Astronauti NASA sulla Luna nel 2024!

Un ambiente abitabile con temperatura interna 20 gradi celsius ed esterna -130 gradi celsius e superficie scambiante di 200 mq (approx un cilindro di 20 metri di lunghezza e 3 m di diametro), coibentato con 10 cm di aerogel per ottenere una trasmittanza sui 0.15 W/mqK, ha una dispersione termica di circa 4.5 kW, niente di clamoroso. Se si usa ad esempio una fuel cell ad alta temperatura per produrre energia, è calore facilmente producibile. Aumentando lo spessore arrivare a 2-3 kW non è difficile

1 Like

La NASA mantiene fede alle sue tradizioni! Si sa che la musica ha avuto uno stretto legame con le missioni spaziali passando per il programma Apollo, Space Shuttle e Stazione Spaziale Internazionale. Anche il ritorno dell’uomo sulla Luna nel 2024 non ha eccezione. Per questo la NASA con l’hashtag #NASAMoonTunes vuole che le persone indichino la loro canzone che vorrebbero che venga inserita nella playlist ufficiale che sarà ascoltata durante il viaggio. C’è tempo fino al 28 Giugno per esprimere la propria preferenza. In questo link ci sono tutti i dettagli dell’iniziativa e penso che sia un bel modo per creare più hype e far si che le promesse vengano mantenute.

1 Like

Ancora non sono stati risolti molti problemi per fare una base sulla superficie lunare(purtroppo).
Pensiamo ai micro-meteoriti.

6 posts were split to a new topic: Fonti energetiche per future basi lunari

Per favore, ancora una volta, evitiamo gli OT continui. E’ davvero cosi’ complicato verificare se quello che scrivete e’ compatibile con Categoria e Titolo del Topic? :confused:

1 Like

Lascio senza commento, anche perché davvero non so cosa abbia voluto dire e ho il dubbio che non lo sappia nemmeno l’interessato. :exploding_head:

EDIT.

Per aggiungere un po’ di contesto (e di assurdo), mentre Trump se ne usciva con questa cosa Bridenstine era a Washington all’ISDC 2019 a patrocinare Artemis.

EDIT.

SpaceNews ha già risolto il mistero.

Trump’s tweet came shortly after a segment on the television network Fox Business where Jeff DeWit, NASA’s chief financial officer, was interviewed by host Neil Cavuto shortly after the agency rolled out its low Earth orbit commercialization plans. That included a discussion of the policy, announced by Vice President Mike Pence in March, to land humans on the mon within five years. “I thought we would advance beyond that,” Cavuto says. “I thought either we would target Mars or… Why this? Why now?” The comment was first noted by Media Matters for America, a media watchdog group.

L’articolo completo con altri dettagli:
https://spacenews.com/trump-tweet-throws-space-policy-into-chaos/

EDIT.

Il frammento “incriminato” su Fox Business.

È facilissimo scadere in polemica politica e finire OT (sicuramente non il tuo caso @NullPointer) quindi scrivo giusto due righe: è cosa piuttosto risaputa che Trump passi molto tempo a guardare Fox News e reagisca d’istinto ai commentatori delle rubriche politiche.
Non mi aspetterei nulla di coerente da un personaggio del genere, e i suoi commenti sul lavoro di un’agenzia come la NASA sono tra i meno informati e qualificati possibile.

3 Likes

È facilissimo scadere in polemica politica e finire OT

Infatti ero indeciso se scriverne per paura di dirottare il thread poi mi son detto che, anche se non credo sia venuto meno il sostegno dell’Amministrazione al programma, si tratta comunque di una dichiarazione che potrebbe produrre conseguenze - anzi le ha già prodotte perché stanno uscendo i titoli su Trump contrario al ritorno sulla Luna [1] - e allora ho scritto cercando di mantenermi neutrale. :slight_smile:

Sul personaggio nulla da aggiungere, è lo stesso che pensò di offrire un budget illimitato alla NASA per arrivare su Marte nel 2020 come stunt per la ricandidatura, quello che colpisce è leggere nello stesso giorno l’uscita di Trump e l’analisi dei rischi politici riassunta dall’amministratore della NASA in questi termini:

“What we have to do is, we have to not just retire the technical risk, we have to retire the political risk,” he said. “How do we retire the political risk? We go faster. We accelerate the program. The longer it drags out, the more risk there is we’re going to get diverted into something else.”

Se non altro, questa uscita a mio parere serve a ricordare quanto imprevedibili e incostanti siano le scelte di policy da quelle parti e a mostrare quanto anche il go faster di Bridenstine rischi di essere poco efficace in una situazione del genere.

[1] Ad es.: https://www.politico.com/story/2019/06/07/trump-space-moon-2025-1357275

EDIT. Posto per alleggerire perché è troppo simpatica. :rofl:

7 Likes

Bridenstine ci mette una pezza con classe.

Sembra tutto sia stato risolto.
Un portavoce della Casa Bianca ha detto che Trump voleva semplicemente intendere che la NASA deve concentrarsi anche sugli obiettivi di lunga scadenza come Marte,cosa che (è stato assicurato) la NASA farà,visto che la luna è intesa come primo step ( poi,ovviamente,campa cavallo).
Il portavoce ha anche aggiunto che l’attuale Amministrazione è la più “spacefriendly” da molti decenni a questa parte.

Secondo alcuni osservatori il tweet di Trump rispondeva ad una sua precisa (anche se spregiudicata) logica politica in linea con lo stile del personaggio.
Si trattava di mandare un messaggio ad alcuni Senatori eletti in collegi interessati al progetto Artemis,per ottenere la loro collaborazione in altre cose.
Della serie,“attenti, io posso anche rompervi il giocattolo,che significa posti di lavoro tra i vostri elettori…quindi…capisciaàmmè”.
Scopo parallelo sarebbe stato anche quello di “mettere il pepe al sedere” alla NASA per ottenere risultati in tempi rapidi.

2 Likes

Ho forti dubbi che Trump possa elaborare un ragionamento così complesso e scrivere un tweet con un intento così articolato… ma pensiero personale e non voglio aprire qui una discussione politica… [fine offtopic]

4 Likes

Scusate, non ho resistito :slight_smile:

homer

Guardate che l’uomo è spregiudicato,inaffidabile,umorale,malmostoso, e se ne può pensare tutto il male che si vuole, ma al di là di certa propaganda dei suoi avversari, non è cretino.
E’ uno squalo degli affari, e quando si tratta di mosse strategiche, dal suo punto di vista sa quello che fa,e conosce i suoi polli.
La faccenda dell’interpretazione ufficiale del tweet in senso esortativo è ovviamente una spiegazione diplomatica della cosa.
Il retroscena politico è un interpretazione di cronisti Americani che seguono le vicende parlamentari.
Il messaggio dovrebbe essere arrivato a chi doveva arrivare.
Poi, io ho riportato quello che ho letto, di più non saprei,non non frequento la sala ovale.:wink:

E forse anche culturalmente inadeguato.
Ma hai perfettamente ragione.

Capisco, ma cerchiamo di tenere lontani i pareri politici. Alla fine la decisione dell’ aumento fondi per Nasa deve comunque passare dal congresso.

Bridenstine in un’intervista con CNN Business si è sbilanciato sul possibile costo finale del programma.

The space agency will need an estimated $20 billion to $30 billion over the next five years for its moon project, NASA Administrator Jim Bridenstine told CNN Business on Thursday. That would mean adding another $4 billion to $6 billion per year, on average, to the agency’s budget, which is already expected to be about $20 billion annually.

Bridenstine’s remarks are the first time that NASA has shared a total cost estimate for its moon program, which is called Artemis (after the Greek goddess of the moon) and could send people to the lunar surface for the first time in half a century. NASA wants that mission to include two astronauts: A man and the first-ever woman to walk on the moon.

Una rassicurazione importante (almeno per il sottoscritto).

“I will tell you my goal — and I’ve been very clear about this — is to make sure that we’re not cannibalizing parts of NASA to fund the Artemis program,” Bridenstine said.

4 Likes

un delta di 10 miliardi con stima di un +50% …non riesco proprio a entrare in questo modo di lavorare. Mah…secondo me sarebbe ora che si facesse uno step nel modo di pianificare le missioni, dai non è serio.

È un po’ difficile stimare il costo di un’impresa mai fatta prima, soprattutto nel corso degli anni possono esserci rischi e opportunità impreviste (fallimenti di razzi, nuove partnership vantaggiose,…)

2 Likes

Il Delta sta tutto nel lander. Cosi come la maggior parte di quel numero verrà risucchiato dal lander. Il fatto che deve essere costruito in un lasso di tempo molto ridotto altro non fa che aumentare incertezze sui costi (e la cifra finale). A tutto questo si aggiunge ancora la mancanza di un design finalizzato. Fare stime accurate è impossibile in queste situazioni.

1 Like

si parla di 50% e 10 miliardi, 10 miliardi è il budget per un’azienda di produzione di componenti di meccanica di alto livello con 1000 dipendenti per 100 anni. Siamo anni luce da una stima, questa non è una stima.

1 Like