Attività del Planetario di Torino in pericolo

Ricevo e diffondo.

Infini.to - Planetario digitale e museo dell’Astronomia rischia di chiudere!

Il Piemonte e l’Italia non possono perdere questa eccellenza nel campo della museologia scientifica e della cultura stessa, a distanza di soli quattro anni dall’inaugurazione.
Infini.to è un moderno Science Center, un museo interattivo dedicato all’astronomia dove il pubblico di ogni età può divertirsi a “toccare con mano” la scienza, partecipando a numerosi laboratori, a visite guidate tematiche e osservazioni della volta celeste.
Cuore pulsante di Infini.to è il suo Planetario, con un’offerta di 16 spettacoli tematici, vincitori di importanti riconoscimenti internazionali. La struttura ogni anno è visitata da oltre 40.000 persone. Il suo ruolo nell’ambito della comunicazione scientifica l’ha fatta diventare un punto di riferimento per centinaia di scuole diffuse sul territorio.
Infini.to collabora attivamente con l’Osservatorio Astrofisico di Torino dell’Istituto Nazionale di Astrofisica.
Per la sua realizzazione sono stati investiti circa 11 milioni di euro. Conta su 11 dipendenti, altamente qualificati, laureati in fisica e specializzati nel campo della divulgazione scientifica. In questi quattro anni di vita lo Staff ha prodotto spettacoli per il planetario digitale, ideato e realizzato decine di laboratori per le scuole e per il pubblico, messo in scena spettacoli di teatro scientifico, aderito a diversi progetti internazionali che coinvolgono le maggiori agenzie spaziali del mondo (come NASA, ESA e ASI), l’American Association of Museums degli Stati Uniti e i più importanti planetari e musei scientifici italiani e mondiali.
Ora tutto questo rischia di sparire.

Per sostenere il Planetario e le sue attività sono aperti
una sottoscrizione
un forum online http://www.lastampa.it/forum/forum2.asp?IDforum=837
una pagina facebook www.facebook.com/planetarioditorino

Grazie a tutti coloro che vorranno aiutarci.

MODALITÀ PER L’EFFETTUAZIONE DELLE EROGAZIONI LIBERALI

È aperta la possibilità di effettuare erogazioni liberali a favore dell’Associazione “ApritiCielo” che gestisce il Museo dell’Astronomia e Planetario di Torino.

Coloro che hanno il piacere di sostenere il Planetario possono effettuare l’erogazione liberale mediante bonifico su conto corrente intestato all’Associazione ApritiCielo presso UNICREDIT BANCA, filiale di Pino Torinese, IBAN: IT 39 C 02008 30760 000040585803, indicando la seguente causale:
EROGAZIONE LIBERALE IN FAVORE DEL PLANETARIO-ASSOCIAZIONE APRITICIELO PER LA RICERCA E LA DIVULGAZIONE SCIENTIFICA

A breve verranno indicate sul sito www.planetarioditorino.it le modalità
per la detrazione fiscale.

Presidente dell’Associazione ApritiCielo
Staff di Infini.to

Contatti: info@planetarioditorino.it
www.planetarioditorino.it
0118118737

Ne abbiamo esplicitamente parlato nella puntata di AstronautiCAST 5x14

oh mi spiace se ho aperto un topic ripetitivo…

Non mi pare se ne sia parlato sul forum.
La segnalazione di Riky era per arricchire, non correggere :wink:

Grazie F.

Nei film americani vedi i dirigenti di questi musei che trovano ricchi magnati pronti ad investire denaro (per sottrarlo al fisco) ed a farsi pubblicità… qui invece li devi pagare… così si cerca sempre il finanziamento pubblico da uno stato che ha ampiamente dimostrato che futuro ed istruzione NON sono interessi prioritari per lo sviluppo del paese, ma la quartomondizzazione del mondo del lavoro.
A che servono lavoratori sottopagati istruiti?

Perche’ mi e’ subito venuto in mente Leonard Hofstadter in “The Benefactor Factor”?

:slight_smile:
mi sta molto a cuore ora che intrallazzo con infini.to per via di mission X e che conosco
la preziosa attività che svolgono

sante parole! nel mio piccolo di insegnante ne so qualcosa…investire nell’istruzione, ottusamente, non è contemplato.
E il problema non è la fuga di cervelli…ma le tdc che restano!

Di quelle ne hanno in abbondanza anche da loro…

Mi devo ferocemente autopunire :facepunch: :facepunch: :facepunch: perche’ ignoravo che a Torino ci fosse un cosi’ bel planetario. Ho fatto un breve soggiorno a Torino lo scorso anno e ho visto tante cose belle e interessanti (museo egizio, mole Antonelliana, esposizione per i 150 anni dell’unita’ d’Italia, ecc.) se avessi saputo di una simile meraviglia sarei andato a vederla!

Sigh! Speriamo non chiuda!

Pare di no (parlato con Piero Galeotti venerdì scorso, dopo la conferenza sui neutrini ad Aosta. Mi ha detto che pare che alcune ditte private mettano un pò di fondi per poter continuare).
E’ molto bello, non tanto il planetario che per me è troppo poco “tecnico” (ma sono io che sono tarato :)) quanto tutta l’esposizione e la parte interattiva.

Ieri sera ho visto su RAI 3 la trasmissione che sostituisce Report… o meglio, un pezzo…
Come siamo bravi noi a buttare i soldi nella monnezza non ci batte nessuno.
Opere d’arte a rischio distruzione a volontà, pezzi che il mondo ci invidia e che saprebbe far fruttare abbandonati in depositi…

C’è chi guadagna palate di soldi con la cultura, tranne che da noi.

L’unica cosa che sanno dire è che sebbene abbia lo stipendio quasi più basso d’Europa, prendo troppo.

Ma andate a …