ASI e Difesa insieme per satellite ATHENA-FIDUS

È stato siglato oggi l’Accordo Esecutivo tra il Ministero della Difesa e l’Agenzia Spaziale Italiana per la collaborazione nell’ambito del programma ATHENA FIDUS (Access on THeatres and European Nations for Allied forces – French Italian Dual Use Satellite”), un innovativo sistema di telecomunicazioni via satellite che prenderà il volo nel 2011.

Il programma nasce nell’ambito di un accordo tra Italia e Francia per la collaborazione nel settore delle telecomunicazioni via satellite. Prevede lo sviluppo e il lancio (nonché la realizzazione del relativo segmento a terra di comando e controllo) di un satellite geostazionario per servizi di comunicazione “duali”, cioè per usi sia militari sia governativi, a larga banda (con capacità di trasmissione fino a 1250 Mb/s). Su una piattaforma satellitare comune, sono previsti apparati di telecomunicazione a bordo (payload) distinti per il servizio italiano ed il servizio francese, rimanendo a carico di ciascuna parte il costo per l’utilizzo dei relativi payloads. L’investimento complessivo da parte italiana è di 120 milioni di Euro, di cui 85 a carico dell’ASI e 35 a carico della Difesa.

ATHENA-FIDUS, si legge nel comunicato dell’Agenzia spaziale italiana, «è un nuovo esempio di efficace collaborazione tra l’ASI e la Difesa per la realizzazione di programmi duali (quindi con applicazioni sia civili sia militari), che prosegue la strada iniziata con la costellazione di satelliti per l’osservazione della Terra COSMO-SkyMed, la cui messa in orbita è iniziata nel 2007».

Fonte: dedalonews.it

La strada dei programmi bilaterali Italia-Francia è cresciuta decisamente negli ultimi anni: dai programmi militari/civili per l’osservazione terrestre e comunicazione (COSMO-SkyMed e uso dei satelliti di comunicazione francese), all’ambito navale (programma FREMM)… Penso sia una buona iniziativa per ottimizzare le risorse e per mantenere, nonchè potenziare, il know how da ambo le parti… :stuck_out_tongue_winking_eye:

Beh con i cugini abbiamo condiviso molti progetti in settori ad alto contenuto tecnologico negli ultimi anni e praticamente tutti hanno avuto ottimi risultati… Una dimostrazione che l’Europa quando si riesce ad accantonare un attimo l’orgoglio e l’interesse nazionale (che poi non è da accantonare perchè le ricadute e i guadagni ci sono) può essere anche e soprattutto un grosso investimento per il futuro e non solo un sogno utopistico…

Condivido in pieno!!! :smiley:

L’Europa è veramente un grosso investimento per il futuro e non una palla al piede come molti (troppi) italiani pensano!!!