Arrivato al KSC osservatorio solare per Columbus

E’ arrivato la settimana scorsa la KSC, direttamente da Torino dove è stato costruito l’osservatorio solare “Solar” che verrà installato sul Columbus.
Solar verrà lanciato nello spazio con la missione che porterà il Columbus in orbita, ma solo una volta raggiunta la ISS verrà montato sul modulo europeo in una delle piattaforme esterne. Dotato di sostegno mobile su due assi, seguirà automaticamente il Sole durante le orbite della ISS rimanendo sempre puntato sulla nostra Stella.
Solar consiste in tre strumenti, che insieme permettono di analizzare l’intero spettro del Sole, dall’ultravioletto all’infrarosso: SOVIM (Solar Variable and Irradiance Monitor), SOLSPEC (SOLar SPECtral Irradiance measurements) e SolACES (SOLar Auto-Calibrating Extreme UV/UV Spectrophotometers).
I dati una volta catturati vengono inviati a direttamente Terra, e raccolti in un primo momento al centro di Brussels, il Belgian User Support and Operation Centre (B.USOC), e in un secondo momento distribuiti alla comunità scientifica.

Credits:ESA

Molto interessante,credo sia dai tempi dello Skylab che nn vi sia uno strumento così su una stazione spaziale.Speriamo che almeno questo produca qualche articolo su Nature,Science etc … :twisted:

Un altro gioiellino “made in Italy”.
I’m proud of it :wink:

Con questa notizia sembra riaprirsi lo studio della nostra Stella da parte degli astronauti nello spazio. Anche se dobbiamo ricordare che il telescopio solare posto sullo Skylab era molto più grande di quello che verrà installato sul Columbus. Pero dobbiamo anche ricordare che sicuramente il nuovo osservatorio sarà molto più avanzato tecnologicamente.
Posto alcune foto (Credit: NASA) in ricordo del Telescopio Solare che ha compito importanti osservazioni del nostro Sole grazie alla presenza degli astronauti NASA.
Nella prima immagine il laboratorio orbitante Skylab in orbita.
Nella seconda immagine il complesso traliccio che conteneva i vari telescopi.
Nella terza immagine l’astronauta Gibson ai comandi del telescopio solare ed infine al termine della missione il recupero tramite EVA del contenitore con il film delle riprese solari.

Sito NASA da dove ho preso le foto e che contiene l’interessante missione spaziale Skylab.

http://history.nasa.gov/SP-400/ch5.htm

Peccato che lo Skylab sia finito così…

Ottimo comunque il sito da te evidenziato,Maxi!

E’ possibile :wink:

Qualche link sugli strumenti solari del Columbus
http://www.esa.int/esapub/onstation/os8.pdf
http://www.esa.int/esapub/bulletin/bullet98/ANDRESEN.pdf
Si tratta comunque di strumenti non paragonabili a quelli dello Skylab. Lo Skylab puntava piu’ sugli strumenti ottici (coronografi ecc.) che ormai volano quotidianamente su satelliti (SOHO, TRACE, Hakari, Stereo), che forniscono una piattaforma molto piu’ stabile di una stazione spaziale, mentre questi sono strumenti (che necessitano solo di un puntamento “coarse”) dedicati alla spettroscopia, fotometria e soprattutto alla misura dell’irraggiamento solare.
Qualcosa di simile aveva volato sull’X-15 http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=2025.0 nonche’ su parecchi altri satelliti e sonde

Anche qui una scheda sul Solar:
http://www.spaceflight.esa.int/users/downloads/factsheets/fs021_10_solar.pdf