Continuare nell'Ing Aerospaziale?

Salve a tutti,

Ho finito il primo anno di Ing. Aerospaziale al PoliTo. Ora sto per confermare l’iscrizione al secondo anno. Ci viene data la possibilità di passare da un corso al altro di Ing senza perdita di crediti (primo anno in comune). Io sarei indeciso tra Elettronica e Aerospaziale… Per quale ragione scegliereste l’aerospaziale (considerando che la maggior parte di voi hanno studiato quello). Vi siete trovati bene in questo settore? (trovare lavoro, possibilità di carriera… insomma era come vi aspettavate che fosse?)

Grazie a chi risponderà :smile:

Più che altro, cosa ti fa fermare nel pensare “proseguo nell’aerospaziale o faccio altro?” ? Si tratta di argomenti non interessanti, oppure difficili, oppure solo la riflessione sulle possibilità lavorative?

Certo che, aspettarsi che qualcuno risponda “Passa a elettronica!” su questo forum…

Assolutamente no… mi aspetto che qualcuno mi dia delle ragioni a favore dell’aerospaziale (dal suo punto di vista). Ovviamente nessuno può conoscere i miei interessi, le mie capacità ecc… quindi non mi aspetto che qualcuno mi dica “fai questo o fai quello”. Qualche parere personale (viste le esperienze già avute) certo non farebbe male :stuck_out_tongue_winking_eye:

Non riesco a capire come sarà il lavoro in questo settore… giusto per capire se quello che farò mi piacerà o meno :disappointed:
Di fatto al PoliTo il primo anno in comune con gli altri corsi di ingegneria l’avevano fatto per darci la possibilità di orientarci. Peccato che poi l’orientamento l’abbiamo dovuto fare per lo più da soli… :cry:

NON passare a elettronica se non adori l’elettronica. Di laureati che non hanno capito la legge di Ohm ne abbiamo già abbastanza.
Su aerospaziale non mi pronuncio :wink:

Detto in altre parole: fai quello che ti piace adesso. Poi si vedrà, il futuro, come diceva il maestro Yoda, sempre in movimento è.
Se studi una cosa che ti piace lo fai più volentieri, e superi più facilmente gli ostacoli. A quel punto, quando si tratterà di trovare un lavoro lo farai con maggiore entusiamo, e questo si percepisce in un colloquio. Just my 2 cents… se non sei convinto, cambia facoltà.

Se il problema è il lavoro, pensa alle tue passioni e studia in base a quelle. Non ha senso fare previsioni, tanto più che hai la certezza che i laureati di ingegneria trovano lavoro abbastanza facilmente (in genere). Quindi tanto vale fare qualcosa che ti faccia piacere quello che stai facendo, che sia elettronica o aerospaziale.

Beh… a me piace ma non è che sia un fanatico. Eh si… ma per la legge di Ohm ci vuole un ing. elettrico :beer:
Credo di continuare nell’aerospaziale… tanto nel 2° anno ho un corso da 10 crediti di Elettronica & Elettrotecnica. Alla fine un poco di elettronica la faccio comunque.

Vedremo… per il momento l’Aerospaziale sembra il miglior compromesso tra le cose che mi piacciono. Il problema è che non vado pazzo per gli aerei (nel senso che li considero molto interessanti, ma non sono un fanatico collezionista di modellini ecc :stuck_out_tongue_winking_eye: ). Più che altro sono 2 aspetti tecnici che mi sembrano accattivanti… “aerodinamica” e “propulsione” che poi sono anche 2 diversi orientamenti della magistrale.

Quoto, straquoto e riquoto. Un allievo di mia madre voleva iscriversi a ingegneria civile e i suoi si sono opposti perchè al momento il settore edile è in crisi… come se ci fosse qualcuno che è in grado di sapere cosa succederà nel mondo tra 6 anni!