Domanda sullo stadio S-IC del Saturn V

Ciao a Tutti.

Negli stadi S-II e S-IVB è notoria la soluzione da brivido del cosiddetto “common bulkhead”, volta a ridurre peso e dimensioni ma in totale contrapposizione con le regole elementari di progettazione dei recipienti in pressione (chiedo venia se sto dicendo un’eresia).

Ciò che mi chiedo è come mai nello stadio S-IC non sia stata usata la stessa soluzione per il serbatoio di Kerosene, che in teoria presentava meno problematiche rispetto ai serbatoi di idrogeno liquido, e si è invece optato per un disegno tradizionale con l’utilizzo del gigantesco intertank che non deve essere stato “leggerissimo”.

Grazie

Renato

Probabilmente perché non si presta bene a “pressurizzare” e/o perchè vista al mole da contenere si erano superati i limiti di resistenza dei materiali.

anche perche nasceva cosi

sullo stadio S-1C leggi anche questo

Bello! Recuperabile! :nerd:

Mmmmmmm…non mi convince.
Non credo che un ipotetico sistema di riutilizzo mai realizzato possa aver influenzato la soluzione finale.

Piuttosto opterei per difficoltà costruttive nel gestire un’assieme di due serbatoi piuttosto che gestirli separatamente e poi assemblarli.
ma anche su questo sono scettico.

Scusa, ma perchè non si presterebbe bene a pressurizzare?

Non è che il kerosene a contatto con l’ossigeno liquido congelerebbe? In realtà anche l’ossigeno a 20 K (temperatura dell’LH2) congela, ma forse il problema per il kerosene sarebbe stato più grave.

Sugli stadi superiori avevano coibentato l’interno del serbatoi. Avrebbero potuto farlo anche qui.

Se non sbaglio anche negli stadi superiori inizialmente i serbatoi sarebbero dovuti essere indipendenti, salvo poi aver bisogno di risparmiare un po’ di peso per le missioni…e il “common bulkhead” fu un modo di risparmiare peso, in fondo, immagino che abbiano applicato la soluzione solo laddove necessario e dove ritenevano che sarebbe stato più sicuro e avrebbe apportato i maggiori benefici (meglio risparmiare negli stadi più alti, in termini di peso, no?)

Tra l’altro mi sembra di ricordare (ma potrei sbagliarmi) che per quanto riguarda la possibilità di un common bulkhead nel primo stadio c’erano perplessità legate alle densità più elevate di Kerosene e LO2 rispetto a LO2/LH2…tra l’altro comunque credo che la differenza di temperature fosse maggiore nel primo stadio.

Comunque ripeto, senza saperne un granchè, dico che secondo me hanno semplicemente tolto peso laddove era necessario e solo fintanto che era necessario agli scopi del vettore, ossia portare su CM, SM e LM

Scusa renybot, avevo interpretato male il post, pensando alla pressurizzazione come negli Atlas. comunque inserire un serbatoio dentro l’altro ha comne effetto anche quello di diminuire l’altezza del veicolo, quindi strutture più compatte.
Quanto al primo stadio, oltre alla proposta di riutilizzo, c’è anche da dire che il divario termico tra ossigeno liquido e kerosene è notevole, quindo l’isolante doveva essere molto “isolante”, forse anche troppo. Un isolante passibvo non sarebbe stato sufficiente, mentre un isolante attivo, ovvero un dispositivo con liquidi refrigeranti/trmici sarebbe stato troppo ingombrante da portare a bordo. I due stadi superiori, a propellenti criogenici, non avevano questo problema, o meglio si risolveva in modo più semplice.

Direi che hai fatto centro, infatti ho trovato questo:

Liquid hydrogen was only one half as dense as kerosene. This density ratio indicated that, for the necessary propellant, an LH2 tank design would require a far larger tank volume than required for RP-1. The size would create unacceptable penalties in tank weight and aerodynamic design. So, RP-1 became the fuel. In addition, because both the fuel and oxidant were relatively dense, engineers chose a separate, rather than integral, container configuration with a common bulkhead.

Tratto da: http://history.nasa.gov/SP-4206/ch7.htm

Interessante anche ciò che è raccontato qui: http://www.youtube.com/watch?v=dB-jdTPLdKA#ws
proprio in apertura, e cioè che per compensare il progressivo aumento di peso del LM e del CSM, dovettero ricorrere alla soluzione del “Common Bulkhead” sul secondo stadio essenzialmente perchè non potevano agire su nessuno degli altri due in quanto in fase troppo avanzata.