Anche la Cina pensa ad un sistema Starship-like

A parte il propellente utilizzato, quelli che verrebbero utilizzati sulla sino-Starship sono dei generatori di gas però. Una delle grandi sfide dello sviluppo di Starship (e che sono sicuro abbia richiesto parecchi dollari e neuroni) è stato lo sviluppo e messa a punto del Raptor per via della sua complessità e sofisticatezza.
Che io sappia i cinesi hanno saputo sviluppare dei propulsori con ciclo a precombustione autoctoni (mi pare in eccesso di ossidante, ma dovrei controllare), quindi occhio croce qualcosa del genere non dovrebbe essere troppo fuori dalla loro portata, magari puntando a caratteristiche un pò meno estreme del propulsore di SpaceX.

P.S. pura curiosità personale, ma sarebbe interessante sapere che leghe utilizzano e come queste si rapportano quanto a caratteristiche termiche e meccaniche con quelle utilizzate dagli USA. Se c’è un gap in fatto di tecnologie metallurgiche, e se sì, quanto ampio.

2 Mi Piace

Sì vero scusa, e non è la prima volta che me lo dici… La prossima me lo ricorderò :wink:

1 Mi Piace

Circa il concetto di “copia” attenzione,la forma mentis Cinese è molto diversa da quella occidentale.
Per loro “copiare” non è un disvalore,e non lo è neanche nel senso più letterale del termine.

3 Mi Piace

I cinesi hanno, almeno in campo aeronautico, questo tipo di ciclo:
La prima volta lo copiano
La seconda lo migliorano
La terza volta lo riprogettano

3 Mi Piace

Il progresso e’ basato sul plagio.

E’ il modo in cui si si riproducono le idee migliori sostituendo quelle che si dimostrano meno competitive.

La prima e’ una copia.

Dalla terza in poi diventa un’influenza, un genere o una tipologia.

Oltre diventa uno standard.

Nessuno si sogna di dire che i moderni jet di linea sono delle copie del Comet, che pero’ e’ stato ampiamente scopiazzato dai concorrentti correggendone gli errori a spese della de Havilland.

Quindi prima di copiare SS aspetterei di vedere se funziona e dove sbattono il naso.

1 Mi Piace

Lì ci sono dei limiti enormi posti dai regolamenti. Quest’anno coi cambi le forme di diverse monoposto differiscono in maniera significativa, pur cercando di ottenere lo stesso risultato.