[2019-05-24] Falcon 9 Block 5 | Starlink

Data e stato del lancio

Data di lancio 2019-05-24 04:30:00 CEST
(2019-05-24 02:30:00 UTC)
Finestra di lancio 2019-05-24 04:30:00 CEST → 2019-05-24 06:00:00 CEST
(2019-05-24 02:30:00 UTC → 2019-05-24 04:00:00 UTC)
Static Fire 2019-05-13 22:06:00 CEST
(2019-05-13 20:06:00 UTC)
Stato attuale SUCCESSO
Meteo 90% GO
Hashtag n.d.

Dettagli rampa di lancio

Centro di lancio Cape Canaveral, FL, USA (USA)
Pad Space Launch Complex 40, Cape Canaveral, FL
:earth_africa: Google Maps :open_book: Wikipedia

Lanciatore

Vettore Falcon 9 Block 5
Info: 1 Wiki: 1
Produttore SpaceX (SpX)
Info: 1, 2, 3 Wiki: 1
Fornitore servizi di lancio SpaceX (SpX)
Info: 1, 2, 3 Wiki: 1
Core n. 1 Block 5, Seriale B1049, Volo n. 3
Tentato recupero su Drone Ship OCISLY
Ogiva Tentato recupero su GOSEARCHER

Missione Starlink

Tipo Telecomunicazioni
Carichi paganti n.d.
Committenti SpaceX (SpX)
Info: 1, 2, 3 Wiki: 1
Press Kit starlink_press_kit.pdf
Tipo carico utile Satellite
Riutilizzato NO
Massa 13620 kg

Extra

Telemetria n.d.
Reddit Campaign reddit.com
Reddit Launch reddit.com
Reddit Recovery reddit.com
Reddit Media reddit.com

Video e altro materiale informativo

Ultimo aggiornamento: 2019-06-07T18:00 CEST
Fonti: LaunchLibrary API, SpaceX API via astronautibot 3.0

Appena arrivata:

HAWTHORNE, Calif. – April 5, 2019. Media accreditation is now open for SpaceX’s Starlink mission from Space Launch Complex 40 (SLC-40) at Cape Canaveral Air Force Station in Florida. The launch is targeted for no earlier than May.

[…]

Pare che ci potrebbe essere il quarto lancio del primo stadio B1048.

E pare che i satelliti portati in questo lancio saranno dozzine.

Data di lancio aggiornata!

Da 2019-05-15 02:00:00 a 2019-05-16 04:30:00 CEST

I satelliti Starlink dovrebbero essere meno di 500kg, quindi con la capacita’ di 13000 kg del Falcon 9 in versione riutilizzabile il limite teorico, ovviamente impossibile da raggiungere, e’ di 26 satelliti… Se dicono dozzine io capisco piu’ di 24 satelliti. Magari hanno miniaturizzato piu’ del previsto. Comunque se fosse vero sarebbe molto molto interessante.

Queste prime “dozzine” saranno dei satelliti di test, più piccoli e meno massicci di quelli definitivi.

Lunedì è previsto lo Static Fire.

Ecco dove verrà posizionata OCISLY per l’atterraggio del primo stadio.

I satelliti in questo volo saranno 60.

3 Mi Piace

OCISLY è salpata.

Dovrebbe essere la versione production:
https://twitter.com/elonmusk/status/1127390620111081473?s=19

Si intuisce l’inclinazione molto elevata dell’orbita dalla posizione di OCISLY… Dovrebbe essere sui 53 gradi, se ho trovato info corrette e aggiornate.

Non proprio orbita polare ma sufficiente per dare servizio a localita’ abbastanza settentrionali. Pero’ bisognerebbe approfondire, un po’.

Mi chiedo anche come verranno riposizionati i singoli satelliti. Il secondo stadio fara’ piu’ accensioni e piu’ deploy? Hanno motori a bordo in grado di modificare significativamente l’orbita?

Questa la fonte che ho trovato (e non ho ancora letto bene):

https://wyliodrin.com/post/starlink-the-internet-of-space

1 Mi Piace

Secondo questo tweet di Elon si potrebbe intendere che lo static Fire potrebbe avvenire con il carico utile imbarcato…

Anche se la vedo rischiosa… in fondo non hanno mai abbandonato la nuova procedura (static fire senza carico utile) dopo l’incidente con AMOS-6…

Per questi primi 60 non penso che abbiano intenzione di fargli cambiare piano orbitale (che non vuol dire cambiare orbita!), ma comunque quando vorranno farlo potranno sfruttare la precessione nodale che consente ai satelliti di spostarsi di piano orbitale senza consumo di carburante, e tutto grazie al fatto che la terra è un po’ schiacciata ai poli. Andando a guardare la formula della precessione nodale si nota che compare come termine il semiasse maggiore, per cui rilasciando i satelliti su un’orbita più bassa di quella finale, possono spostarli verso il piano orbitale in cui servono e dopo di che innalzare l’orbita di quanto necessario. L’unico problema è che questo spostamento richiede una buona dose di tempo. Questo metodo è stato usato pesantemente per completare la costellazione Iridium-NEXT.

7 Mi Piace

Comunque anche questo lancio e’ in un certo senso epocale. Nessuno di noi ha commentato ma qui ci stanno dicendo che questa e’ la dimensione definitiva di questi satelliti, o ho capito male? La foto di quel rack mi ha ribaltato dalla sedia. Ridurre di un ordine di grandezza la dimensione dei payload e’ equivalente a ridurre di altrettanto i costi di lancio. E i due effetti sono moltiplicativi tra di loro. Fa piu’ rumore una capsula usata che esplode durante un test che una foresta di satelliti che cresce, come sempre succede, ma a me sembra importante quello che sta succedendo.

Le reti di comunicazione satellitare e la miniaturizzazione dei satelliti, se funziona, qui arrivano a una nuova maturita’.

Inoltre questa potrebbe aprire la principale nuova fonte di risorse fresche da iniettare nell’economia dello spazio. Non e’ la prima rete satellitare ma e’ evidente il salto di qualita’.

Se fra non molto avremo nugoli di sonde miniaturizzate e branchi di rover e’ perche’ sono state create delle reti di questo tipo un po’ ovunque. L’internet delle cose estesa finoa alla fascia degli asteroidi. Scusate mi ricompongo, so che stavo scodinzolando OT troppo :slight_smile:

10 Mi Piace

Aggiungo anche visto che Elon fra le risposte lo ha sottolineato, quello che vedete non é un “dispenser” in stile classico come abbiamo visto anche per Iridium-NEXT, ma sono satelliti “ripiegati” uno sopra l’altro, come se fossero Fogli di carta per intenderci.

Meteo 70% Go.

Spero tanto che nella diretta ci sara’ la ripresa quando sciamano via come api. E’ da non perdere.

2 Mi Piace

Una comparazione del volume del payload è disponibile su reddit: https://www.reddit.com/r/SpaceXLounge/comments/bnw84p/starlink_size_comparison_visualization/

[Admin edit] Le immagini di reddit non sono ripubblicabili, ma solo linkabili, nel rispetto della loro licenza.