Columbus HAM Radio/TV


#1

Tra un po’ potrei avere bisogno di qualche lezione da voi esperti, visto che in Columbus ci piace “giocare” con HAM Radio e tra qualche mese avremo anche HAM TV…
Stavo giusto leggendo un pezzo delle FCC regulations, è bello vedere che fanno delle eccezioni :slight_smile:

[i]Each amateur station, [b]except a space station[/b] or telecommand station, must transmit its assigned call sign on its transmitting channel at the end of each communication, and at least every 10 minutes during a communication[/i]

#2

E’ una delle regole meno seguite, purtroppo.

A proposito di Columbus, due annetti fa ho fatto una misura del livello dei segnali in arrivo da Columbus (attivato da Nespoli) e dalla stazione “vecchia” (in Zarya?) attiva in packet, in contemporanea, comparati con il segnale atteso secondo le leggi della propagazione. Qui sono attrezzato per fare misure di campo precise. C’è un deficit di una quindicina di dB nel segnale di Columbus, probabilmente dovuto al cattivo piazzamento delle antenne, oppure ad un difetto nel cavo di trasmissione, e in parte alla minore potenza degli apparati. Se pensi che ti possa servire ti mando i dati; 15 dB sono tanti, e rendono problematico ascoltare la ISS in certe orbite. Sarebbe stato bello che Paolo avesse potuto misurare il ROS di quell’antenna, penso che un rosmetro a bordo dovrebbe esserci… chiediamo a Samantha? :wink:
Gli amici dell’ARISS erano a conoscenza, ma non mi pare sia stato fatto qualcosa.


#3

Non ne perdi una eh? :slight_smile:

Però mi cogli su un agromento in cui sono tecnicamente poco preparato, e mi attrai anche verso quella zona che prima o poi porterà i MIB a bussarmi alla porta… Le due antenne ARISS sono posizionate bene direi (sotto a Columbus, vedi foto), ma può darsi che ci siano problemi di interferenza…

Come dicevo entro qualche settimana dovremmo completare il commissioning HAM Video, che permetterà di trasmettere non più solo audio, ma anche video ripresi con una telecamera (HAM Video è l’hardware, il programma si chiama HAM Tv). È tutto un progetto italiano, l’hardware è stato costruito da Kayser Italia. Se cerchi un po’ su Google trovi un bel po’ di info.
Da quello che ho capito durante il commissioning si vorrebbe anche lasciare il sistema attivo per trasmettere in “blank” (si dice “in bianco”?) e raccogliere dati da varie stazioni radioamatoriali sulle prestazioni. Quindi mantieni i contatti con ARISS e tienti pronto a drizzare le antenne :slight_smile:


#4

Ammetto che usando Orbitron, ogni volta che passava l’ISS sopra casa mia, li chiamavo… il tutto è durato un mesetto, ho poi costruito una direttiva e l’ho motorizzata in modo tale che la mia insistenza seguisse la Nave… Una mattina di circa 2 mesi fa (posterò la data esatta che ho registrato su QRZ.com) una voce chiara e forte ha risposto al mio CQ. Purtroppo la Nave era già transitata oltre e in più abito all’interno di una valle, ma il cosmonauta russo mi ha risposto ripetendo il mio nominativo. Ho richiesto di nuovo il suo ma il passaggio era finito… ne disonore ne gloria… ma tanta emozione… ma con la Radio quella c’è sempre.
Ciao


#5

Nel comitato ARISS ne abbiamo parlato parecchio. Parmitano ci ha scattato delle foto (che ora non ho a portata di mano ma che vi recupero) in cui si vede bene che uno dei radiali del piano di massa dell’antenna è piegato in maniera anomala (avrebbe dovuto seguire la curvatura di Columbus ma “punta” verso l’alto di una 30ina di gradi circa). Non ne siamo certi ma questo potrebbe alterare il lobo di irradiazione dell’antenna. Succede che il segnala degrada in maniera evidente con i passaggi della ISS da Nord, che torna abbastanza con il problema suddetto. Oltretutto in Columbus si utilizza un apparato che, diversamente da quello russo, esce con 5W invece di 25W. Capite che in queste condizioni, seppur la distanza sia poco, un pò di potenza avrebbe potuto aiutare.

Dalle ultime info che ho (ma voi insider potrete dirmi meglio) l’installazione è prevista il 5 febbraio (Hopkins), dovrebbe essere installata anche la videocamera (Canon XF-305) con relativo supporto ma in questa prima fase non verrà poi accesa. Il primo test consisterà solo nella verifica delle corrette connessioni e nell’accensione del modulo solo per verificare che funzioni.
Successivamente, l’8 febbraio (ancora da confermare) verrà attivato il trasmettitore in “blank mode” e ci rimarrà per circa 25 giorni (fino a completamento di tutti gli step di commissioning, attualmente 4. Date 8, 15 e 16 febbraio, 5 marzo sempre da confermare).
Ecco i dati tecnici per chi volesse cimentarsi in un test di ricezione:

  • Downlink frequency: 2.395 GHz
  • DVB-S standard (QPSK modulation)
  • Symbol rate: 1.3 Ms/s
  • FEC : ½
  • Video PID = 256
  • Audio PID = 257
  • RF radiated power : approximately 10 W EIRP

ARISS sta predisponendo un apposito modulo online per il reporting delle avvenuti ricezioni/decoding del segnale. Come potete immaginare ogni dettaglio è prezioso per verificare la bontà di funzionamento di HAMTV. Appena ho news in merito vi aggiorno.
Magari, se volete, possiamo aprire un thread dedicato non appena partirà l’avventura!

Ciao

GP


#6

Urca, interessante. Pensavo fosse un SSTV, non un segnale DVB-S. Devo leggermi gli articoli su http://ww2.amsat.org/ - ne parlano.
Io ho la parabola per i 2400-2402 MHz, messa su ai tempi di AO-51), ma esce in VHF :frowning: - devo inventare qualcosa. Di sicuro un segnale a 2395 lo vedo, ma come decodificarlo?


#7

Leggi qui Marco: http://www.ariss-eu.org/HamTV_Bulletin03.doc
Per la decodifica un qualsiasi ricevitore DVB-S va bene, penso chiunque ne abbia uno…
Altra storia invece x antenna, sistema di tracking e low noise down converter :slight_smile:

GP


#8

Mica vero, mai avuta la TV satellitare. Tracking e antenna ci sono, ma l’antenna andrebbe pesantemente modificata in quanto è una vecchia parabola Keps che integra preamplificatore e downconverter nell’illuminatore, e trasla la banda 2400-2402 in 144-146 MHz.
Quindi dovrei rifare l’illuminatore, aggiungere LNA e downconverter di Kuhne per scendere in UHF e lì collegare il ricevitore. Gran lavoro… non mi attira mica tanto.
Almeno si sa che uso faranno della telecamera? Inquadrerà gli astronauti mentre lavorano in Columbus?


#9

Si certo, aggiungerà la possibilità di realizzare gli ARISS school contact in audio/video. Ovviamente down audio/video in banda S e up in VHF, per ora…

Inviato da mio iPad utilizzando Tapatalk


#10

ok, capito. Vabbè, lo metto lì come progetto… a media priorità. Devo fare un ordine a DB6NT per QRL, magari ci metto dentro il downconverter.


#11

Casomai organizziamo una gita da IK1SLD, lui ha ricevuto una delle 5 stazioni pagate da ESA che faranno da bridge. Al momento é anche l’unica già installata e pronta a ricevere che io sappia… In questi mesi hanno testato il sistema di inseguimento

Inviato da mio iPad utilizzando Tapatalk


#12

Ma il sistema di inseguimento non mi preoccupa. La cosa più rognosa è modificare la parabola che ho, devo fare quattro conti. Sai che diametro ha l’antenna di SLD?


#13

Ah ok, grazie per la spiegazione!
Cmq questa cosa non è mai registrata come un’anomalia. Questo è un po’ il problema che abbiamo qui a COL-CC: noi integriamo le operazioni e basta, ma i dati dei payload vanno direttamente a ai centri dedicati e da lì al payload developer. Perciò se non c’è qualche anomalia molto spesso abbiamo davvero poche info…

Occhio che hanno spostato l’installazione a venerdì. Il primo passaggio di Sabato è ancora in timeline, però se dovessero posticipare ancora l’installazione si rischia che il primo passaggio salti…

Ah pensavo avessi capito che si trattava di una telecamera, lo avevo scritto sopra :slight_smile:

Cmq credo che non rimarrà sempre accesa a trasmettere video in Columbus mentre gli astronauti lavorano.
In generale per proteggere la privacy degli astronauti ci sono delle restrizioni su quando è possibile “andare a bordo” anche con le nostre telecamere, che comunque rimangono visibili solo per gli addetti ai lavori. Ogni volta che accendiamo una telecamera, dobbiamo prima chiedere il permesso all’equipaggio. In particolare, l’ambulatorio della ISS sta in Columbus (i due Human Research Facilities di NASA e l’European Phisiology Module), quindi spesso gli astronauti si “spogliano” in Columbus per fare esami tipo ecografia, analisi del sangue e altro. In quei casi il segnale viene privatizzato ed è visibile solo ai dottori.

In tutto questo ovviamente HAM-Video deve essere ancora più sotto controllo, visto che il segnale è pubblico. Da quello che ho capito lo accenderanno per i passaggi dedicati, in modo da avere anche un segnale video oltre che audio quando si fanno i collegamenti con le scuole o altre stazioni e migliorare così il risultato di questi eventi. Comunque questo sarebbe già un gran risultato, “mostrare” la microgravità lasciando un pallina a mezz’aria o roteando su se stessi fa sempre presa su tutti :slight_smile:

PS: Sì in effetti forse è il caso di spostare tutti questi messaggi un un topic Columbus-HAM


#14

Questo topic nasce dallo “scorporo” della interessantissima discussione sulle attività radiantistiche condotte dalla ISS nata in seno alla presentazione dell’utente IZ3ZLU. Ho cambiato ovviamente anche l’oggetto del topic. Buona discussione!


#15

Grazie Marco, ieri sera stavo pensando di chiederti la stessa cosa. E’ che ci facciamo un pò prendere la mano … :slight_smile:

Buzz, ho seguito poco questo progetto, pensavo fosse SSTV (slow scan television) che è un sistema che può viaggaire su un normale canale radio, e trasmette un frame ogni cinque-sette secondi, a bassa risoluzione. In prativa, una sequenza di fotografie. Se invece è DVB-S è tutta un’altra storia, sicuramente di grande impatto, ma tecnicamente ben più difficile da ricevere. O per lo meno, nessun problema pre ricevere e misurare il livello del segnale (prima cosa che farò), ma non sono pronto per decodificarlo, devo rivoluzionare il mio sistema in banda S, sperando che la parabola che uso (60 cm) sia sufficiente.


#16

Ho trovato questo PDF che spiegherebbe come dovrebbe essere una ground station per ricevere il video (credo sia un po’ datato, la frequenza di downlink non corrisponde):
ww2.amsat.org/wordpress/wp-content/uploads/2013/04/ISS-DATV.pdf

qui un articolo più recente (con i dati che corrispondono a quelli riportati da mrmodesty):
ww2.amsat.org/?p=2177


#17

Richiedono 26 dBi, io ne ho 21.7 :frowning: - ci va una 120 cm per avere margine.


#18

Grazie, tienici aggiornati :slight_smile:


#19

Si se non ricordo male le antenne pagate da ESA sono proprio da 120cm


#20

Appunto, il minimo sarebbe 100, 120 cm è una misura commerciale ed un buon compromesso. Solo che per metter su una 120 cm devo rifare tutto il sistema, attualmente la 60 cm è al centro, dovrei rivedere boom orizzontale, palo, spaziature… tutto :frowning:

Forse farei prima a metter su un secondo palo e rotori. Ma il gioco a questo punto costa caro.