[2020-10-14] Sojuz 2.1a | Sojuz MS-17

Date di riferimento

Data di lancio NET 2020-10-14 05:45:00
Finestra di lancio ISTANTANEA

Status attuale

Stato attuale INCERTO
Data / ora INCERTA / INCERTA
Probabilità -

Missione

Missione Tipo Orbita
Sojuz MS-17 Esplorazione Umana -

Veicolo spaziale utilizzato

Veicolo Soyuz MS-17 seriale Soyuz MS 11F732A48 #746
Destinazione International Space Station

Equipaggio

Nome Affiliazione Ruolo
Sergej Nikolaevič Ryžikov Russian Federal Space Agency (ROSCOSMOS) Comandante
Kathleen Rubins National Aeronautics and Space Administration Ingegnere di volo
Sergej Kud’-Sverčkov Russian Federal Space Agency (ROSCOSMOS) Ingegnere di volo

Rampa di lancio

Nome 31/61 2
Località Cosmodromo di Bajkonur, Repubblica del Kazakistan (KAZ)
Lanci totali 74

Lanciatore

Vettore Sojuz 2.1A1
Produttore Russian Federal Space Agency (ROSCOSMOS)1 2
Fornitore servizi di lancio Russian Federal Space Agency (ROSCOSMOS) (RUS)
Primo volo 2004-11-04
Numero stadi 3
Dimensioni altezza: 46,30 m
diametro: 2,95 m
Peso al lancio 312 t
Spinta al decollo 4.149 kN
Capacità di carico LEO: 7.020 kg
GTO: 2.810 kg
Successi/Lanci totali 20/21 (15 consecutivi)

Caratteristiche veicolo spaziale

Veicolo Sojuz
Primo volo November 28, 1966 12:00:00 AM
Trasporto equipaggi SI
Dimensioni altezza - m, diametro - m
Numero passeggeri Fino a 3 persone
Capacità di carico - kg

Ultimo aggiornamento: 2020-09-29 04:07 con AstronautiBOT 6.0.1 - Fonte: LaunchLibrary2 API

Soyuz MS-17 begins expedition 63 by carrying Roscosmos cosmonauts Sergey Ryzhikov, Sergey Kud-Sverchkov and NASA astronaut Kathleen Rubins to the International Space Station aboard the Soyuz spacecraft from the Baikonur Cosmodrome in Kazakhstan. After launching from the Baikonur Cosmodrome in Kazakhstan, they will rendezvous to the station where they will remain for their 6 month stay.

Data di lancio aggiornata!

Da 2020-10-21 02:00:00 a 2020-10-14 02:00:00 CEST

Visti i ritardi di Starliner e di Dragon2 ipotizzo che questa pagina di roscosmos verrà rettificata a breve con il sig. Chub Nikolay che dovrà aspettare…

https://translate.google.com/translate?sl=ru&tl=en&u=http%3A%2F%2Fwww.gctc.ru%2Fmain.php%3Fid%3D155

Veniamo a sapere che la Soyuz MS-17 non attraccherà a Poisk, ma a Rassvet, poi farà un re-docking a Poisk verso Aprile 2021.

La stessa cosa avverrà per la MS-18.

1 Mi Piace

Pavel Vlasov, responsabile del Centro Formazione Cosmonauti “Gagarin”, ha dichiarato alla stampa che uno dei posti su questo volo sarà assegnato a un astronauta americano che lui pensa essere Stephen Bowen.

Il posto sulla Sojuz MS-17 reintra tra i due ulteriori posti che la NASA ha recentemente chiesto a Roscosmos. Il secondo sarà sul volo previsto per la primavera 2021.

il contratto non è stato ancora firmato, ma tutto è “nella fase finale”, ha aggiunto Vlasov.

Secondo Spacefacts.de l’equipaggio della Soyuz MS-17 potrebbe essere cambiato in toto per dar modo a Tikhonov e Babkin di volare quanto prima.

Se prima erano previsti Astronauta Sergej Nikolaevič Ryžikov, Sergei Kud-Sverchkov e Nikolai Chub ora dovrebbero essere presenti Astronauta Nikolaj Vladimirovic Tichonov, Astronauta Andrej Nikolaevic Babkin e Astronauta Stephen Bowen.

E così ho provato la nuovissima funzione di copia-incolla dei link. Bella!

3 Mi Piace

Confermata la presenza di Bowen.

2 Mi Piace

Piccolo cambio di programma per l’equipaggio della Sojuz MS-17: non saranno Nikolaj Tichonov, Andrej Babkin e Stephen Bowen a volare ad ottobre con questa navicella. Adesso l’equipaggio principale è formato da Sergej Ryžikov, Sergej Kud’-Sverčkov e Stephen Bowen, mentre quello di riserva da Oleg Novickij, Peter Dubrov e Kathleen Rubins. Sembrerebbe per Nikolaj Tichonov il recupero non sia stato così rapido come si ci aspettava e per questo non avrebbe ancora ricevuto l’idoneità medica. Per lui e lo sfortunato Andrej Babkin si apre la possibilità di volare ad aprile 2021 con la Sojuz MS-18

4 Mi Piace

Altro cambio. Kathleen Rubins prende il posto di Bowen sulla Sojuz MS-17.

2 Mi Piace

Adesso c’è la conferma ufficiale sulla composizione degli equipaggi[1] della Sojuz MS-17:

  • Principale Sergej Ryžikov, Sergej Kud’-Sverčkov e Kathleen Rubins
  • Secondario Oleg Novickij, Pjotr Dubrov e Mark Vande Hei
  • Riserve Anton Škaplerov e Andrej Babkin

Vista la straordinaria emergenza sanitaria COVID-19, l’agenzia spaziale russa Roskosmos ha deciso di nominare due cosmonauti di riserva, oltre ai canonici due equipaggi, i quali potranno sostituire uno dei loro colleghi nel caso in cui fosse necessario.


  1. Nominati nel seguente ordine: Comandante, Ingegnere di Volo 1 e Ingegnere di Volo 2 ↩︎

4 Mi Piace
1 Mi Piace

E infatti, ieri, le riserve Škaplerov e Babkin hanno iniziato l’addestramento a Star City. Eccoli mentre indossano le tute:

Ed eccoli mentre si dirigono al simulatore Sojuz (suppongo che quello che li accompagna sia l’istruttore Dmitry Vovk).

A bordo hanno simulato lo sganciamento dalla ISS e un ritorno di emegenza a causa di incendio.

Naturalmente, per non annoiarsi, hanno avuto da gestire anche un guasto al sistema propulsivo proprio durante l’accensione per deorbitare e un problema al sistema di controllo della discesa.

https://www.roscosmos.ru/28649/
http://www.gctc.ru/main.php?id=4986

4 Mi Piace

Nuovo articolo di Marco Carrara pubblicato su AstronautiNEWS.it

1 Mi Piace

Dettaglio interessante direttamente da Anatolij Zak. Se la Sojuz MS-17 partirà effettivamente il 14 ottobre 2020, la navetta effettuerà il primo aprile un redocking, cioè si sgancerà dal modulo Rassvet per poi attraccare a Poisk. Questa manovra è necessaria per liberare il portello di attracco di Rassvet, che sarà occupato una settimana più tardi dalla Sojuz MS-18, il cui lancio dal Cosmodromo di Bajkonur è programmato per il 9 aprile 2021.

Sempre Anatolij Zak ci dà notizia che il rientro e l’atterraggio della Sojuz MS-17 (con a bordo Sergej Ryžikov, Sergej Kud’-Sverčkov e Kathleen Rubins) è pianificato per il 17 aprile 2021 dopo ben 185 giorni nello spazio. È vero non saranno numeri da “record”, ma le ultime Sojuz ci hanno abituato “male”.

1 Mi Piace

Sì, è previsto un redocking sia per la MS-17 che per la prima Crew Dragon con equipaggio. Avremo video da leccarsi i baffi.
Il rientro della MS-17 è in agenda per il 18 aprile. Probabilmente questione di fusi orari.

1 Mi Piace

Se realmente resterà nello spazio 185 giorni, allora direi “solo” 185 giorni. Sarà il volo più breve dai tempi della Sojuz MS-07 (dicembre 2017-giugno 2018)

3 Mi Piace

L’11 giugno scorso Škaplerov e Babkin hanno svolto un addestramento pratico completo sul simulatore Vykhod-2. Può sembrare strano che ci si possa addestrare alle attività extraveicolari senza neppure indossare una tuta, ma in questo caso è andata proprio così, come mostrano le immagini.

In questa sessione, infatti, le due riserve hanno verificato i sistemi approvigionamento dell’ossigeno e di controllo termico e hanno controllato la tenuta delle tute, sostituendo alcune parti.

Tra l’altro, mi pare che sia una delle prime volte che vediamo anche i cosmonauti in addestramento, indossare i DPI.

https://www.roscosmos.ru/28679/

http://www.gctc.ru/main.php?id=4992

3 Mi Piace

Il russo Sergey Kud-Sverchkov si esercita nell’NBL insieme a Kate Rubins.

2 Mi Piace

I tre membri di equipaggio hanno tenuto ieri una conferenza sulla loro missione.

1 Mi Piace