Acqua, vita e Marte

Ciao a tutti. Nell’ultima settimana ho scritto un articolo sull’acqua e sulla vita su Marte da pubblicare sul giornalino scolastico. Ovviamente è quello che è, anche a causa del fatto che l’ho dovuto scrivere per un pubblico totalmente profano (pensate ad un tredicenne di oggi quanto ne capisce, ma anche un sedicenne…). Gradirei comunque un aiutino del tipo: ehi macheccestascrittollà?!, insomma per migliorare i contenuti e la comprensibilità del testo… Grazie in anticipo dell’aiuto ! :angel: :stuck_out_tongue_winking_eye:

Spirit Uber Alles- v0.8 – AGGIORNATO

Il Programma Mars Exploration Rover della NASA fu istituito con l’intenzione di inviare due rover (sonde in grado di muoversi sulla superficie del pianeta) gemelli alla volta di Marte, con l’intenzione di studiare la composizione di alcune rocce e i possibili effetti dell’acqua su di queste. Le due sonde gemelle Spirit (denominazione ufficiale MER-A) e Opportunity (MER-B) furono lanciate nell’estate del 2004, e arrivarono a destinazione come previsto nel gennaio 2005. In particolare la durata ufficiale della missione di Spirit era di 90 sol (giorni marziani della durata di 24 ore e 37 minuti), ma giunti al novantesimo giorno, viste le ottime condizioni del rover, si decise di estenderla fino a settembre 2004. Giunti a settembre 2004 con uno Spirit in perfette condizioni la missione venne prolungata fino a data da destinarsi. Il rover mantenne pressoché piena funzionalità fino al 1 maggio 2009, quando le sue ruote si bloccarono in una zona sabbiosa composta da solfato ferrico idrato (un sale del ferro), caratterizzato da un attrito molto basso. Dopo otto mesi di tentativi inutili, il 26 gennaio Spirit è stato riqualificato come stazione di ricerca fissa dopo 2161 sol (poco più di sei anni) di attività, 24 volte di più del previsto, durante i quali è riuscito ad esaminare decine di rocce marziane, trovando anche tracce della precedente esistenza di acqua liquida.
Diverse missioni hanno suggerito un passato diverso di Marte. Fin dalle prime missioni di esplorazione erano evidenti indizi che ci porterebbero a descrivere Marte come un pianeta ricco di fiumi e di oceani, e di vita. La stessa missione MER ha riconosciuto, tra le rocce esaminate, l’ematite, un minerale che si forma solo in presenza di acqua. Il due rover hanno inoltre osservato formazioni sedimentarie, che possono essere provocate solo dall’azione di un liquido.Nel 2002 Mars Odyssey ha “fiutato”, nel sottosuolo marziano, idrogeno, componente essenziale dell’acqua. Poi nel 2005 lo strumento italiano MARSIS della sonda dell’Agenzia Spaziale Europea Mars Express ha individuato uno strato di un chilometro di ghiaccio tra gli 1,5 e i 2,5 Km sotto la superficie del pianeta. Senza contare che nel 2006 la sonda Mars Global Suveyor ha fornito prove fotografiche di acqua che a tutt’oggi sgorga dalla superficie per poi evaporare o ghiacciare. La prova “materiale” della presenza di acqua si è avuta il 1́° Agosto 2008, quando la sonda Phoenix ha confermato la presenza di acqua ghiacciata sulla superficie; nell’ottobre dello stesso anno la stessa sonda ha rilevato neve nelle nuvole marziane. Tutte queste ipotesi avvalorano la teoria secondo la quale l’indebolimento del campo magnetico, che funge da “scudo” contro il vento solare, abbia permesso a quest’ultimo di spazzare via letteralmente l’atmosfera marziana, causando quindi una diminuzione della pressione e quindi l’evaporazione dei fiumi e dei mari.
Le missioni correnti stanno anche valutando la possibilità di presenza di forme di vita, prevalentemente batteriche, sulla superficie del Pianeta Rosso. Infatti nel 1996, su di una meteorite (denominazione ufficiale Allan Hills 84001) di provenienza marziana rinvenuta in Antartide nel 1984, furono osservate strutture associate, per la loro forma, a resti fossili di batteri, più piccole di qualsiasi forma vivente mai vista sulla Terra, e furono trovate tracce di vari amminoacidi e idrocarburi. Escludendo la contaminazione della roccia da parte di microorganismi antartici questa sarebbe la prima prova concreta di esistenza di vita su Marte. Si è osservato inoltre che la roccia si è formata in un periodo durante il quale era presente acqua sulla superficie, avvalorando ancora di più l’ipotesi di fiumi e oceani sul suolo marziano; tuttavia parte della comunità scientifica ritiene che le strutture siano invece formate da processi di tipo non biologico. Nel 2004 Mars Express ha individuato nell’atmosfera del pianeta del metano. Siccome questo gas può persistere nell’atmosfera solo per poche centinaia di anni, si sono affermate tre teorie: la prima è che il gas sia prodotto da batteri estremofili (cioè adatti alla vita in condizioni estreme), la seconda afferma che la presenza di acqua nel sottosuolo darebbe inizio ad un processo di trasformazione di un tipo di roccia (olivina) che, avvenendo in grandi quantità, potrebbe rilasciare abbastanza metano da essere rilevato dalle sonde. La terza ipotesi è che su Marte sia presente un’attività geologica e vulcanica non ancora identificata (ricordo che sul pianeta è presente il più alto vulcano del sistema solare, Olympus Mons, alto ben 27 Km).

2 precisazioni: ALH84001 e’ stato trovato nel 1984 ma l’annuncio di possibili tracce di vita (peraltro contestatissimo dalla comunita’ scientifica, oggi sono molti piu’ quelli che “non ci credono” di quelli che “ci credono”) e’ del 1996.
Inoltre la prima prova “provata” della presenza di ghiaccio d’acqua nel terreno, risale al 2002. E’ il Mars Odyssey che l’ha fornita, grazie ad una serie di strumenti che “fiutano” la presenza dell’idrogeno nel sottosuolo, che indirettamente significa presenza d’acqua.

2003…2004.
Credo sia una svista perchè le date successive sono corrette.

Io sarei un po più cauto in questa frase:
“Fin dalle prime missioni di esplorazione erano evidenti indizi che ci porterebbero a descrivere Marte come un pianeta ricco di fiumi e di oceani, e di vita”
Credo sia abbastanza assodata la presenza di acqua liquida nel passato del pianeta, ma per quanto riguarda la presenza di vita, questa è tutta da dimostrare.