[2020-11-16] Falcon 9 Block 5 | SpX USCV-1 (NASA Crew Flight 1)

Il 2020-10-30T23:00:00Z è iniziata la quarantena degli astronauti in vista del liftoff. L’isolamento, come avevamo già detto a suo tempo per Bob e Doug di DM-2, può essere svolto a casa a condizione che gli altri conviventi non abbiano rapporti con l’esterno. In alternativa, NASA mette a disposizione l’_Astronaut Quarantine Facility _ al Johnson Space Center, in attesa del trasferimento al KSC. A causa della pandemia da coronavirus in corso nel mondo, chiunque entri in contatto con gli astronauti verrà sottoposto al controllo della temperatura corporea e verrà rilevata la presenza di eventuali sintomi compatibili con il COVID-19. I membri di Crew-1 e chiunque sia in contatto diretto, saranno testati due volte (non capisco se due volte a settimana o altro), per verificare la negatività. Al che mi sorge una domanda: è stato nominato un equipaggio di backup?

Fonte: NASA - Crew-1 Astronauts begin quaratine prior launch.

5 Mi Piace

Una simpatica intervista agli astronauti.

4 Mi Piace

La Dragon che porterà l’equipaggio di Crew-1.

La Dragon della foto sopra, chiamata dagli astronauti Resilience, è arrivata al KSC il 2020-11-04T23:00:00Z, dopo essere stata alla CCAFS (Cape Canaveral Air Force Station).

Altri dettagli sull’arrivo degli astronauti invece. Partiranno da Ellington Field vicino al Johnson e voleranno fino al Kennedy Space Center a bordo di un charter, atterrando 2020-11-07T23:00:00Z. Una volta scesi, troveranno Bridenstine, Morhard, Cabana e Sakai per una conferenza sulla pista di atterraggio, meteo permettendo.

Tutti gli altri eventi mediatici legati a Crew-1 sono reperibili qui.

Crediti per l’immagine: SpaceX.
Fonte: NASA - Crew Dragon arrives at KSC.

9 Mi Piace

Questa crew dragon dovrebbe essere una sorta di versione 2.1 con vari miglioramenti rispetto alla demo, giusto?

Un’altra intervista agli astronauti, questa volta molto più seria.

5 Mi Piace

Il biglietto in formato cartaceo per imbarcarsi sulla Dragon è disponibile. Solo 3 posti rimasti, in 4 se ci facciamo stretti (ma dovete stare nel trunk).

Se invece volete quello virtuale, dovete registrarvi all’evento, creando o accedendo con il vostro account Eventbrite e aspettare l’email, che arriverà con il biglietto precompilato ma solo dopo la partenza.

4 Mi Piace
4 Mi Piace

L’equipaggio è atterrato!

6 Mi Piace

Il video dell’arrivo.

3 Mi Piace

Arrivano le prime brutte notizie a causa di Eta, la depressione tropicale. Static fire rimandato da 2020-11-08T23:00:00Z a 2020-11-09T23:00:00Z.

3 Mi Piace

La prima cosa che si nota è che il nome di Victor è in bianco, mentre tutti gli altri sono gialli…

1 Mi Piace
4 Mi Piace

Cliccate sotto, album Flickr con foto in alta qualità relative all’arrivo di Crew-1.

5 Mi Piace

Alcune foto da parte di SpaceX.

11 Mi Piace

Per chi si stesse chiedendo quali sono gli altri booster, a parte quello con Resilience che è B1061, sono B1049.6, B1051.6 e B1058.2 per CRS-21.

Ed ecco il perchè si è sicuri.

3 Mi Piace

Non scordiamoci che oltre ai quattro membri dell’equipaggio, Resilience porterà alla ISS anche del carico scientifico.

Fisiologia alimentare: una dieta migliore per una salute migliore

Con questo esperimento si cercherà di capire se a miglioramenti nella dieta ne conseguano altri nel sistema immunitario, nel microbioma intestinale e nell’adattamento alla microgravità, portando ad affinare il pasto degli astronauti. Sarà Glover a raccogliere campioni biologici che forniranno dati agli scienziati a Terra.

Genes in Space-7: uno sguardo ai cervelli degli astronauti

Esperimento ideato da due studenti della Troy High School nell’omonima città in Michigan, punta a capire come il volo spaziale influisca sulle funzioni cerebrali, permettendo quindi una maggiore conoscenza, soprattutto in vista di missioni oltre l’orbita bassa. L’esperimento nasce nel contesto di una competizione di NASA, che tra i vari successi annovera il primo editing genetico nello spazio.

Plant Habitat-02: crescita di radici nello spazio

Sempre in ottica delle missioni oltre la LEO, sarà fondamentale capire il comportamento delle piante in condizioni diverse da quelle terrestri: un nuovo lotto di semi raggiungerà la stazione assieme a quelli lanciati da NG-14.

BioAsteroidi: minatori microscopici in microgravità

Alcuni piccoli minatori raggiungeranno la ISS: saranno dei microbi che potrebbero servire come estrattori di minerali utili dalle rocce lunari, oltre che a romperle per creare del suolo per la crescita di piante. Si studieranno inoltre anche i cambiamenti fisici e genetici nelle comunità di microbi e come l’interazione fisica tra di liquidi, rocce e microorganismi possa migliorare lo sfruttamento di materiali lunari trovati in loco.

Chip di tessuto: usare lo spazio per studiare gli organi

Si tratta di dispositivi delle dimensioni di una chiavetta USB che contengono cellule umane in una matrice 3D che simulano le funzioni di un organo. Rappresentano un passo da gigante nella capacità degli scienziati di testare come queste cellule rispondano a stress, farmaci e cambiamenti genetici. Si effettueranno esperimenti riguardanti polmoni, ossa, midollo, barriera emato-encefalica e la perdita di massa muscolare.

Cardinal Heart: un esperimento con il cuore

Tornando alle missioni oltre la ISS, sarà fondamentale prevenire problemi al cuore: Cardinal Heart è progettato per studiare i cambiamenti nelle celle e nel tessuto cardiovascolari, utilizzando tessuti cardiaci noti come EHT, engineered heart tissues. Si potranno così avere dati su eventuali problemi cardiaci prima del volo e migliorare i tempi di diagnosi e cura di malattie legate al cuore. Gli EHT forniranno anche dati per monitorare variazioni sistemiche tra soggetti malati e sani, permettendo di sviluppare nuove contromisure.

SERFE: test di una tuta spaziale cool

SERFE è l’acronimo di Spacesuit Evaporation Rejection Flight Experiment: verrà testata la membrana adatta all’evaporazione dell’acqua, che servirà a sua volta a regolare la temperatura della tuta xEMU, Exploration Extravehicular Mobility Unit, utilizzata durante le passeggiate lunari. I componenti del sistema di controllo sono stati ridisegnati in un unico blocco che verrà appunto testato in SERFE, che simulerà 25 EVA di 8 ore l’una. Gli astronauti testeranno come la microgravità influisca sulle performance, mentre una volta terminati i test tornerà a terra dove verrà smontato per valutare la qualità di acqua e materiale.


Fonte: NASA - Science ready to liftoff to ISS.

9 Mi Piace

Razzo in rampa, al momento ancora orizzontale.

6 Mi Piace

Patch interna di SpaceX. Voi quale preferite: questa di SpaceX o quella della NASA?

9 Mi Piace

Falcon verticale.

6 Mi Piace

Probabilmente lo static fire dovrebbe essere 2020-11-11T00:49:00Z, per simulare il più possibile le condizioni che dovrebbero presentarsi al giorno del lancio.

2 Mi Piace