Astronauti NASA sulla Luna nel 2024!

Ai tempi di Bush padre i soldi c’erano,e fu grande responabilità del Congresso e della successiva amministrazione Clinton non aver perseguito quell’obiettivo dell’“Iniziativa Spaziale”,magari con le opportune modifiche del caso.
Allo stesso modo l’amministrazione Obama avrebbe potuto stravolgere,ma senza eliminarlo,il progetto lunare di Bush figlio,magari incaricando i privati di perseguirlo (oggi forse saremmo più vicini al ritorno alla luna,e date come 2024 sarebbero realistiche).
Allo stato attuale dei fatti tornare slla luna entro cinque anni è totalmente impossibile.
Per farlo bisognerebbe aumentare di molte grandezze i finanziamenti e porre il ritorno alla luna come priorità nazionale; non ci sono le condizioni nè politiche,nè motivazionali,nè economiche,nè tanto meno umane (intese come qualità delle persone) per poterlo fare.
Forse (facciamo un pò di ironia) se si trovasse un astronave aliena schiantata sulla luna,e si accendesse una vera gara alla “o la va o la spacca” per raggiungerla per primi si potrebbe tornare sul suolo lunare tra cinque anni.
Quindi prendiamo la dichiarazione del Vicepresidente Pence per quello che è: un vuoto esercizio di retorica senza alcuna conseguenza pratica.

1 Mi Piace

Perché tutta questa fissazione per lo sbarco umano sulla luna? Non sarebbe meglio calare un “formicaio” di mini rover teleguidati per costruire infrastrutture, estrarre risorse…? Un po’ sulla falsariga dei cubesat.

1 Mi Piace

Sarebbe una strada.
Ma anche qui per preparare un ritorno umano.
Come la ISS sta iniziando a dimostrare che possiamo vivere e lavorare in orbita bassa,la luna dovrà dimostrare che possiamo farlo su un altro corpo celeste.
Però l’idea di precursori robotici non è affatto sbagliata,anzi sarebbe la più logica.

1 Mi Piace

Come ha detto SaturnPower non costruisci un missile del genere in gran segreto e neanche lo stanno facendo. Ci sono foto in rete di componenti di questo missile che stanno testando e ci hanno avvisato con anni di anticipo delle loro principali missioni lunari.
E comunque prima di andare sulla Luna lo devi testare sto missile e lo saprebbe già tutto il mondo appena cominciano a spostare la terra per costruire la rampa.

Oh, guardate qui: grazie all’ultima vignetta di xkcd ho scoperto www.politifact.com che riporta le più importanti dichiarazioni fatte dai politici assieme ad un rating sulla loro verità o falsità.

Purtroppo nel sito non è (ancora) presente questa dichiarazione di Mike Pence, ma in compenso c’è il suo file personale che indica che il sito ha giudicato la maggior parte delle sue dichiarazioni equamente suddivise tra “falsità” e “mezze verità”.

: )

Punta a Marte… ma sei i soldi indicano la Luna stai sicuro che non rimarrà a guardare il dito :stuck_out_tongue:

2 Mi Piace

Si. Mi viene in mente un racconto di Leinenster o Heinlein in cui un riccone si comprava tutti i territori sulla Terra che si trovavano sotto l’orbita lunare e poi la Luna stessa. In altri che costruivano delle astronavi e volavano per lo spazio.
Musk non è l’unico riccone che si affaccia allo spazio. Ha fatto cose egregie in poco tempo e promesso tanto. Se vorrà raggiungere la Luna, faccio il tifo per lui. Per ora resto solo a guardare perché mi pare che di Luna ne abbia parlato ma solo di sfuggita.

Qualunque cosa vada nellla direzione di una rete di fornitori, servizi e punti di staging, in altre parole qualunque cosa che crei un sistema di infrastrutture e una economia dello spazio e’ un bene.

Anche se non portano astronauti sulla Luna nel 2024 prosciugando tutte le risorse solo per questo.

Beh, però la missione DearMoon attorno alla Luna con il miliardario giapponese potrebbe essere il primo volo manned fuori dall’orbita terrestre della Starship…

1 Mi Piace

attenzione colpo di scena… Brindstine comunica che entro 2 settimane ci sarà una nuova proposta di budget per la NASA, a seguito di tutto quello che è successo in questi giorni.
In pratica basandomi su quello che è stato detto durante l’House Appropriations Committee è probabile un accellerata sull EUS/ML-2 e un budget che sostenga la proposta di andare sulla superficie lunare del 2024.
Questa decisione sembra presa in merito alle accuse (ovviamente fondate) dei dem, a riguardo di claim non supportati dal budget proposto. La cosa potrebbe quindi diventare ben più concreta. Aspettiamo sviluppi.

Intendi nuova proposta dell’amministrazione Trump? E quale committe, budget o Science, Space and Technology? Hai una fonte? Beh, è vero, hai detto aspettiamo ma voglio sapere subito :slight_smile:

ecco qui:


“NASA Administrator Jim Bridenstine promised a revised NASA budget request with that information in the next two weeks.”

6 Mi Piace

La situazione si evolve… live da seguire…

In uno dei passaggi Bridestine ha detto che, per supportare una base lunare permanente, c’è bisogno di tutto riutilizzabile, Lander, tug e lanciatori… E l’SLS allora? :thinking:

Stanno muskizzando la Nasa :stuck_out_tongue_winking_eye:

O Besozzandola… :smile:

ecco qui…


in poche parole la roadmap…
Budget incrementato per FY2020
Lancio SLS Block 1 nel 2020
Lancio EM-2 il più presto possibile (EM-2 nel 2021?)
Accelerazione del gateway (PPE e Hab iniziale)
Lunar module commerciale

Si aspetta adesso la pubblicazione di un piano più tecnico. Ma è comunque chiara la musica. Cercare di rispettare la timeline del 2024. Brindstine sottolinea come atterrare nel 2024 non significa fare uno stunt ma preparare un esplorazione sostenibile per il 2028…

1 Mi Piace

Si chiama Bridenstine. Da scrivere venti volte alla lavagna! :smile:

Fuffissima…
SLS (costo di R&D a parte che comunque è ormai ammortizzato) è il vettore giusto per gli stunt…

Per una base lunare stabile mancano ancora moltissime tecnologie in primis la gestione delle radiazioni

Le radiazioni sono piu’ semplici da gestire sulla Luna che in una stazione spaziale non LEO.

Prima di tutto almeno il 50% e’ gia’ schermato naturalmente dalla massa della Luna stessa, di piu’ se la base e’ in una gola o in fondo a un cratere. Questo piu’ che raddoppia i possibili tempi di esposizione prima di raggiungere la massima dose di radiazioni tollerabile. Non e’ poco.

Inoltre c’e’ materiale ISRU in abbondanza per fare una schermatura piu’ o meno completa in vari modi, al contrario che in una stazione orbitale dove portare massa e’ molto oneroso.

Il problema dellla superficie lunare e’ che e’ piuttosto costosa in termini di delta V necessario per andare e venire… a meno che non sia possibile produrre propellente in situ con il ghiaccio lunare o con gli ossidi di alluminio che compongono parte della superficie… Ma qui si entra nel molto futuribile.

ISRU = In situ resource utilization, utilizzo delle risorse “in situ”