Annunciata conferenza stampa finale con i risultati della Augustine Commission

E’ prevista per mercoledì prossimo, 12 Agosto, la presentazione finale della Commissione per la Revisione dei Programmi Umani della NASA, annunciata lo scorso maggio, la quale dopo una serie di incontri pubblici tenuti negli ultimi mesi metterà a disposizione e presenterà al pubblico i risultati di questi mesi di lavoro.

Nella giornata di mercoledì, a partire delle 19 ora italiana, a Washington verranno presentate e discusse dapprima le opzioni finali considerate attuabili dalla Commissione e successivamente verrà presentato il Rapporto Finale con le analisi effettuate che successivamente verrà presentato al Congresso.

Tutta la documentazione che verrà redatta sarà da subito resa pubblica in maniera completa, a differenza di quanto avvenuto nel 2004 con l’ESAS dove solo il rapporto finale fu reso disponibile.

Il successivo passo sarà la presentazione al Congresso dei risultati e da qui dovranno scaturire le decisioni sulle attività della NASA nel prossimo decennio in fatto di esplorazione e attività umana nello spazio.

Ancora pochi giorni e capiremo meglio cosa succederà da ora in avanti!

Incrociamo le dita…

Penso che ci voleva, comunque una decisione, una parola finale.
Tante, troppe voci hanno circondato Constellation, adesso, qualunque sarà il sistema manned futuro, si potrà lavorare in modo più deciso e sicuro.

Infatti, anche se sarà contrario al Constellation, ben venga una scelta decisa che fughi ogni dubbio da quello che bisogna fare!

Leggendo un po su NFS pare che la commissione sia orientata o su un modello Shuttle C o sul DIRECT v3.0 (Jupter 130 & Jupter 246).
Questo secondo me traspare da quanto detto dalle discussioni avute fra i membri della commissione e quelli del progetto DIRECT v3.0.

Comunque mancano solo due giorni, vedremo.

Saluti

non sono nè pro , nè contro Costellation, ma si esca dall’impasse, si proceda coi lavori e progetti per ridurre l’imbarazzante gap fra fine voli shuttle e ripresa col nuovo sistema.

Queste sono le 7 opzioni valutate, la commissione ne suggerirà al massimo 3-4 di cui almeno 2 attuabili con l’attuale budget, e il Congresso/Presidente/Direttore ne dovranno scegliere una definitiva.

Opzione 1 - “In Budget” - Baseline
STS fino al 2011
ISS fino al 2015
Soyuz e poi Ares I
Ares V
Missioni lunari sia “sortie” che avamposti
Prima missione lunare nel 2024
Prima missione Orion/Ares I nel 2018

Abbandono prematuro della ISS (politicamente difficile) e grosso gap Shuttle/Orion

Opzione 2 - “In Budget” - ISS Focused
STS fino al 2011
ISS fino al 2020
Soyuz e poi Ares I o COTS
Ares V
Missioni lunari sia “sortie” che avamposti
Prima missione lunare nel 2028
Prima missione Orion/Ares I nel 2019

Tempi molto dilatati e grosso gap Shuttle/Orion se i COTS non entrassero in servizio come programmato.

Opzione 3 - “In Budget” - Dash out of LEO
STS fino al 2011
ISS fino al 2015
Soyuz per lanci manned
Ares V “doppio lancio” manned/unmanned per missioni fuori dalla LEO
Missioni in orbita lunare, NEO e Punti Lagrange
Prima missione entro 2020

Gap molto ampio, la prima missione di Orion su Ares V arriverebbe alla fine del decennio ma scenario flessibile per quanto riguarda le destinazioni e abbandono anticipato problematico della ISS.

Opzione 4 - “Above Budget” - Shuttle system
STS fino al 2015
ISS fino al 2020
Shuttle/Soyuz per lanci manned e poi COTS
HLV o DIRECT
Missioni lunari sia “sortie” che avamposti ma tramite Stazione intermedia per deposito propellente

Gap ridotto, prima missione lunare entro il decennio prossimo, ISS utilizzabile a lungo, solo moderatamente oltre il budget FY2010.

Opzione 5 - “Above Budget” - Deep space
STS fino al 2011
ISS fino al 2020
Soyuz/COTS e poi Shuttle-derived o EELV Super-Heavy per missioni manned
Missioni deep space

Prima missione umana a metà del prossimo decennio (con EELV), gap sconosciuto e dipendente dal programma COTS, oltre il budget e politicamente difficile per abbandono della Luna.

Opzione 6 - “Above Budget” - Lunar Global
STS fino al 2011
ISS fino al 2020
Soyuz/COTS e poi Shuttle-derived o EELV Super-Heavy per missioni manned
Missioni lunari globali ma senza avamposto

Prima missione lunare entro fine decennio, gap sconosciuto e dipendente dal programma COTS, oltre il budget, difficile attuazione programma Marziano, nessuna base permanente lunare.

Opzione 7 - “Above Budget” - Mars first
STS fino al 2011
ISS fino al 2020
Soyuz/COTS e Ares V, Orion probabilmente abbandonato.
Marte subito con missioni lunari per voli test/collaudo

Estremamente costosa, prima missione su Marte in 20 anni e missioni lunari limitate, gap sconosciuto e dipendente dal programma COTS, non ci sono piani di backup in caso di problemi.

Ma stiamo parlando di un COTS manned? Ma sarebbe qualcosa di diverso da Cygnus giusto?

Per il resto, attendiamo con ansia… e vediamo come giustificano le loro scelte…

No, per COTS si intende esclusivamente la parte manned, il COTS-D per intenderci (credo che la parte cargo si dia per assodata)… in poche parole SpaceX/Dragon.

Molto interessante, hanno preso in considerazione molti scenari. E’ la mia impressione o dalle varie opzioni si intuisce come ARES I non sia stato un progetto molto azzeccato? :face_with_head_bandage:
Infatti in molte opzioni viene abbandonato in favore di altri sistemi (Soyuz, COTS), mentre nelle altre si intuisce (ovviamente IMHO) che viene tenuto solo perché ormai già in fase di sviluppo.
Io, personalmente, preferirei l’opzione 2 e 4, mi sembrano le più interessanti! :nerd:
Puntare a Marte o alle missioni Deep Space lo vedo un pò come un suicidio in termini di budget e tempi, mentre fare solo missioni sortie mi sembra uno spreco. Dal mio punto di vista la creazione di una base lunare permanente sarebbe una sfida tecnologica molto interessante! :nerd:

Se dovessi dire la mia andrei per la 1 se “in budget” o la 4 se potesse essere disponibile qualche soldo in più… inutile dire che mi sembrano tutte delle pezze…

In generale concordo.
L’opzione 1 però, rispetto alla 2 (che preferisco), consente di ridurre il gap e soprattutto i tempi del ritorno alla luna, però mi sembra proprio un delitto abbandonare la ISS così presto!!!

Comunque SICURAMENTE non si va sulla Luna prima del 2024, giusto? I tempi si dilatano a dismisura… :roll_eyes:
Ha ragione Alberto: son tutte delle pezze… non me ne va bene una! :angry:

Beh, qualche avvisaglia in proposito c’era stata… di certo se però passa tutto questo tempo per andare sulla Luna, mi auguro che propendano almeno per prolungare la ISS

Anche a me scoccia parecchio l’abbandono della ISS prematuro!

Sono completamente concorde con te, personalmente vedrei 4 e 1 come grado di preferenza (ma così si rischia di scivolare nel bar-sport).
Sembrano delle pezze perchè la Vision già (sempre secondo il mio piccolo giudizio) nasceva come “pezza” per continuare il manned

Certo è che se nei prossimi anni non vi sarà una politica statunitense forte…tanto piu se propositiva nei confronti delle altre agenzie spaziali il sogno alla kennedy potrebbe scemare di brutto… e io che pensavo e tutt’ora penso in effetti ad obama come al kennedy del nuovo millennio… si certo… non siamo piu nel periodo della guerra fredda e gli scenari politico militari economici di oggi…negli usa e nel mondo sono radicalmente cambiati quindi inutile “rivedersi” in quel periodo d’oro per l’astronautica… che dire…magari avanti anche con i COTS purché non si entri in una fase di stallo in cui ci si trascini dietro altri paesi (e spero caldamente di no…). se continuano cosi…gli usa perderanno alla grande la leadeship dello spazio storica assieme ai russi…visto cosa sta venendo fuori dalla cina e dall’india!

... il sogno alla kennedy potrebbe scemare di brutto...

Non credo, oramai lo spazio in LEO è stabilmente una realtà con risvolti pratici da cui non si tornerà più indietro.

... e io che pensavo e tutt'ora penso in effetti ad obama come al kennedy del nuovo millennio... si certo... non siamo piu nel periodo della guerra fredda ...

la Guerra Fredda, appunto.
Se da un lato la si può considerare come la molla che ha spinto gli Usa a sbarcare sulla Luna, dall’altro la si deve studiare come la spinta deleteria a dare solamente dimostrazione di “potenza tecnologica” senza seguiti; usando un termine militare colla guerra fredda l’Amministrazione americana ha splendidamente usato la tattica, sbagliando la strategia.

... se continuano cosi...gli usa perderanno alla grande la leadeship dello spazio storica assieme ai russi...visto cosa sta venendo fuori dalla cina e dall'india!

E se anche fosse?

Ma se leggi attentamente la politica spaziale Indiana e Cinese non c’è nulla che possa far pensare a stravolgimenti di leadership. Entrambre le nazioni perseguono obbiettivi scientifico/politici molto razionali, senza alcuna proposizione di grandezza, fuori da reali situazioni di budget.

Non dimentichiamo che lo spazio è qualcosa di strettamente legato alla politica… ragionare solo in termini di budget o di risultati “scientifici” secondo me è limitante.

Lo spazio è uno dei punti fermi della potenza americana come segno di primato nel mondo, e io credo che non lo abbandoneranno, dovesse costargli un patrimonio.
Storicamente, un altro dei punti fermi è sempre stato l’automotive, e abbiamo visto cosa è successo. In 37 giorni hanno rimesso in piedi la General Motors, in 50 giorni hanno rimesso in piedi la Chrysler… investendo in 6 mesi l’equivalente dell’intero programma Apollo. Quando c’erano in gioco i simboli storici del loro primato, problemi di soldi non se ne sono fatti…

Secondo me qui la questione non è di budget, è di scelta politica. Io sono convinto che sceglieranno la strada che garantirà loro di mantenere il primato indiscusso in ambito spaziale, e il budget in questa scelta influirà poco. Quale poi sia questa strada, se un prolungamento dello shuttle, una continuazione di constellation o quant’altro, non sono in grado di dirlo… looking forward to read tomorrow the Augustine Commission documentation…