ARCA Space Asteroid Mining Program (AMi)

Seguendo lo stile 23ennale che distingue la loro condotta, ancora una volta Popescu e co. ne hanno inventata un’altra.
Non spreco inchiostro, vi lascio leggere…

e non manca la capusla manned (edit: forse non è manned)


(fonte https://twitter.com/arcaspace/status/1549817424622542848/photo/1)

2 Mi Piace

No, qui però potete sbellicarvi…

540 unità propulsive… ad acqua naturalmente.

1 Mi Piace

1 Mi Piace

Il White Paper è demenziale

Didascalia all’ultima immagine:
“The first two stages have a strictly vertical trajectory, unlike all other orbital vehicles that curve their trajectory straight from the start”

Della serie “MA CHI RAZZO SIETE VOI”.
:person_facepalming:

1 Mi Piace

Mi sembra di sparare sulla croce rossa.
Devono aver scoperto i razzi OTRAG su Wikipedia.
Purtroppo di fronte a sta roba mi vengono solo risate amare.

2 Mi Piace

Ma come riescono a farsi dare credito da qualcuno?

E’ questa la domanda fondamentale

L’Eagle di Spazio 1999 è più aerodinamica di questo coso!:see_no_evil:

1 Mi Piace

Mi hai letto nel pensiero!!!

Giusto per capire quello di cui stiamo parlando la OTRAG (Orbital Transport und Raketen AG) fu creata nel 1975 dallo spregiudicato imprenditore tedesco Lutz Kayser (con la collaborazione nientemeno che di von Braun e Kurt Debus), antesignana di tutte le Private Space Venture venute dopo (dalla Space Service Inc. fino alle attuali SpaceX e Blue Origin).

La OTRAG proponeva un sistema modulare composto da cluster di cluster di razzi a propellenti solidi (cosa che la BIS aveva già proposto nel 1939), sta di fatto che furono condotti dei test solo sui moduli base senza andare molto oltre.

Nel frattempo la OTRAG dovette fronteggiare sia difficoltà politiche (l’aperta ostilità di Francia e URSS) sia tecniche senza contare la controversa personalità di Kayser che si muoveva in un contesto africano, da sempre instabile, barcamenandosi tra Zaire e Libia. La OTRAG ha cessato di fatto le sue attività nel 1987.

image

image

2 Mi Piace

Voglio un peso/spinta di sto [definitelo come più vi piace].
Comunque io ho chiesto se volevano una mano con i razzi ad acqua su Twitter e mi hanno bloccato…

3 Mi Piace

Non hanno tenuto conto della tua esperienza nel settore!!!
Sicuramente l’hanno fatto per invidia…

1 Mi Piace

283 pagine.

Semplicemente eroico.

1 Mi Piace

Della serie “cosa stanno vedendo i miei poveri occhi” :joy:

Certo che sono bravini con la Cgi nelle slide, se si dessero da fare potrebbero aprire un business!

Davvero?
Onestamente si vede lontano un miglio che le CGI sono “finte” come una banconota da 23 euro.
Ho visto cose, fatte da autori amatoriali, anni luce migliori.

1 Mi Piace

io conosco abbastanza il mondo e quello non è neanche CGI, ma immagini incollate l’una sull’altra.
tipo la copertina: prendi una foto di asteroide, render della bottiglia con le ali, e li appiccichi l’uno sull’altro. Non combacia neanche la risoluzione, che nell’immagine della sonda è quasi doppia che in quella dell’asteroide. non dirò nulla sull’illuminazione per non infierire.

vorrei dire che potrei averle fatte io, ma credo che neppure io sarei riuscito a fare tanti errori e così basilari

questo sotto è un rendering amatoriale fatto in mezz’ora da uno (esatto, io) che sta imparando ad usare un software gratuito e senza spendere una lira per modelli/immagini/altro

conclusione: non hanno neanche i soldi per pagare qualcuno che gli faccia le slide, e vogliono fare space mining con un raddo ad acqua. Auguri.

5 Mi Piace

Ecco una propulsione veramente ad acqua, gratis ed ecologica.
Maggiore il volume vuoto immerso, maggiore sarà la spinta che riceverà verso l’alto.
Grazie Archimede!

2 Mi Piace

Io proverei con un razzo a Coca Cola e Mentos… Sarebbe più credibile…

1 Mi Piace

Hanno provato chiedere consulenza ai Minions?

2 Mi Piace

Non ditemi che sono stato l’unico a pensarci.