa-looks-forward-to-first-all-female-eva-in-late-march-koch-tapped-for-longer-iss-stay/


#76

Che la rotazione degli equipaggi si fosse complicata oltre modo con il fallimento della Soyuz MS-10 si sapeva (vedi per esempio questo articolo scritto da qualcuno di mia conoscenza :wink: ). Originiariamente si pensava fosse Hague o Ovchinin a vedersi allungare la missione per consentire il rientro dopo pochi giorni dell’astronauta degli Emirati, ma evidentemente hanno poi deciso di allungare la missione della Koch, invece.


#77

Era dal 2010 che due astronauti americani non effettuavano assieme il loro primo lancio orbitale, ed anche in quel caso furono un uomo ed una donna. Parliamo naturalmente di James Dutton e Dorothy Metcalf-Lindenburger che effettuarono il loro primo volo a bordo della navetta Discovery per la missione STS 131.

Dopo 85 giorni finisce “l’isolamento” dei tre astronauti Kononenko, McClain e Saint-Jacques. Per trovare tre astronauti rimasti in orbita “da soli” per più tempo bisogna tornare al 2008/2009 quando Michael Fincke, Yuri Lonchakov e Sandra Magnus rimasero per 105 giorni gli unici umani nello spazio.

I tre astronauti americani attualmente in orbita (McClain, Hague e Hammock) sono tutti alla loro prima esperienza spaziale. Per trovare così tanti americani contemporaneamente in orbita al loro primo volo bisogna tornare all’aprile 2010, quando per 15 giorni vi furono in orbita contemporaneamente i rookies Timothy Creamer e i già citati James Dutton e Dorothy Metcalf-Lindenburger. In quei 15 giorni però vi furono anche altri americani nello spazio, che avevano già effettuato una o più missioni precedenti. Per trovare invece una situazione come quella odierna, in cui i tre rookies sono anche gli unici americani ad essere in orbita bisogna tornare agli anni '70 del secolo scorso quando fra il novembre 1973 ed il febbraio 1974 per 84 giorni gli unici americani in orbita furono Gerald Carr, Edward Gibson e William Pogue, tutti tre alla loro prima esperienza spaziale.

Quello odierno è stato il secondo lancio orbitale di Ovchinin nel giro di 1.091 giorni. Per trovare un’astronauta che ha effettuato due lanci più ravvicinati bisogna tornare al 2015 quando Gennady Padalka effettuò il suo quinto lancio orbitale 1.047 giorni dopo il quarto. Ovchinin però torna in orbita 919 giorni dopo il suo precedente atterraggio, avvenuto nel settembre 2016. Per trovare un’astronauta che ha aspettato meno tempo per tornare in orbita bisogna tornare al 2013 quando Fyodor Yurchikhin partì per lo spazio 915 giorni dopo essere rientrato dalla missione precedente.


#78

Potrei dirti che è già capitato, ma i cambi di Expedition sono sempre stati un mio cruccio. Per esempio il 28 marzo 2009 la Soyuz TMA-14 è attraccata portando sulla ISS Gennady Padalka e Michael Barratt (e il turista Simonyi). I due astronauti hanno dato il via alla Expedition 19 sostituendo Michael Fincke e Yuri Lonchakov della Expedition 18. Questi ultimi però hanno lasciato la ISS (portandosi dietro Simonyi) il 8 aprile e quindi per qualche giorno sono stati sulla Stazione assieme a Padalka e Barratt. Ora, quando è iniziata la Expedition 19? Quando è arrivata la Soyuz di Padalka-Barratt o quando è partita la Soyuz di Fincke-Lonchakov? Se è giusta la prima allora Fincke-Lonchakov per qualche giorno hanno fatto parte anche della Expedition 19, mentre se è giusta la seconda allora Padalka-Barratt hanno fatto parte per qualche giorno della Expedition 18. Ma a nessuna delle due coppie viene ufficialmente accreditata questa Expedition “aggiuntiva”. E allora come la mettiamo?


#79

Le congratulazioni di Jim Bridenstine.


#80

Il nuovo trio è a bordo della ISS.


#81

E verrà allungata anche quella di Andrew Morgan.


#82

Video dell’aggancio.


#83

Facciamo un passo indietro e, visto che sono uscite le foto ufficiali, ripercorriamo la giornata di ieri:

Partenza dall’Hotel dei cosmonauti

Vestizione…

…e ultimi selfie e foto ricordo

Il saluto di Rogozin

Il commiato dai propri cari, di là del vetro:

A rapporto davanti alla Commissione di Stato nel piazzale del sito 254

Partenza per il pad di Gagarin

Di nuovo sull’attenti

Il rito vuole che i cosmonauti siano accompagnati sottobraccio fino alla scaletta del pad

Il saluto dalla scaletta

A bordo

Partenza!

https://www.roscosmos.ru/26208/


#84

=Patriotic Mode On=

Insomma, allunga di qua, allunga di là, solo ad astro_luca l’hanno accorciata :angry:

=Patriotic Mode Off=

:grimacing:


#85

Ma hanno allungato la missione di Samantha Cristoforetti.


#86

Conferenza stampa post-lancio e video dell’apertura portello e ingresso.


#87

Erano 85 giorni che non veniva occupato il boccaporto di Rassvet. Si tratta del più lungo inutilizzo in tutta la storia di Rassvet, che supera il precedente record di 56 giorni fra giugno e dicembre 2017. E sempre dopo 85 giorni la Soyuz MS-11 non è più l’unica Soyuz presente sulla ISS. Per trovare una Soyuz rimasta per più tempo l’unica agganciata alla ISS bisogna tornare ai 156 giorni della Soyuz TMA-13 fra ottobre 2008 e marzo 2009.


#88

#89

Da Seàn Doran, due timelapse niente male sul docking

x2. La Sojuz compare a 1:40

x1,5


#90

Mancava qualche foto ad alta risoluzione del Docking (credit: NASA).