"Black lives matter": conseguenze spaziali

Una serie di crateri posti sul lato nascosto della Luna cambieranno il loro nome su decisione della IAU. I crateri erano stati battezzati in memoria di Stark e Lenard i quali, oltre che scienziati, erano ferventi nazisti.

Non credo sia questa la sede per aprire un dibattito sociale e politico, però voglio esprimere la mia sensazione:
Pur deprecando le idee e certo operato degli scienziati del passato, certo è che siamo all’iconoclastia. Sta diffondendosi quest’idea di giustizialismo storico, di cancellazione e revisione, che mi spaventa. Soprattutto perché supportato da una lotta che credo giusta, quella al razzismo.
Ricordiamoci che il fine non giustifica mai i mezzi.

Nel nostro ambito, cosa facciamo? Vogliamo negare i meriti di Von Braun e di altri tedeschi alla corsa spaziale?

6 Mi Piace

Qualcuno lo ha chiesto? Non mi risulta.

Il mondo aerospaziale è stato uno dei primi a ricordare il passato nazista del gruppo di tedeschi “espatriati”, ma imvho nel modo giusto: inquadrandolo nel suo contesto storico, che non giustifica, ma spiega.

È attraverso lo studio della storia nella sua fattualità accademica, e nel riconoscimento dell’imperfezione (a volte eufemisticamente parlando) degli esseri umani che si evitano di creare personaggi stereotipati, sia come eroi che come nostri di malvagità.

6 Mi Piace

Certo, la mia domanda era retorica.
Ma non mi sorprenderei se qualcuno sollevasse la questione.

C’è una proposta per rinominare lo Stennis Space Center


L’articolo contiene anche dettagli interessanti sul personaggio e sul centro
1 Mi Piace

Non è citato il movimento BLM, ma calza a pennello.

Arriva l’ufficilità da parte di NASA di nojn voler più utilizzare alcuni nomi informali di galassie, nebulose e altre formazioni stellari note al grande pubblico con nomi più esotici e significativi della fredda nomenclatura scientifica. È stato anche convocato un panel per cercare di fornire delle linee guida su come chiamare nel prossimo futuro, sempre in via infornale , gli oggetti cosmici garantendo quello che per l’agenzia è un valore fondamentale, ovvero il rispetto e l’inclusione. Fino a che non verrano cambiati i nomi di alcune formazioni, NASA si limiterà ad utilizzare il nome fornito dalla IAU (International Astronimc Union).

1 Mi Piace